"Renzi dovrebbe sotterrarsi sotto la sabbia e non uscirne mai più"

Inviata (modificato)

Avete certo sentito parlare di Bryan Fogel. A 50 anni questo regista americano è un'icona del cinema documentarista mondiale. Premio Oscar nel 2018 (più molti altri premi) per Icaruslo straordinario docu-film sullo scandalo del doping di Stato che ha sbattuto la Russia di Putin fuori dai Giochi invernali di Pyeongchang 2018 e di Pechino 2022, nonché dai Mondiali di atletica del 2019 e dalle prossime Olimpiadi di Tokyo. Il documentario ha stracciato il record di incassi per il genere su Netflix. Ma Netflix, Amazon e le altre maggiori piattaforme hanno negato la distribuzione al nuovo e scottante capolavoro di Fogel: The Dissident. Questo documentario è incentrato sulla straordinaria figura di Jamal Khashoggi, il giornalista e intellettuale saudita torturato, ucciso e fatto a pezzi nel consolato saudita di Istanbul da una squadra di 15 sicari inviati dal regime di Riad. The Dissident lo trovate in Italia sulla Lucky Red di Andrea Occhipinti: le grandi piattaforme non hanno voluto infastidire il ricchissimo e feroce regime saudita. Venerdì  scorso il regista ha rilasciato una splendida intervista al Fatto Quotidiano. Nella foto lo vedete con Hatice Cengiz, la fidanzata turca di Khashoggi:

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2021/02/19/renzi-dovrebbe-sotterrarsi-per-quegli-elogi-allarabia/6106598/

Il giornalista dissidente si era recato al consolato saudita di Istanbul per ottenere i documenti necessari per sposarla. Ne uscì, probabilmente, fatto a pezzi all'interno di una valigia diplomatica mai più ritrovata. Un dettagliato rapporto dell'ONU di 100 pagine afferma che esistono "evidenze credibili" che individuano nel principe ereditario Mohamed bin Salman il mandante dell'assassinio.

https://www.theguardian.com/world/2019/jun/19/jamal-khashoggi-killing-saudi-crown-prince-mohammed-bin-salman-evidence-un-report 

Bryan Fogel naturalmente ha studiato per mesi il regime saudita. L'intervista non è disponibile in chiaro, ve ne cito il passaggio più significativo per questa discussione (le maiuscole sono mie):

D: Matteo Renzi, ex premier e leader politico... ha omaggiato il principe Mohamed bin Salman e ha parlato dell'Arabia come un luogo del nuovo rinascimento. Cosa ne pensa?

FogelLa mia opinione è che l'idea stessa di Rinascimento italiano si riferisce alla più grande produzione di arte ed espansione della creatività umana nella storia, da Leonardo a Machiavelli a Michelangelo,  ed è assurdo paragonare quel periodo a un rinascimento in un PAESE BARBARO. RENZI DOVREBBE ANDARE A NASCONDERSI SOTTO LA SABBIA E NON USCIRNE MAI PIÙ. Ma dico, stai scherzando? Paragoni al Rinascimento, il periodo più elevato delle arti, dell'umanità e della cultura occidentale, a un REGIME BARBARO che fa decapitare ancora tante persone ogni anno e ne detiene migliaia in prigione in violazione dei diritti umani? È chiaro che È STATO COMPRATO E PAGATO ed è altrettanto chiaro che lui debba davvero rivalutare le sue dichiarazioni e rivederle davanti al popolo italiano,  perché rappresentano UN IMBARAZZO per se stesso e per l'Italia. Io lo invito, molto educatamente, a guardare The Dissident e poi a ripetere le stesse cose che ha detto sull'Arabia Saudita. Spero che a quel punto comprenderà quello che davvero succede in quel paese, PERCHÉ SI È FATTO CHIARAMENTE INFLUENZARE DAL DENARO E DA INTERESSI ECONOMICI E JET PRIVATI, invece di guardare a qual è la cosa migliore da fare nell'interesse dell'umanità e dei diritti umani. Se guardasse The Dissident, forse, potrebbe farsi un'opinione completamente diversa dei suoi nuovi amici.

