Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''go''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Amore e Amicizia
    • Attualità
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

549 risultati

  1. Chi fabbrica prove false per incastrare tramite il padre il segretario del maggior partito italiano e poi distrugge quelle che ne attestano l’estraneita’ dai fatti , giudici che danno ordini perché ciò avvenga , giornalisti compiacenti che enfatizzano , manomettono gli articoli per convogliare il pensiero , fiancheggiatori , Cazzari ( soprattutto Napoletani ), Shinycaghette ( cecate), monelli ( ebe ti ) , Doctestadiminkiagalilei , sarebbero presi a calci nel Ku.lo con un biglietto di sola andata .
  2. Ci sono circa 1.000.000 di posti di lavoro in più da quando Renzi è arrivato al governo, di cui 500.000 permanenti grazie agli incentivi dl Jobs Act, come riconosce il Rapporto ISTAT recente Gli occupati con contratti temporanei sono cresciuti dai 2,2 Milioni del 2013 ai 2,6 Milioni del 2017 e il governo ha già emanato nuove misure per ridurli, ma il risultato è eccezionale per un paese prima in recessione Inoltre con il PD di Renzi dal 2014 al 2017 ci sono una disoccupazione giovanile scesa dal 44% al 34% 80€ per 11 Milioni di lavoratori + 14ma ai pensionati sotto 2 volte il minimo + bonus vari ai giovani toccano circa 15 Milioni di famiglie su 25 Milioni e portano ad un incremento del reddito delle famiglie del 2,4% nell'ultimo anno. Vedi http://www.lastampa.it/2017/06/30/economia/istat-la-pressione-fiscale-cresce-al-MDihG6nOntOfnWRCJcqo4H/pagina.html E' partito il Reddito d'Inclusione per aiutare inzialmente fino a 700.000 famiglie ad uscire dalla povertà con un piano concordato con i comuni Il paese è ripartito con PIL da -2,0 a +1,7%, il deficit annuo che cala dal 3 al 2% e comincia a calare il debito totale, vedi: https://it.wikipedia.org/wiki/Debito_pubblico Gli investimenti in nuovi macchinari crescono nell'ultimo anno del 10%, mentre prima di Renzi erano calati per 10 anni. Vedi: www.istat.it/it/files/2015/05/Rapporto-Annuale-2015.pdf
  3. Quando quelli che volevano bombardare i barconi e bruciare i campi Rom strepitano che vogliono il presepe nelle scuole. Saluti
  4. «Il nostro nemico è il Partito Democratico» ha detto oggi Roberto Fiore, capo di Forza Nuova. Credo di interpretare il nome di tutto il PD dicendo che questa affermazione non ci fa paura. Perché è una frase che chiarisce ancora una volta chi sono loro e chi siamo noi. Il PD e’ nemico di ogni violenza, di ogni intolleranza, di ogni fascismo. Abbiamo molte persone che ci considerano avversari, tanti ci considerano nemici, qualcuno ci odia. Ma il PD e’ e sempre sarà , amico della verità, della libertà, della democrazia, dei diritti. Se Forza Nuova considera il Pd come nemico è perché noi siamo dalla parte giusta. E di lì non ci muoveremo mai a differenza di chi , per odio e rancore verso Renzi, non ci penso’ un minuto ad allearsi con la feccia umana e fascistoide . Saluti
  5. Come volevasi dimostrare...!! L'antifascismo , valore fondante della Costituzione Repubblicana, nata dalla Lotta Partigiana al nazifascismo, non fa parte del "corredo" degli adepti della Ditta a 5 stelle .. Niente di nuovo sotto il cielo, ovvero "cose vecchie"... ripetute e ripetute si destrebeti vari . Oggi il PD organizza una manifestazione antifascista a Como in risposta ai gravissimi fatti di chiaro stampo fascista accaduti nei giorni scorsi . Il M5S non parteciperà ...!! Il gatto -Coniglio del suo candidato premier in pectore Giggino O’ ripetente (gatto perché e’ abile come i felini ad arrampicarsi sugli specchi , Coniglio perché ha la stessa propensione a darsela a gambe ), ha deciso che il Movimento non parteciperà perché detta manifestazione , a detta del gatto/Coniglio , e’ stata “ strumentalizzata “ dal PD. Che significa strumentalizzata ?? Non ci e ‘ stato spiegato !! Io credo che se possiedi certi valori , non ti crei nessun tipo di problema . Partecipi a prescindere , dai testimonianza , presenza . Sennò e’ tutto un bluff e, siccome nel tuo schieramento , militano diverse centinaia di migliaia , forse un paio di milioni di fascistoni conclamati , ti conviene stare a casa per non “irritarli” al punto che poi potrebbero punirti elettoralmente tra qualche mese . Arrampicati e scappa Giggino !! D’altra parte la tua provenienza familiare e’ nota e di sicuro la tua formazione politica e’ piu orientata al nero che al rosso. Strano che il Cazzaro non sia ancora intervenuto sull’episodio ...!!
