Ero stato facile profeta

Come era facile prevedere, il collegio difensivo del frodatore Silvio Berlusconi davanti alla Corte di Strasburgo si aggrappa mani e piedi al caso del ladro Minzolini. Il Senato della Repubblica aveva sancito la decadenza del primo pregiudicato ma non del secondo. "Fatti identici trattati in maniera diversa" fu all'epoca il commento interessato ma ineccepibile dell'avv. on. Ghedini. Per l'ex cavaliere il Senato si era infatti limitato ad applicare, come suo dovere, la legge Severino. Per l'ex direttore del tg1 una maggioranza trasversale, comprendente un folto gruppo di vergognosi  (per non dire venduti) senatori del Pd, aveva perpetrato un abu.so di potere, a mia memoria senza precedenti nella storia repubblicana, osando disapplicare una legge dello Stato e giudicare una sentenza della magistratura. Ebbene, stamane un giudice della Corte di Strasburgo ha chiesto esplicitamente conto allo Stato italiano di quella plateale "discrepanza". Richiesta ineccepibile, ma io avrei anche chiesto ai difensori di B. come mai il partito di B. a suo tempo votò a favore di una legge che oggi considera altamente lesiva dei diritti umani. Il frodatore sapeva benissimo, quando si candidò al Senato nel febbraio  2013, che una sua eventuale condanna definitiva a pena superiore ai due anni in uno dei processi in corso avrebbe comportato la decadenza e l'ineleggibilità. Dunque l'applicazione della Severino a B. non fu affatto retroattiva. Solo nel paese di Pulcinella un pulcinella leader di partito ricorre in sede sovranazionale contro una legge approvata dal suo stesso partito. E solo nel paese di Pulcinella un altro pulcinella, che aveva ripetutamente giurato di lasciare la politica, sfida, o finge di sfidare, in un ben preciso collegio elettorale, un incandidabile. Con il quale, per  colmo dei colmi, aveva appena approvato una legge elettorale scritta apposta per governare insieme. Questi non sono politici spudorati, e nemmeno giocatori delle tre carte, questi sono serpenti che avvelenano le istituzioni e la democrazia.  Che vergogna e che schifo!

https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/11/22/silvio-berlusconi-alla-corte-di-strasburgo-le-domande-dei-giudici-su-discrepanze-tra-il-suo-caso-e-quello-di-minzolini/3993824/

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

14 messaggi in questa discussione

Lo  potranno  togliere  dalla   Severino  ma  resta un  pregiudicato  ovvero  un  delinquente,  ma  la  certezza  della  pena  etc  etc   che  i destri  vantano   di  volere   vale solo  applicata  ad  altri  ,  fanno come  i grilli ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

P.S.  Sto   ancora   aspettando   i  nomi degli  UOMINI  VERI ...e  su  che   basi  li  reputi  tali

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

P.S.  Sto   ancora   aspettando   i  nomi degli  UOMINI  VERI ...e  su  che   basi  li  reputi  tali

Fai una cosa Los, prova a giudicare da solo.

Un giovane politico di grande successo, un idealista non un mestierante, con un posto sicuro in parlamento, con qualche possibilità di vincere le elezioni e diventare addirittura ministro, decide di saltare un'intera legislatura per stare vicino alla sua famiglia, per coltivare le sue passioni private in piena autonomia, rinunciando a un lauto stipendio ma senza rinunciare a dare un disinteressato contributo al suo Movimento in campagna elettorale. Dall'altra parte hai un politico un po' meno giovane, ma già incallito mestierante, che aveva ripetutamente promesso in tutte le sedi, finanche davanti ai rappresentanti del popolo sovrano, di lasciare per sempre la politica, e che si rimangia la parola. E che umilia il più grande partito del paese, spaccato e comandato da un bugiardo incapace e dalla sua cricca di corregionali; che stringe un patto con un delinquente appena condannato ed espulso dal parlamento per manomettere insieme a lui la Costituzione; e che ora si augura che il delinquente di cui sopra possa essere politicamente riabilitato da giudici stranieri anche al costo di calpestare e affossare una legge dello Stato italiano scritta allo scopo di restituire un minimo di pulizia e di credibilità alla politica. Secondo te, chi dei due è il vero uomo?