Pia illusione, signor Fogel. Lei conosce bene i sauditi ma non conosce Matteo Renzi. Che difficilmente ritirerà le sue servili affermazioni sull'Arabia e difficilmente rinuncerà agli 80.000 dollari annui che prende da quei barbari. Dollari sporchi di sangue che insozzano l'immagine e il prestigio dell'Italia. Aveva promesso di chiarire i suoi rapporti con i sauditi in una conferenza stampa appena finita la crisi di governo, siamo ancora in attesa.

Gli incassi italiani di The Dissident andranno interamente alla Human Rights Foundation per aiutare le persone oppresse dai regimi autoritari. 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

20 messaggi in questa discussione

Scusa Los, qui si parla del Matteo minore, non dell'amichetto di Putin.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Vorrei aggiungere che il traditore di Rignano dovrebbe andare a sotterrarsi sotto la sabbia anche per avere fatto cadere un governo in piena pandemia e con falsi pretesti (Mes, etc.) e per avere riportato al governo Berlusconi e Salvini. Ma questa è solo la mia modesta opinione. In verità al suo posto io mi sarei sotterrato già il 5 dicembre 2016, quando si rimangiò la solenne promessa di lasciare la politica e rimediò la più colossale figuradimerda della storia della politica italiana (ma penso mondiale).

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Avete certo sentito parlare di Bryan Fogel. A 50 anni questo regista americano è un'icona del cinema documentarista mondiale. Premio Oscar nel 2018 (più molti altri premi) per Icaruslo straordinario docu-film sullo scandalo del doping di Stato che ha sbattuto la Russia di Putin fuori dai Giochi invernali di Pyeongchang 2018 e di Pechino 2022, nonché dai Mondiali di atletica del 2019 e dalle prossime Olimpiadi di Tokyo. Il documentario ha stracciato il record di incassi per il genere su Netflix. Ma Netflix, Amazon e le altre maggiori piattaforme hanno negato la distribuzione al nuovo e scottante capolavoro di Fogel: The Dissident. Questo documentario è incentrato sulla straordinaria figura di Jamal Khashoggi, il giornalista e intellettuale saudita torturato, ucciso e fatto a pezzi nel consolato saudita di Istanbul da una squadra di 15 sicari inviati dal regime di Riad. The Dissident lo trovate in Italia sulla Lucky Red di Andrea Occhipinti: le grandi piattaforme non hanno voluto infastidire il ricchissimo e feroce regime saudita. Venerdì  scorso il regista ha rilasciato una splendida intervista al Fatto Quotidiano. Nella foto lo vedete con Hatice Cengiz, la fidanzata turca di Khashoggi:

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2021/02/19/renzi-dovrebbe-sotterrarsi-per-quegli-elogi-allarabia/6106598/

Il giornalista dissidente si era recato al consolato saudita di Istanbul per ottenere i documenti necessari per sposarla. Ne uscì, probabilmente, fatto a pezzi all'interno di una valigia diplomatica mai più ritrovata. Un dettagliato rapporto dell'ONU di 100 pagine afferma che esistono "evidenze credibili" che individuano nel principe ereditario Mohamed bin Salman il mandante dell'assassinio.

https://www.theguardian.com/world/2019/jun/19/jamal-khashoggi-killing-saudi-crown-prince-mohammed-bin-salman-evidence-un-report 

Bryan Fogel naturalmente ha studiato per mesi il regime saudita. L'intervista non è disponibile in chiaro, ve ne cito il passaggio più significativo per questa discussione (le maiuscole sono mie):

D: Matteo Renzi, ex premier e leader politico... ha omaggiato il principe Mohamed bin Salman e ha parlato dell'Arabia come un luogo del nuovo rinascimento. Cosa ne pensa?