  6. Il Ministro Pinotti (PD) ha condannato con nettezza l’esposizione di una bandiera neonazista all’interno della caserma Baldissera di Firenze. Da quel momento e’ stata ricoperta da insulti e minacce di ogni tipo da parte di chi vorrebbe far credere che in realtà quella bandiera sia “semplicemente una vessillo della Marina imperiale tedesca”. Lo squadrismo da tastiera di chi pensa di derubricare un fatto grave in una presunta gaffe storica o in una fake news non dovra’ passare sotto silenzio e tutti quei commenti che hanno passato il segno di una critica civile verranno sottoposti all’autorità giudiziaria. I simboli sono ciò che diventano e l’uso che se ne fa: con la caduta di Hitler tutto ciò che potesse richiamare il partito del Führer è stato vietato, ecco perché i neonazisti , per ovviare al divieto , hanno iniziato ad utilizzare il vessillo del Secondo Reich nelle proprie manifestazioni. Non si può chiudere gli occhi di fronte a episodi che ci riportano alla violenza di certi estremismi e che, in Europa come in Italia, sono sempre più frequenti. Chi giura di «essere fedele alla Repubblica, alla Costituzione e alle sue leggi», come fanno tutti i militari, deve essere consapevole dei valori che sottendono a tale giuramento. La bandiera esposta nella caserma di Firenze offende le donne e gli uomini dell’Arma che difendono e condividono i valori della democrazia. L’antifascismo fa parte della storia dei Carabinieri e sono più di duemila gli uomini dell’Arma che hanno perso la vita in soli venti mesi di lotta partigiana. È anche per rispettare il loro sacrificio che dobbiamo denunciare e condannare ogni episodio riconducibile a nazismo, fascismo o antisemitismo !! Stiano preoccupati chi ha fatto commenti indecorosi ed offensivi !! Saluti
  7. "Non mi è stata notificata alcuna querela, ma solo una richiesta di nomina di difensore". Reagisce così Luigi Di Maio all'accusa di aver utilizzato l'immunità parlamentare, strumento sempre contestato dai 5Stelle, per sfuggire a una querela ricevuta dalla giornalista di Qn Elena Polidori inserita in una lista nera consegnata all'Ordine dei giornalisti. Così, rispondendo colpo su colpo, la cronica, assistita dall'avvocato Stefano Parretta, diffonde il documento con il quale il candidato premier grillino nomina in effetti il suo legale ma dove si legge anche: "Luigi Di Maio indagato nel procedimento penale nr.23136/17 R.G. N.R. Mod.21, rubricato a seguito della denuncia querela presentata...". Nonostante questa documento Di Maio insiste: "Alcuni giornali continuano a sostenere che io mi sia avvalso dell'immunità parlamentare per sfuggire alle querele di un gruppo di giornalisti. È falso. In merito alla querela ricevuta, e archiviata dal gip di Roma, i fatti sono i seguenti: la Procura non mi ha mai contestato alcun reato; non mi è stato mai notificato il decreto di archiviazione e non ho mai avuto accesso agli atti. Dunque non ho potuto né invocare l'immunità, né rinunciarvi. Il giudice che ha archiviato ha evidentemente ritenuto applicabile il diritto di critica, riconosciuto a tutti i cittadini". Nel decreto di archiviazione in realtà si fa riferimento all'articolo 68 della Costituzione, cioè all'immunità parlamentare, e non dell'articolo 21, ovvero del diritto di critica, non vi è traccia nel verbale.
  8. Ricorre oggi l’amniversario dell’evento politico più dannoso che la storia politica di questo Paese abbia potuto sopportare negli ultimi 20 anni . L’arco costituzionale è da molti anni a questa parte presidiato da forze politiche spesse volte irresponsabili, prive di una visione programmatica e di buonsenso istituzionale. Oltretutto , sia detto a margine , a nessuno sarebbe convenuto, in termini di immagine, eludere il referendum: Renzi, e altri moderati più qualche transfugo, ammesso e non concesso che si sarebbero così raggiunti i due terzi in entrambe le Camere, prospettiva più impossibile che improbabile , sarebbero stati messi all’indice dalle ali più “estreme” del Parlamento quali fautori di un’oligarchia decidente in odore di massoneria (“hanno fatto il maxi-inciucio!” avrebbero urlato Grillo, Salvini e Meloni, il primo dei quali ne avrebbe guadagnato così tanto, in termini di consenso, da ipotecare un bottino elettorale non indifferente), né un qualunque tipo di accordo avrebbe potuto raggiungersi con suddette forze populiste (il Cinque Stelle, al di là del massimalismo compromissorio che caratterizza la sua identità e lo spinge ad arroccarsi aprioristicamente e solidamente nel no a qualunque mano tesa, non avrebbe avuto motivo di parlamentarizzare una decisione che avrebbe tranquillamente potuto dirottare al “popolo”, sarebbe stato anche questo contrario alla sua identità). Passò il No, ennesimo trionfo della democrazia consociativa (o perfino partitocratica) su quella competitiva, delle lungaggini del bicameralismo perfetto sul monocameralismo de facto, della fossilizzazione della Carta Costituzionale , commissione Bozzi, De Mita-Iotti, bicamerale di D’Alema ecc… Nell’ultimo trentennio tutti i tentativi hanno fatto cilecca sulla possibilità di razionalizzare l’apparato procedurale o stabilizzare, pur blandamente, l’esecutivo. È significativo che oggi i più tenaci alfieri del No si comportino come se fosse passato il Sì, parlando di “candidati premier” (come se con il proporzionale i candidati di vessillo abbiano la benché minima probabilità di andare a Palazzo Chigi) ed elaborando programmi che sarebbe complesso attuare perfino in un sistema bipolare e presidenziale. È andata così: un anno fa, oggi, sarebbe potuta essere la vigilia della Terza Repubblica… E invece è stata la vigilia della restaurazione della Prima. Complimenti a chi si sente un eroe da tastiera ed ha condannato un Paese a non diventare migliore . Saluti
  9. Benvenuta Uvetta e grazie per i tuoi sempre graditi interventi . Vedrai che appena un Cazzaro vedrà il tuo splendido commento non tarderà a farti i complimenti pure lui . Si , sono convinto anche io della giustezza di conservare una bandiera nazista accanto al ritratto di Salvini nelle Caserme dei Carabinieri . Speriamo che questa solendida iniziativa si diffonda su tutto il territorio nazionale . Eia eia alalà !!
