lebbra
Giornata internazionale dei malati di lebbra

3 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

28 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

mentre tutto il mondo è preoccupato per il coronavirus ci sono zone del pianeta dove continuano ad esistere malattie che pensavamo scomparse

https://www.msn.com/it-it/notizie/mondo/non-solo-covid-l-africa-continua-a-fare-i-conti-con-la-lebbra/ar-BB1dea4M?ocid=BingHPC

 

Carissimo Etrusco, a certa gente fa comodo non sapere, a certa gente fa comodo mandare avanti gli altri, a certa gente fa comodo organizzare raccolte telefoniche ... dove nessuno riesce a sapere in quale posto siano finiti i soldi.

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

a certa gente fa comodo non sapere,

Diciamo che se una malattia colpisce i ricchi  o i paesi ricchi, allora tutti si preoccupano, cercano cure, cercano vaccini, se una malattia colpisce prevalentemente i poveri o le nazioni povere allora la cosa non fa notizia e le varie aziende farmaceutiche non hanno interesse a investire nella ricerca perché in un mondo dove contano solo i soldi non ci sono ritorni economici che giustifichino le ricerche e la lebbra, che molti pensano non esista più, è una di queste malattie che invece esistono ancora, così come continua a d esistere sul pianeta terra la peste bubbonica di Manzoniana memoria  https://www.epicentro.iss.it/peste/#:~:text=Peste bubbonica%3A è la forma,della pelle di una persona.

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 30/1/2021 in 11:07 , etrusco1900 ha scritto:

Diciamo che se una malattia colpisce i ricchi  o i paesi ricchi, allora tutti si preoccupano, cercano cure,

Se una azienda non riesce a trarre profitto dalla propria attività, non ha motivo di esistere. Non capisco perché la colpa del malessere e delle disuguaglianze debba essere sempre a carico delle multinazionali e, in generale, al sistema economico capitalista. Il benessere dei cittadini è una responsabilità dei singoli Stati, i quali dovrebbero predisporre strumenti e condizioni idonee al suo raggiungimento e mantenimento. In particolare, le risorse finanziarie indirizzate verso la ricerca in medicina dovrebbero avere questo scopo primario, mentre nella realtà (oltre all’esigua entità dei fondi, nel caso italiano) si procede a tagli continui o a scelte incomprensibili circa i campi di intervento. E’ chiaro, sig. Etrusco, che se una azienda farmaceutica decide di programmare una ricerca scientifica per individuare una cura per una patologia comune e diffusa, il riscontro economico sarà molto diverso rispetto allo stesso investimento dedicato ad una malattia rara; a meno che non venga fissato un prezzo esorbitante per il farmaco creato (cosa che avviene già). Discutere su malattie come lebbra e peste (per le quali esistono farmaci) in funzione economica, quando i casi che si registrano nel mondo sono pochi, non ha molto senso; mentre, se il tema è il valore e il diritto alla vita, quindi etico e morale, bisogna rivolgere le invettive ideologiche ai governi e alle loro guide politiche. Da quanto ho potuto capire sull’argomento, è l’India il Paese dove si registrano ancora migliaia di casi di lebbra ogni anno e anche la peste è presente in Asia (Cina, guarda caso) più o meno con costanza, oltre che in Africa. L’India è un Paese ricco, con una popolazione povera, come la Cina e dispiace dirlo, ma le loro politiche demografiche spesso non hanno rispettato i diritti umani e, alla luce di questa indifferenza, spiego anche il disinteresse per la “nicchia infettiva” che miete vittime in numero, per loro, trascurabile.

DvMcEv

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963