Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''sicilia''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Amore e Amicizia
    • Attualità
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

5 risultati

  1. Ciao, come consueto anche quest'anno, distribuirò l'olio biologico di produzione propria. Caratteristiche (Raccolto: Ottobre 2017; Quantità: 850kg; Resa:0.18 l/kg; Provenienza: provincia di Agrigento): Le piante sono coltivale su un terreno collinare, insieme a fichi d’india, mandorleti e pescheti, tipici della zona. Le tre principali qualità utilizzate per questa produzione sono state: Biancolilla, Cerasuola e Nocellara del Belice. Frangitura: non filtrato e spremuto a freddo. Data la varietà di olive utilizzate, l'olio al palato si presenta dolce, fruttato e da un odore intenso. Il gusto si associa al colore verde smeraldo dell’olio appena macinato, che con il tempo ovviamente tenderà a intensificarsi. Le sue principali caratteristiche organolettiche sono la Vitamina E ed un bassissimo grado di acidità. Detto ciò, durante il mese di Ottobre raccoglierò le prenotazioni e comincerò a distribuirlo immediatamente. Vi chiedo di darmi una conferma prima possibile poiché ho già ricevuto diverse richieste. Inoltre quest’anno ho preferito utilizzare latte da 10litri per una migliore gestione del trasporto. In ogni caso qualora qualcuno ne volesse meno potrei travasarlo e fornirlo in lattine da 5l. Per prenotarvi inviatemi una mail oppure contattatemi anche telefonicamente. Girate pure questa mail ai vostri amici. Grazie a tutti. Giovanni giovanni.brucculeri@gmail.com
  2. Leggo i social e quello che noto da due giorni è un continuo batti e ribatti di commenti. Io dico la mia, sulle regionali, a distanza di qualche giorno, perché preferisco prima metabolizzare, ragionarci un po' su e poi esprimermi. Acquisire il diritto di votare è una conquista senza pari. Di questo, chi conosce anche solo le basi di educazione civica, ne è consapevole. È ovvio che se l'astensione è così alta, un po' di carenza di quelle i n f o r m a z i o n i c'è. Votare significa prendersi la responsabilità, non dico di cambiare le cose ma quantomeno di esprimersi su come devono andare. In Sicilia solo il 47% degli aventi diritto al voto lo ha fatto. E se facciamo un’analisi a fronte dei risultati elettorali, il 35% ha pensato di dare un taglio netto alla "vecchia politica". Rimane un 53% che non si è espresso, che se ne lava le mani ma che in realtà avrebbe potuto ribaltare i risultati. Chi non ha votato aveva dunque la possibilità di cambiare le sorti della Sicilia in meglio o in peggio. Immaginate dunque quanto sono importanti i voti di chi si astiene. Ho letto spesso in questi giorni la parola “impresentabili", i cosiddetti indagati, condannati, rinviati a giudizio, insomma gente che ha evidenti problemi con la giustizia è che si presenta alle regionali con il consenso del primo rappresentante della coalizione, il candidato presidente. La legge, infatti, in Italia consente ad un condannato di candidarsi al Parlamento. Nonostante questo credo che ognuno di noi abbia una moralità, un'etica da rispettare eppure c'è gente che, pur conoscendo la storia politica e giudiziaria di Tizio, lo vota, perché qualcuno glielo ha chiesto, perché... non si può dire di no in questi casi, perché... domani il favore potrebbe servire a me.. Quindi oltre all'astensionismo, ci sono pure quelli che con il voto chiedono o ricambiano favori. Ma quanto vale un voto? Quanto vale la Sicilia? Tutti siamo legati alla storia e sappiamo che ci sono persone che la amavano così tanto che ci hanno perso la vita: Falcone, Borsellino…tutti bravi a citarli ma solo a parole. Congratulazioni al neo Presidente Nello Musumeci, non so se ha vinto la mafia o meno, io so solo che la mia amata Sicilia HA PERSO ancora una volta. SEGUTECI SUL NOSTRO SITO. La Politica è un’arte nobile. Va tutelata http://www.destrasinistra.com/
  3. Cosa visitare in Sicilia? Quali sono le spiagge, i posti più belli e le città da vedere assolutamente? Scopri i luoghi da non perdere e le località più importanti nella classifica dei dieci posti da visitare in Sicilia nel 2017... Top 10 posti da visitare in Sicilia