  10. E’ divertente notare che bel raggruppamento di fedine penali macchiate si presenterà alla guida di alcune formazioni politiche, alle prossime elezioni. Il reato più grave è quello che si riferisce a Beppe Grillo. Condannato con sentenza definitiva per triplice omicidio colposo, una intera famiglia distrutta, e la sua fermezza, che molti ancora ricordano, nel non voler risarcire, nonostante il patrimonio enorme che possiede, il danno tremendo che aveva provocato. Nel suo piccolo c’è Salvini, che come segretario della Lega Nord, a quanto sembra temporaneamente incensurato, deve restituire allo Stato la bella somma di 49 milioni di euro, rubati, per farne uso personale, dai vertici del partito creato da Bossi. Ma lui, baldanzoso, si rifiuta fermamente di rendere anche un centesimo. E peraltro si incacchia come una biscia quando un magistrato, compiendo il suo dovere, gli sequestra qualche migliaio di euro nel cassetto di una remota filiale della Lega Ladrona. Comunque Il principe degli indagati resta sempre lui, il Berlusconi, che, nelle recentissime vicende giudiziarie che lo riguardano, dovrà di nuovo rispondere di gravi reati, tra i quali il pagamento di false testimonianze a lui favorevoli in più di una occasione. Con inaccettabile faccia tosta egli dichiara che le nuove questioni giudiziarie a suo carico lo stimolano a fare di più, sul piano elettorale. E, aggiungiamo noi, all’occorrenza, anche nei comportamenti che potrebbero configurare nuovi reati. Permane infatti nel suo “io” la vecchia abitudine di comprare di tutto e di più, senza i limiti che sarebbero imposti dalla modesta realtà patrimoniale di un poveraccio. Potrà finanziare nuove giovanissime olgettine, o acquistare smisurate ville capaci di ospitare un esercito, spesso destinate a soddisfare la sua squallida personale solitudine. Potrà acquistare un nuovo aereo supersonico per un veloce tuffo con Francesca in Costa Smeralda. E magari, per mettersi in pace con la religione, potrà finanziare i desideri di un attico in Vaticano, per qualche prelato a lui compiacente. Ma non sembra accogliere il suggerimento che la data di nascita dovrebbe segnalargli, rallentandone il frenetico fatale andare da un seggio all’altro. Insomma, a questo punto, per i futuri elettori, le possibilità di una scelta meno compromettente non potrà che concentrarsi sugli incensurati del PD. Soprattutto oggi, quando finalmente ci accorgiamo che la campagna sulle Banche è fallita miseramente, riscattando la limpida posizione di Renzi e dei suoi amici più vicini. Altrimenti, preferendo altri partiti, partitini e accozzaglie varie, dovremo scegliere in un girone infernale, frequentato soprattutto da mariuoli, da corruttori seriali e da assassini. Rassegniamoci: questo è quanto ci offre la nostra Bella Italia !!
  11. L'archetipo del lettore del Fatto, è, per investitura divina, un individuo moralmente, intellettualmente ed, in generale, "antropologicamente superiore" ad ogni altro “energumeno” che, secondo la sua insindacabile opinione, si possa in qualche modo collocare ideologicamente tra le nutrite fila della destra forcaiola razzista e xenofoba. Di solito e’ un mezzo fallito nella vita e in famiglia , si colloca nella sx più a sx che può , quella sx sconfitta dalla storia in tutto il mondo e non più proponibile e non disdegna , anzi , qualche parola d’ordine Grillebete, riconoscendo a questo Movimento di ridicoli ed inetti invasati una sorta di specchio magico in cui specchiarsi e riconoscersi plasticamente. Pensa e crede fermamente che il Fatto , fortunatamente un giornaletto che arriva , si e no , a 30.000 copie di tiratura , sia, per lui , la Bibbia a cui scrupolosamente attenersi . Non esiste problema da dibattere che un lettore del Fatto non inizi il commento con parole simili “ Come dice il Fatto del ...” , oppure , “ il Direttore del Fatto ...”. Già il ...Direttore del Fatto !! E’ considerato Gesù Cristo ed allora il lettore assume immediatamente le sembianze di un suo Apostolo . E da buon Apostolo , cerca disperatamente di diffondere il suo verbo e le sue parole dovunque capiti. Recentemente e’ stato segnalato un caso , a Napoli , di un Apostolo che gira per i quartieri della città diffondendo il verbo falsario dovunque . Non e’ infrequente vederlo parlare animatamente per cercare di convincere Barbieri , Pizzaioli , Edicolanti e Baristi . Non si vergogna assolutamente se la sua opera di convincimento e possibilimente di conversione venga cercata con una miriade di continue bufale narrate a profusione , anzi . Ecco perché viene considerato una sorta di “scemo del villaggio “ ed accolto , prevalentemente , con un sorriso bonario ed un invito ad una bevuta gratuita . Se ne torna , la sera , a casa , convinto che la sua missione abbia colto nel segno e che il suo scopo sia stato raggiunto . Chi lo accoglie , a casa , lo conosce bene e sa che il meglio di se lo manifesta quando e’ impiegato nei lavori domestici, ruolo in cui viene adibito il sabato che , l’Apostolo , prende come giorno preferito per una pausa dai suoi tour nei quartieri Napoletani . Prego i forumisti che abbiano sentore di personaggi simili a darmene immediata notizia per cercare , almeno , di allertare le autorità mediche preposte alla cura ed al possibile reinserimento nella vita sociale di detti personaggi . Saluti
  12. Cari amici , vi faccio una domanda : avete mai visto una menzogna vivente che prende le sembianze umane ? Nooo ?? Ecco ora ce l’avete di fronte . Il suo nome e’ Fosforo , per gli amici del rione Sanità ...il Cazzaro !! Oh , nemmeno a farlo apposta ci fosse 1(uno) dei fatt citati dal Pulcinella campano che abbia una anche minima porzione di verità . Tutta robaccia letta sui quotidiani di destra come il Fatto Quotidiano , Libero ed il Giornale . Adesso mi tocca fargli fare la solita figura di mer da non prima di far notare , al forum tutto , che l’unico a difendere la Raggi e’ proprio Cazzarus man imbeccato dall’unico giornalista che fa altrettanto : il noto fascista Calandrino Travaglio . Andiamo per ordine : Renzi ha già dato prova alla Magustratura originaria ed a quella contabile della legittimità delle spese sostenute quando era Sindaco di Firenze mostrando alla stessa Magustratura gli scontrini richiesti e dalla Magustratura stessa sollevato da ogni qualsivoglia reato . Forse il Cazzaro vorrà dare anche lui un’occhiata agli scontrini ?? Strano che Cazzarus man non si preoccupi per quelle migliaia di scontrini dei Grillebeti che si fanno rimborsare a pie’ di lista con i soldi degli Italiani , Scalfarotto : così come la racconta bufalo man of Naples sembra che Scalfarotto sia salito sull’aereo di stato e ne abbia disposto come gli pareva e piaceva . Ahahahaga , niente di tuttocio’ !! Scalfarotto ha guidato una delegazione di 80 imprenditori italiani specializzati nel settore turistico su invito del governo Cubano che ha provveduto alle spese del soggiorno a Cuba mentre gli stessi imprenditori hanno pagato il costo del viaggio a Cuba e ritorno. Renzi e le vacanze in Val D’Aosta : mai e poi mai Renzi ha voluto e preteso di far “dirottare “ un elicottero a Firenze da Roma per accompagnare lui e la sua famiglia in vacanza . Chi dice ciò e’ un luri.do imposto.re . All’epoca questo fatto fu citato dal Grillebete Sibilia che si rifugiò dietro lo scudo parlamentare per non essere querelato e denunciato. Il cuor di leone Grillebete fu costretto ad una rapida retromarcia quando il ministero della Difesa insieme ad. Enav mostrarono le carte ed i piani di volo che smentirino L’ebe te Sibilia e che dimostrarono che il volo parti da Roma per Aosta per causa di servizio e non per portare Renzi e famiglia in vacanza . Naturalmente Cazzarus Campanus non lo dice , ma vi prego , credete a me . Pertini : Ahahahah. A parte il fatto che tutti si ricordano il viaggio di Pertini in Spagna per la finale della coppa del mondo , tutti si ricordano pure il visggii di ritorno con Nazionale al seguito a spese dei contribuenti , vorrei anche rammentare che durante il settennato di Pertini tutte le sue vacanze estive in Val Gardena , sono state fatte usufruendo , come legittimo di un DC9 per se , sua moglie e familiari . Di più , inviava a prendere pure una sua amica scrittrice americana di San Francisco che poi ospitava , insieme al marito , 3 figli e 2 governanti nel miglior hotel di Selva di Val Gardena . Non oso pensare se la metà di queste cose le avesse fatte Renzi e non Pertini . Adesso termino con i rimedi che il Cazzaro propone . Non nego che mi sono scompisciato dal ridere : Vedere Mattarella o il Papa in un check in alle prese con un ritardo di un volo di linea o di uno charter per una coincidenza o per lo smarrimento di un bagaglio e’ roba da film Oppure vedere un Presidente del Consiglio cge deve partire per presenziare ad un vertice internazionale , bloccato in aeroporto da un improvviso sciopero dei controllori di volo aderenti ai Cobas oppure degli steward della Ryanair . Roba da matti !! “ Sienti a me “ , Cazzarus : cosa ne pensi dl’autostop ?? Di sicuro le spese dello stato calerebbero . Che macchietta !! Comica o di fantascienza ?? Fare voi !! Mettere in pratica i consigli del Bufalaro e’ quel che di meglio non può esistere per un innalzamento dell ‘ umore .
