RICORDANDO CALDEROLI

Inviata (modificato)

Allora   tanti  maldestri lo  supportarono e  lo sostennero e  non ho mai  visto  un post  di  sostegno da  parte  della  camerata  per   Kyengie e non parliamo  del  becero  celoduro  del  forum che    aveva  senza  ritegno rincarato la  dose  lo stesso   che  oggi  si eleva  a  MORALISTA....

Ora è ufficiale: dire che “la Lega è razzista” non è reato. Lo hanno stabilito i giudici del Tribunale di Piacenza, che hanno assolto l’ex ministra Cécile Kyenge dall’accusa di diffamazione per quella frase pronunciata nel 2014 alla Festa dell’Unità di Fontevivo (Parma). Parliamo della stessa persona che, per anni, è stata oggetto di una campagna di discriminazione razziale senza precedenti in politica, che è stata definita “orango” da Roberto Calderoli e persino rappresentata con quelle fattezze in un fotomontaggio da un altro leghista, Fabio Ranieri. Oggi, finalmente, dopo anni di attesa - e anche la condanna di Calderoli a 18 mesi - un tribunale riconosce, in modo definitivo e oltre ogni ragionevole dubbio, quello che la Lega è ed è sempre stato sin dalla sua nascita, in forme e modi diversi: un partito tecnicamente e apertamente razzista. Il cerchio si chiude. Congratulazioni a Cécile Kyenge, che ne esce ancora una volta a testa altissima. ( Lorenzo Tosa ) @Mamafrica www.mamafrica.it
Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963