  4. http://www.cehsrl.it/ Nel suo libro, Contro l’architettura, lei lamenta uno stile di progettazione degli edifici che mira solo all’apparenza e alla moda, e che definisce a due dimensioni. "In realtà lamento l’esistenza stessa dell’architettura, che ritengo finita come mestiere. Oggi gli architetti non fanno il lavoro che dovrebbero fare, ovvero quello di migliorare l’habitat, perché l’architettura stessa è diventata autoreferenziale e si è chiusa in un discorso che guarda alla moda e che non serve a migliorare la vita delle persone. Io penso che l’architettura così com’è semplicemente non dovrebbe esserci: si tratta di un mestiere legato al passato e a una concezione vecchia d’affrontare il problema. Per come stanno le cose, è sufficiente che gli architetti si trasformino in stilisti. Inoltre gli studi di architettura sono costruiti male: non c’è il tempo necessario per comprendere il luogo in cui si sta disegnando un progetto, il suo impatto sulla società e l’uso a cui sarà destinato l’edificio. E non solo manca il tempo, ma mancano anche le competenze perché nessuno si occupa di queste cose". Come è possibile cambiare il modo in cui si svolge il lavoro di progettazione? Prima di compilare un progetto è necessario comprendere il contesto in cui esso è situato: se si deve costruire un quartiere, bisogna capire chi lo abiterà. Ma tutto ciò non viene fatto dai grandi architetti, che non sono attrezzati per queste cose. A occuparsene sono invece i grandi studi di management, che infatti si accaparrano le vittorie nei concorsi internazionali. Se questo è lo stato delle cose, come deve formarsi un giovane intenzionato a dedicasi all’architettura? I giovani vadano all’estero a studiare nelle facoltà di Public healt. In Italia la formazione è carente: ad esempio, non esiste nemmeno una facoltà di habitat. L’architettura, nel nostro paese, resta legata al fatto di stare in uno studio a disegnare. Cosa deve sapere chi progetta edifici e quartieri? Dal modo in cui si costruisce una fognatura a che cos’è un ecosistema fino alla maniera in cui è possibile scoprire i cambiamenti e le tendenze nell’andamento di una popolazione urbana: dunque, dall’analisi dei sistemi sociali al funzionamento tecnologico di una città. Il punto è che non è più possibile progettare con l’idea di costruire dei monumenti, a meno che non si faccia il designer. E per chi vuole restare in Italia studiando architettura, cosa consiglia? Consiglio di affiancare al proprio corso di studio anche la frequentazione di altre facoltà, di corsi o di master che affrontino materie diverse dalla mera architettura: la mia idea è di aprire corsi in questo senso al più presto. Per il momento, ritengo che la possibilità migliore per chi resta in Italia sia l’autoformazione: bisogna intraprendere un percorso più centrato perché quella dell’architetto è ormai una figura di un secolo fa. Ai giovani consiglio di leggere molto: spesso le città sono raccontate più a fondo dagli scrittori o dai biologi. Diventare architetti richiede una vasta conoscenza e non solo in materia di architettura: bisogna essere ferrati in materie come la storia e l’antropologia, che un giovane può imparare da solo o con un buon corso di cultural studies. Tutte quelle che ho elencato sono competenze riguardanti quelli che vengono definiti urban affairs. Inoltre bisognerebbe inventare degli studi professionali diversi dagli attuali: la professione, così com’è oggi, è ricattabile da parte degli immobiliaristi, non ha alcun potere negoziale e nessun rapporto con gli utenti. http://www.cehsrl.it/ Nel suo libro lei descrive un universo abitato da pochi architetti divenuti delle ‘star’ e da una miriade di piccoli professionisti che vivono nel sogno di diventare famosi. Come deve muoversi un giovane architetto nel mondo del lavoro? Sono convinto che per i giovani ci sia un sacco di lavoro, che però gli architetti non riescono a ottenere perché il mercato ha bisogno di altre figure. Al giorno d’oggi, in tutti i concorsi internazionali si richiedono figure miste, come gli urbanisti o gli antropologi: i giovani devono capire che il lavoro c’è, e lo si trova se si hanno competenze diverse da quelle dell’architetto classico. http://www.cehsrl.it/
