Chi lo avrebbe detto , vero ?? Ahahahahah

Dopo le elezioni in Sicilia si è sparsa nel Paese la vulgata, su cui subito si sono fiondate testate più o meno autorevoli, che alle prossime elezioni politiche il testa a testa sarebbe stato tra i grillini e una rediviva Forza Italia, tant’è che il gioco più gettonato delle ultime settimane è stata la domanda: “Chi sceglieresti tra Di Maio e Berlusconi?”. Come sempre più spesso succede però la realtà si fa carico di smentire le rappresentazioni che se ne danno; e infatti ecco arrivare puntuale l’ultimo sondaggio di SWG, effettuato tra il 27 e il 29 novembre su un campione rappresentativo di 1.500 soggetti, nel quale le cose vengono rimesse in ordine e il Partito democratico, forse troppo presto dato per spacciato, torna ad essere primo partito, con M5S secondo e Forza Italia – per qualcuno già dipinta come se fossimo di nuovo al 1994-, ferma al 14,8%, un punticino e qualcosa sopra la Lega di Salvini. E anche a proposito di coalizioni, quella di centro sinistra risulta essere a solo un’incollatura da quella di centrodestra, rispettivamente al 32,1% la prima e al 34% la seconda. Insomma nonostante le rappresentazioni un po’ grottesche del partito più radicato d’Italia che spuntano qua e là, lo sforzo di ascolto che il Pd sta compiendoandando in giro per l’Italia, e la buona riuscita di un appuntamento significativo come la Leopolda di L8 (anche questa dipinta come un flop da qualcuno che, evidentemente, non c’era), sembrano dare buoni risultati. La sfida tutt’altro che semplice è ora quella di continuare in questo sforzo fino all’appuntamento del 2018, non accontentandosi di quanto pure di buono è stato fatto finora ma, come oggi ha detto Renzi a proposito dei dati Istat sulla disoccupazione giovanile: “Si vedono segnali di ripartenza ma a noi non basta, dobbiamo fare di più”. Certo bisognerà districarsi tra bufale, iniezioni ingiustificate di paura e tentativi di distorcere la realtà, ma il Partito democratico può contare su una rete unica di iscritti, volontari e militanti che, a dispetto di ogni fake news, possono fare la differenza.

Modificato da mark25252

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

16 minuti fa, mark25252 ha scritto:

Dopo le elezioni in Sicilia si è sparsa nel Paese la vulgata, su cui subito si sono fiondate testate più o meno autorevoli, che alle prossime elezioni politiche il testa a testa sarebbe stato tra i grillini e una rediviva Forza Italia, tant’è che il gioco più gettonato delle ultime settimane è stata la domanda: “Chi sceglieresti tra Di Maio e Berlusconi?”. Come sempre più spesso succede però la realtà si fa carico di smentire le rappresentazioni che se ne danno; e infatti ecco arrivare puntuale l’ultimo sondaggio di SWG, effettuato tra il 27 e il 29 novembre su un campione rappresentativo di 1.500 soggetti, nel quale le cose vengono rimesse in ordine e il Partito democratico, forse troppo presto dato per spacciato, torna ad essere primo partito, con M5S secondo e Forza Italia – per qualcuno già dipinta come se fossimo di nuovo al 1994-, ferma al 14,8%, un punticino e qualcosa sopra la Lega di Salvini. E anche a proposito di coalizioni, quella di centro sinistra risulta essere a solo un’incollatura da quella di centrodestra, rispettivamente al 32,1% la prima e al 34% la seconda. Insomma nonostante le rappresentazioni un po’ grottesche del partito più radicato d’Italia che spuntano qua e là, lo sforzo di ascolto che il Pd sta compiendoandando in giro per l’Italia, e la buona riuscita di un appuntamento significativo come la Leopolda di L8 (anche questa dipinta come un flop da qualcuno che, evidentemente, non c’era), sembrano dare buoni risultati. La sfida tutt’altro che semplice è ora quella di continuare in questo sforzo fino all’appuntamento del 2018, non accontentandosi di quanto pure di buono è stato fatto finora ma, come oggi ha detto Renzi a proposito dei dati Istat sulla disoccupazione giovanile: “Si vedono segnali di ripartenza ma a noi non basta, dobbiamo fare di più”. Certo bisognerà districarsi tra bufale, iniezioni ingiustificate di paura e tentativi di distorcere la realtà, ma il Partito democratico può contare su una rete unica di iscritti, volontari e militanti che, a dispetto di ogni fake news, possono fare la differenza.

Meriti un applauso........................... PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

le unike cose ke sentiremo dire dai paladini del PD fino alle prox elezioni saranno: disoccupaz inesistente; l'economia alle stelle; consenso popolare plebiscitario; sbarki extcmt diminuiti. pare ke stavolta nn lo dica l'istat ma un sondaggio ben pagato x intortare ki ci crede.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

le unike cose ke sentiremo dire dai paladini del PD fino alle prox elezioni saranno: disoccupaz inesistente; l'economia alle stelle; consenso popolare plebiscitario; sbarki extcmt diminuiti. pare ke stavolta nn lo dica l'istat ma un sondaggio ben pagato x intortare ki ci crede.

Può essere Uvetta, può essere . Ma siccome il PD e’ un partito serio , se lo dice significa che e’ vero . E’ non perché lo dice non solo l’Istat ma anche la BCE e il FMI e l’OCSE che non credo si facciano “intortare “ da quel tappetaro di Renzi . Te accucciati e fatti intortare da quel razzista di Salvini e vedrai che non sbagli , così come quando i tuoi beniamini erano al governo e ci hanno portato dove sappiamo e che solo grazie a Renzi stiamo piano piano venendone fuori . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, mark25252 ha scritto:

Può essere Uvetta, può essere . Ma siccome il PD e’ un partito serio , se lo dice significa che e’ vero . E’ non perché lo dice non solo l’Istat ma anche la BCE e il FMI e l’OCSE che non credo si facciano “intortare “ da quel tappetaro di Renzi . Te accucciati e fatti intortare da quel razzista di Salvini e vedrai che non sbagli , così come quando i tuoi beniamini erano al governo e ci hanno portato dove sappiamo e che solo grazie a Renzi stiamo piano piano venendone fuori . 

no grz Marketto, preferisco star comodamente seduta anziké accucciata.  se preferisci credere agli  istituti ke nomini, a sondaggi di parte, ad inesistenti prodigi inventati e ke, proprio xké inventati nn portano da nessuna parte tranne a caccia di voti, padrone di pensare e vedere quello ke ti piace e gli altri farsi intortare x benino.  se,  secondo te, ki desidera rispetto e sicurezza x il proprio paese é razzista, sta a dire ke, ki nn condivide queste cose fondamentali ed apartitike, nn ama il suo Paese.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Luce  e  buio  ma  di certo  meglio  di  quando  la  destra  governava ops  faceva  il bello e  il brutto  tempo  per  il pregiudicato e  gli  amici  di merenda.... scappando per   ignavia  quando ci ha  portato  sull'orlo del  disastro...

http://www.repubblica.it/economia/2017/12/01/news/censis_un_italia_sempre_piu_frammentata_che_si_aggrappa_ancora_al_mito_del_posto_fisso-182542861/?ch_id=sfbk&src_id=8001&g_id=0&atier_id=00&ktgt=sfbk8001000&ref=fbbr

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963