I vaccini non arrivano

Dopo Pfizer,anche Astra Zeneca taglia la distribuzione del 60% ,da più parti si sente l'esigenza di produrre in casa il siero anti Covid, ma per riconvertire le fabbriche ci vogliono mesi, c'è chi scommette anche su Sputnik come San Marino,insomma in Europa si tenta di salvare il salvabile, ma una cosa sembra chiara, la gran Bretagna è uscita dal vecchio continente, ed ha vaccinare va come un treno,sarà mica che hanno ragione loro??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

22 messaggi in questa discussione

E pensare che c'è chi dice che i bioprocessori per produrre i vaccini anti covid sono un prodotto italiano .... Che vuoi sono anni ed anni che i governi che si alternano hanno sempre e solo avuto come scopo tassare il popolo favorire le banche ed i banchieri e per il resto delle cose arrangiatevi .... i governi fantoccio agiscono in questa maniera !! fantocci che si nascondono dietro l'ombra europeista .. Cmq  nel mondo siamo sei miliardi di persone ora che dimensioni fisiche e logistiche dovrebbe avere un 'azienda per produrre tutte quelle dosi? ricordiamoci che vanno prodotte in sicurezza ... anche se si tratta di vaccino, una fuga di virus ha conseguenze peggiori che una pandemia, anzi la alimenterebbe ... oltre alla produzione c'è il problema della distribuzione  ... poi c'è il problema delle priorità, chi vacciniamo prima i bianchi o i neri ? i mussulmani o i cinesi? o forse gli australiani non hanno diritto ad essere vaccinati? ... soluzione: produrre in proprio e vendere le eccedenze ! queste cose non possono essere "regionalizate" i russi i cinesi producono per se stessi e tanti saluti al secchio ..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A mali estremi, estremi rimedi. Qui il male estremo sono 2 milioni e mezzo di morti (li superiamo in giornata ma i decessi effettivi da Covid sono molti di più) e i vaccini nelle mani di poche aziende private multinazionali. A parte la Russia e prossimamente Cina e Cuba che avranno, beate loro, il vaccino di Stato. Ieri sera, durante i talk show del martedì, qualcuno ha lanciato un'idea:

 VIOLARE  I  BREVETTI !

Sono pienamente d'accordo. Il vaccino è un'arma contro il nemico, e in tempo di guerra i brevetti non hanno alcun valore. 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Ieri sera, durante i talk show del martedì, qualcuno ha lanciato un'idea:

 VIOLARE  I  BREVETTI !

Sono pienamente d'accordo. Il vaccino è un'arma contro il nemico, e in tempo di guerra i brevetti non hanno alcun valore. 

Rinnovo l'invito al cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 : lascia perdere i tolchsciò del martedì, del mercoledì, del giovedì, del venerdì, del sabato, della domenica e del lunedì.

In un Paese serio la visione di questa spazzatura, da parte di soggetti ad alta instabilità psichica, dovrebbe essere assolutamente vietata dalla legge.

Ma come è possibile che il tuo psichiatra rimanga inerte di fronte a post come questo? BFODIDSAT

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Acquistare l'uso per un periodo di tempo di un brevetto, a pezzo concordato  può essere più conveniente che acquistare in toto i vaccini tanto più che producendolo in Italia si sgraverebbero dall'eccesso di lavoro quelle case farmaceutiche . E vendendo l'eccesso di produzione l'immagine italiana ne guadagna . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, mylord611 ha scritto:

Acquistare l'uso per un periodo di tempo di un brevetto, a pezzo concordato  può essere più conveniente che acquistare in toto i vaccini tanto più che producendolo in Italia si sgraverebbero dall'eccesso di lavoro quelle case farmaceutiche . E vendendo l'eccesso di produzione l'immagine italiana ne guadagna . 