  13. Le parole dell'avvocato del carabiniere , per giustificare il cliente , sono state :”È un bel ragazzo, non ha bisogno di stuprare nessuno" confermano ciò che già sapevamo: c'è ancora chi crede che gli stupri vengano perpetrati per ottenere ***, che è un po' come dire che Berlusconi evade le tasse perché non gli bastano i soldi. Eppure ci sono studi decennali sul rapporto fra potere e violenza sessuale, sul come l'educazione sessista porti molti uomini ad aderire allo stereotipo maschile (dominante e aggressivo) che vuole le donne subordinate e dunque inferiori. Se a uno di questi soggetti fosse inibito l'uso del pene mediante castrazione chimica cercherebbe di penetrare con qualcos'altro, magari un coltello, nel caso del carabiniere , e lo abbiamo visto più volte , per affermare la propria superiorità probabilmente userebbe il manganello, perfetta proiezione fallica. Questi soggetti considerano la donna alla stregua di un oggetto da possedere e non è difficile capire quest'idea da dove salti fuori: la bibbia dice "non desiderare la donna d'altri", l'uomo d'altre non è proprio contemplato. Se a questo aggiungiamo che il sogno di molte donne è essere accompagnate all'altare dal proprio padre per essere consegnate al marito (agghiacciante passaggio di proprietà spacciato perfino per romantico) il quadro in cui ci muoviamo è completo. A tutto questo però l'avvocato non ci ha pensato, il punto è che il carabiniere "è bello", quindi non ha bisogno di stuprare, ragionamento che peraltro lascia intendere che le persone non particolarmente avvenenti siano invece intrinsecamente violente, come se le teorie lombrosiane non fossero già state confutate un secolo fa. Mi verrebbe la voglia di ragionare come i maschilisti : a me me lo dovete succhia.re e vi assicuro che sono etero, quindi non avevo nessun bisogno di chiedervelo!! Saluti
  14. Preparata dalla connection informativa La7-Il Falso Quotidiano, la trappola mediatica “preferisci Berlusconi o Di Maio?” ha fatto una vittima illustre, Eugenio Scalfari. Al quale è toccato riprendere in mano la penna e spiegare che lui rispondendo al bizzarro quesito di Giovanni Floris non aveva affatto inteso esprimere un endorsement al Cavaliere (“Non l’ho mai votato e ovviamente non lo voterò mai”)ma aveva voluto dire che fra i due populismi, quello di Di Maio e quello di Berlusconi, “il secondo ha almeno ha una sua sostanza”. Eugenio Scalfari , insieme a Biagi il miglior giornalista italiano di tutti i tempi , è un maestro del giornalismo ma non è avvezzo alle insidie della tv. Ti fanno una domanda e devi dare in un attimo la risposta, senza tante spiegazioni. L’articolo odierno invece fa chiaramente luce sulla questione: “Rispondendo a una domanda sull’ingovernabilità, ho detto che in caso di necessità per superare una paralizzante per il Paese il Pd (per il quale ho sempre votato dai tempi di Berlinguer, dell’Ulivo prodiano e infine da quello costruito da Walter Veltroni) potrebbe essere costretto, come già successo in passato, a un’intesa di natura non politica con Forza Italia, sempreché si separasse da Salvini. Ipotesi a me sgradita, che è emersa parlando del rischio di ingovernabilità del Paese…”.Ma il problema non è Scalfari. Il problema è che l’operazione mediatica che i grillini e gli amici dei grillini stanno costruendo non è nemmeno tanto sottile. Punta ad accreditare nell’opinione pubblica l’idea che le prossime elezioni saranno una disfida fra la destra e il M5s, con ciò suggerendo che il Pd è fuori gioco. Pertanto secondo questa suggestione gli elettori genericamente di sinistra dovrebbero votare Di Maio (poco importa se egli apprezzi la politica economica di Trump e abbia in simpatia il regime di Putin).Come puntualmente accade in presenza di manovre torbide, Il Falso di Travaglio è in prima linea nel propalare questa mistificazione della realtà: e oggi chiede a destra e a manca chi preferirebbe fra Di Maio e Berlusconi, ottenendo peraltro diverse risposte sensate (“Non mi iscrivo al gioco della torre”, “Nessuno dei due”, eccetera). Ma la frittata ormai è fatta: italiani, o Grillo e Berlusconi. Questa narrazione , meglio sarebbe dire, con Scalfari, questo “inganno” , e’ menzognera ma abile. Alimenta un senso comune di sfiducia e purtroppo di qualunquismo secondo il quale va tutto male. Soffia sul fuoco del disprezzo verso il Parlamento, la politica, l’Europa, le riforme: i principali ingredienti della nuova destra europea. La cui traduzione italiana è svolta con linguaggi diversi da Salvini, Meloni, Di Maio. E Berlusconi, che si è intruppato con i primi due. M5s e centrodestra sono due risposte di destra alla crisi italiana e europea. E’ una falsa alternativa, dunque, e non ineluttabile. Nella trappola mediatica se ci è caduto un un uomo come Eugenio Scalfari, ci possono cadere in molti. Nel frattempo noto che il primo , peraltro interessato , a caderci , e’ stato il Cazzaro Fosforo che ieri ha vinto la tappa tra gli storioni facendo un post al veleno ed offensivo verso Scalfari non avendo nemmeno il pudore di non nominare il grande giornalista . Ah già , ma lui preferiva Montanelli ...!! Se vi chiedete il perché e non riuscite a capire circa la sua preferenza , ve la dico io : Calandrino Travaglio , noto trombeur of his family, ha fatto il portaborse dell’ Indro, italiano nonché fascista !! Quindi il Cazzaro Napoletano , di sx sx più a sx della sx estrema , ama di più i giornalisti Fascisti di quelli di sx come Scalfari . Saluti
