PRIMA GLI ITALIANI ? BOH...

6 messaggi in questa discussione

Meloni ordina la “fuga” dalla Calabria. Tra ‘ndrangheta e Mark Caltagirone: FdI travolta dagli scandali
In Calabria il partito della Meloni è travolto da scandali, arresti eccellenti e inchieste giudiziarie. Edmondo Cirielli, che decise le candidature alle regionali, è stato silurato. Il rischio implosione è dietro l’angolo e la leader sovranista toglie i “suoi” dai posti di potere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa — 'Ndrangheta, arrestato il presidente del Consiglio Regionale della Calabria. L'indagine che ha portato all'arresto di Domenico Tallini riguarda i ...
Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Calabria, arrestato Domenico Tallini, il presidente del Consiglio regionale

Tallini, presidente del Consiglio regionale, è ai domiciliari. Insieme a lui, arrestati altri 19 per presunti rapporti tra politici locali e ‘ndrangheta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Ma il coso che dice "no agli inciuci" è lo stesso del mega inciucio giallo-verde del 2018? Chiedo per un amico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Più che "Fratelli d'Italia" e "prima gli italiani", ormai siamo al "Fratelli d'Ungheria" e "prima gli ungheresi".

Non si spiegano altrimenti le bugie con cui Matteo Salvini e Giorgia Meloni tentano di difendere Viktor Orbàn dopo che l'Ungheria ha fatto in modo di bloccare 209 miliardi destinati all'Italia.

Mentono, inventano teorie strampalate, sostengono che tale decisione sarebbe un tentativo di difendere le radici cristiane, quando la verità è una e una soltanto. Ed è contenuta, fortunatamente, nei documenti ufficiali.

Capiamo che Giorgia Meloni e Matteo Salvini siano poco inclini a frequentare i luoghi di lavoro per cui sono pagati e a studiare carte e dossier ma, nelle conclusioni finali dello scorso 21 luglio, il Consiglio europeo ha fatto esplicito riferimento al rispetto dello Stato di diritto per poter accedere ai fondi del Next Generation EU e del bilancio pluriennale 2021-2027.

Si sapeva, insomma, da mesi.

E da mesi lo sapevano proprio Polonia e Ungheria, che conoscono bene cosa l'Unione Europea contesta loro: il controllo dei media e della Magistratura, altro che radici cristiane.

Non è l'Europa dunque che ha cambiato le regole in corsa o violato i patti, ma sono l'Ungheria e la Polonia, che hanno preferito bloccare in modo irragionevole l'approvazione di un pacchetto di risorse straordinarie da 1800 miliardi di euro da destinare alle nostre comunità in una fase così difficile a livello sanitario, economico e sociale

Cari Matteo Salvini e Giorgia Meloni, smettetela di fare gli interessi di Viktor Orbàn.

60 milioni di italiani e 446 milioni di cittadini europei valgono ben più di un autocrate.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963