PER QUELLI CHE POSTARONO SUL BRACCIO DESTRO DI ARCURI

Ora   che    ci  diranno   ?   Certo    un  altra   figura  di c..ca !
DUE GIORNI FA.
Salvini pubblica un post con cui accusa il governo di “silenzio tombale” attorno all’arresto per ’Ndrangheta di Natale Errigo, che Salvini definisce “membro dello staff del commissario Arcuri”. Poi sono saltate fuori le carte. E si è scoperto che questo Errigo è un impiegato di terzo livello di Invitalia e che non c’entra nulla con la struttura commissariale di Arcuri. Ma, soprattutto, sono saltate fuori le foto e i post di Natale Errigo che in campagna elettorale ha sostenuto e portato voti al candidato della Lega Giuseppe De Biasi. Ma non risulta che Salvini si sia scusato.
SEMPRE DUE GIORNI FA.
Con un post pubblicato su tutti i social Salvini apostrofa come “incapaci” Conte e i suoi ministri accusandoli dell’errore che ha fatto finire la Lombardia per sbaglio in Zona Rossa. Poi sono saltate fuori le carte. E si è scoperto che è stata la Regione Lombardia, il 19 gennaio, a mandare all’ISS una rettifica ai suoi stessi vecchi dati perché aveva dimenticato di conteggiare tra i guariti i “positivi senza sintomi dopo 21 giorni”. Facendo finire così la Lombardia in Zona Rossa. Ma non risulta che Salvini si sia scusato.
OGGI.
Con un post pubblicato poche ore fa su tutti i suoi social Salvini ha accusato il governo per la sospensione dell’Italia dalle Olimpiadi 2020. Sospensione decisa dal CIO a causa della Riforma dello Sport che viola il regolamento e limita l’autonomia del Coni. Poi sono saltate fuori le carte. E si è scoperto che la Riforma è stata varata nel 2018. Sotto il governo Giallo Verde. Con lui vicepremier. E che la riforma è stata voluta dal suo braccio destro Giancarlo Giorgetti. In sostanza stiamo per perdere le Olimpiadi a causa della Lega. Ma lui dice che la colpa è dei “Signor no”. E non risulta che Salvini si sia scusato. Tanto, di tutto questo, nessun giornalista in ginocchio gli chiederà mai conto.
Emilio Mola

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Il clamoroso autogol di Salvini su Natale Errigo, giovane di belle speranze, che è stato sistemato da Totò Caridi e dall’altro uomo forte del centrodestra, “erede” del suo pacchetto di voti, Ciccio “bummino” Cannizzaro, ad Invitalia, dove il “capo” è un altro reggino doc, il buon commissario Arcuri, uomo buono per tutte le stagioni e accriccato nelle caselle giuste. Dopo l’arresto di Caridi (2016), Natale Errigo aveva dovuto fare i salti mortali per mantenere le distanze dal “boss” e prudenzialmente si manteneva distante anche da Cannizzaro (ormai sempre più prossimo allo sputtanamento…) ma non è bastato. Anche Errigo è finito nella rete di Gratteri e il pericolo che si canti tutto è veramente dietro la porta. Bummino lo sa benissimo ma lo sanno bene anche molti altri compari.
E così, lasciato Cannizzaro, il rampante Errigo si era buttato anima e corpo tra le braccia della Lega calabrese e aveva fatto campagna elettorale apertamente (come si evince dai social anche) per l’attuale capogruppo delle Lega al consiglio comunale di Reggio Calabria Giuseppe De Biasi pupillo della Tilde Minasi, scopellitiana di ferro, e recordman di preferenze proprio nelle zone “più calde” della città. Avvisate il capitone della sua ennesima figura di… Salvini.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nelle file dei votanti dei fascisti non mancano certo le teste di priapo.....xD...se non sono ladri non li votano, non c'è niente dà fare, è l'unica cosa che capiscono....

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da  non dimenticare   che  anche   capitan coso  ha  la  sua  piccola  condanna... e  quando la  stessa   azione  la  subì lui  ne  disse   di cotte e  di crude  sempre  per  essere  coerente ...

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 13 persone e il seguente testo "CONDANNATI IN PARLAMENTO LEGA LADRONA Riccardo Molinari, Massimiliano Romeo, Tiramani, attuale Deputato (Lega). capogruppo Camera (Lega). Senato (Lega) CONDANNATO CONDANNATO Torino Milano PECULATO PECULATO processo Rumborsopoll Rimborsopoli Lombardia Maccanti, Deputata (Lega). Armando Siri, attuale Sottosegretarie Trasporti (Lega). CONDANNATO CONDANNATO CONDANNATA Tribunale Torino Milang Torina PECULATO BANCAROTTA PECULATO processo Rumborsopoli FRAUDOLENTA A Rumborsapali Pomante crac Premante GIONE Jari Colla Deputato (Lega). Fabrizio Cecchetti, Deputato (Lega). Angelo Ciocca, urodeputato (Lega) Umberto Bossi, Senatore (Lega) processo Rimborsopoli Edoardo Rixi, Deputato (Lega) CONDANNATO CONDANNATO CONDANNATO CONDANNATO CONDANNATO Milano Milana Genova Genova PECULATOnel PECUALTO processo Rimborsopol FALSO nelprocesso processo Rimborsopoli Lombardia STATOn processo"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963