Effetto serra? Oppure occasionale aumento di temperatura?

L'articolo non sembra specificare nulla in riguardo al fenomeno che in questi giorni sta impazzando su tutta Europa, ma dato che non si parla d'altro che di effetto serra, non si può fare a meno si chiedersi, ma veramente questo aumento di temperatura, in una stagione che di certo il freddo non dovrebbe mancare, può essere tale da superare persino quelle primaverili? Non so che dire, ma dalle mie parte, in questa ultima settimana di fine febbrai, la temperatura ha oscillato tra i diciotto e sedici gradi Fahrenheit. Qualunque sia la verità, però, non posso negare che negli ultimi dieci anni le temperatura invernali sono sempre stati più miti, per non dire eccessivamente caldi per essere definite invernali.

Articolo ANSA: Ondata di caldo, l'Europa avvampata vista dallo spazio

L'Europa centrale avvampata dal caldo anomalo di fine febbraio (fonte: Unione Europea, Copernicus Sentinel-3) © Ansa

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Vincent, sei sicuro che dalle tue parti la temperatura oscilli tra 16 e 18 gradi fahrenheit?

 

Nulla di nuovo e tante conferme correlate a tantissimi studi e articoli pubblicati negli ultimi anni da riviste scientifiche e riprese dai mass media senza una reale convinzione. Tutti riportano le conseguenze dell’opera dell’uomo rispetto alla fisiologica attività naturale e mettono in guardia, non so quanto convintamente, sulla necessità di cambiare repentinamente direzione. Le alterazioni climatiche saranno una costante che accompagnerà il pianeta (alcuni dicono morente) fino ad un punto ipotizzabile, più o meno con certezza e relativamente lontano, in cui il “water world” di Kevin Costner diverrà reale. Sembra che le attività vulcaniche e le oscillazioni dell’asse terrestre non siano più impattanti sugli umori del clima tanto quanto l’aumento delle combustioni industriali e il conseguente apporto inquinante di ogni singolo abitante del pianeta (animali compresi). Gli eventi climatici estremi stanno diventando una costante distruttiva che colpiscono indifferentemente e con modalità specifiche, tutte le zone del globo. Ormai c’è la consapevolezza che l’instabilità climatica metterà seriamente in pericolo anche la stabilità delle forme di vita e, come ho accennato in un altro post, la velocità di questi mutamenti non permette un adattamento al passo con le nuove condizioni. Basti considerare i danni causati all’agricoltura, generati da fenomeni atmosferici inusuali o inaspettatamente intensi ed intuire come gli spazi produttivi possano ridursi a tal punto da mettere a repentaglio la convivenza tra i popoli, già piuttosto precaria in alcune parti del mondo. L’approccio con il quale si affronta il problema non lo condivido perché viene impostato da decenni sulla solita e ripetitiva demagogia che si scontra con gli enormi interessi economici pubblici e privati (nonché strategici) che rendono l’impegno per la salvaguardia dell’ambiente un granello di sabbia che da solo non può rappresentare un deserto.

DvMcEv

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

BOh,qui in Emilia c'è il sole ma fà frèd...cappottoni anche al sole!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

To an extent both are correct. To the best of our knowledge, unnatural global warming was due to the release of CO2 from industrialization and this was the greenhouse gas responsible for the start of warming. However, global warming and cooling both have a positive feedback loop due to the effects they have. Thus, as warming occurs you get effects like the melting of the icecaps, deforestation, greater humidity which all then contribute further to the warming process. The same was true with the early snowball Earths when cooling caused increased ice cover which then reflected more light causing further cooling.Thus, in relation to your question there is no definitive answer, CO2 has initiated the process, yet we are still unsure of just how great an effect the positive feedback loop will have and just how rapidly the world will heat up.

