Mi diverto moltissimo nel constatare ...,

La rabbia contro Renzi che monta come una marea, soprattutto a sinistra dove si rendono conto della loro pochezza, specie se rapportata alle indiscusse abilità politiche del rignanese.  La cosa più divertente di tutte è che chi si lamenta ora per i suoi “ magheggi” da sistema proporzionale della prima Repubblica, non si rende conto, immerso nel suo cieco furore da gnomo certificati , di un fatto estremamente semplice, palese, incontrovertibile: Renzi che gli stritola i “gioielli”, se l’è voluto lui !! Infatti, pur mostrando una consumata abilità, il Matteo toscano ha proposto una legge elettorale e un referendum (2016) che abolivano questi giochetti completamente e definitivamente: aveva varato una legge elettorale super-maggioritaria con un doppio turno che avrebbe alla fine garantito una solida governabilità monopartitica, granitica. Era il famoso “italicum”. Aveva poi ridisegnato un parlamento monocanerale e un senato latore delle istanze territoriali, composto da consiglieri regionali. Aveva in poche parole creato le basi per un sistema lineare, pulito, che avrebbe garantito un vincitore unico la sera stessa delle elezioni e un governo monocolore virtualmente inattaccabile per 5 anni di legislatura. Non avremmo visto mai più alleanze improbabili, armate brancaleone o accozzaglie raffazzonate dare vita a governi già morti alla nascita, azzoppati da veti incrociati o ammorbati da litigiosità perniciose.  Ma quegli stessi che oggi schiumano rabbia a fiumi (notabili di PD, LEU, M5stelle), Cazzari napoletani e non , improbabili archibugiatori e Signorine Sanchina ridenti , allora osteggiarono come la peggiore delle pestilenze quella riforma, quel “combinato disposto” che a detta loro avrebbe distrutto la democrazia sacrificandola sull’altare del “leaderismo” (che poi ci spiegheranno pateticamente come possa esistere la politica senza leader , nda) . 
Adesso che siamo immersi in un proporzionale stile anni 70-80, il Matteo da Rignano fa valere le sue enormi doti strategiche e con il suo piccolo gruppo di deputati e senatori tiene per le palle tutti quanti. 
Ma non fatevi ingannare: sono proprio coloro che hanno votato NO al referendum costituzionale del 2016,  al solo fine di annientare Renzi, che se lo ritrovano ora tra i piedi, in un contrappasso dantesco che fa sorridere e che provoca crisi biliari , kuli arrossati e vocine basse basse . Questa riflessione era solo per farvi capire che ogni volta che andate a votare dovete usare il cervello, non la pancia.  Nel 2016 bastava un SI, era un’occasione unica per mandare in pensione un sistema politico inadeguato e dispendioso.  Non lo avete capito ed allora di cosa vi lamentate ?? 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Che ne dice se andiamo a votare, cismonica ridicola marketta pisana?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963