FogelLa mia opinione è che l'idea stessa di Rinascimento italiano si riferisce alla più grande produzione di arte ed espansione della creatività umana nella storia, da Leonardo a Machiavelli a Michelangelo,  ed è assurdo paragonare quel periodo a un rinascimento in un PAESE BARBARO. RENZI DOVREBBE ANDARE A NASCONDERSI SOTTO LA SABBIA E NON USCIRNE MAI PIÙ. Ma dico, stai scherzando? Paragoni al Rinascimento, il periodo più elevato delle arti, dell'umanità e della cultura occidentale, a un REGIME BARBARO che fa decapitare ancora tante persone ogni anno e ne detiene migliaia in prigione in violazione dei diritti umani? È chiaro che È STATO COMPRATO E PAGATO ed è altrettanto chiaro che lui debba davvero rivalutare le sue dichiarazioni e rivederle davanti al popolo italiano,  perché rappresentano UN IMBARAZZO per se stesso e per l'Italia. Io lo invito, molto educatamente, a guardare The Dissident e poi a ripetere le stesse cose che ha detto sull'Arabia Saudita. Spero che a quel punto comprenderà quello che davvero succede in quel paese, PERCHÉ SI È FATTO CHIARAMENTE INFLUENZARE DAL DENARO E DA INTERESSI ECONOMICI E JET PRIVATI, invece di guardare a qual è la cosa migliore da fare nell'interesse dell'umanità e dei diritti umani. Se guardasse The Dissident, forse, potrebbe farsi un'opinione completamente diversa dei suoi nuovi amici.

Pia illusione, signor Fogel. Lei conosce bene i sauditi ma non conosce Matteo Renzi. Che difficilmente ritirerà le sue servili affermazioni sull'Arabia e difficilmente rinuncerà agli 80.000 dollari annui che prende da quei barbari. Dollari sporchi di sangue che insozzano l'immagine e il prestigio dell'Italia. Aveva promesso di chiarire i suoi rapporti con i sauditi in una conferenza stampa appena finita la crisi di governo, siamo ancora in attesa.

Gli incassi italiani di The Dissident andranno interamente alla Human Rights Foundation per aiutare le persone oppresse dai regimi autoritari. 

 

Benissimo Cazzaro, benissimo !! Penso che non ti sarà difficile poterci indirizzare su qualche quotidiano ( che non sia il giornaletto il Falso Quotidiano ) per verificare la reale portata delle dichiarazioni di Fogel . Rammento che te , enorme Cazzaro , hai detto che Fogel ha , testualmente affermato :” Renzi dovrebbe sotterrarsi sotto la sabbia e non uscire più “. Ecco , ti sarei grato dove poter verificare le tue testuali parole .Via al cronometro  .          P.S. Ovviamente non fanno testo alcuni giornaletti on line che iniziano con : “Il Fatto Quotidiano nell’intervista a Fogel , riporta una frase che Fogel stesso avrebbe detto nei confronti di Renzi ....”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci racconti lei che era presente, cismonica, ridicola, marketta pisana, cosa ha veramente detto Leopoldino d'Arabia per guadagnarsi gli 80 Mila euro sauditi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Ci racconti lei che era presente, cismonica, ridicola, marketta pisana, cosa ha veramente detto Leopoldino d'Arabia per guadagnarsi gli 80 Mila euro sauditi.

No no Putta ne lla !! Il Cazzaro ha fatto quelle affermazioni ed ora e’ lui che deve dirci dove le ha racconte . Te , Signorina Sanchina , sei autorizzata ad aiutarlo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
47 minuti fa, mark222220 ha scritto:

No no Putta ne lla !! Il Cazzaro ha fatto quelle affermazioni ed ora e’ lui che deve dirci dove le ha racconte . Te , Signorina Sanchina , sei autorizzata ad aiutarlo. 

A quando una lekkatina al kuletto di Lukashenko, di Erdogan, di Putin o di qualche altro dittatore sanguinario come la monarchia saudita ?

