chi ha messo il canone in bolletta?? ecco uno dei tanti "risultati"

Col nuovo anno in Rai è sbocciata la “gratifica covid”. Un bonus deciso dall’ad Fabrizio Salini destinato (è in fase di erogazione) a chi durante il lockdown – tra il 9 marzo e il 17 maggio 2020 – ha lavorato in presenza per più di 48 giorni. Un bonus stabilito in maniera unilaterale, senza confronto con i sindacati (tutti, o quasi, sul piede di guerra), senza un passaggio in cda (e il consigliere Riccardo Laganà ha chiesto chiarimenti per iscritto senza avere risposta) e che ha lasciato a bocca asciutta chi ad esempio in quel periodo ha lavorato in presenza, ma magari solo per 47 giorni… Il problema – ironia della sorte – è che all’asciutto ci sono rimasti anche alcuni che i 48 giorni in presenza li hanno lavorati. La coperta del bilancio Rai, infatti, che prevede una chiusura a -15 milioni nel 2020 e a -50 nel 2021, è davvero corta. E la “gratifica covid” – a quanto apprende AdgInforma.it – aveva un tetto stimato in 450 mila euro. Insomma, al settimo piano sono riusciti a lasciare l’amaro in bocca ai dipendenti anche con un premio…

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963