Sul Falso Quotidiano ...,

quello che piace tanto al Cazzaro napoletano , si sono inventati la balla che Bonetti e Bellanova non hanno parlato il giorno delle loro dimissioni per poter scrivere di quello schifoso maschilista patriarcale di Renzi. La delegazione del M5S all'incontro con Mario Draghi è composta da 6 persone, tutti maschi, e loro muti/e come i topi di fogna.  Fate umanamente skifo !!
E dico umanamente, perché di "politicamente" in quello che fate non c'è più niente almeno da un decennio e con buona pace dei cazzari e le Sanchine allegate ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

ci copi e incolli l'articolo , cismonica, ridicola, marcketta pisana

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me ci godi a prenderlo nel Kulo. Allora copio incollo e te ce lo infilo tutto . 

Bellanova-Bonetti: la profonda dignità delle statue di sale

La lettera delle ex ministre mute

Davvero un capolavoro la lettera di dimissioni delle ex ministre Teresa Bellanova ed Elena Bonetti nonché del sottosegretario Ivan Scalfarotto (sotto-segretario, appunto, perché martedì, in conferenza stampa, tanto per citare un’altra famosa lettera, la sua faccia era sotto i piedi di Renzi senza chiedergli nemmeno di stare fermo). Un capolavoro che merita un’analisi più approfondita […]

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dove sta scritto che non hanno parlato, ridicola, cismonica, marketta pisana? Dove sta scritto in quel poco che ha copiato?

Incolli tutto l'articolo, non si limiti a leggere e copiare solo le parole in grassetto. Scemolina.

 

Le due hanno parlato, poco ma hanno parlato; dopo il buffone naturalmente. Poco la Bellanova e meno ancora la Bonetti, ma sono convinto che la giornalista lo dica nell'interno dell'articolo intero. Quella parte che lei, ridicola, cismonica, marketta pisana, non ha voluto leggere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ecco l'articolo, ridicola, cismonica, marketta pisana.

Lo legga interamente e poi mediti sull'ennesima figura di kakka rimediata.

E per una volta mi dia ascolto: posi il contenitore del Tavernello.

Selvaggia Lucarelli – tpi.it) – È difficile trovare le parole giuste per descrivere il fastidio misto a imbarazzo e compatimento per la scena a cui siamo stati costretti ad assistere ieri, grazie allo sciamano di Rignano: lui, Matteo Renzi, seduto tra le due veline Bonetti e Bellanova come un Ezio Greggio qualunque, che concede loro giusto il tempo di uno stacchetto alla fine, durante i titoli di coda.

Un’immagine che è riuscita a immalinconire il paese più delle piazze vuote durante il primo lockdown, specie perché proprio Renzi è quello che aveva presentato il suo nuovo partito così: “Sarà femminista con molte donne di livello alla guida. Teresa Bellanova sarà la capo delegazione nel governo. Una leader politica, oltre che una ministra. Per me le donne non sono figurine e l’ho sempre dimostrato”.

L’ha dimostrato, infatti. Ieri le sue ministre (e il “sue” è stato ribadito più volte, come a ricordarne la proprietà, come le tenesse in tasca a mo’ di figurine dei calciatori, appunto) erano il sunto perfetto di quel “Io t’ho creato, io ti distruggo” alla Totò. Della serie: “Io ce l’ho messe, io le dimetto”.

E faceva impressione vederle lì, le ministre, come ombrelline accanto a Valentino Rossi, senza fiatare mentre il loro creatore parlava di dimissioni che formalmente non erano le sue, ma delle comparse lì accanto.

Lo stesso creatore i cui discepoli di Italia Viva scomodano la parola “sessismo” pure se uno scrive che la Boschi ha le meches troppo chiare. Che mestizia vedere Teresa Bellanova, quella che si è fatta le ossa nei sindacati, che ha combattuto una vita contro il caporalato, con la testa china di fianco al caporale.

E poi quei suoi 7 minuti di monologo finale, con le tv che quando lei inizia a parlare interrompono le dirette, monologo in cui tentava di convincerci che si dimetteva perché le pizzerie nei piccoli paesi non lavorano a pranzo e Conte non le ha tenute in considerazione. Sarebbe stato meno imbarazzante star lì con Paolini alle spalle che reggeva il cartello “Più Viagra per tutti”.

E che tristezza sentire la Bellanova dire che lascia l’incarico di governo in nome della dignità, mentre senza dignità lascia che il capo blateri per un’ ora, ignorandola.

Per non parlare della Bonetti, la cui collana dal peso specifico di Giove ha annuito silenziosamente tutto il tempo, finché non arrivano i suoi 5 minuti netti di spazio in conferenza stampa. Cinque minuti consumati deglutendo, proclamando “Siamo donne libere e non ci rendiamo complici di un comportamento inadeguato!”. Libere. L’ha detto davvero, “Libere”.

Per poi aggiungere: “Sono una donna delle istituzioni, il mio percorso da scout e da ministro porta a questo!”. Da scout. Fosse entrata nelle Giovani Marmotte probabilmente sarebbe riuscita a soprassedere, ma da scout no, non si cede. Si fa cadere il Governo.

Ed è così che Renzi riesce nella difficile, quasi impossibile missione di scatenare le folle perfino contro la Bellanova, di renderla invisa al popolo, proprio lei, che il popolo l’ha sempre rappresentato. Se rendere antipatica la Boschi era un’impresa facile, anche perché lei faceva già da sola metà del lavoro, con la Bellanova era un’operazione complessa. E invece Renzi c’è riuscito.

Del resto, sta riuscendo addirittura a riabilitare la figura di Mastella, e, tutto sommato, a far pensare a mezzo paese che in fondo in fondo, un anno e mezzo fa, perfino Salvini, l’ha fatta meno sporca di lui.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Puoi citare quel che ti pare e piace . Quello che non puoi fare e’ modificare il titolo che campeggia in prima pagina del Falso Quotidiano . E, purtroppissimo per te , Selvaggia Lucarelli e’ una giornalista del FQ e conferma a piene mani il contenuto del mio post facendoti fate l’ennesima figura di fetecchiona . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi spiace, cismonica, ridicola, marketta pisana, la figura di kakka l'ha fatta lei dimostrando di non aver letto l'articolo, dove avrebbe visto che la giornalista ha parlato dei minuti usati dalle due ministre per dire la loro dopo quasi un'ora di monologo di Er bomba.

Come già le ho detto, voler avere sempre ragione si accumulano le figure di mierda. E lei le accumula alla grande.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi perdoni, cismonica ridicola marketta pisana, ma lei, dei giornali, legge solo i titoli in grassetto. Una esperta come lei dovrebbe sapere che i titoli sono fatti per attirare l'attenzione degli allocchi come lei.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963