Ah, già.....dipende dalla cagnotta.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah , dimenticavo . Come tutti i forumisti “seri “ possono verificare , il Cazzaro nonché impostore napoletano , a supporto della sua  ennesima panzana , porta a supporto 2 links.  Il primo e’ relativo al Fatto Quotidiano , noto giornaletto scandalistico per Renziossessionati che imputa a Renzi pure la responsabilità delle guerre puniche e che , in premessa , ho ricordato la sua impossibilità di poter essere credibile . Il secondo link si riferisce al giornale inglese The Guardian . Uno lo apre ( io l’ho fatto per voi , nda) e si accorge immediatamente che trattasi di un articolo del 19 giugno 2019. L’articolo e’ in inglese ed il Cazzaro sa perfettamente che la stragrande maggioranza dei forumisti non lo aprirà e quei pochi che lo faranno non si accorgeranno che trattasi di un articolo di un anno e mezzo fa . Ma al Cazzaro tutto fa e tutto e’ funzionante per gettare e spalare mer da su Renzi . Peccato Cazzaro , peccato !! Purtroppissimo per te , ti impedisco di considerare il forum come una sede distaccata della Carmine Petruzziello University .  Sotto potrete vedere l’articolo aperto del Guardian 

 
 This article is more than 1 year old

‘Credible evidence’ Saudi crown prince liable for Khashoggi killing – UN report

This article is more than 1 year old

Mohammed bin Salman should be investigated over journalist’s murder, says report 

Mohammed bin Salman.
 
Wed 19 Jun 2019 13.19 BST

 

9,071
 

The crown prince of Saudi Arabia should be investigated over the murder of the dissident journalist Jamal Khashoggi because there is “credible evidence” that he and other senior officials are liable for the killing, according to a damning and forensic UN report.

In an excoriating 100-page analysis published on Wednesday of what happened to Khashoggi last October, Agnes Callamard, the UN’s special rapporteur, says the death of the journalist was “an international crime”.

Advertisement

 

“It is the conclusion of the special rapporteur that Mr Khashoggi has been the victim of a deliberate, premeditated execution, an extrajudicial killing for which the state of Saudi Arabia is responsible under international human rights law,” she says.

Using recordings of conversations from inside the Istanbul consulate where Khashoggi was killed, her report pieces together his last moments, and how he was confronted by Saudi officials, one of whom said: “We are coming to get you.”

When Khashoggi refused to cooperate, a struggle can be heard, including heavy panting. The special rapporteur’s report concludes: “Assessments of the recordings by intelligence officers in Turkey and other countries suggest that Mr Khashoggi could have been injected with a sedative and then suffocated using a plastic bag.”

Saudi Arabia dismissed the report. The minister of state for foreign affairs, Adel al-Jubeir, tweeted it was “nothing new … the report of the rapporteur in the human rights council contains clear contradictions and baseless allegations.”

The report highlights how critics of the kingdom are deliberately targeted, and comes amid a number of claims that Saudi Arabia has been using sophisticated surveillance spyware to hack the phones of journalists and academics.

Advertisement

The Guardian can now reveal it has been warned that its journalists have been targeted by a hacking unit inside Saudi Arabia.

Despite repeated requests to the Saudi authorities to address the claims, and to provide reassurance that no such operation is under way, the kingdom has refused to do so.

The UN report’s findings will heap pressure on the kingdom, particularly Crown Prince Mohammed bin Salman, who has repeatedly been urged to explain what he knew about the murder of Khashoggi.

The kingdom initially denied any involvement, and then described it as a rogue operation that the heir to the throne knew nothing about.

That is not the view of the special rapporteur’s report. Its main findings include:

• There is credible evidence, warranting further investigation, of high-level Saudi officials’ individual liability, including the crown prince’s.

• Khashoggi’s death was an extrajudicial killing. His attempted kidnapping would constitute a violation under international human rights law … and may constitute an act of torture under the terms of the convention against torture.

• The investigations conducted by Saudi Arabia and Turkey failed to meet international standards regarding the investigation into unlawful deaths.

Advertisement

• The Saudi investigation into the murder was not conducted in good faith, and might amount to obstructing justice.

The report demands that the trial of the 11 suspects in Saudi Arabia be suspended amid concerns about secrecy over the proceedings and lack of credibility.

It states: “Some eight months after the execution of Mr Khashoggi, the determination and assignment of individual responsibilities remain clouded in secrecy and lack of due process.”

