mafie e stupefacenti

tanto per cambiare argomento.

c'è il mercato delle droghe e come tutti i mercati si basa su domanda e offerta.

combattere l'offerta è dura perchè morto un escobar se ne fa un altro.

allora combattiamo la domanda.

es. : se mi beccano con un telefonino (o ieri una autoradio) di provenienza illecita mi becco una denuncia per incauto acquisto, se va bene, o per ricettazione.

perchè se mi beccano con un millimilligrammo di droga anche lei arrivata da provenienza illecita non mi fanno una beata cippa?

oggi i drogati non hanno nessuna nessuna scusa,

non date la colpa alla società ma ai costumi e i costumi si cambiano. sei un tossicodipendente? esacrazione dalla società e aiuti a pedate nel kiulo.

ah, già, in parlamento sniffano tutti :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

12 minuti fa, tiberio1946 ha scritto:

tanto per cambiare argomento.

c'è il mercato delle droghe e come tutti i mercati si basa su domanda e offerta.

combattere l'offerta è dura perchè morto un escobar se ne fa un altro.

allora combattiamo la domanda.

es. : se mi beccano con un telefonino (o ieri una autoradio) di provenienza illecita mi becco una denuncia per incauto acquisto, se va bene, o per ricettazione.

perchè se mi beccano con un millimilligrammo di droga anche lei arrivata da provenienza illecita non mi fanno una beata cippa?

oggi i drogati non hanno nessuna nessuna scusa,

non date la colpa alla società ma ai costumi e i costumi si cambiano. sei un tossicodipendente? esacrazione dalla società e aiuti a pedate nel kiulo.

ah, già, in parlamento sniffano tutti :-)

Guarda, io non concepisco l'uso di nessuna "droga" per scopo ricreativo, cannabis compresa MA punire non serve evidentemente a niente.

L'unico modo per risolvere il problema alla radice e' che lo stato ne permetta l'uso controllato e la venda. Vende le sigarette che sono veleno assoluto, non vedo perche' dovrebbe essere diverso per la droga. Dovrebbe venderla, controllare chi ne fa uso ed usare gli introiti per la sanita'.

Proibendo ci perdi e basta, e' una guerra che non si puo' vincere.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non c'è guerra che non si possa vincere.

la cannabis "leggera" è il primo scalino di una scala che, non sempre, porta a roba più forte.

ho cominciato a fumare le Kent  e dopo un po di anni fumavo le esportazioni senza filtro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, tiberio1946 ha scritto:

non c'è guerra che non si possa vincere.

la cannabis "leggera" è il primo scalino di una scala che, non sempre, porta a roba più forte.

ho cominciato a fumare le Kent  e dopo un po di anni fumavo le esportazioni senza filtro.

Il proibizionismo americano dovrebbe aver insegnato che proibire peggiora solamente le cose.

Gli stati che sono riusciti ad arginare il problema, paradossalmente, sono quelli che hanno liberalizzato come la Svizzera ed il Canada.

Poi, come ho detto, io sono contrario alle droghe ed anche al fumo, pero' capisco che e' l'unica strada percorribile.

Alcool e fumo sono problemi molto piu' gravi eppure nessuno se ne preoccupa piu' di tanto.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, il-male86 ha scritto:

Alcool e fumo sono problemi molto piu' gravi eppure nessuno se ne preoccupa piu' di tanto.

se parli di cirrosi epatica e cancro ai polmoni sono daccordo.

però non ho mai visto una alcolista scippare la vecchietta per inciuccarsi. al massimo frega un tavernello alla coop.

e il tabagista scrocca sigarette a tutti quelli che incontra.

durante il proibizionismo USA chi spacciava alcool ? la mafia

hanno liberalizzato l'alcool e mica sono diminuiti gli alcolisti.

mai visto tanti persi come in olanda a proposito di droghe libere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, tiberio1946 ha scritto:

se parli di cirrosi epatica e cancro ai polmoni sono daccordo.

però non ho mai visto una alcolista scippare la vecchietta per inciuccarsi. al massimo frega un tavernello alla coop.

e il tabagista scrocca sigarette a tutti quelli che incontra.

durante il proibizionismo USA chi spacciava alcool ? la mafia

hanno liberalizzato l'alcool e mica sono diminuiti gli alcolisti.

mai visto tanti persi come in olanda a proposito di droghe libere

E' vero, l'alcolista ed il tabagista raramente scippano ma quanta gente muore per strada per quello che guida ubriaco? L'alcolismo fa morti sia diretti che indiretti. Allo sesso modo, il fumo fa morti diretti (chi fuma) ed indiretti (fumo passivo). Il costo per lo stato in termini di sanita' pubblica e' allucinante, molto peggio che per la droga. Poi si, ovviamente la droga e' una piaga sociale.

Hai ragione anche sul proibizionismo. Aver liberalizzato l'alcool non ha probabilmente diminuito il numero degli alcolisti (mi fido, non ho controllato i numeri) ma per lo meno ha tolto il business alla mafia. Lasciare il business in mano alla mafia vuol dire perderci due volte: non hai gli introiti sugli acquisti e non hai controllo sulla qualita' della merce. Questo porta ad un costo ancora piu' alto per la sanita' pubblica quindi... come ho detto, ci perdi due volte.

In Italia contro la mafia non puoi vincere se usi metodi diretti ma puoi fotterla girandole intorno. Ovviamente poi trovano vie alternative ma nel frattempo gli hai tolto una grossa fetta (Se non la principale) di introiti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

se non sono informato male la liberizzazione sarebbe solo per le droghe leggere. lo stato mica si mette a fornire coca e pastiglie varie e il grosso del businnes lo fanno quelle.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, il-male86 ha scritto:

Guarda, io non concepisco l'uso di nessuna "droga" per scopo ricreativo, cannabis compresa MA punire non serve evidentemente a niente.

L'unico modo per risolvere il problema alla radice e' che lo stato ne permetta l'uso controllato e la venda. Vende le sigarette che sono veleno assoluto, non vedo perche' dovrebbe essere diverso per la droga. Dovrebbe venderla, controllare chi ne fa uso ed usare gli introiti per la sanita'.

Proibendo ci perdi e basta, e' una guerra che non si puo' vincere.

Condivido.

Tuttavia, quale deterrente, adotterei una pena minima: la pubblicazione del nome del compratore.

Potrebbe essere utile a ridurre molto non tanto la circolazione di droghe, quanto lo spaccio per strada.

Basterebbero vigili con telecamere.

Lo spaccio continuerebbe, ma in appartamenti privati. 

E condivido anche l'idea che uno Stato debba distinguere tra tossicodipendente e consumatore di cannabis, che andrebbe trattata come l'alcool.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963