E se da un lato hai uno che ha sempre combattuto contro i poteri forti, da magistrato e da politico, e che guida sotto le insegne del bene comune (vedasi l'acqua pubblica) una delle città più problematiche del mondo, una delle più vessate dal potere, senza avere alle spalle nessun partito e nessuna mafia; mentre dall'altra parte hai uno che con la mafia e con il potere politico corrotto ha lungamente interagito, uno che ha coperto di vergogna e di ridicolo il paese con i suoi vizi e i suoi scandali privati, e che ora si ripresenta come se fosse il salvatore della patria, allora io ti chiedo: secondo te, che di questi due è un vero uomo? 

Saluti

  

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

Come era facile prevedere, il collegio difensivo del frodatore Silvio Berlusconi davanti alla Corte di Strasburgo si aggrappa mani e piedi al caso del ladro Minzolini. Il Senato della Repubblica aveva sancito la decadenza del primo pregiudicato ma non del secondo. "Fatti identici trattati in maniera diversa" fu all'epoca il commento interessato ma ineccepibile dell'avv. on. Ghedini. Per l'ex cavaliere il Senato si era infatti limitato ad applicare, come suo dovere, la legge Severino. Per l'ex direttore del tg1 una maggioranza trasversale, comprendente un folto gruppo di vergognosi  (per non dire venduti) senatori del Pd, aveva perpetrato un abu.so di potere, a mia memoria senza precedenti nella storia repubblicana, osando disapplicare una legge dello Stato e giudicare una sentenza della magistratura. Ebbene, stamane un giudice della Corte di Strasburgo ha chiesto esplicitamente conto allo Stato italiano di quella plateale "discrepanza". Richiesta ineccepibile, ma io avrei anche chiesto ai difensori di B. come mai il partito di B. a suo tempo votò a favore di una legge che oggi considera altamente lesiva dei diritti umani. Il frodatore sapeva benissimo, quando si candidò al Senato nel febbraio  2013, che una sua eventuale condanna definitiva a pena superiore ai due anni in uno dei processi in corso avrebbe comportato la decadenza e l'ineleggibilità. Dunque l'applicazione della Severino a B. non fu affatto retroattiva. Solo nel paese di Pulcinella un pulcinella leader di partito ricorre in sede sovranazionale contro una legge approvata dal suo stesso partito. E solo nel paese di Pulcinella un altro pulcinella, che aveva ripetutamente giurato di lasciare la politica, sfida, o finge di sfidare, in un ben preciso collegio elettorale, un incandidabile. Con il quale, per  colmo dei colmi, aveva appena approvato una legge elettorale scritta apposta per governare insieme. Questi non sono politici spudorati, e nemmeno giocatori delle tre carte, questi sono serpenti che avvelenano le istituzioni e la democrazia.  Che vergogna e che schifo!

https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/11/22/silvio-berlusconi-alla-corte-di-strasburgo-le-domande-dei-giudici-su-discrepanze-tra-il-suo-caso-e-quello-di-minzolini/3993824/

Chissà se parole analoghe il Cazzaro Fosforo le rivolse pure al suo mito nonché sindaco di Napoli De Magistris . Ricordo che Giggino o’magistrato si scaglio’ contro la Severino chiedendone l’immediata modifica e non chiese di rinunciare alla prescrizione nel processo che lo vide condannato in primo grado . Quando si tratta e si parla di dignità , il Cazzaro Fosforo corre più di Carl Lewis..,!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah , il testo .,


  •  
logo-header-navbar.png

“Legge Severino è costituzionale, ricorso infondato”. De Magistris verso la sospensione”

de-magistris-de-luca-6752.jpg

La Corte Costituzionale rigetta il provvedimento del Tar a favore del sindaco partenopeo sulle norme relative allo stop per gli amministratori locali condannati, anche in via non definitiva, per determinati reati. Caldoro: "Vuoto istituzionale a Napoli e in Campania".

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi scusi signor mark, ma con la scusa di De Magistris, lei vuole farci sapere di essere favorevole alla riabilitazione di Berlusconi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

mi scusi signor mark, ma con la scusa di De Magistris, lei vuole farci sapere di essere favorevole alla riabilitazione di Berlusconi?

Assolutamente No. Sono contrario ai furbetti perdipiu’ Cazzari . Verso quello che non profferì parola quando a dire certe cose fu il Sindaco di Napoli. Tutto qui !!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

Fai una cosa Los, prova a giudicare da solo.

Un giovane politico di grande successo, un idealista non un mestierante, con un posto sicuro in parlamento, con qualche possibilità di vincere le elezioni e diventare addirittura ministro, decide di saltare un'intera legislatura per stare vicino alla sua famiglia, per coltivare le sue passioni private in piena autonomia, rinunciando a un lauto stipendio ma senza rinunciare a dare un disinteressato contributo al suo Movimento in campagna elettorale. Dall'altra parte hai un politico un po' meno giovane, ma già incallito mestierante, che aveva ripetutamente promesso in tutte le sedi, finanche davanti ai rappresentanti del popolo sovrano, di lasciare per sempre la politica, e che si rimangia la parola. E che umilia il più grande partito del paese, spaccato e comandato da un bugiardo incapace e dalla sua cricca di corregionali; che stringe un patto con un delinquente appena condannato ed espulso dal parlamento per manomettere insieme a lui la Costituzione; e che ora si augura che il delinquente di cui sopra possa essere politicamente riabilitato da giudici stranieri anche al costo di calpestare e affossare una legge dello Stato italiano scritta allo scopo di restituire un minimo di pulizia e di credibilità alla politica. Secondo te, chi dei due è il vero uomo?

E se da un lato hai uno che ha sempre combattuto contro i poteri forti, da magistrato e da politico, e che guida sotto le insegne del bene comune (vedasi l'acqua pubblica) una delle città più problematiche del mondo, una delle più vessate dal potere, senza avere alle spalle nessun partito e nessuna mafia; mentre dall'altra parte hai uno che con la mafia e con il potere politico corrotto ha lungamente interagito, uno che ha coperto di vergogna e di ridicolo il paese con i suoi vizi e i suoi scandali privati, e che ora si ripresenta come se fosse il salvatore della patria, allora io ti chiedo: secondo te, che di questi due è un vero uomo? 

Saluti

  

Ancora  non  è  fuori  e  di  balle  i  grillini ad  oggi  ne  han raccontate  tante,  come  quella  della  rinuncia  al  finanziamento  a  cui  non  hanno  diritto,  che  sarebbe  uguale  alla mia  rinuncia  a ritirare la  vincita  alla  ***  senza  aver  comprato nessun  biglietto,   ai 2500 €  di  stipendio  cosa  che nessuno ha  fatto  ma  che   invece ed  è  agli  atti  si  son  fatti   rimborsare   anche  le  spese  do  albergo a  Roma, pur  nel  contempo  facendosi  rimborsare  le  spese  dell'apppartamento  ovvero   alla poltrona   ci  sono e  ne  usano  tutti i  benefit  come  tutti  gli  altri... e  comunque   non basta   dire  non  m i  ricandido  per   diventare  un   uomo  vero   credo  che  ci  voglia  molto  di  più dal  possessore  di  due   QUASI   LAUREE..  torna  pure  facile,  e  gliene   forniscono  di  fatti, blaterare   sugli  sbagli degli  altri  ma  poi   non fare  nulla di nulla  e  Roma  insegna...ovvero ad  oggi  nel  panorama  politico  non  vedo  nessun  vero  uomo   solo  ominicchi nessun  escluso  ... purtroppo

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, pm610 ha scritto:

Ancora  non  è  fuori  e  di  balle  i  grillini ad  oggi  ne  han raccontate  tante,  come  quella  della  rinuncia  al  finanziamento  a  cui  non  hanno  diritto,  che  sarebbe  uguale  alla mia  rinuncia  a ritirare la  vincita  alla  ***  senza  aver  comprato nessun  biglietto,   ai 2500 €  di  stipendio  cosa  che nessuno ha  fatto  ma  che   invece ed  è  agli  atti  si  son  fatti   rimborsare   anche  le  spese  do  albergo a  Roma, pur  nel  contempo  facendosi  rimborsare  le  spese  dell'apppartamento  ovvero   alla poltrona   ci  sono e  ne  usano  tutti i  benefit  come  tutti  gli  altri... e  comunque   non basta   dire  non  m i  ricandido  per   diventare  un   uomo  vero   credo  che  ci  voglia  molto  di  più dal  possessore  di  due   QUASI   LAUREE..  torna  pure  facile,  e  gliene   forniscono  di  fatti, blaterare   sugli  sbagli degli  altri  ma  poi   non fare  nulla di nulla  e  Roma  insegna...ovvero ad  oggi  nel  panorama  politico  non  vedo  nessun  vero  uomo   solo  ominicchi nessun  escluso  ... purtroppo

Comunque dobbiamo tutti ammettere che Dibba è uno furbo, molto furbo: da sfaccendato con laurea DAMS a deputato con 313 voti sul blog di un pregiudicato. Si fa una legislatura piena, urlando contro stipendi, pensioni d'oro etc. e intanto mette via un bel gruzzolo e ottiene l'agognato "vitalizio" (come lo chiamano loro). Dopodiché pubblica un paio di libercoli alla Fabio Volo con una casa editrice di BERLUSCONI. Una volta diventato ricco con la politica, grazie ai quattrini dei tifosi dell'honestà e dell'antikasta, si ritira a vita privata a fare il padre nobile del Movimento e il mammo alla svedese. E non finisce qui! Ci aspettiamo di vederlo presto anche come opinionista fisso in vari studi TV. Poi se Virginia finisce in galera diventa anche Re di Roma.

safe_image.php?d=AQB-snaP-lZlgaFl&w=476&
Che il pensiero grillino fosse a geometria variabile è ormai cosa accertata. Dalla giustizia alla decrescita felice, dai privilegi all'efficienza, i Cinquestelle hanno regole, morali e privilegi diversi a seconda che interessino loro o il resto del mondo. Tra i…
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Los, dici che i nostri politici sono tutti ominicchi, nessuno escluso. Devo dedurre che per te sono ominicchi anche Mattarella, Grasso, etc., mentre la Bonino, la Boldrini etc. sono donnicciule. Ma allora mettiamola così. Se tu dovessi necessariamente fare una scelta, tra Berlusconi e Di Maio chi sceglieresti? A questa precisa domanda Eugenio Scalfari ha risposto senza esitare che sceglierebbe Berlusconi.  Ma è noto che il cuore indurito e sclerotizzato dell'ex redattore capo di Roma Fascista, da 70 anni tra.vestito da liberalsocialista, ultimamente con tendenze oligarchiche, continua a battere dove in realtà ha sempre  battuto: a destra, ma non la destra liberale e legalitaria di Montanelli, bensì verso la destra più becera e populista, per quanto ipocritamente diluita in salsa elitaria e radical-chic. La medesima risposta l'ha data un altro campione di ipocrisia, quel Beppe Severgnini che sul New York Times ha vomitato un attacco personale e livoroso al connazionale Di Maio in visita negli USA. Ma Di Maio finora non ha fatto al nostro paese nemmeno un trilionesimo dei danni fatti da Berlusconi. Ti chiedo un giudizio preciso e obbiettivo, Los: tu tra Di Maio e Berlusconi chi sceglieresti  come premier? E tra Di Battista e il disastroso, incapace e bugiardo Renzi?

Saluti

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Caro Los, dici che i nostri politici sono tutti ominicchi, nessuno escluso. Devo dedurre che per te sono ominicchi anche Mattarella, Grasso, etc., mentre la Bonino, la Boldrini etc. sono donnicciule. Ma allora mettiamola così. Se tu dovessi necessariamente fare una scelta, tra Berlusconi e Di Maio chi sceglieresti? A questa precisa domanda Eugenio Scalfari ha risposto senza esitare che sceglierebbe Berlusconi.  Ma è noto che il cuore indurito e sclerotizzato dell'ex redattore capo di Roma Fascista, da 70 anni *** da liberalsocialista, ultimamente con tendenze oligarchiche, continua a battere dove in realtà ha sempre  battuto: a destra, ma non la destra liberale e legalitaria di Montanelli, bensì verso la destra più becera e populista, per quanto ipocritamente diluita in salsa elitaria e radical-chic. La medesima risposta l'ha data un altro campione di ipocrisia, quel Beppe Severgnini che sul New York Times ha vomitato un attacco personale e livoroso al connazionale Di Maio in visita negli USA. Ma Di Maio finora non ha fatto al nostro paese nemmeno un trilionesimo dei danni fatti da Berlusconi. Ti chiedo un giudizio preciso e obbiettivo, Los: tu tra Di Maio e Berlusconi chi sceglieresti  come premier? E tra Di Battista e il disastroso, incapace e bugiardo Renzi?

