il racket degli aguzzini dell'est

Dopo la polemica scoppiata nei giorni scorsi per le parole di don Francesco Mariani, parroco di San Giuseppe a Nuoro, che in un editoriale sul settimanale diocesano si era detto a disagio per l'insistenza di migranti e questuanti.

E in effetti, non sempre l'apparenza coincide con la realtà. Perché dietro l'elemosina c'è un vero e proprio racket. I bambini che vengono inviati per strada sono costretti a "raccogliere" almeno 30-50 euro al giorno, da portare ovviamente al boss di turno. Ai bimbi, che non possono essere arrestati, si aggiungono disabili e menomati: vengono fatti arrivare dall'Est europa e poi costretti a battere le strade in cerca del buon cuore dei cittadini. Ma anche loro sono sfruttati da un boss, quasi sempre un nomade. E ai romeni spetta anche il controllo dei semafori durante la settimana.E Le autorita'??? i servizi sociali?? non vedono non sentono....la Ue dice che dobbiamo imparare da loro......

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

alcuni extcmt sostano davanti ai supermkt ma sanno farsi accettare xké si dan da fare pulendo davanti all'ingresso, aiutando portar le borse all'auto e riportando indietro il carrello. queste persone, anke se praticamente kiedono elemosine, si aiutano volentieri con una offerta poiké, se vogliamo, se la guadagnano.  poi tra questi c'é anke la feccia ke, con la scusa di portar le borse sul ballatoio alla pensionata anziana, ne approfitta x rubarle il portafoglio.

a rom e simili, nn darei neppure quello ke butto via.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora