DI MALE UN PEGGIO

Naturalmente  tutti   zitti  vero  ?

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che ballano, persone in piedi e persone sul palco Annunciamo con Letizia il "nuovo" assessore al Welfare lombardo.
Poveri noi....

Il suo curriculum SPETTACOLARE (Feltri dixit)
PARTE SECONDA
Ecco la vicenda che ha coinvolto la Moratti da presidente di Ubi, ruolo che ha ricoperto fino all’ottobre 2020, quando la banca è stata conquistata da Intesa.
3 anni prima, nel 2017, un funzionario antiriciclaggio di Ubi, denuncia che la banca ha una 40ina di clienti speciali per i quali non scattano le *** di operazioni sospette.

Tra questi, la presidente Moratti:
la Saras Trading, società svizzera del gruppo Moratti, ha infatti ricevuto da Ubi Factor finanziamenti milionari poi finiti all’estero, con transazioni passate nelle Isole del Canale.

La Procura di Brescia apre un’indagine che si chiude nel 2019: illecito amministrativo, sanzionato dalla Banca d’Italia con una multa a Ubi di 1,2 milioni di euro.

La posizione di Moratti viene mandata alla Procura di Cagliari.
E questa fa il botto. Scopre che tra il 2015 e il 2016, Saras, la società petrolifera del gruppo Moratti, aumenta le importazioni di greggio dal Kurdistan iracheno, allora controllato dall’Isis. Niente bolle regolari e prezzi stracciati, con un ribasso “mediamente di oltre il 22 per cento, con punte del 38-42 per cento”.
Moratti è coinvolta 2 volte: come azionista di Saras e come presidente di Ubi. Perché è il consiglio d’amministrazione di Ubi Factor che il 23 dicembre 2016 delibera di finanziare Saras Trading con 45 milioni di euro. La banca ha “volutamente omesso” la segnalazione all’antiriciclaggio, pur “in una situazione di palese conflitto d’interessi”, visto che Letizia Moratti è presidente della banca che finanzia una sua società . I contratti di factoring, secondo la Guardia di finanza, potrebbero essere “un modus operandi” per nascondere “la provenienza delittuosa” del petrolio.

Il gruppo Moratti è indiziato anche “di relazioni commerciali con società contigue ad ambienti della criminalità organizzata o ad alto rischio di condizionamento”.
Gli investigatori citano la Kb Petrols, società il cui rappresentante legale, Claudio La Rosa, che risulta in contatto con “Giuseppe Arena, considerato organico della famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano, essendo una delle persone più vicine (autista e guardaspalle) a Vincenzo Aiello, rappresentante provinciale di Cosa nostra catanese”. La Rosa è rappresentante legale anche di un’altra azienda, in rapporti d’affari con ditte collegate a Luigi Brusciano, “riconducibile al clan dei casalesi” e contiguo agli ambienti di Malta.

Con questo curriculum, Letizia Moratti arriva in Regione con l’impegno a non farci rimpiangere Gallera.

@Gianni Barbacetto 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Pronti a mangiarsi altri soldi...con dei leader come berlu e salvi, e d'obbligo, altrimenti neanche li votano....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

silenzio  omertoso   !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Conosco molte decine di persone che gravitano intorno alla scuola. Insegnanti, presidi, segretari, personale ATA, etc. E alcune decine nel settore universitario. Se davanti a una di queste persone, una qualsiasi, pronuncio anche per sbaglio la parola "Moratti", oppure la parola "Gelmini", la reazione è immediata e simile a quella di un napoletano al quale dici: "Ce sta 'o carro abbascio".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pensavamo, speravamo, che con l'uscita di scena di Giulio Gallera, potesse essere un bel giorno per la Lombardia.

Ma ci sbagliavamo.

Poi, per non farsi mancare nulla, c'è stata la nomina di Alessandra Locatelli come nuova assessora della Lombardia per le politiche sociali, famiglia e disabilità.

Parliamo della stessa Alessandra Locatelli che, da assessora alle politiche sociali del comune di Como, pensò di risolvere il problema dei clochard così: svegliandoli con le idropulitrici alle 5 del mattino, mentre dormivano per strada.

Non fornendo loro *** o aiuto, non collaborando con le tante associazioni di volontariato, ma togliendo loro persino il gradino, il giaciglio, l'angolo, la panchina.

E come dimenticarsi di quando, nel 2018, chiese agli amministratori della Lega di rimuovere da tutti gli uffici pubblici la foto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella?

Questa è la destra italiana. E non finisce mai di scavare

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, il seguente testo "EC Di male in peggio La nuova assessora alle politiche sociali in Lombardia svegliava i clochard con le idropulitrici alle 5 del mattino"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se  non  hanno qualche  problema   giudiziario  quelli di  destra non sono  presentabili 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963