It adds: “To date the Saudi state has failed to offer public recognition of its responsibility for the killing of Mr Khashoggi, and it has failed to offer an apology to Mr Khashoggi’s family, friends and colleagues for his death and for the manner in which he was killed.

“The special rapporteur obtained information regarding a financial package offered to the children of Mr Jamal Khashoggi but it is questionable whether such a package amounts to compensation under international human rights law.”

Khashoggi, 59, was killed when he entered the Saudi consulate in Istanbul on 2 October last year. One of the Middle East’s most important voices, he considered journalism within, about and for the region to be vital, the special rapporteur states.

Profile

Who was Jamal Khashoggi?

Show

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

A quando una lekkatina al kuletto di Lukashenko, di Erdogan, di Putin o di qualche altro dittatore sanguinario come la monarchia saudita ?

Ah, già.....dipende dalla cagnotta.....

Mi dispiace sig Corto ma Renzi , anche senza cagnotta , si e’ già espresso su Erdogan. adesso vedo se c’è qualcosa pure su Putin

Twitta

 
 
 
 
u8g5h5BB_x96.jpg
 
Erdogan ha cambiato molto le sue posizioni, nel corso del tempo ha avuto una involuzione ed oggi è un elemento di pericolo. Non possiamo permettere che l’Italia vada in seconda fila e perda la sua naturale influenza sulla #Libia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Toh , c’è qualcosa pure su Putin ..,

“Torna il gelo tra Renzi e Vladimir Putin. I messaggi distensivi inviati nei giorni scorsi dal capo del Cremlino non hanno smosso le coscienze del premier, che rimane ancora fermo sulle sue posizioni allineate all'Europa e quindi di opposizione alla Russia.

"Siamo in una fase di riflessione, la questione richiede molto tempo per arrivare a eventuale maturazione. Soprattutto non si può perdere la facciaper due tubi...". E' questa la riflessione che vieve da Palazzo Chigi, riportata da un retroscena del Messaggero

Secondo quanto aveva riportato ieri La Stampa, il Presidente russo avrebbe corteggiato Renzi per far entrare l'Eni nel raddoppio della pipeline per il gas nel Nord Europa, un progetto da 110 miliardi di metri cubi e 11 miliardi di euro. Esserci significherebbe segnare un punto importante, soprattutto dopo aver mandato alla deriva (per volontà dell'Ue) la costruzione del gasdotto a Sud.

A Palazzo Chigi sanno bene che il progetto è "economicamente vantaggioso per le nostre aziende", e non lo nascondono. Eppure Renzi è infastidito dall'idea di vedere il governo così aperto con Putin. “

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Mi dispiace sig Corto ma Renzi , anche senza cagnotta , si e’ già espresso su Erdogan. adesso vedo se c’è qualcosa pure su Putin

Twitta

 
 
 
 
u8g5h5BB_x96.jpg
 
Erdogan ha cambiato molto le sue posizioni, nel corso del tempo ha avuto una involuzione ed oggi è un elemento di pericolo. Non possiamo permettere che l’Italia vada in seconda fila e perda la sua naturale influenza sulla #Libia

La "naturale influenza sulla Libia" quando nasce ?

a) quando Roma sconfisse Cartagine 

b) con la guerra Italo Turca del 1911

c) con le impiccagioni del 1931 da parte del Maresciallo Graziani a Cufra.

Gradirei conoscere il pensiero in materia di Matteo Renzi.

"Tripoli bel suol d'amore...." ?

Oppure bieco colonialismo degli imperialisti straccioni italiani ?

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

No no Putta ne lla !! Il Cazzaro ha fatto quelle affermazioni ed ora e’ lui chie deve dirci dove le ha racconte . Te , Signorina Sanchina , sei autorizzata ad aiutarlo. 

Uuuuu......che parole grosse, significa che la sua irritazione è fuori controllo, ridicola, cismonica, marketta pisana?

