La t o p a di fogna

oggi 11-11-20 rivolgendomi  alla ridicola marketta pisana, scrivevo:

Ci dia l'indirizzo di casa, verremo io e il sig cortomaltese a portarle personalmente, un panettone uguale a quello che mangiano i poverelli, nel frattempo daremo una occhiata all'attestato che certifica la sua mono laurea, ridicola marketta pisana.

La ridicola marketta pisana mi rispondeva

Vieni sola , caaata !! Io l’indirizzo te l’ho già dato ma te ti rifugi dietro piazza San Marco . E fai bene !! Se però cambi idea dimmelo che ti aspetto . Sennò il “servizio “ te lo vengo a fare a domicilio . Ma in questo caso devi darmi l’indirizzo preciso e non alla Calle del Doge che , ammetterai , e’ molto generico 

Ho dovuto correggerla perchè come sapete ultimamente è molto stressata e la memoria già da tempo l'ha abbandonata, motivo per il quale, la ridicola marketta pisana, continua a scrivere kagate e facnius  a profusione.

Ecco la mia risposta:

Lei ha dato un indirizzo preciso, ridicola marketta pisana?

Lei ha indicato solo una via, senza mettere un numero e il nome di chi abita in quel numero.

Io invece le ho dato un indirizzo preciso: davanti al portone della chiesa della madonna della salute. Un luogo conosciuto da mezzo mondo, e a mezza strada dalla sua abitazione e dalla mia.

Le ho anche detto di informarmi del suo arrivo almeno due giorni prima, le ho pure detto come mi sarei presentato per farmi riconoscere: salopette marrone chiaro, camicia scozzese rossa, cappello di paglia e naturalmente scarpe grosse da contadino che mi sarebbero servite a prenderla a calci in Q.lo fino a quando, per salvarsi,  avrebbe deciso di buttarsi in laguna. 

Naturalmente da t o p a di fogna qual'e', ha preferito rintanarsi anche quella volta.

Come ogni lettore può testimoniare, io ero stato precisissimo e lei no, ma io non sono l'immonda, bugiarda, malalingua,  ladra, oltre che ridicola marketta pisana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

19 messaggi in questa discussione

oggi 11-11-20 rivolgendomi  alla ridicola marketta pisana, scrivevo:

Ci dia l'indirizzo di casa, verremo io e il sig cortomaltese a portarle personalmente, un panettone uguale a quello che mangiano i poverelli, nel frattempo daremo una occhiata all'attestato che certifica la sua mono laurea, ridicola marketta pisana.

La ridicola marketta pisana mi rispondeva

Vieni sola , caaata !! Io l’indirizzo te l’ho già dato ma te ti rifugi dietro piazza San Marco . E fai bene !! Se però cambi idea dimmelo che ti aspetto . Sennò il “servizio “ te lo vengo a fare a domicilio . Ma in questo caso devi darmi l’indirizzo preciso e non alla Calle del Doge che , ammetterai , e’ molto generico 

Ho dovuto correggerla perchè come sapete ultimamente è molto stressata e la memoria già da tempo l'ha abbandonata, motivo per il quale, la ridicola marketta pisana, continua a scrivere kagate e facnius  a profusione.

Ecco la mia risposta:

Lei ha dato un indirizzo preciso, ridicola marketta pisana?

Lei ha indicato solo una via, senza mettere un numero e il nome di chi abita in quel numero.

Io invece le ho dato un indirizzo preciso: davanti al portone della chiesa della madonna della salute. Un luogo conosciuto da mezzo mondo, e a mezza strada dalla sua abitazione e dalla mia.

Le ho anche detto di informarmi del suo arrivo almeno due giorni prima, le ho pure detto come mi sarei presentato per farmi riconoscere: salopette marrone chiaro, camicia scozzese rossa, cappello di paglia e naturalmente scarpe grosse da contadino che mi sarebbero servite a prenderla a calci in Q.lo fino a quando, per salvarsi,  avrebbe deciso di buttarsi in laguna. 

Naturalmente da t o p a di fogna qual'e', ha preferito rintanarsi anche quella volta.

Come ogni lettore può testimoniare, io ero stato precisissimo e lei no, ma io non sono l'immonda, bugiarda, malalingua,  ladra, oltre che ridicola marketta pisana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

oggi 11-11-20 rivolgendomi  alla ridicola marketta pisana, scrivevo:

Ci dia l'indirizzo di casa, verremo io e il sig cortomaltese a portarle personalmente, un panettone uguale a quello che mangiano i poverelli, nel frattempo daremo una occhiata all'attestato che certifica la sua mono laurea, ridicola marketta pisana.

