aprire la piramide:è arrivato il faraone

Un ex-guerrigliero congolese portato al Policlinico Umberto I di Roma mentre tentava di entrare nella piramide Cestia. Credeva di risiedere lì in quanto faraone con poteri speciali.

Un paziente indiano, un sikh, convinto di essere spiato dalla propria comunità, con telecamere nascoste nel muro, Volevano ucciderlo.

Storie di disagio mentale. Storia di migranti fuori di testa.

Sono alcune delle esperienze raccontate da Lorenzo Tarsitani, psichiatra e coordinatore dell’Ambulatorio di psichiatria delle migrazioni del dipartimento di neuroscienze e salute mentale del Policlinico Umberto I di Roma, che da anni si occupa di questo ambito.

“Sono per lo più giovani, uomini e donne in proporzione uguale, a rivolgersi al nostro ambulatorio – spiega Tarsitani – ed è proprio questa fascia d’età quella più colpita dai disturbi psichiatrici più gravi”.Ovviamente tutti qui....ben accetti da qualche frangia politica!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

HANNO IL CAPPELLO DI NAPOLEONE...SONO CONDUTTORI CONME BEN HUR....MA IN ITALIA HANNO CHIUSO I MANICOMI!! E QUINDI,LI TROVEREMO PER LE STRADE..CON UN PICCONE..FILM GIA' VIDSTO.E SICCOME SONO PSICOLABILI (SICH!!) NON POSSONO ESSERE INCRIMINATI!! AH...SE NO NSONO PSICOLABILI,ALLORA SONO INCINTA..ANCHE SE UOMINI....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963