Purtroppo io faccio il contadino di campagna e non ho un luogo che possa assomigliare al  lung'Arno dove lei esercita la sua professione di slappatrice seriale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Non ho capito cosa contesta il lekkino pisano. Bryan Fogel è stato intervistato dal Fatto Quotidiano, per ora non da altri quotidiani italiani, e alla precisa domanda che ho riportato ha risposto: "Renzi dovrebbe andare a nascondersi sotto la sabbia e non uscirne mai più" (FQ del 19 febbraio 2021, pag. 21). Il Manifesto ha dedicato un articolo al film documentario The Dissident, e l'articolo inizia dicendo che per chi guarda il film è quasi impossibile non sentirsi rimbombare in testa gli elogi di Renzi alla monarchia "rinascimentale" di bin Salman:

https://ilmanifesto.it/the-dissident-lomicidio-khashoggi-e-la-democrazia/

L'articolo del Guardian sul rapporto ONU che accusa bin Salman risale al 2019, e con ciò? L'omicidio del dissidente avvenne nel 2018, Renzi è andato a omaggiare il presunto mandante nel 2021 quindi doveva sapere di quelle accuse, peraltro riportate da molti altri giornali. Ripeto: Renzi ha fatto una figuradimerda mondiale accostando per pura piaggeria un "paese barbaro" secondo Fogel, un regime oscurantista, oppressivo e sanguinario, nientemeno che al nostro Rinascimento. E dovrebbe affrettarsi a spiegare pubblicamente, come ha promesso, perché un senatore della repubblica italiana accetta 80.000 dollari l'anno da un istituto direttamente controllato da quel regime. In molti paesi seri e democratici ciò costerebbe a un parlamentare l'espulsione dal parlamento. Siamo in attesa, senatore Renzi, si sbrighi! Ne va dell'immagine sua e di quella della Nazione. 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate che fine ha fatto l'aereo della "air force renzi" comperato usato e rotto dai paesi arabi. I costi di riparazione e manutenzione sono superiori ad averlo comperato nuovo in Europa da fabbriche e manutentori Europei. Per quale motivo i politici itaici (matteo toscano capo fila) viaggiano con auto non italiane, quando la italiana Maserati ed altre aziende italiane producono in Italia auto di prestigio ed affidabilità assai superiori.  Buona prima mattina da d/b.-  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, dune-buggi ha scritto:

scusate che fine ha fatto l'aereo della "air force renzi" comperato usato e rotto dai paesi arabi. I costi di riparazione e manutenzione sono superiori ad averlo comperato nuovo in Europa da fabbriche e manutentori Europei. Per quale motivo i politici itaici (matteo toscano capo fila) viaggiano con auto non italiane, quando la italiana Maserati ed altre aziende italiane producono in Italia auto di prestigio ed affidabilità assai superiori.  Buona prima mattina da d/b.-  

Credo che l'aeroplanone dello spreco giaccia ad arrugginire in qualche hangar. Qui c'è  mister Scaricabarile:

https://www.facebook.com/ReportRai3/videos/tutti-i-costi-dellair-force-renzi/504904463741951/

Per la verità oggi l'unica vera auto di rappresentanza prodotta in Italia è la Maserati Quattroporte, giunta alla sesta serie, ma la versione più economica costa 130mila euro. Ne usa una il presidente Mattarella. L'Alfa Romeo Giulia potrebbe andare bene per un ministro ma è più una berlina sportiva che di rappresentanza (come pure la Maserati Ghibli), mentre potevano essero auto istituzionali l'Alfa6 e anche la 166 e la 164 che avevano apposite versioni speciali con la staffa portabandiera. Peraltro anche l'imponente e lussuosa Quattroporte oggi la vedo un po' troppo vistosa e sportiva come vettura istituzionale. Mentre era perfetta e bellissima la Quattroporte terza serie, quella usata da Sandro Pertini:

https://ruoteclassiche.quattroruote.it/maserati-quattroporte-iii-la-favorita-del-presidente-pertini/

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, dune-buggi ha scritto:

scusate che fine ha fatto l'aereo della "air force renzi" comperato usato e rotto dai paesi arabi. I costi di riparazione e manutenzione sono superiori ad averlo comperato nuovo in Europa da fabbriche e manutentori Europei. Per quale motivo i politici itaici (matteo toscano capo fila) viaggiano con auto non italiane, quando la italiana Maserati ed altre aziende italiane producono in Italia auto di prestigio ed affidabilità assai superiori.  Buona prima mattina da d/b.-  