Non mi sembra una strada praticabile. Un'azienda privata punta al profitto. Quindi in questo caso non solo si farebbe pagare a prezzo carissimo quel brevetto ma inserirebbe nel contratto clausole vincolanti, tipo limitare la produzione su licenza solo al fabbisogno nazionale, onde non ritrovarsi un concorrente in più. Non solo. Non è ancora ben nota l'efficacia di questi vaccini, anche se il prof. GALLI dice che arrivano ottimi risultati da Israele (che ha già somministrato almeno una dose a quasi il 90% della popolazione). Ma soprattutto non è nota la durata della protezione vaccinale ed è possibile che l'efficacia si riduca o si azzeri in seguito a mutazioni del virus. Quindi uno Stato potrebbe ritrovarsi ad avere acquistato un prodotto inutile o quasi. Una nazione o meglio un insieme di nazioni (es. l'UE, ma anche un insieme sparso) o meglio ancora l'ONU con decisione a maggioranza, potrebbe dichiarare nulla, per motivi di carattere eccezionale, la validità dei brevetti. Ripeto: a mali estremi, estremi rimedi. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Non mi sembra una strada praticabile. Un'azienda privata punta al profitto. Quindi in questo caso non solo si farebbe pagare a prezzo carissimo quel brevetto ma inserirebbe nel contratto clausole vincolanti, tipo limitare la produzione su licenza solo al fabbisogno nazionale, onde non ritrovarsi un concorrente in più. Non solo. Non è ancora ben nota l'efficacia di questi vaccini, anche se il prof. GALLI dice che arrivano ottimi risultati da Israele (che ha già somministrato almeno una dose a quasi il 90% della popolazione). Ma soprattutto non è nota la durata della protezione vaccinale ed è possibile che l'efficacia si riduca o si azzeri in seguito a mutazioni del virus. Quindi uno Stato potrebbe ritrovarsi ad avere acquistato un prodotto inutile o quasi. Una nazione o meglio un insieme di nazioni (es. l'UE, ma anche un insieme sparso) o meglio ancora l'ONU con decisione a maggioranza, potrebbe dichiarare nulla, per motivi di carattere eccezionale, la validità dei brevetti. Ripeto: a mali estremi, estremi rimedi. 

Ottima considerazione ; concordo a mali estremi estremi rimedi 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... nel nostro ex bel paese, qualsiasi sia la soluzione proposta dai nostri cervelloni, l'unica certezza sarà del gran tempo perso ed il virus continuerà a spassarsela...  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Minckia! Notizia bomba letta nientemeno che su metropolisweb!

L'edizione pomeridiana di "Lando" cosa dice?

Modificato da ilsauro24ore

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Ne ha parlato pure la CCN e CBS news !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dovrebbero essere i governi mondiali a dioriogere la vaccinazione e soprattutto la produzione, eppure ci si affida ai privati, che hanno un solo scopo fare soldi, indipendentemente dalla situazione in cui dicono che ci troviamo, ovvero in piena emergenza di una pandemia che a quanto pare, più che preoccuparsi dei propri simili, rendendo pubblici i brevetti del vaccino, dicono che non è possibile produrre a pieno regime. Ma io non metto in dubbio che una sola azienda non potrà mai fare fronte a una situazione simile, come può una sola azienda fare vaccini in tempo record per sette miliardi di persone che vivono sull'intero pianeta? Mi sembra ovvio che ala fine, se la situazione dovesse peggiorare, a salvarsi saranno solo coloro che sono raccomandati a potersi fare per primi un vaccino che a quanto pare non sarà  mai per tutti. Vi sono nazioni, come in Africa, che potranno mai permettersi la vaccinazione? Io ne dubito, ma a quanto pare non è cosa che interessa a nessuno.

Altro che emergenza planetaria, questa è solo una situazione come non mai per certe aziende farmaceutiche per far soldi a più non posso, alla fine finiranno per prendere il sopravvento economico su altre aziende farmaceutiche che non saranno più capaci di competere con quelle favorite, proprio per l'occasione che i pochi hanno avuto in occasione di una situazione di emergenza di cui si sono approfittati, ma soprattutto che i signori politici gli hanno permesso. in conclusione, la situazione è sempre la stessa, emergenza o non emergenza, a sopravvivere sono sempre i raccomandati, ovvero quelli che il mondo se lo possono comprare, a discapito di coloro che per vivere possono solo rovistare nella spazzatura; conveniente che non sempre gli viene concesso dai padroni, perché questi, con la loro spazzatura (mer-da) ci guadagnano pure, quindi non è affatto gratis.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si é aperto uno squarcio sul lato economico dei vaccini, la comunità europea ha fatto un contratto con le case farmaceutiche, quindi vi è un discorso monetario che pagano alla fine i cittadini (con le tasse)membri dell'Unione europea,per questo è una presa in giro parlare o scrivere di vaccino gratis, e per tutti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, coccardanera ha scritto:

