IL COLORE DEL CORONAVIRUS: COVID-19 MORTI PER RACE ED ETNICITÀ NEGLI STATI UNITI

Il nostro progetto Color of Coronavirus in corso monitora come e dove la mortalità per COVID-19 ha un impatto ingiusto su alcune comunità, per guidare le politiche e le risposte della comunità. Il coronavirus ha causato più di 355.000 vittime americane fino al 5 gennaio 2021, quasi 69.000 morti in più dal nostro ultimo aggiornamento di quattro settimane fa. Abbiamo documentato la razza e l'etnia per il 93% di queste morti cumulative negli Stati Uniti.

Il nostro ultimo aggiornamento mostra che tutti i gruppi, ad eccezione degli isolani del Pacifico, hanno visto il bilancio delle vittime accelerare bruscamente nelle ultime quattro settimane rispetto al precedente periodo di quattro settimane, risultando nel tratto più mortale che abbiamo registrato durante la stagione autunnale e invernale.

In effetti, tra gli indigeni e gli americani bianchi, le ultime quattro settimane hanno prodotto il numero di vittime più alto che abbiamo visto fino ad oggi. (Asiatici e neri americani hanno subito le maggiori perdite nel mese di aprile, specialmente nelle città dove la pandemia ha imperversato per la prima volta.) Per i bianchi, tuttavia, le morti non avevano mai superato i 20.000 in un periodo di 28 giorni fino al nostro aggiornamento dell'8 dicembre, quando ha quasi rotto 28.000. Il nostro ultimo aggiornamento rivela quasi 43.000 nuovi decessi tra i bianchi americani, il 53% in più rispetto alla nostra versione precedente. E mentre i neri e i latinoamericani hanno subito perdite leggermente più elevate nel periodo di fine luglio-inizio agosto rispetto a quello più recente, le morti sono state recentemente aumentate per quei gruppi, così come per gli asiatici.

In questo aggiornamento, siamo passati alle ultime stime della popolazione per i denominatori utilizzati per calcolare tassi e percentuali e abbiamo iniziato nuove linee di tendenza per i tassi. I neri e gli indigeni americani continuano a subire i tassi di perdita più elevati, con entrambi i gruppi che ora registrano un numero di morti per COVID-19 superiore a 1 su 750 a livello nazionale. Le nuove tariffe non dovrebbero essere confrontate direttamente con i nostri dati precedenti. Per esaminare le tendenze nel corso del 2020, ti consigliamo di visualizzare il nostro aggiornamento di dicembre o la revisione dell'anno 2020.

Come con le versioni precedenti, abbiamo anche adeguato questi tassi di mortalità per le differenze nella distribuzione per età delle popolazioni (che differiscono tra i gruppi razziali e gli stati), uno strumento comune e importante che i ricercatori sanitari utilizzano per confrontare le malattie che colpiscono i gruppi di età in modo diverso. A livello nazionale, ciò si traduce in disparità di mortalità documentate ancora più grandi: gli abitanti delle isole del Pacifico, i latini, i neri e gli indigeni americani hanno tutti un tasso di mortalità COVID-19 doppio o superiore a quello degli americani bianchi e asiatici, che sperimentano i tassi più bassi aggiustati per età .

Il nostro team dell'APM Research Lab ha compilato in modo indipendente queste statistiche sulla morte, a partire dai primi di aprile 2020. (Ulteriori *** su come.) Il risultato è il ritratto più solido e aggiornato della mortalità per razza COVID-19 disponibile ovunque, con un focus sulle morti sproporzionate.

https://www.apmresearchlab.org/covid/deaths-by-race

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963