Il tipo di carta, di carattere di stampa, di distanziamento tra riga e riga

Il tipo di carta, di carattere di stampa, di distanziamento tra riga e riga … hanno la loro importanza per la scelta e la lettura di un libro. Ad una certa età (la mia) devo rinunciare alla lettura sia di riviste che di libri poiché hanno la carta troppo lucida che “spara” quando si legge con la illuminazione di casa. Oppure caratteri di stampa troppo piccoli e compatti. Anche il distanziamento tra riga e riga, quando troppo serrato, rende difficile la lettura. Invito editori e stampatori a rispettare le necessità di noi lettori “anta / anta”. Anche gli autori evitino di scrivere “mattoni” voluminosi e pesanti. Quando un libro supera le duecento pagine significa che è pieno di nozioni ripetute e prive di valore.  

   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963