Buon giorno a DB. Poiché vedo che sei intervenuto nella discussione citando , erroneamente , l’aereo di Stato Come Air Force Renzi , ero stato tentato di rispondere immediatamente . Sono soprasseduto ma non posso fare altrettanto ora che , nella discussione , e’ entrato pure il Panzanaro , impostore nonché Cazzaro napoletano . Partiamo da un concetto basilare : l’airforce Renzi e’ stata una della tante e troppe bufale che gli scappati da casa hanno messo sulla scena con l’unico scopo di denigrare Renzi . Il quale Renzi e’ stato uno dei tanti o pochi che non e’ mai salito sul “suo” aereo privato . Facciamo ordine : L’Italia , così come invece in tutte le democrazie occidentali posseggono , non aveva un aereo di Stato . Utilizzava 2/3 aerei decrepiti , costosissimi e con scarsissima autonomia di volo costringendoli a una o più soste per raggiungere mete lontane . Quindi oltre ad un danno di immagine vi erano pure motivi di carattere economico per un giro di vista ed equiparare anche l’Italia ad avere un suo aereo di Stato . Un aereo di Stato e non un aereo che poteva utilizzare solo Renzi . Ne potevano usufruire oltre al PDR , il PDC , il Presidente della *** e tutti i ministri . Quest’ultimi solo dietro autorizzazione e previo assenzo  delle autorità preposte alla concessione o meno . Nacque quindi l’ipotesi e la necessità di dotare l’Italia di un Aereo di Stato . La scelta di acquistarlo presso la Ethiad era da metterla in relazione all’entrata di Ethiad in compartecipazione con Alitalia e quindi dotare la nostra compagnia di bandiera di quelle risorse da sempre necessarie per la prosecuzione della relativa attività . Fu deciso di fare un leasing e non un acquisto perché le normative non consentono ad uno stato di poter concludere accordi con società private ed ecco perché il leasing fu accesso da Alitalia con Ethiad . Non c’è il minimo dubbio che la somma pagata fu superiore al valore di mercato dell’aeromobile ma giustificata da quel che ho citato pocanzi . Ecco allora che i grillebeti iniziarono a strillare e così non poteva non fare pure il Cazzaro napoletano . Hanno tirato fuori cifre assurde e chiaramente false . Ma questo ottenne lo scopo che si erano prefissi . Gettare fango su Renzi !! E , purtroppo , anche te sei caduto nella trappola . Detto che gli ordini di spesa oltre ad una certa cifra debbono essere approvati dagli enti preposti , in questo caso furono consultati il Ministero della Difesa , il Ministero dei Trasporti e la Corte dei Conti che dettero parere favorevole all’acquisizione perché erano in possesso dei dati precisi e non di quelli vergognosamente sponsorizzati dai Grillini che , ripeto , erano falsi come i soldi del Monopoli . Erano falsi perché non dicevano che nella cifra dell’acquisizione si risparmiavano la manutenzione (31 milioni ) ,l’handling (12 milioni ) e l’addestramento e la formazione dei piloti (4 milioni ) per un totale di quasi 50 milioni di euro che rimanevano in carico a Ethiad per tutto il periodo del leasing . Questa e’ la verità perché di verità ce ne e’ solo una ed e’ la mia e non quella dell’impostore Cazzaro napoletano . Chiudo con una raccomandazione : ora vai dal Pulcinella Partenopeo e domanda a questo Panzanaro se prova la stessa indignazione per i 400 mila euro spesi per l’assunzione di 3.000 navigator che non fanno un caz.z.o dalla mattina alla sera ed i 480 mila euro del capitolo di spesa per gli stand quadrifoglio per le vaccinazioni antiCovid . Sai quanti “airforce Renzi” si sarebbero potuti acquistare con quelle somme ?? Non meno di una decina . Mi scuso per il chilometrico post ma la verità merita questo ed altro .  Saluti DB

 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardi ridicola cismonica marketta pisana che i suoi sono solo ragli elevati al cielo.

