per non dimenticare troppo in fretta..

Ve lo ricordate David Raggi? Noi si. La notte tra il 12 e il 13 marzo 2015, nel centro di Terni, fu ucciso. Sgozzato da un clandestino marocchino. Finì così, prima di cominciare, la vita di un italiano di 27 anni.

Il 30enne marocchino, Amine Aassoul, è stato condannato a 30 anni di reclusione. Ma non basta.  I familiari della vittima avevano citato per danni il ministero dell’Interno, quello della Giustizia e la presidenza del Consiglio dei ministri di allora. Alfano, Orlando e Renzi. Non per i soldi, per dare un segno.

Il Viminale era stato chiamato in giudizio per la mancata espulsione dall’Italia dello sgozzatore marocchino, il 30enne Amine Aassoul, dopo che la sua richiesta di asilo politico era stata respinta a settembre 2014 dalla commissione territoriale di Siracusa. Nel frattempo era stata respinta dal tribunale di Caltanissetta anche la richiesta di sospensiva, in attesa dell’esito del ricorso presentato dal nordafricano. Ovviamente, nessuna condanna per i responsabili politici di questo omicidio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Intanto  questo  magna sulla poltrona 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 12 persone e testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963