Un applauso a Massimo D'Alema

Che Massimo D'Alema sia non solo un politico serio ma anche una persona acuta e lungimirante, credo sia fuori discussione. Lasciò con umiltà la politica quando poteva ancora ricavarne molto e fu tra i primi a inquadrare il personaggio Renzi, il suo modesto spessore politico e culturale, la sua doppiezza e il pericolo e la sciagura che avrebbe rappresentato per la Sinistra e per il Paese. Credo che D'Alema sarebbe stato uno statista vero se nell'azione di governo non avesse manifestato sorprendenti e gravi debolezze o titubanze su certi fronti, in particolare i rapporti con l'allora impunito Berlusconi, il conflitto di interessi, il pluralismo dell'informazione. Pertanto lo abbiamo criticato duramente e amaramente. Ma oggi ci strappa un convinto e sonoro APPLAUSO per un intervento acuminato e profondo dei suoi:

NON SI MANDA VIA L'UOMO PIÙ POPOLARE DEL PAESE PER VOLERE DEL PIÙ IMPOPOLARE. 

Ben detto, Massimo. Chapeau!

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

Nei momenti bui ,di incertezza e paura il popolo si mette sotto il cappello di chi comanda, ma tutto questo non può durare, alla fine si vedranno i veri colori, e rapporti di forza, anche nel 2001 ,con le torri gemelle Bush aveva il 90% di gradimento, poi ha perso  la  casa Bianca 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Che Massimo D'Alema sia non solo un politico serio ma anche una persona acuta e lungimirante, credo sia fuori discussione. Lasciò con umiltà la politica quando poteva ancora ricavarne molto e fu tra i primi a inquadrare il personaggio Renzi, il suo modesto spessore politico e culturale, la sua doppiezza e il pericolo e la sciagura che avrebbe rappresentato per la Sinistra e per il Paese. Credo che D'Alema sarebbe stato uno statista vero se nell'azione di governo non avesse manifestato sorprendenti e gravi debolezze o titubanze su certi fronti, in particolare i rapporti con l'allora impunito Berlusconi, il conflitto di interessi, il pluralismo dell'informazione. Pertanto lo abbiamo criticato duramente e amaramente. Ma oggi ci strappa un convinto e sonoro APPLAUSO per un intervento acuminato e profondo dei suoi:

NON SI MANDA VIA L'UOMO PIÙ POPOLARE DEL PAESE PER VOLERE DEL PIÙ IMPOPOLARE. 

Ben detto, Massimo. Chapeau!

Caro Fosforo..... ci sono più analogie che differenze tra Massimo e Matteo.

D'Alema non esitò a bombardare la Serbia senza una formale dichiarazione di guerra da parte del Parlamento, in violazione della Costituzione.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Caro Fosforo..... ci sono più analogie che differenze tra Massimo e Matteo.

D'Alema non esitò a bombardare la Serbia senza una formale dichiarazione di guerra da parte del Parlamento, in violazione della Costituzione.

Sì quella fu l'altra macchia della carriera di D'Alema. Ma tra lui e Renzi a mio avviso c'è un abisso. Già solo in termini culturali. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

NON SI MANDA VIA L'UOMO PIÙ POPOLARE DEL PAESE PER VOLERE DEL PIÙ IMPOPOLARE. 

la battuta è buona, ma lui cosa fece con Prodi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

marzianobravo , quanto accaduto 11 settembre 2001 , leggasi torre gemelle , é da ascrivere , a caratteri CUBITALI , alla cialtronaggine , superficialità e incompetenza dell' FBI !!! Una funzionaria dell'FBI , attenta e acuta osservatrice , notò , facendolo presente RIPETUTAMENTE , al capo che il gruppo capeggiato da M.Atta e che frequentava la scuola di pilotaggio era SISTEMATICAMENTE assenti alle lezioni di decollo e atterraggio , le fasi più complicate di un volo !!!

L'anno successivo il TIME a questa funzionaria le dedicò la COPERTINA e relativa vibrata reprimenda al capo dell'FBI !!!!