  15. Alla fine Bersani oggi, dopo l'incontro tra le delegazioni del Pd, di Mdp e di Sinistra Italiana, ha ribadito di voler andare nel bosco da solo a riprendere gli elettori. L’alleanza con il PD non si farà dunque, gli appelli di tanti padri nobili nelle scorse ore sono carta straccia. La sinistra radicale in questo modo rischia però di perdersi nel bosco, come è già successo tante volte in passato, anche nel passato più recente, basti ricordare i problemi creati durante i governi Prodi, la fine subito dopo le elezioni della coalizione Italia Bene Comune, l'armata brancaleone che portava il nome di Unione ma era divisa su tutto. Eppure questa volta, il segretario del Pd Renzi le aveva provate davvero tutte. Ricapitoliamo: l'incarico a Fassino , la disponibilità a concordare un programma comune per la prossima legislatura, segnali concreti anche sulla legge di bilancio attualmente all'esame del Senato, Ius culturae e biotestamento in aula a dicembre, nessun problema su una premiership che sarà decisa da Mattarella dopo le elezioni. Una coalizione senza richieste di abiure e senza veti. Ma niente, alla fine ha prevalso evidentemente un'antipatia ad personam, la voglia di mettere nel mirino Renzi ed il Pd, al posto di Berlusconi e Grillo. Un errore fatale per loro, credo !! Il centrosinistra, quello largo e che vuole battere le destre e i populisti, sarà altrove, e senza Mdp, Sinistra italiana, e Possibile, destinati così a diventare sempre di più gli eredi di Bertinotti. Una decisione scontata, diranno molti di voi. Eppure fino all'ultimo, visto il contesto in cui ci muoviamo in Europa, il successo crescente di partiti populisti e nazionalisti, io ho sperato in un soprassalto di buon senso. Il buon senso sarà affidato agli elettori allora: dovranno decidere se votare per qualche populista (da Salvini, a Di Maio, a Berlusconi) o affidare al centrosinistra la responsabilità di guidare l'Italia per altri cinque anni. Tertium non datur. Saluti
  16. Da tutte le parti , in politica in famiglia in parrocchia fra gli amici ed al lavoro , si invoca l'unità, l'inclusione, il campo aperto con tutti dentro. Soprattutto in politica, soprattutto nella cosiddetta Sinistra. E tutti i partecipanti, di contro, dettano le condizioni! Anche quelli che sulla carta contano come il due di quadri , almeno dal punto di vista del consenso.Non si sono capite alcune cose fondamentali.Quanti sono affezionati ad una vecchia idea di Sinistra, classicamente intesa, o voteranno Pd (ma non in tanti), o voteranno M5S (in parecchi) o la Lega (più di quanti pensiamo) o si asterranno (moltissimi). Chi ha aderito ad una nuova idea di Sinistra, quella che contempla una socialdemocrazia liberale, voterà senz'altro Pd. Ma questo Pd, non quello di prima. Moltissimi mi hanno detto che se Mdp e addirittura Si entrassero in alleanza col Pd, Renzi potrebbe scordarsi del loro voto. Chi ha scollinato ha scollinato !! E non ne può più di sentire i vecchi ricatti di Bersani e della Ditta. In particolare: Matteo Renzi è il Segretario del Pd eletto da un milione e seicentomila di persone. In quanto tale è il candidato premier del Pd e anche di una possibile coalizione, giacchè il Pd sarebbe comunque di gran lunga il maggior partito della coalizione. Spetta solo a Renzi e al Pd eventualmente aggiustare il tiro sul premier da indicare al Capo dello Stato. Il Jobs Act è stata di gran lunga una grande riforma che, al netto di aggiustamenti possibili, non si tocca e non si toglie. Nessun possibile reintegro dell'art. 18. Pagina voltata e chiusa. Gli 80 euro sono stati una notevolissima redistribuziione della ricchezza: non vanno tolti, semmai allargati. Le tasse vanno abbassate. Nessuna patrimoniale, nessun aumento dell'Iva. No alla flat tax, ma aliquote comunque pensate con giustizia e ***. Pena un'evasione forsennata. La migrazione va gestita, contenuta e controllata. Il paese ha superato il limite e pertanto rigore assoluto verso i clandestini che delinquono Salvati, aiutati e rispediti a casa. Una casa sulla quale esercitare un severo controllo internazionale. Europeismo ad oltranza senza nessun vassallaggio all'austerity imposta dai paesi più ricchi. Come hanno fatto i governi Renzi e Gentiloni. Eurocentrismo fuori discussione. Chi ha votato No al Referendum deve essere escluso da ogni possibile coalizione: ha impedito la Riforma più importante e al primo passo della nuova legislatura rifarà lo sgambetto consumando quello che è stato e sarà un vero e proprio tradimento ideologico ideale politico e sociale. Alfano e Verdini , meglio il primo del secondo , hanno onorato il patto del Nazareno e hanno contribuito al cammino riformista. Gli altri , i sedicenti riformisti , no. Quindi apertura alle realtà centriste che, bisognose di una mano, senz'altro ricambieranno con devoto assenso.Queste clausole non si toccano e sono solo l'inizio. Se vi vanno bene, facciamo la coalizione. Senza problemi e con piacere . Sennò tutti a casa e governati da destre vecchie e nuove . Saluti
  17. Ragazzi , date retta a me e lasciate perdere le testedimonkia alla Docgalileo, Cazzari alla Fosforo , cecati alla Shinycaghetta , semi analfabeti come Direttoretto e Uvetta Bianca . In mille giorni di governo PD /Renzi - Gentiloni , con il debito pubblico che abbiamo , portare il Pil da - 2,4 % a + 1,8% e’ un risultato formidabile . La verità è che la crescita del pil italiano è superiore a quella del Belgio, analoga a quella di Francia e Regno unito. Certo, inferiore alla media Ue, che però include anche i paesi a economia emergente, che è noto che crescono a ritmo triplo rispetto ai paesi di antica industrailizzazione. Ma non significa niente, altrimenti dovremmo affermare che Lettonia, Cipro e Romania sono più ricchi della Germania. Dunque l'italia si sta allineando ai paesi che sono suoi competitor e che hanno una struttura economica paragonabile alla sua. Dovremmo anche accontentare Bersani e spingere il Pd a chiedere scusa per aver portato il Pil da - 2,4 dell'era Monti a + 1,8 attuale. Tranquilli ragazzi ,diffidate di chi parla che con loro al governo raggiungere il 6% e’ un giochetto da ragazzi . Niente di tutto questo. Con un governo serio , che solo il PD può garantire , usciremo , anzi siamo già usciti dalla crisi ed ora siamo di nuovo competitivi con Paesi che solo pochi anni fa era impossibile solo pensare di competere . Lasciate ragliare quelli citati sopra . Con le ricette che sbandierano ritorneremmo in pochi mesi ai nefasti risultati che tutti noi sappiamo . Date fiducia all’unico partito democratico esistente in Italia . Lunga vita a Renzi e Gentiloni ...!!