Saluti

Di  Mattarella  non  ho  alcuna    fiducia,  di Grasso   come  magistrato  alla   antimafia   ero  un  ammiratore  come  politico  molto  meno,   Bonino  una   grande   donna  che   ha  fatto  delle  grandi  battaglie  ma  come  leader  purtroppo  ininfluente   come  la  Boldrini.  Se  dovessi  scegliere  tra  di  Majo e  Berlusconi   non   sceglierei nessuno  dei  due  per  certi  versi  sono  uguali  anche  se  non  hanno  la  stessa  caratura nelle  loro   vite  personali  , posso  ?? Delle   scelte   di  Scalfari   a  me  poco  importa  sono  le  sue  e  non  le  mie,  come   quelle   di tanti   altri  personaggi.   Come   detto e   ridetto  se   ci  fosse  meno  protervia  e  superbia    nei  pentastellati  sarebbe   forse   meglio  i fatti  han  dimostrato  che  oltre  essere  incapaci  di  governare   anche  piccole  comunità,  lasciamo  perdere   Roma  sono   disonesti  come  tutti  se  non  peggio   perchè  si vantano   di essere  migliori  cosa   che  non  è assolutamente  vero.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, pm610 ha scritto:

Di  Mattarella  non  ho  alcuna    fiducia,  di Grasso   come  magistrato  alla   antimafia   ero  un  ammiratore  come  politico  molto  meno,   Bonino  una   grande   donna  che   ha  fatto  delle  grandi  battaglie  ma  come  leader  purtroppo  ininfluente   come  la  Boldrini.  Se  dovessi  scegliere  tra  di  Majo e  Berlusconi   non   sceglierei nessuno  dei  due  per  certi  versi  sono  uguali  anche  se  non  hanno  la  stessa  caratura nelle  loro   vite  personali  , posso  ?? Delle   scelte   di  Scalfari   a  me  poco  importa  sono  le  sue  e  non  le  mie,  come   quelle   di tanti   altri  personaggi.   Come   detto e   ridetto  se   ci  fosse  meno  protervia  e  superbia    nei  pentastellati  sarebbe   forse   meglio  i fatti  han  dimostrato  che  oltre  essere  incapaci  di  governare   anche  piccole  comunità,  lasciamo  perdere   Roma  sono   disonesti  come  tutti  se  non  peggio   perchè  si vantano   di essere  migliori  cosa   che  non  è assolutamente  vero.

Caro Los, con il Bufalaro e’ una partita persa. Ti sarai accorto della “battaglia “ che giornalmente conduco contro il Cazzaro . A quest’ultimo , oramai , non interessa più andare alla ricerca delle responsabilità . Quelle vere e da qualsiasi parte provengono . No, no !! Il Cazzaro ormai ha stabilito quali sono i bersagli ed a questi si attiene . Il Cazzaro, per dare un senso alle proprie frustrazioni , ha deciso che i bersagli sono Renzi , il PD e tuttocio’ che ruota intorno a quell’asse. Cosa puoi aspettarti da un energume.no simile ?? Niente , dammi retta !! E’ solo uno che vive la sua vita politica nella speranza che Renzi ed il PD scompaiano dalla scena politica non rendendosi conto che senza i PD non vi può essere sx in questo Paese . E lo fa al punto tale che si augura, il Cazzaro , che presto l’agone politico si confronti tra la scelta tra Di Battista e De Magistris . Due personaggi che non hanno manco una parvenza di sx. E sono proprio quelli come il Cazzaro i più pericolosi avversari della sx. Sono quelli lì che vanno combattuti aspramente e giornalmente perché sono proprio quelli come il Bufalaro che ci portano ad essere governati dalla feccia dei vecchi e nuovi Fascisti . Saluti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Berlu è un profittatore in ogni occasione, e non gli mancano gli amici.....sparla dell'E.U., e questi gli fanno anche il favore di aspettare la sentenza, cosi si possa presentare alle elezioni come politico modello, poi se viene eletto sicuramente o cade in prescrizione o viene assolto.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, sempre135 ha scritto:

Berlu è un profittatore in ogni occasione, e non gli mancano gli amici.....sparla dell'E.U., e questi gli fanno anche il favore di aspettare la sentenza, cosi si possa presentare alle elezioni come politico modello, poi se viene eletto sicuramente o cade in prescrizione o viene assolto.....

Beh  mi  sembra  che  il  direttore   della Repubblica sia  molto  chiaro  in  merito

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963