Dati del contagio...e caos!!! Per non dire bufalari!!

Insomma i dati del contagio fornito dal ministero sono parziali e in un certo senso farlocchi...le regioni dal loro database caricano i dati al ministero, ma trasmettono solo il rapporto in percentuale tra tampone molecolare e positivi, non inseriscono i tamponi rapidi, quindi.., come è già chiaro ..la percentuale è molto più alta della realtà, la domanda sorge spontanea,.. xché usano i tamponi rapidi e non li contabilizzano?? Questa è la dimostrazione di una certa buona fede del popolo,mal riposta..nei confronti di codesti personaggi.. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

5 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Insomma i dati del contagio fornito dal ministero sono parziali e in un certo senso farlocchi...le regioni dal loro database caricano i dati al ministero, ma trasmettono solo il rapporto in percentuale tra tampone molecolare e positivi, non inseriscono i tamponi rapidi, quindi.., come è già chiaro ..la percentuale è molto più alta della realtà, la domanda sorge spontanea,.. xché usano i tamponi rapidi e non li contabilizzano?? Questa è la dimostrazione di una certa buona fede del popolo,mal riposta..nei confronti di codesti personaggi.. 

580 morti oggi per Covid.Ci dica, sig. Marziano, non è che fossero tutti POSITIVI MA NON AMMALATI ?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I dati che qualcuno ci propina non rispecchiano la realtà, non rispecchiano la logica, non rispecchiano ne la salute ne la verità dei fatti ; es prendiamo una città "metropolitana" Roma circa tre milioni di abitanti (non contiamo i clandestini) possibile che non sia zona rossa? Bari oltre trecentomila abitanti, Bologna oltre un milione, idem Catania , Firenze, Palermo, li il covid non si considera? se ne parla poco o nulla . se si guarda la carta ci sono persone che statisticamente fanno numero da quando è iniziata l'emergenza , e ormai sono guarite, lavorano, e stanno benone , i dati x regione o città sono inaffidabili se l'ospedale più vicino si trova in un altra citta o regione è ovvio che i malati/contagiati vengono conteggiati nell'atra regione facendola diventare non solo rossa ma addirittura viola .... ma siamo seri , se gli ospedali già prima del covid lamentavano carenze di personale chi inseriva o inserisce i dati per la conta? Purtroppo quando ci si trova di fronte ad un defunto e il medico deve compilare la scheda istat di constatazione di morte e ci scrive covid su che lo stabilisce? sul fatto che era positivo , forse? e se aveva un infarto in corso? sempre colpa del covid? l'autopsia dov'è per dire covid? Sta di fatto che per qualcuno è bello andare in giro per il mondo e dire : un milione di malati, abbiamo raggiunto tre milioni di casi, le stime parlano di oltre sette milioni per la fine del mese di .... tralasciando ed ignorando il fatto che dati sbagliati portano inevitabilmente a decisioni sbagliate 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E lei dove le hai trovato le notizie che confermerebbero le sue dichiarazioni sig mylord?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, mylord611 ha scritto:

I dati che qualcuno ci propina non rispecchiano la realtà, non rispecchiano la logica, non rispecchiano ne la salute ne la verità dei fatti ; es prendiamo una città "metropolitana" Roma circa tre milioni di abitanti (non contiamo i clandestini) possibile che non sia zona rossa? Bari oltre trecentomila abitanti, Bologna oltre un milione, idem Catania , Firenze, Palermo, li il covid non si considera? se ne parla poco o nulla . se si guarda la carta ci sono persone che statisticamente fanno numero da quando è iniziata l'emergenza , e ormai sono guarite, lavorano, e stanno benone , i dati x regione o città sono inaffidabili se l'ospedale più vicino si trova in un altra citta o regione è ovvio che i malati/contagiati vengono conteggiati nell'atra regione facendola diventare non solo rossa ma addirittura viola .... ma siamo seri , se gli ospedali già prima del covid lamentavano carenze di personale chi inseriva o inserisce i dati per la conta? Purtroppo quando ci si trova di fronte ad un defunto e il medico deve compilare la scheda istat di constatazione di morte e ci scrive covid su che lo stabilisce? sul fatto che era positivo , forse? e se aveva un infarto in corso? sempre colpa del covid? l'autopsia dov'è per dire covid? Sta di fatto che per qualcuno è bello andare in giro per il mondo e dire : un milione di malati, abbiamo raggiunto tre milioni di casi, le stime parlano di oltre sette milioni per la fine del mese di .... tralasciando ed ignorando il fatto che dati sbagliati portano inevitabilmente a decisioni sbagliate 

Aggiungiamo al post di lord..che sorge il dubbio della non considerazione da parte delle regioni del test sierologico, il quale precisa se un paziente è venuto a contatto col virus,in caso di esito negativo non si effettua il tampone, insomma in 10 mesi in Italia quanti test sierologici sono stati fatti ...e non sono stati contabilizzati?? Prendere in considerazione solo i tamponi molecolari, e non tutti i sistemi di controllo antivirus, falsa l'indice Rt 

Modificato da marzianobravo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Insomma i dati del contagio fornito dal ministero sono parziali e in un certo senso farlocchi...le regioni dal loro database caricano i dati al ministero, ma trasmettono solo il rapporto in percentuale tra tampone molecolare e positivi, non inseriscono i tamponi rapidi, quindi.., come è già chiaro ..la percentuale è molto più alta della realtà, la domanda sorge spontanea,.. xché usano i tamponi rapidi e non li contabilizzano?? Questa è la dimostrazione di una certa buona fede del popolo,mal riposta..nei confronti di codesti personaggi.. 

600 morti al giorno a lei SICURAMENTE non bastano per riconoscere il contagio........

Sarà che si tratta di MORTI POSITIVI CHE NON ERANO AMMALATI ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Positivo non vuol dire essere sicuramente condannato a morte , ci sono medici ed infermieri positivi che sono stati precettati e mandati a lavorare ..... ci sono poi dei positivi che muoiono per altre cause ma vengono conteggiati come covid ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il bilancio di ieri è molto pesante. Sfiorato il record mondiale e quello europeo di decessi giornalieri, noi con 580 siamo ritornati al livello del 15 aprile. Peggio di noi solo USA e Francia, abbiamo contato più morti dell'India e molti più del Brasile, i due paesi con i numeri assoluti più alti dopo gli USA ma nei quali, al contrario degli USA e dell'Europa, il trend è in miglioramento. Ho la sensazione che gli USA stiano cominciando a pagare il conto delle elezioni e del rush finale della campagna elettorale. Assurdo votare per la Casa Bianca e per il Congresso in quelle condizioni. Si doveva usare solo il voto postale e la campagna doveva limitarsi ai media evitando ogni manifestazione pubblica. Ieri secondo la Johns Hopkins University gli USA hanno polverizzato il loro record di contagi con ben 202mila positivi in un giorno, più 1535 decessi. Il più accurato Worldometer tiene conto, per quanto possibile, dell'accumulo dei dati pregressi e riduce il bilancio a 136mila casi e 1346 morti. Con ciò il tasso di mortalità si sta riavvicinando rapidamente a quello del Brasile, dal quale gli USA erano stati superati un paio di mesi fa. Ma noi purtroppo ci stiamo riavvicinando alla mortalità degli USA, che ci avevano superato e distanziato in estate. Ieri la mortalità in Italia ha toccato esattamente lo 0,7 per mille (senza contare i circa 17mila decessi non registrati in marzo/aprile). Può sembrare poco ma il Covid è già una delle primissime cause di morte in Italia. E se manteniamo costante la media degli ultimi 7 giorni avremo altri 20mila decessi entro la fine dell'anno. Oggi supereremo il milione tondo nei positivi totali da inizio pandemia e i 600mila nei positivi attuali. Queste cifre non sono più spiegabili con il solo incremento dei tamponi. È ormai chiaro che la seconda ondata in Italia (come in molti paesi europei) è più invasiva della prima. Le spiegazioni possono essere due, entrambe molto spiacevoli. La prima è che il virus sia mutato in una forma più contagiosa anche se non più letale. Lo sostengono il virologo Palù e altri. Una evoluzione logica dal punto di vista del parassita, il cui interesse è solo quello di riprodursi il più possibile e non di uccidere gli organismi che lo ospitano (se li uccidesse tutti, sparirebbe anche lui). La seconda spiegazione è che gli italiani per tutta l'estate hanno irresponsabilmente caricato a dismisura la molla del contagio. Che ora inevitabilmente si scarica nelle terapie intensive e negli obitori. Come scrivo da mesi alla luce dei dati, la forza di questo virus, in sé non particolarmente letale, risiede tutta nel numero, in particolare nel numero dei diffusori asintomatici. Non saprei dire se oggi sia meglio un lockdown nazionale o chiusure mirate, quel che è certo è che quando avremo appiattito anche questa seconda impennata non dovremo ritornare al liberi tutti e ai comportamenti irresponsabili: un certo grado di restrizioni e la più rigorosa profilassi individuale dovranno assolutamente permanere fino alla fine della pandemia. 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, mylord611 ha scritto:

Positivo non vuol dire essere sicuramente condannato a morte , ci sono medici ed infermieri positivi che sono stati precettati e mandati a lavorare ..... ci sono poi dei positivi che muoiono per altre cause ma vengono conteggiati come covid ...

Ci sono medici ed infermieri positivi che sono stati precettati e mandati a lavorare...

SI, IN LIGURIA DA GIOVANNI TOTI SICURAMENTE.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963