Dopo Pfizer,anche Astra Zeneca taglia la distribuzione del 60% ,da più parti si sente l'esigenza di produrre in casa il siero anti Covid, ma per riconvertire le fabbriche ci vogliono mesi, c'è chi scommette anche su Sputnik come San Marino,insomma in Europa si tenta di salvare il salvabile, ma una cosa sembra chiara, la gran Bretagna è uscita dal vecchio continente, ed ha vaccinare va come un treno,sarà mica che hanno ragione loro??

Aver  ragione  per   poter  vaccinare   prima  degli   altri , ricordo  che  il vaccino esce  da  una  ricerca   Italo-Inglese .   mi  sembra   alquanto  riduttivo  anche  perchè  nell' E.U.  la G.B.  aveva  privilegi  che  nessun  altro paese  aveva   ma    comunque ad  oggi  la  Brexit  è  costata   molto  a tutti  gli  Inglesi...  vedi  svalutazione   della  Sterlina

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

6 ore fa, coccardanera ha scritto:

Dopo Pfizer,anche Astra Zeneca taglia la distribuzione del 60% ,da più parti si sente l'esigenza di produrre in casa il siero anti Covid, ma per riconvertire le fabbriche ci vogliono mesi, c'è chi scommette anche su Sputnik come San Marino,insomma in Europa si tenta di salvare il salvabile, ma una cosa sembra chiara, la gran Bretagna è uscita dal vecchio continente, ed ha vaccinare va come un treno,sarà mica che hanno ragione loro??

Aver  ragione  per   poter  vaccinare   prima  degli   altri , ricordo  che  il vaccino esce  da  una  ricerca   Italo-Inglese .   mi  sembra   alquanto  riduttivo  anche  perchè  nell' E.U.  la G.B.  aveva  privilegi  che  nessun  altro paese  aveva   ma    comunque ad  oggi  la  Brexit  è  costata   molto  a tutti  gli  Inglesi...  vedi  svalutazione   della  Sterlina  . Comunque  anche  la Russia  e  la Cina  se  non  l' America  vanno  alla  grande   ma  hanno  i loro  vaccini.  Se  noi  non fossimo in  Europa   credo  che  con  la  liretta   che  vale  meno del  meno avremmo  ben  molti  più  problemi  di quelli  che  abbiamo  oggi e  che   poi  non  dipendono   da  noi .

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

Aver  ragione  per   poter  vaccinare   prima  degli   altri , ricordo  che  il vaccino esce  da  una  ricerca   Italo-Inglese .   mi  sembra   alquanto  riduttivo  anche  perchè  nell' E.U.  la G.B.  aveva  privilegi  che  nessun  altro paese  aveva   ma    comunque ad  oggi  la  Brexit  è  costata   molto  a tutti  gli  Inglesi...  vedi  svalutazione   della  Sterlina

Per una sterlina britannica ci vogliono 1,16 euro, tutta questa svalutazione di cui parli non sussiste, dal fatto che gli inglesi sono ancora forti economicamente visto il loro stretto rapporto con gli Usa

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

6 ore fa, coccardanera ha scritto:

Per una sterlina britannica ci vogliono 1,16 euro, tutta questa svalutazione di cui parli non sussiste, dal fatto che gli inglesi sono ancora forti economicamente visto il loro stretto rapporto con gli Usa

Però  mi  dica     quanto valeva  prima  della  Brexit ! glielo  dico  io   con  questo  articolo

https://www.forexsilvergold.com/it/articoli/news/la-svalutazione-della-sterlina-dopo-brexit/

5 dic 2018 — La svalutazione della sterlina dopo il voto della Brexit è arrivata a fine ... valutario sterlina euro nel luglio 2015 raggiunse quota 1,44, prima di iniziare a ... Il cambio fra la sterlina ed il dollaro navigava in area 1,50, lontano da ...

