cassazzione:fingere di essere qualcuno è violenza sex

Secondo una recente sentenza della Cassazione, il reato di sostituzione di persona scatta non solo quando qualcuno fa credere di essere un altro, ma anche quando si attribuisce delle qualità che non gli spettano. E se questa finzione è finalizzata a consumare un rapporto sexxuale con una persona evidentemente “credulona” e magari interessata a un secondo fine, scatta il reato di violenza sexxuale. Insomma, secondo la Suprema Corte, chi finge per conquistare una donna rischia da 5 a 10 anni di carcere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora