fratelli Cervi

“Il 28 dicembre 1943 furono assassinati dai nazifascisti i 7 fratelli Cervi

COMPAGNI FRATELLI CERVI 

Sette fratelli come sette olmi, 
alti robusti come una piantata. 
I poeti non sanno i loro nomi, 
si sono chiusi a doppia mandata: 
sul loro cuore si ammucchia la polvere 
e ci vanno i pulcini a razzolare. 

I libri di scuola si tappano le orecchie. 
Quei sette nomi scritti con il fuoco 
brucerebbero le paginette
dove dormono imbalsamate 
le vecchie favolette approvate dal ministero.  

Ma tu mio popolo, 
tu che la polvere 
ti scuoti di dosso per camminare leggero, 
tu che nel cuore lasci entrare il vento 
e non temi che sbattano le imposte, 
piantali nel tuo cuore i loro nomi come sette olmi : 
Gelindo, 
Antenore, 
Aldo, 
Ovidio, 
Ferdinando, 
Agostino, 
Ettore …  

Nessuno avrà un più bel libro di storia, 
il tuo sangue sarà il loro poeta 
dalle vive parole, con te crescerà la loro leggenda 
come cresce una vigna d’Emilia 
aggrappata ai suoi olmi con i grappoli colmi di sole.”  

Gianni Rodari

https://www.instagram.com/p/CJVXYtQgKW4/?igshid=1xy7f7tal3a

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Ah, come sono vere le grandi, le eterne parole: “Non potrà conservarsi libera nessuna nazione in cui la libertà è un privilegio e non un principio!” 

Harriet Beecher Stowe

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, wronschi ha scritto:

 

“Il 28 dicembre 1943 furono assassinati dai nazifascisti i 7 fratelli Cervi

COMPAGNI FRATELLI CERVI 

Sette fratelli come sette olmi, 
alti robusti come una piantata. 
I poeti non sanno i loro nomi, 
si sono chiusi a doppia mandata: 
sul loro cuore si ammucchia la polvere 
e ci vanno i pulcini a razzolare. 

I libri di scuola si tappano le orecchie. 
Quei sette nomi scritti con il fuoco 
brucerebbero le paginette
dove dormono imbalsamate 
le vecchie favolette approvate dal ministero.  

Ma tu mio popolo, 
tu che la polvere 
ti scuoti di dosso per camminare leggero, 
tu che nel cuore lasci entrare il vento 
e non temi che sbattano le imposte, 
piantali nel tuo cuore i loro nomi come sette olmi : 
Gelindo, 
Antenore, 
Aldo, 
Ovidio, 
Ferdinando, 
Agostino, 
Ettore …  

Nessuno avrà un più bel libro di storia, 
il tuo sangue sarà il loro poeta 
dalle vive parole, con te crescerà la loro leggenda 
come cresce una vigna d’Emilia 
aggrappata ai suoi olmi con i grappoli colmi di sole.”  

Gianni Rodari

https://www.instagram.com/p/CJVXYtQgKW4/?igshid=1xy7f7tal3a

 

✊✊✊✊✊✊✊✊✊✊✊

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

lo avrai camerata kesserling

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.

Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio del torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.

Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA

Piero Calamandrei

 

dovrebbero farla DALLE elemtari in avanti

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963