SOLO DEGLI EBETI POSSONO ANCORA CREDERCI

Il  coso   continua   con le   sue  min  chiate  e   bufale  a  gogo...

Matteo Salvini, come spesso gli succede, ieri sera è stato ospite della trasmissione "Non è l'Arena"di Giletti. Ne ha dette tante, ma anche questo gli succede spesso. Ce n'è stata una, però, che ci ha colpiti particolarmente. Nel motivare la sua contrarietà alla nomina di Gino Strada come commissario della sanità calabrese, ha dichiarato questo: «Se la Calabria fosse gestita da calabresi la situazione sarebbe migliore. Il medico che ha curato Boris Johnson è calabrese, il nuovo rettore dell'Università La Sapienza di Roma è calabrese…». Peccato che il coordinatore della Lega in Calabria, Cristian Invernizzi, non sia né di Reggio Calabria né di Catanzaro ma di Treviglio, un comune in provincia di Bergamo. Sarà un caso, direte voi. E invece no, perché anche in Campania il coordinatore della Lega, Nicola Molteni, non è di Napoli, Avellino, Caserta, Salerno o Benevento ma di Cantù, un comune talmente a Nord che è a 15 chilometri dalla Svizzera. Una semplice coincidenza? No, perché in Sicilia il coordinatore regionale della Lega è Stefano Candiani, che non è né di Palermo né di Catania ma di Busto Arsizio, in provincia della 'sicilianissima' Varese. Ora, noi non abbiamo alcun dubbio che i calabresi abbiano intelligenze e competenze straordinarie, ma da Matteo Salvini ci piacerebbe capire perché il criterio regionale debba valere solamente per gli altri e, nella fattispecie, per un medico straordinario come Gino Strada. Di che cosa ha paura, senatore Salvini? Ps: il commissario Cotticelli in Calabria lo ha mandato lui.L'immagine può contenere: 2 persone, il seguente testo "Salvini dice che la Calabria la devono gestire i calabresi Ma li ha nominato un commissario di partito bergamasco"
 
 
 
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

L'immagine può contenere: il seguente testo "PENSIERO PURC Nel 2008 Salvini votò il salva Benetton (governo Berlusconi). Eliminarono il rigoroso controllo qualità sulle strade voluto da Prodi e permisero aumenti a dismisura delle tariffe sganciandole dagli investimenti effettuati."

ESEMPIO TIPICO DI COME LE DESTRE DISTORCONO LA REALTA'

La vicenda della concessione alla società autostrade è l’esempio classico di come Salvini e la Lega cerca di lucrare consensi facendo dimenticare la verità su chi decise le forme ed i contenuti della concessione.

Un po come hanno fatto con la convenzione di Dublino sui migranti, firmata dal ministro dell’interno leghista Roberto Maroni.

Sulla concessione ad autostrade le chiacchere stanno a zero. Spiegatelo pure facendogli i disegnini a quel simil giornalista pagliaccio ed urlatore di Mario Giordano.

Il governo Prodi aveva scritto una bozza di concessione molto rigida che prevedeva un rigoroso controllo qualità nella gestione di autostrade e vincolava gli eventuali aumenti di tariffe agli investimenti realmente effettuati e non a quelli messi in biancio.

Poi Prodi se ne andò e nel 2006 arrivo il governo Berlusconi. Salvini stava prorpio nella commissione trasporti della Camera, la commissione che discusse la concessione. E fu in quella sede che apparve l’emendamento detto “salva Benetton” che eliminò dalla concessione sia il rigoroso controllo della qualità sia i vincoli all’amento delle tariffe. Con il salva Benetton lo Stato si trovò con le armi spuntate nei confronti di autostrade.

Da dire poi che l’unico Partito che ebbe sottoscrizioni elettorali fu la Lega Nord. Punto

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, pm610 ha scritto:

125825715_2871753239724196_2539545333698984253_n.jpg?_nc_cat=107&ccb=2&_nc_sid=730e14&_nc_ohc=C9HoQkHlToEAX_R4Onn&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=b84e6e4c2bd156602fc9959ba652450d&oe=5FD8D0A3

Ed è effettivamente così, da sempre.

Se ho solo un panino in saccoccia da chi sto in guardia perché non me lo rubino?

Sicuramente da chi ha la saccoccia vuota. Chi c'è l'ha piena, difficilmente  cerca di rubare anche il mio panino.

Un esempio su tutti? Il sig Frizz. Non si lamenta sempre che gli  invasori gli rubano il pane?

 

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

esempio su tutti? Il sig Frizz. Non si lamenta sempre che gli  invasori gli rubano il pane?

Il  problema  è  che  non   sno gli  invasori   che    gli  rubano  il  pane   ma  sono quelli  che  rubano  49 milioni a  farlo perché  in  realtà e  proprio  chi  ha  troppo   che  toglie  a  chi  a   poco  o  nulla... vedi  quelli e   si    sono  quelle   sono vere invasioni  di  ladri ,  che  hanno  RAPINATO  Africani e  i  VERI  AMERICANI   sia   del  Nord   sia  del Centro  o del Sud.... e  lasciando  nemmeno  le  lacrime   per  piangere 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Ed è effettivamente così, da sempre.

Se ho solo un panino in saccoccia da chi sto in guardia perché non me lo rubino?

Sicuramente da chi ha la saccoccia vuota. Chi c'è l'ha piena, difficilmente  cerca di rubare anche il mio panino.

Un esempio su tutti? Il sig Frizz. Non si lamenta sempre che gli  invasori gli rubano il pane?

 

Si, ma in cambio del pane di saccoccia, il sig. Frizz ottiene dagli uomini neri metri e metri di pane barese.....

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non conosco il pane barese..... è davvero duro come dicono, sig cortomaltese?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963