  18. Ahahahaha , anche il mito del Cazzaro Fosforo e’ un antitaliano ?? Ahahahahaha , povero Cazzaro CULTURE Marco Travaglio: "Tiferò per La Germania. Sempre stato contro l'Italia“ 01/07/2016 10:30 CEST | Aggiornato 01/07/2016 15:19 CEST
  19. Nuova sostanziale e demenziale constatazione del Cazzaro . Oggi scopre Giletti . Addirittura non ne conosceva l’esistenza se non qualche capolino tra uno zapping e l’altro . Poi , l’altro giorno , il Cazzaro rimane folgorato sulla via di Raqqua e, complice la sala di attesa del noto dentista di via Forcella , Pasquale Esposito , ha come una visione : Giletti for Presudent. E’ bastato che Massimo se ne sia venuto via da Telerenzi che per il Bufalaro diventi l’eroe che si ribella al potere mediatico del Caudillo . Uno schiavo che si ribella e che da oggi si possa chiamare il “ Compagno Massimo “. Nel contempo , nella personalissima classifica del Cazzaro, perde i colpi l’inciucista Fabio Fazio , un tempo , quando governava Berlusconi , sagace ed arguto opinionista di una Rai che si ribellava al Delinquente . Erano gustosi e spiritosi i suoi siparietti con la Litezzetto che dissacravano il governo dell’epoca , spunti che il Cazzaro poteva girare dal barbiere al Pizzaiolo . Ora il povero Fabio si e’ rammollito e svolge la funzione di Servo di Renzi , e lo fa nonostante abbia ricevuto le stimmate da Mister Valium . Che tempi quando veniva affrancati da Luttazzi , Daniele , che appena si e’ liberato dall’oppressione si e’ involato in una grande carriera e richiesto da tutti i network mondiali ed i suoi libri letti soltanto dalla redazione al completo del Falso Quotidiano , dal Cazzaro Napoletano , dalle donne della sua famiglia , dal suo Barbiere e dal suo Pizzaiolo. Tutti obbligati pena la perdita dei saluti e del rapporto di clientela con il Bufalaro . Ma per voi il Cazzaro esiste od e’ una invenzione fumettistica e lievemente comica ?? Perché lo share e’ importante , ma molto di più , per il servizio pubblico , e’ l’introito pubblicitario che un programma raccoglie in proporzione ai costi e mentre per Fazio l’ibtroito e’ il triplo dei costi , per Giletti , a ieri , l’introito pareggiava a malapena i costi . Alla faccia di Cazzari e gentili Uvette . Claro ?? Claro que si . Saluti
  20. La sx sx più sinistra non si può . Quella più a sx della sx della sx, ai primi di dicembre si riunirà un una assemblea costitutiva . Tutto il popolo italiano anelava la quattrocentoventesima assemblea di questi residuati bellici, tutti pronti ad unirsi in nome del popolo italiano ( ma più in nome della soglia di sbarramento, bisogna pur portarsi a casa la pagnotta..) Speranza, noto per una lunga carriera da colf di Bersani... Civati, che porta (forse) in dote tutto il suo serbatoio elettorale di quattro voti.. E Fratoianni, che più che a riunire la sinistra, dovrebbe pensare al suo processo per favoreggiamento nella falsificazione dei dati sulle emissioni inquinanti dell'ILVA di Taranto (ecco perchè non si chiamano più Sinistra ECOLOGIA è libertà..) Forza ragazzi, miliardi e miliardi di italiani sono con voi (e non vedono l'ora di farsi quattro risate, mentre voi poltronari spiegate cosa è la sinistra ed il lavoro..) (Non dimenticatevi di invitare Tomaso Montanari, perchè sennò se la lega al dito... ). P.S. Apprendiamo proprio ora che Tomasino Montanari non potrà partecipare causa precedente impegno ad un convegno dal titolo : La migliore Costituzione tra le migliori mille del Mondo . Il convegno si concluderà con una abbondante apericena . Obbligatorio l’abito scuro , camicia Zanella e scarpe Arfango . Capito Cazzaro ??