La ridicola marketta pisana mi rispondeva

Vieni sola , caaata !! Io l’indirizzo te l’ho già dato ma te ti rifugi dietro piazza San Marco . E fai bene !! Se però cambi idea dimmelo che ti aspetto . Sennò il “servizio “ te lo vengo a fare a domicilio . Ma in questo caso devi darmi l’indirizzo preciso e non alla Calle del Doge che , ammetterai , e’ molto generico 

Ho dovuto correggerla perchè come sapete ultimamente è molto stressata e la memoria già da tempo l'ha abbandonata, motivo per il quale, la ridicola marketta pisana, continua a scrivere kagate e facnius  a profusione.

Ecco la mia risposta:

Lei ha dato un indirizzo preciso, ridicola marketta pisana?

Lei ha indicato solo una via, senza mettere un numero e il nome di chi abita in quel numero.

Io invece le ho dato un indirizzo preciso: davanti al portone della chiesa della madonna della salute. Un luogo conosciuto da mezzo mondo, e a mezza strada dalla sua abitazione e dalla mia.

Le ho anche detto di informarmi del suo arrivo almeno due giorni prima, le ho pure detto come mi sarei presentato per farmi riconoscere: salopette marrone chiaro, camicia scozzese rossa, cappello di paglia e naturalmente scarpe grosse da contadino che mi sarebbero servite a prenderla a calci in Q.lo fino a quando, per salvarsi,  avrebbe deciso di buttarsi in laguna. 

Naturalmente da t o p a di fogna qual'e', ha preferito rintanarsi anche quella volta.

Come ogni lettore può testimoniare, io ero stato precisissimo e lei no, ma io non sono l'immonda, bugiarda, malalingua,  ladra, oltre che ridicola marketta pisana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

oggi 11-11-20 rivolgendomi  alla ridicola marketta pisana, scrivevo:

Ci dia l'indirizzo di casa, verremo io e il sig cortomaltese a portarle personalmente, un panettone uguale a quello che mangiano i poverelli, nel frattempo daremo una occhiata all'attestato che certifica la sua mono laurea, ridicola marketta pisana.

La ridicola marketta pisana mi rispondeva

Vieni sola , caaata !! Io l’indirizzo te l’ho già dato ma te ti rifugi dietro piazza San Marco . E fai bene !! Se però cambi idea dimmelo che ti aspetto . Sennò il “servizio “ te lo vengo a fare a domicilio . Ma in questo caso devi darmi l’indirizzo preciso e non alla Calle del Doge che , ammetterai , e’ molto generico 

Ho dovuto correggerla perchè come sapete ultimamente è molto stressata e la memoria già da tempo l'ha abbandonata, motivo per il quale, la ridicola marketta pisana, continua a scrivere kagate e facnius  a profusione.

Ecco la mia risposta:

Lei ha dato un indirizzo preciso, ridicola marketta pisana?

Lei ha indicato solo una via, senza mettere un numero e il nome di chi abita in quel numero.

Io invece le ho dato un indirizzo preciso: davanti al portone della chiesa della madonna della salute. Un luogo conosciuto da mezzo mondo, e a mezza strada dalla sua abitazione e dalla mia.

Le ho anche detto di informarmi del suo arrivo almeno due giorni prima, le ho pure detto come mi sarei presentato per farmi riconoscere: salopette marrone chiaro, camicia scozzese rossa, cappello di paglia e naturalmente scarpe grosse da contadino che mi sarebbero servite a prenderla a calci in Q.lo fino a quando, per salvarsi,  avrebbe deciso di buttarsi in laguna. 

Naturalmente da t o p a di fogna qual'e', ha preferito rintanarsi anche quella volta.

Come ogni lettore può testimoniare, io ero stato precisissimo e lei no, ma io non sono l'immonda, bugiarda, malalingua,  ladra, oltre che ridicola marketta pisana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

oggi 11-11-20 rivolgendomi  alla ridicola marketta pisana, scrivevo:

Ci dia l'indirizzo di casa, verremo io e il sig cortomaltese a portarle personalmente, un panettone uguale a quello che mangiano i poverelli, nel frattempo daremo una occhiata all'attestato che certifica la sua mono laurea, ridicola marketta pisana.