Per trasformarli nella verità che lei dice di essere il solo a possedere bisogna mostrare il cammello. 

Faccia vedere sto cammello e le daremo ragione.

PS: se non ricordo male, lei dice di avere la laurea, ma nessuno l'ha mai vista, converrà con me, ridicola marchetta pisana, che credere  lei dica sempre la verità, risulta piuttosto difficile.

Non perda tempo in ragli inutili, mostri i due cammelli.😌

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il falsario pisano, esattamente come il suo pifferaio, non conosce pudori. Uno Stato non può acquistare aerei da privati ma solo prenderli in leasing. Benissimo allora prendiamo in leasing gli F-35 così magari risparmiamo qualcosa, sempre che non ci facciamo bidonare, anzi per l'esattezza truffare, anche dalla Lockheed Martin. Due Airbus A340-500 erano stati offerti all'Italia al prezzo di acquisto di 7 milioni di dollari ciascuno, contro i 168 milioni del leasing truffa/bidone.  Ma il governo del tappetaro optò per la truffa/bidone. Mentre gli arabi fecero l'affare della vita rifilandoci a prezzo inaudito un aereo completamente fuori dal mercato, uno dei più clamorosi flop della storia dell'aviazione civile. Qui c'è tutta la storia del bidone, leggete attentamente:

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/02/laereo-di-renzi-fu-pagato-26-volte-il-prezzo-normale/5491306/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

20 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Il falsario pisano, esattamente come il suo pifferaio, non conosce pudori. Uno Stato non può acquistare aerei da privati ma solo prenderli in leasing. Benissimo allora prendiamo in leasing gli F-35 così magari risparmiamo qualcosa, sempre che non ci facciamo bidonare, anzi per l'esattezza truffare, anche dalla Lockheed Martin. Due Airbus A340-500 erano stati offerti all'Italia al prezzo di acquisto di 7 milioni di dollari ciascuno, contro i 168 milioni del leasing truffa/bidone.  Ma il governo del tappetaro optò per la truffa/bidone. Mentre gli arabi fecero l'affare della vita rifilandoci a prezzo inaudito un aereo completamente fuori dal mercato, uno dei più clamorosi flop della storia dell'aviazione civile. Qui c'è tutta la storia del bidone, leggete attentamente:

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/10/02/laereo-di-renzi-fu-pagato-26-volte-il-prezzo-normale/5491306/

Benissimo !!  Quindi il Cazzaro napoletano non avrà difficoltà alcuna a notiziare il forum che un Presidente del Consiglio possa decidere e scegliere in totale autonomia le spese da fare come , per esempio , l’acquisto di un aereo di Stato . Io rimango in attesa di essere informato dallo scoop che il Cazzaro prospetta. Io ero e sono convinti che l’autorizzazione come quella di acquistare un aereo spetta al Governo dopo che questultimo abbia sentito i pareri di vari ministeri competenti . In questo caso : il Ministero della Difesa d il Ministero dei Trasporti  che detto per inciso , sono pareri vincolanti perché basta che un Ministero non dia parere favorevole per far saltare l’acquisizione del mezzo . Ciò significa che , evidentemente , gli organi preposti avevano ritenuto sensato l’acquisto dell’A340-500 e, se permettete , sono propenso a dare più credito ai Ministeri che a qualche articolino del Falso Quotidiano . Però ,  siccome sono un democratico e sempre pronto a chiedere scusa nel caso mi sbagliassi , confermo che le scuse le farò pure al Cazzaro napoletano se mi dimostrasse che sbaglio . Spero solo che mi legga per dimostrami che sto sbagliando . Lo spero perché il Pulcinella partenopeo ha giurato di non leggermi . Speriamo che in questa occasione faccia uno strappo alla regola . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Be', visto che lei mi legge, e mentre attende che il sig fosforo le risponda, può sempre mostrare a me i due cammelli come avevo chiesto proprio ieri.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963