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

6 ore fa, pm610 ha scritto:

Però  mi  dica     quanto valeva  prima  della  Brexit ! glielo  dico  io   con  questo  articolo

https://www.forexsilvergold.com/it/articoli/news/la-svalutazione-della-sterlina-dopo-brexit/

5 dic 2018 — La svalutazione della sterlina dopo il voto della Brexit è arrivata a fine ... valutario sterlina euro nel luglio 2015 raggiunse quota 1,44, prima di iniziare a ... Il cambio fra la sterlina ed il dollaro navigava in area 1,50, lontano da ...

 

Sono fluttuazioni del cambio monetario internazionale, ma si può ancora osservare un sterlina britannica forte...20anni fa'  valeva 2000 lire, e oggi non è poi così cambiato nei  confronti dell'Italia ,per il resto, il vero effetto Brexit ,lo si noterà tra qualche anno, vuoi vedere.. che alla fine ci ha smenato l'Italia e la Ue..

Modificato da coccardanera

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Buogiorno fosforo .... corsi e ricorsi storici ( teoria di Giambattista Vico ) !

E' bene ricordare a questi signori quanto segue .

Ferrovia Napoli-Portici - Wikipedia

 

La ferrovia Napoli-Portici fu la prima linea ferroviaria costruita nella penisola italiana, nel territorio all'epoca facente parte del regno delle Due Sicilie. Wikipedi
 
  1.  
  2.  
 
 
  1.  
  2.  
 
 
Modificato da mariellasikelia
c'era una ripetizione
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Meraviglioso il museo ferroviario di Trieste Campo Marzio ed anche il museo dei trasporti e della tecnologia Luciano Nicolis di Verona Villafranca. Oppure a Bologna il museo Gianni Pelagalli dedicato alla comunicazione ed al multimediale (mille voci mille suoni).

Modificato da dune-buggi
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buogiorno fosforo .... corsi e ricorsi storici ( teoria di Giambattista Vico ) !

E' bene ricordare a questi signori quanto segue .

Ferrovia Napoli-Portici - Wikipedia

 

La ferrovia Napoli-Portici fu la prima linea ferroviaria costruita nella penisola italiana, nel territorio all'epoca facente parte del regno delle Due Sicilie. Wikipedia
 
Buongiorno d/b , rinfrescare la memoria a qualcuno affetto da amnesia é sempre utile !!!
 
  1.  
  2.  
 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

7 ore fa, coccardanera ha scritto:

Sono fluttuazioni del cambio monetario internazionale, ma si può ancora osservare un sterlina britannica forte...20anni fa'  valeva 2000 lire, e oggi non è poi così cambiato nei  confronti dell'Italia ,per il resto, il vero effetto Brexit ,lo si noterà tra qualche anno, vuoi vedere.. che alla fine ci ha smenato l'Italia e la Ue..

Spiacente ma  le  fluttuazioni  valgono  allora  anche  per  le  sue  affermazioni  e  poi  la  sterlina  venti anni  fa   valeva  molto  di  più  almeno   quando  io  cambiavo  lirette  per  sterline  , come   i marchi  o dollari.... ma  certo   scordiamo facilmente  le  cose  scomode...

https://www.cambioeuro.it/cambio-lira-sterlina-storico/

(1965-2001) - min il 06.09.1973 GBP 1 = 1351,000 ITL - max il 03.05.2000 GBP 1 = 3390,420 ITL

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/2/2021 in 10:57 , fosforo311 ha scritto:

A mali estremi, estremi rimedi. Qui il male estremo sono 2 milioni e mezzo di morti (li superiamo in giornata ma i decessi effettivi da Covid sono molti di più) e i vaccini nelle mani di poche aziende private multinazionali. A parte la Russia e prossimamente Cina e Cuba che avranno, beate loro, il vaccino di Stato. Ieri sera, durante i talk show del martedì, qualcuno ha lanciato un'idea:

 VIOLARE  I  BREVETTI !

Sono pienamente d'accordo. Il vaccino è un'arma contro il nemico, e in tempo di guerra i brevetti non hanno alcun valore. 

 

 

Non  è  il  violare   i brevetti  ma  chi  li  fa  i vaccini a  quanto sembra  oggi le  aziende in  Italia  non sono  in  grado   di farli e  parlano  di  oltre  sei  mesi  per  attrezzarsi....e  molte  poi  sono  comunque  in  mano  alle  multinazionali  le  stesse   che   fanno  quei  vaccini...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963