Giada Petringa - tg Leonardo - Rai Tre

La Dott.ssa Giada Petringa – laureata magistrale in Fisica e Dottore di ricerca in Fisica al Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell’Università di Catania – ha vinto una borsa di ricerca Marie Skłodowska-Curie. Il brillante progetto della ricercatrice catanese potrebbe rappresentare un ulteriore passo in avanti nel trattamento delle cellule tumorali.

Giada Petringa e la borsa di ricerca assegnata dalla prestigiosa fondazione Marie Skłodowska Curie

Il progetto della dott.ssa Giada Petringa si articola tramite la realizzazione di un innovativo dosimetro; basato sull’uso di rivelatori a carburo di silicio di nuova concezione. Grazie ad un’elevata risoluzione spaziale e temporale, sarà possibile misurare la distribuzione di dose in profondità dei fasci di particelle cariche adoperati in adroterapia e applicazioni medicali.

La misura della distribuzione di dose è adottata nei controlli di qualità nei centri di adroterapia. La precisione è un requisito base per un migliore trattamento dei pazienti. La meticolosa conoscenza del rilascio energetico della radiazione sui tessuti tumorali riduce la possibilità di danneggiamento dei tessuti sani.

Nell’ambito del progetto, in particolare, si andrà ad analizzare l’impiego del dosimetro con fasci di particelle cariche ad alta intensità prodotti da interazione laser-materia.
Una tecnica di accelerazione che ad oggi è ritenuta la frontiera della radioterapia clinica. La tecnica, infatti, consentirebbe di trattare i pazienti a regimi Flash, incrementando l’efficacia del trattamento.

Il sistema da realizzare, il cui principio di funzionamento è tuttora coperto da brevetto internazionale, sarà il primo dosimetro al mondo utilizzabile a due differenti regimi di trattamento.
Sarà, ancora, in grado di dare *** precise sul rilascio di dose. Sullo spettro energetico e sul range di particelle cariche in un ampio intervallo di energie di protoni incidenti.

Il progetto di ricerca rientra tra gli obiettivi delle “Marie Skłodowska-Curie Individual Fellowships“, nell’ambito del programma per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea. Una borsa biennale cofinanziata dall’Istituto di Fisica dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca. Una borsa, ancora, finalizzata a valorizzare il potenziale dei ricercatori. L’opportunità di svolgere un progetto di ricerca in un’istituzione pubblica o privata di alto livello in un altro Paese europeo o extracomunitario. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963