  5. http://www.cehsrl.it/ Nel suo libro, Contro l’architettura, lei lamenta uno stile di progettazione degli edifici che mira solo all’apparenza e alla moda, e che definisce a due dimensioni. "In realtà lamento l’esistenza stessa dell’architettura, che ritengo finita come mestiere. Oggi gli architetti non fanno il lavoro che dovrebbero fare, ovvero quello di migliorare l’habitat, perché l’architettura stessa è diventata autoreferenziale e si è chiusa in un discorso che guarda alla moda e che non serve a migliorare la vita delle persone. Io penso che l’architettura così com’è semplicemente non dovrebbe esserci: si tratta di un mestiere legato al passato e a una concezione vecchia d’affrontare il problema. Per come stanno le cose, è sufficiente che gli architetti si trasformino in stilisti. Inoltre gli studi di architettura sono costruiti male: non c’è il tempo necessario per comprendere il luogo in cui si sta disegnando un progetto, il suo impatto sulla società e l’uso a cui sarà destinato l’edificio. E non solo manca il tempo, ma mancano anche le competenze perché nessuno si occupa di queste cose". Come è possibile cambiare il modo in cui si svolge il lavoro di progettazione? Prima di compilare un progetto è necessario comprendere il contesto in cui esso è situato: se si deve costruire un quartiere, bisogna capire chi lo abiterà. Ma tutto ciò non viene fatto dai grandi architetti, che non sono attrezzati per queste cose. A occuparsene sono invece i grandi studi di management, che infatti si accaparrano le vittorie nei concorsi internazionali. Se questo è lo stato delle cose, come deve formarsi un giovane intenzionato a dedicasi all’architettura? I giovani vadano all’estero a studiare nelle facoltà di Public healt. In Italia la formazione è carente: ad esempio, non esiste nemmeno una facoltà di habitat. L’architettura, nel nostro paese, resta legata al fatto di stare in uno studio a disegnare. Cosa deve sapere chi progetta edifici e quartieri? Dal modo in cui si costruisce una fognatura a che cos’è un ecosistema fino alla maniera in cui è possibile scoprire i cambiamenti e le tendenze nell’andamento di una popolazione urbana: dunque, dall’analisi dei sistemi sociali al funzionamento tecnologico di una città. Il punto è che non è più possibile progettare con l’idea di costruire dei monumenti, a meno che non si faccia il designer. E per chi vuole restare in Italia studiando architettura, cosa consiglia? Consiglio di affiancare al proprio corso di studio anche la frequentazione di altre facoltà, di corsi o di master che affrontino materie diverse dalla mera architettura: la mia idea è di aprire corsi in questo senso al più presto. Per il momento, ritengo che la possibilità migliore per chi resta in Italia sia l’autoformazione: bisogna intraprendere un percorso più centrato perché quella dell’architetto è ormai una figura di un secolo fa. Ai giovani consiglio di leggere molto: spesso le città sono raccontate più a fondo dagli scrittori o dai biologi. Diventare architetti richiede una vasta conoscenza e non solo in materia di architettura: bisogna essere ferrati in materie come la storia e l’antropologia, che un giovane può imparare da solo o con un buon corso di cultural studies. Tutte quelle che ho elencato sono competenze riguardanti quelli che vengono definiti urban affairs. Inoltre bisognerebbe inventare degli studi professionali diversi dagli attuali: la professione, così com’è oggi, è ricattabile da parte degli immobiliaristi, non ha alcun potere negoziale e nessun rapporto con gli utenti. http://www.cehsrl.it/ Nel suo libro lei descrive un universo abitato da pochi architetti divenuti delle ‘star’ e da una miriade di piccoli professionisti che vivono nel sogno di diventare famosi. Come deve muoversi un giovane architetto nel mondo del lavoro? Sono convinto che per i giovani ci sia un sacco di lavoro, che però gli architetti non riescono a ottenere perché il mercato ha bisogno di altre figure. Al giorno d’oggi, in tutti i concorsi internazionali si richiedono figure miste, come gli urbanisti o gli antropologi: i giovani devono capire che il lavoro c’è, e lo si trova se si hanno competenze diverse da quelle dell’architetto classico. http://www.cehsrl.it/