Inquinamento, un nemico che la nostra civiltà riuscira mai a sconfiggere?

L'Artico invaso dalle fibre sintetiche, colpa del bucato

L'Artico è invaso dalle fibre sintetiche, che costituiscono il 92% delle microplastiche trovate nelle acque di superficie e che per il 73% sono fatte del poliestere utilizzato nei tessuti sintetici e liberate attraverso il bucato. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Communications, si deve al gruppo della canadese Ocean Wise Conservation Association coordinato da Peter Ross.
 

per approfondire vi consiglio di leggere l'articolo ANSA :L'Artico invaso dalle fibre sintetiche, colpa del bucato

Una nave rompighiaccio per la ricerca nell'Artico dell'ente canadese Fisheries and Oceans  (fonte: Fisheries and Oceans Canada, Arthi-Ramachandra) © Ansa

Una nave rompighiaccio per la ricerca nell'Artico dell'ente canadese Fisheries and Oceans (fonte: Fisheries and Oceans Canada, Arthi-Ramachandra)

79beff6333a5d40e9a60f5144c0a5bb8.jpg

mmagine al microscopio di fibre sintetiche e microplastiche trovate nelle acque dell'Artico (fonte: Ocean Wise)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Grazie per le notizie - ambiente e natura sono siti che controllo spesso - ciao alle prossime

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non credo che questa "civiltà" basata sui consumi e sull'illusione della crescita senza fine possa risolvere il problema dell'inquinamento. Non basterà la conversione totale alle fonti energetiche rinnovabili, ammesso che ci si arrivi. Bisognerebbe cambiare radicalmente i principi del sistema economico e lo stile di vita. Lavorare poco, lavorare tutti; produrre per consumare e non viceversa come ci impone il modello di civiltà industriale; ricordarci sempre di quel vecchio proverbio di un capo indiano: "La terra non appartiene all'uomo, è l'uomo che appartiene alla terra".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

alla fine basterebbe un po' si buon senso, purtroppo non tutti la pensiamo allo stesso modo, ci sono persone che si divertono un mondo a inquinare, come dei bambini se qualcuno gli dice di non sporcare, ecco che loro si divertono a farlo, nella loro folle disobbedienza, sentono di essere chissà che dato che nessuno li persegue, anzi, le così dette multinazionali, con la scusa del progresso, ma soprattutto della crescita economica, che poi altro non è che fare soldi nulla di più mettendosi lo stesso progresso sotto i piedi poiché non gliene frega più di tanto, inquinano alla stregua dei cosi detti disobbedienti perché se lo fanno i comuni cittadini, al quale motivo morale loro devono piegarsi per non farlo?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non solo i deserti e l'Antartide si stanno riempendo di plastica ma anche i fiumi europei  Un fiume di spazzatura minaccia l'Ungheria (msn.com) ... ed i nostri politici che fanno ? Ti vietano di circolare la domenica ... O viaggiare con un'auto datata ... così sei obbligato a comperarne una nuova inquinando di più per costruirla ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Interessanti sono stati i documentari di Mario Tozzi dedicati al nostro ed unico pianeta da salvare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963