 

GarageBand

Modificato da braun523

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate, forse ho capito male - sedici / diciotto gradi "fahrenhet" equivalgono a circa sette / otto gradi "celius" sotto zero. Ricodate il film fahrenheit 451 ... equivalgono a circa 230 gradi celius e sarebbe la temperatura di combustione della carta da libro. - Se ho sbagliato la conversione per cortesia correggete. Grazie da d/b.-  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, dune-buggi ha scritto:

scusate, forse ho capito male - sedici / diciotto gradi "fahrenhet" equivalgono a circa sette / otto gradi "celius" sotto zero. Ricodate il film fahrenheit 451 ... equivalgono a circa 230 gradi celius e sarebbe la temperatura di combustione della carta da libro. - Se ho sbagliato la conversione per cortesia correggete. Grazie da d/b.-  

Chiedo scusa, ho fatto un madornale errore, non intendevo Fahrenheit ma celsius, comunque, la differenza tra celsius e fahrenheit è di circa ventisei grati centigradi da zero fahrenheit a zero celsius. comunque, adesso sono le diciotto e la temperatura è del tutto è primaverile, infatti siamo sulle diciotto gradi celsius.

Questo sito chiarirà la differenza tra le due differenti unità di misura, se mi va di visitarlo.  

https://www.metric-conversions.org/it/temperatura/fahrenheit-a-celsius.htm

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, vincent29264 ha scritto:

Chiedo scusa, ho fatto un madornale errore, non intendevo Fahrenheit ma celsius, comunque, la differenza tra celsius e fahrenheit è di circa ventisei grati centigradi da zero fahrenheit a zero celsius. comunque, adesso sono le diciotto e la temperatura è del tutto è primaverile, infatti siamo sulle diciotto gradi celsius.

Questo sito chiarirà la differenza tra le due differenti unità di misura, se mi va di visitarlo.  

https://www.metric-conversions.org/it/temperatura/fahrenheit-a-celsius.htm

Ciao Vincent, grazie per avere inserito la utile tabella di conversione. Avevo fatto i conti con carta e matita e con gli antichi ricordi di scuola. Ciao Vincent e goditi la visione notturna di Papà Etna. Qui nel Veneto dopo un inizio primavera, ritorna umido ed aria fresca.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Greenhouse gases arise naturally, and are part of the make-up of our atmosphere. The level of carbon dioxide in Earth's atmosphere has been rising consistently for decades and traps extra heat near the surface of the Earth, causing temperatures to rise. At night, Earth's surface cools, releasing heat back into the air. But some of the heat is trapped by the greenhouse gases in the atmosphere. That's what keeps our Earth a warm and cozy 58 degrees Fahrenheit (14 degrees Celsius), on average. he higher concentrations of greenhouse gases—and carbon dioxide in particular—is causing extra heat to be trapped and global temperatures to rise.

 

Kroger Schedule

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non è il caso di preoccuparsi per la Terra, ha superato ben altri sconvolgimenti.      si parla tanto di salvare il pianeta ma nessuno chiede di salvarci il kiulo.

in fondo l'uomo è diventato un parassita della Terra, gli succhia tutto il succhiabile e in cambio non gli da niente. es. una mucca mangia l'erba ma poi con le sue deiezioni concima il prato. noi che facciamo ?  succhiamo petrolio e restituiamo plastica che non servirà certo a fare altro petrolio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 25/3/2021 in 12:00 , tiberio1946 ha scritto:

non è il caso di preoccuparsi per la Terra, ha superato ben altri sconvolgimenti.      si parla tanto di salvare il pianeta ma nessuno chiede di salvarci il kiulo.

in fondo l'uomo è diventato un parassita della Terra, gli succhia tutto il succhiabile e in cambio non gli da niente. es. una mucca mangia l'erba ma poi con le sue deiezioni concima il prato. noi che facciamo ?  succhiamo petrolio e restituiamo plastica che non servirà certo a fare altro petrolio.

Ma non ti viene in mente che salvando la terra finiremo inevitabilmente per salvarci i Kiulo ? D'altronde non è che salveremo la terra, questa non ha affatto bisogno di essere salvata, la vita continua lo stesso in un modo o in un altro, devi sapere che ci sono forme di vita sul nostro pianeta che sono capaci di sopravvivere persino nello spazio aperto fuori dall'atmosfera, per non parlare di altre forme di vita che sopravvivrebbero a un inverno nucleare. In effetti, non si tratta proprio di salvare il pianeta terra da catastrofe, chissà quale poi, ma di salvare il nostro Kiulo da morte certa per via di cataclismi che causerebbero le condizioni estreme di clima e inquinamento. U' capiscio o no ch'i fut-tu-ti semo niatri?:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@vincent, non ci vuole una cima per capirlo.    cambiamo lo slogan da "salviamo la Terra" a salviamoci il cu-lo ! sarebbe più impattante :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963