DOVE SONO QUELLI DELLA DITTATURA SANITARIA

Dove  sono  finiti   gli urlatori  ( celodurifasciodestri )   che  gridavano alla  dittatura  sanitaria  ?

Nuovo decreto Draghi: le regole degli spostamenti in zona gialla, arancione e rossa

L’evolversi della situazione epidemiologica non lascia grandi spazi di ottimismo e costringe il neo premier a una nuova stretta

23 Febbraio 2021

Eccolo finalmente il tanto atteso nuovo decreto-legge, non Dpcm, con cui il neo premier Draghi, in accordo con la maggioranza, tenta di arginare la risalita, seppur lenta, dei contagi Covid in Italia.L’evolversi della situazione epidemiologica non lascia grandi spazi di ottimismo per ora, anzi: fotografa un quadro diverso, con un aumento di positivi tra categorie prima nettamente più risparmiate dal virus, in particolare under 40, ragazzi e bambini (qui l’ultimo report Iss). Mentre si riduce il contagio tra gli anziani, anche grazie alla vaccinazione che, anche questa lenta, ferma comunque la diffusione del virus.

Misure anti-Covid

Di fronte alla corsa del virus, e alla crescente preoccupazione per la variante inglese, in base alle ultime ordinanze del ministro della Salute Speranza del 13 e del 20 febbraio, l’Italia è così divisa:

zona gialla: Calabria, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta, Veneto;

zona arancione: Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Liguria, Molise, Toscana, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Umbria;

zona rossa: nessuna Regione, ma micro zone rosse sparse localmente.

Il nuovo decreto dispone:

proroga, fino al 27 marzo 2021, su tutto il territorio nazionale, del divieto di spostarsi tra diverse Regioni o Province autonome, anche rientranti in zona gialla

consentiti come sempre gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di salute

sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, purché ci si sia spostati per uno dei motivi di necessità.

Zona gialla

Il Governo non ha ancora pubblicato le ***, che potrebbero introdurre specifiche particolari. Intanto, è stato deciso che in zona gialla gli spostamenti verso abitazioni private abitate restano consentiti, tra le 5 e le 22, all’interno della stessa Regione fino a un massimo di 2 persone, che possono portare con sé i figli minori di 14 anni, o altri minori di 14 anni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale, e le persone conviventi disabili o non autosufficienti.

Zona arancione

Gli spostamenti verso abitazioni private abitate sono consentiti, tra le 5 e le 22, in zona arancione solo all’interno dello stesso Comune, fino a un massimo di 2 persone, che possono portare con sé i figli minori di 14 anni, o altri minori di 14 anni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale, e le persone conviventi disabili o non autosufficienti.

Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti, sono consentiti gli spostamenti anche verso Comuni diversi, purché entro i 30 chilometri dai confini.

Zona rossa

La grande novità del decreto Draghi riguarda le zone rosse: nei territori in lockdown, fino al 27 marzo non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

Proroga stato di emergenza in Campania e Liguria

Nel decreto trovano spazio anche provvedimenti di protezione civile:

proroga, per 6 mesi, dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati nei giorni 21 e 22 dicembre 2019 nella Regione Campania

proroga, per 6 mesi, dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici del 20 e 21 dicembre 2019 nella Regione Liguria.

Scioglimento per mafia del Consiglio comunale di Guardavalle (CZ)

A fronte di forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Guardavalle (CZ), a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, affidandone la gestione a una Commissione straordinaria per un periodo di 18 mesi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Quindi con un preavviso di poche ore certe zone rischiano di diventare arancioni con venature di rosso.

A partire dal bresciano in grande difficoltà.

Dov'è finita la "dittatura sanitaria?"

Dov'è finito il dilettantismo di quelli che "non si può decidere all'ultimo momento?"

Draghi fa miracoli o semplicemente smaschera quanto erano strumentali certe polemiche di solo pochi giorni fa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come  fanno ad  ascoltarlo e   sopratutto a  votarlo ?   INCREDIBILE  se  fosse  uno  di sx   a  fare  e dire  le  stesase    cose  sarebbe   già  cenere  politica  e  forse  neppure   quella...

Ieri sera Matteo Salvini è sceso in piazza davanti a Montecitorio, arringando la folla e promettendo ai ristoratori, nell’ordine, che:

- Arriveranno subito i soldi dei ristori, “costi quel che costi”.

- “Si aprirà tutto e si tornerà a lavorare”.

- “I ristoranti apriranno anche a cena”.

Niente da dire, una opposizione dura e pura, ferma, senza sconti, tutto felpa, megafono ed elenchi.

C’è solo un piccolissimo, trascurabile, particolare che “capitan ristoro” si è dimenticato di dire ai lavoratori:

che, al governo, a firmare, approvare, avallare e sottoscrivere tutti i provvedimenti che tengono chiusi i ristoranti per ragioni di sicurezza ci sono i ministri della Lega. Cioé lui.

A questo punto il problema non è neanche Salvini che agita la piazza come un demagogo di palazzo, ma le migliaia di persone che ancora lo ascoltano. E, ignari, applaudono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963