La ridicola marketta pisana mi rispondeva

Vieni sola , caaata !! Io l’indirizzo te l’ho già dato ma te ti rifugi dietro piazza San Marco . E fai bene !! Se però cambi idea dimmelo che ti aspetto . Sennò il “servizio “ te lo vengo a fare a domicilio . Ma in questo caso devi darmi l’indirizzo preciso e non alla Calle del Doge che , ammetterai , e’ molto generico 

Ho dovuto correggerla perchè come sapete ultimamente è molto stressata e la memoria già da tempo l'ha abbandonata, motivo per il quale, la ridicola marketta pisana, continua a scrivere kagate e facnius  a profusione.

Ecco la mia risposta:

Lei ha dato un indirizzo preciso, ridicola marketta pisana?

Lei ha indicato solo una via, senza mettere un numero e il nome di chi abita in quel numero.

Io invece le ho dato un indirizzo preciso: davanti al portone della chiesa della madonna della salute. Un luogo conosciuto da mezzo mondo, e a mezza strada dalla sua abitazione e dalla mia.

Le ho anche detto di informarmi del suo arrivo almeno due giorni prima, le ho pure detto come mi sarei presentato per farmi riconoscere: salopette marrone chiaro, camicia scozzese rossa, cappello di paglia e naturalmente scarpe grosse da contadino che mi sarebbero servite a prenderla a calci in Q.lo fino a quando, per salvarsi,  avrebbe deciso di buttarsi in laguna. 

Naturalmente da t o p a di fogna qual'e', ha preferito rintanarsi anche quella volta.

Come ogni lettore può testimoniare, io ero stato precisissimo e lei no, ma io non sono l'immonda, bugiarda, malalingua,  ladra, oltre che ridicola marketta pisana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

oggi 11-11-20 rivolgendomi  alla ridicola marketta pisana, scrivevo:

Ci dia l'indirizzo di casa, verremo io e il sig cortomaltese a portarle personalmente, un panettone uguale a quello che mangiano i poverelli, nel frattempo daremo una occhiata all'attestato che certifica la sua mono laurea, ridicola marketta pisana.

La ridicola marketta pisana mi rispondeva

Vieni sola , caaata !! Io l’indirizzo te l’ho già dato ma te ti rifugi dietro piazza San Marco . E fai bene !! Se però cambi idea dimmelo che ti aspetto . Sennò il “servizio “ te lo vengo a fare a domicilio . Ma in questo caso devi darmi l’indirizzo preciso e non alla Calle del Doge che , ammetterai , e’ molto generico 

Ho dovuto correggerla perchè come sapete ultimamente è molto stressata e la memoria già da tempo l'ha abbandonata, motivo per il quale, la ridicola marketta pisana, continua a scrivere kagate e facnius  a profusione.

Ecco la mia risposta:

Lei ha dato un indirizzo preciso, ridicola marketta pisana?

Lei ha indicato solo una via, senza mettere un numero e il nome di chi abita in quel numero.

Io invece le ho dato un indirizzo preciso: davanti al portone della chiesa della madonna della salute. Un luogo conosciuto da mezzo mondo, e a mezza strada dalla sua abitazione e dalla mia.

Le ho anche detto di informarmi del suo arrivo almeno due giorni prima, le ho pure detto come mi sarei presentato per farmi riconoscere: salopette marrone chiaro, camicia scozzese rossa, cappello di paglia e naturalmente scarpe grosse da contadino che mi sarebbero servite a prenderla a calci in Q.lo fino a quando, per salvarsi,  avrebbe deciso di buttarsi in laguna. 

Naturalmente da t o p a di fogna qual'e', ha preferito rintanarsi anche quella volta.

Come ogni lettore può testimoniare, io ero stato precisissimo e lei no, ma io non sono l'immonda, bugiarda, malalingua,  ladra, oltre che ridicola marketta pisana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in un altro post la ridicola marketta pisana, con estremo sprezzo del ridicolo mi ha dato l'indirizzo di casa sua (almeno  dovrebbe essere l'indirizzo di casa sua): " viale delle Piagge n° 9 di Pisa, suonare il campanello"

E sapete cosa scopro? a quell'indirizzo abita la signora Maria Teresa XY ( scusate se scrivo XY al posto del cognome)

mmm,!........mi sa che la ridicola e coraggiosa marketta pisana si nasconde dietro le gonne di una donna, oppure è proprio una donna.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963