Cotticelli: "Disobbedienza civile " ..Conte lo licenzia

Il verdetto del premier sul commissario della sanità Calabrese è stato fulminante, appena si è azzardato a dichiarare..."La Calabria non merita la zona rossa in base ai 21parametri del cts e del ministero della salute "  é stato subito rimosso dell'incarico, una azione arbitraria di mostrare i muscoli, passata sotto traccia, ma che da il senso del livello democratico, dell'esecutivo, un brutto siparietto da cui non esce bene, e dimostra come il mettere in discussione una teoria imposta,ci si lascia le penne, visto il susseguirsi delle lamentele, chi sarà il prossimo che non ci sta?? chi sarà il prossimo ad  accedere nella lista disoccupazione???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

"Dovevo fare io il piano Covid? Non lo sapevo", ha detto il commissario alla Sanità. "Se non fosse vero, sarebbe un film"

’ho sempre sentito dire, come tutti i calabresi: “Il miglior medico in Calabria qual è? Il treno”. Il mio primo “viaggio della speranza” l’ho fatto a sedici anni, l’ultimo cinque anni fa. E ogni famiglia può raccontare i suoi. Come ogni famiglia ha due categorie di aneddoti, sulla sanità calabrese: quelli di genere horror e quelli del tipo “incredibile ma vero” (il medico eccellente, la struttura che funziona bene, l’infermiere eroico, la rete d’*** pensata con criterio). Anche questi ultimi sono indice di malessere, dentro la malattia cronica della sanità calabrese, la pandemia strutturale e antica per cui, al momento, non c’è cura.

Non i commissari (le cui nomine si perdono nella notte dei tempi), non le forze della Regione, men che meno la vigilanza dell’opinione pubblica.

Oggi lo hanno visto tutti, in quella scenetta involontariamente comica, certamente grottesca, mandata in onda da “Titolo V”: un commissario (generale dei carabinieri in pensione, Saverio Cotticelli, nominato nel dicembre 2018, confermato nel luglio 2019, scavalcato – ma non abbastanza – solo un mese fa dal commissario Arcuri) che risponde al giornalista Walter Molino dando numeri a casaccio e continuando a ripetere: “Stiamo provvedendo” e scopre durante l’intervista quali sarebbero le sue competenze, evidentemente fino a quel momento a lui ignote; una subcommissaria (nel video “Maria”, ovvero la manager cosentina Maria Crocco) che lo cazzia (“La devi finire, tu devi andare preparato”); l’usciere – del quale purtroppo non sappiamo il nome, ma che meriterebbe una menzione speciale per buona volontà – che interviene fuori campo. Se non fosse vero, sarebbe un film. “Totò, Peppino e gli ospedali calabresi”.

In effetti, colpisce la reazione di Cotticelli davanti alle domande incalzanti del giornalista: perplessità, confusione, ammissione, persino un contrito “domani mattina io sarò cacciato da qui”. Fa pure più impressione di un qualsiasi tentativo di resistere in qualche modo all’interlocutore e lascia un sentimento di pura desolazione.

Ed è lì che l’emergenza Covid sembra persino nulla, di fronte a quello che quaggiù viviamo da sempre: coesistere con questa vaghezza, questo intreccio di incapacità, disattenzione, inconsistenza, questa incertezza su competenze, attributi, responsabilità. Della quale approfittano, alla grande, le forze – quelle sì ben organizzate - della criminalità. E a questo punto non è più questione delle inchieste della Guardia di finanza, del buco di 160 milioni di euro, dell’intricatissimo sistema di burocrazie, connivenze, cecità, e nemmeno delle parti politiche che si sono avvicendate alla guida della Regione.

Ora Cotticelli è dimissionario e un nuovo commissario sta per arrivare, per gestire una cosa obiettivamente spaventosa: la più grande emergenza sanitaria mondiale dentro il più disastrato sistema sanitario italiano. Mentre attorno le mafie si fregano le mani e la gente va in piazza contro la zona rossa.

Ma la Calabria è in zona rossa da almeno 11 anni, forse 40. Qualcuno dice dal 1861. E non basterà un Dpcm né un nuovo commissario a tirarla fuori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, marzianobravo ha scritto:

Il verdetto del premier sul commissario della sanità Calabrese è stato fulminante, appena si è azzardato a dichiarare..."La Calabria non merita la zona rossa in base ai 21parametri del cts e del ministero della salute "  é stato subito rimosso dell'incarico, una azione arbitraria di mostrare i muscoli, passata sotto traccia, ma che da il senso del livello democratico, dell'esecutivo, un brutto siparietto da cui non esce bene, e dimostra come il mettere in discussione una teoria imposta,ci si lascia le penne, visto il susseguirsi delle lamentele, chi sarà il prossimo che non ci sta?? chi sarà il prossimo ad  accedere nella lista disoccupazione???

FALSARIO DIMMERDA. NON È COSÌ CHE SONO ANDATE LE COSE.

Calabria, il commissario alla Sanità Cotticelli in tv: “Devo fare io il piano operativo Covid? Non lo sapevo”. Conte lo sostituisce “con effetto immediato”.

 

Sostituire un incompetente è un dovere, 

E TU RESTI UN FASCIOLEGHISTA DIMMERDA.

Merdaverde Marziana.

feci-verdi-cosa-sono-cause-e-possibili-c

 

Modificato da cortomaltese-im
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

FALSARIO DIMMERDA. NON È COSÌ CHE SONO ANDATE LE COSE.

Calabria, il commissario alla Sanità Cotticelli in tv: “Devo fare io il piano operativo Covid? Non lo sapevo”. Conte lo sostituisce “con effetto immediato”.

 

Sostituire un incompetente è un dovere, 

E TU RESTI UN FASCIOLEGHISTA DIMMERDA.

Merdaverde Marziana.

feci-verdi-cosa-sono-cause-e-possibili-c

 

Saverio Cotticelli è stato insediato dalla Lega, ma il Conte bis x il Covid gli ha dato più poteri...la riorganizzazione delle strutture ospedaliere,della terapia intensiva e mini intensiva, quindi fateci il piacere...dimostra il mancato allineamento del commissario ,e non dalla presunte mancate competenze dello stesso..aggiungere altro..su ciò già detto sul governo e inutile ..se non una chicca...

Alcuni forumisti sono andati in corto circuito per evitare eventuale incendio..spruzzatina di letame a pioggia 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Saverio Cotticelli è stato insediato dalla Lega, ma il Conte bis x il Covid gli ha dato più poteri...la riorganizzazione delle strutture ospedaliere,della terapia intensiva e mini intensiva, quindi fateci il piacere...dimostra il mancato allineamento del commissario ,e non dalla presunte mancate competenze dello stesso..aggiungere altro..su ciò già detto sul governo e inutile ..se non una chicca...

Alcuni forumisti sono andati in corto circuito per evitare eventuale incendio..spruzzatina di letame a pioggia 

Mavaffanculo....manco sai leggere !!!

" Devo fare io il piano operativo Covid? Non lo sapevo”. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Mavaffanculo....manco sai leggere !!!

" Devo fare io il piano operativo Covid? Non lo sapevo”. 

Come al solito..tu hai un imbuto nel cervello, qualsiasi kakata ci versano..é bevuta, ...sei solo un povero BURATTINO..  :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Come al solito..tu hai un imbuto nel cervello, qualsiasi kakata ci versano..é bevuta, ...sei solo un povero BURATTINO..  :)

SICURAMENTE, VIGLIACCHETTO.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963