Il nome della funzionaria é Coleen Rowley

NEW YORK - Una copertina per tre. Il settimanale americano Time ha scelto come emblemi dell'anno che sta per finire tre donne protagoniste di rivelazioni fondamentali per le inchieste sugli scandali di Wall Street e sul terrorismo. Le "persone dell'anno" 2002 sono Sherron Watkins, vice presidente della Enron; Cynthia Cooper, di WorldCom; Coleen Rowley, agente dell'Fbi che ha svelato gli errori commessi dall'agenzia prima degli attacchi terroristici dell'11 settembre.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mariellasikelia ha scritto:

marzianobravo , quanto accaduto 11 settembre 2001 , leggasi torre gemelle , é da ascrivere , a caratteri CUBITALI , alla cialtronaggine , superficialità e incompetenza dell' FBI !!! Una funzionaria dell'FBI , attenta e acuta osservatrice , notò , facendolo presente RIPETUTAMENTE , al capo che il gruppo capeggiato da M.Atta e che frequentava la scuola di pilotaggio era SISTEMATICAMENTE assenti alle lezioni di decollo e atterraggio , le fasi più complicate di un volo !!!

L'anno successivo il TIME a questa funzionaria le dedicò la COPERTINA e relativa vibrata reprimenda al capo dell'FBI !!!!

Il nome della funzionaria é Coleen Rowley

NEW YORK - Una copertina per tre. Il settimanale americano Time ha scelto come emblemi dell'anno che sta per finire tre donne protagoniste di rivelazioni fondamentali per le inchieste sugli scandali di Wall Street e sul terrorismo. Le "persone dell'anno" 2002 sono Sherron Watkins, vice presidente della Enron; Cynthia Cooper, di WorldCom; Coleen Rowley, agente dell'Fbi che ha svelato gli errori commessi dall'agenzia prima degli attacchi terroristici dell'11 settembre.
 

Quella incompetenza, passato il periodo di smarrimento fu sotto l'occhio del ciclone , e sono certo che dopo la pandemia, si faranno solo i conti sull'emergenza economica, xché e questo ciò che resterà, Conte sarà trombato!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ehhhh , proprio un abisso !! A vantaggio di chi , Cazzaro Napoletano ??!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Che Massimo D'Alema sia non solo un politico serio ma anche una persona acuta e lungimirante, credo sia fuori discussione. Lasciò con umiltà la politica quando poteva ancora ricavarne molto e fu tra i primi a inquadrare il personaggio Renzi, il suo modesto spessore politico e culturale, la sua doppiezza e il pericolo e la sciagura che avrebbe rappresentato per la Sinistra e per il Paese......oggi ci strappa un convinto e sonoro APPLAUSO per un intervento acuminato e profondo dei suoi:

NON SI MANDA VIA L'UOMO PIÙ POPOLARE DEL PAESE PER VOLERE DEL PIÙ IMPOPOLARE. 

Ben detto, Massimo. Chapeau!

Infatti , Cazzaro di Napoli , lo ricordo bene quando tra i popolarissimi c’era Prodi e lui fece di tutto e di più per non farlo eleggere Presidente della Repubblica .  Ricordo anche quando il più popolare tra i politici era  Renzi che aveva portato il PD al 41% e lui , forse il più impopolare di tutti tramo’ contro di lui e fu il fautore della scissione per poi andare a veleggiare in mare con la barca da regata ( valore 900.000 euro ) più della Villa di Renzi . Lui si che pensava ai lavoratori. Lo ricordo cosa diceva il Cazzaro di D’Alema all’epoca .Oggi lo incensa perché ha attaccato Renzi  . Ma levati dai co@lioni , vai Cazzaro !! Chapeau , Pulcinella Partenopeo !!!  , Ben detto !!!  Ahahahahah

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Che Massimo D'Alema sia non solo un politico serio ma anche una persona acuta e lungimirante, credo sia fuori discussione.

Non me ne intendo, quindi non parteciperei a un'eventuale discussione sullo spessore politico.

So solo che D'Alema recitava in tv qualche scontro fasullo contro Berlusconi, mentre la questione sul conflitto d'interessi non fu mai, non dico risolta, ma neanche sfiorata.

Infatti la Guzzanti faceva la sua imitazione mentre parlava amorevolmente al telefono col cavaliere, come fossero due piccioncini.

Che viveva in uno storico e capiente appartamento al centro di Roma pagando due lire.

E mi pare che le jene andarono a suonare alla sua porta chiedendo spiegazioni e lui parlò di equo canone prima di cacciarli...:D

 

E che quando un certo cardinale disse di aver letto giorni addietro il discorso di Togliatti nel 1946, con l'incredibile conferma del Concordato e che reputava Togliatti un ''padre della Chiesa'', D'Alema rispose felice: ''Ha proprio ragione''. :o

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963