  21. Caro Presidente Grasso, la prego , stia attento alle parole interessate di Cazzari e Bufalari se queste provengono da Napoli e dintorni . Diffidi , mi dia retta !! Nella sua miserevole vita , politica e altro, il Cazzaro non ne ha indovinata manco mezza ed ogni sua previsioni assomiglia a quelle che rivolse ad altri ex Magistrsti come lei ( Di Pietro ed Ingroia ) che appena furono “Attenzionati” dal Cazzaro , furono immediatamente ***.ti e dismisero in un batti bahemo la loro cartiera politica . Alcuni giorni fa le ho rivolto parole di grande stima insieme ad un piccolo augurio. Ovvero , che “la sua figura di grande italiano” non diventasse quella di “leader di un piccolo partito dai tratti prevedibilmente minoritari ed estremistici”. Le cose sembrano invece andare proprio così. Ogni scelta politica è legittima, naturalmente, e la sua come le altre. Ci permettiamo comunque di esortarla ad una maggiore dose di rispetto verso il partito che l’ha voluta parlamentare e poi Presidente del Senato. Affermare, come ha fatto ieri, che il Pd “non c’è più” perché Lei ha scelto di uscirne non è tanto uno schiaffo a questo o quel dirigente ma alla comunità dei quattrocentomila iscritti e dei due milioni di italiani che hanno partecipato alle primarie. Comprendiamo l’entusiasmo con cui si accinge a questa nuova pagina della Sua vita e l’ansia di motivare il Suo distacco dal Pd. Eppure c’è modo e modo per affermare la propria leadership. E lo stile che Lei sembra aver scelto non fa onore a chi dovrebbe contribuire a contrastare quella malattia dell’antipolitica che si nutre anche di disprezzo verso chi partecipa alla vita democratica. “Soprattutto, meno zelo”, avrebbe chiosato Talleyrand, perché l’ossequio verso i nuovi compagni di strada può anche fare a meno di assumerne da subito le pose più rumorose e oltraggiose. Se vuole un consiglio , presti attenzione alle mie parole e butti al macero le parole del Cazzaro Napoletano ...!!
  22. Quando ad inizio 2015 la giornalista Federica Angeli del PD ( del PD , capito Cazzaro ??) ad occuparsi di Ostia , la prima cosa che apparve chiarissima fu la presenza della famiglia Spada. Una presenza fisica per un gruppo dalle spiccate capacità criminali e che operava e opera con le caratteristiche della malavita organizzata. Ostia è soffocata da una presenza che diventa immanente, permea ogni aspetto del vivere, corrompe, intimidisce e trova, a seconda del caso, sponde con la politica stessa. Ieri il messaggio per la stampa e in genere per la società civile è stato chiaro: qui la legge siamo noi e le regole sono quelle della violenza. E’ chiaramente una sfida allo Stato. Una sfida che va raccolta subito , che lo Stato e le istituzioni, facendosi forti della legge del diritto, devono raccogliere. Ad Ostia va ripristinata la legalità. Non vi sono altre soluzioni. O noi o loro. È evidente la fortissima capacità intimidatoria che il clan Spada ha sul tessuto del X Municipio e altrettanto forte ci appare la difficoltà a parlare di questo clan. Anche all’interno delle forze politiche. C’è paura. Il gesto di ieri è stato terribile, pauroso, per violenza e spregiudicatezza. Una persona onesta non può non rimanere colpita dalla brutalità e dalla arroganza con cui uno dei componenti del clan Spada ha prima picchiato Danilo Piervincenzi e poi, sui social, si è vantato del gesto. Di fronte a tutto ciò è necessario parlarne , pubblicamente, proprio su Twitter e Facebook, denunciando il loro modo di agire, il controllo del territorio, le minacce alla giornalista di Repubblica Federica Angeli che vive da anni sotto scorta per aver indagato su queste realtà. Degli Spada ne dobbiamo parlare e ricordare come nei mesi passati con sfacciataggine e senso di impunità Roberto Spada, con un post su Fb, avvertiva che nessuno gli avrebbe tolto il sorriso dalla faccia. Ma per capire cosa e’ accaduto ieri e quindi la profondità e la gravità del fatto bisogna fare un passo indietro o se volete aprire una parentesi. La malavita organizzata non usa la violenza a caso. Per quanto spettacolare, per quanto assurda la storia ha una sua logica. Il giornalista Rai stava chiedendo dei rapporti tra il clan Spada e Casa Pound, tra i fascisti e la malavita organizzata che ad Ostia ha i suoi affari nello spaccio della droga, nel controllo degli stabilimenti balneari abusivi e in ogni possibile attività illecita. La storia, o se volete la cronaca, ci può aiutare. Ripartiamo dalle manifestazioni di alcuni mesi fa di Casapound contro l’associazione Libera, che aveva avuto in gestione uno degli stabilimenti abusivi sottratti all’illegalità. Ripartiamo da questi strani punti di contatto. Ripartiamo dagli interessi. Perché, come al solito, sono i soldi la ragione di tutto. Sono la ragione sociale che accomuna coloro che si nascondono dietro il tricolore e la malavita organizzata. Per questo possiamo dire che quello di Roberto Spada è un chiarissimo messaggio, prima che a noi, ai cittadini di Ostia. Ma continuiamo a seguire i soldi. Ad Ostia operano alcune, presunte, associazioni antimafia, molto impegnate, tra l’altro, a favore, dell’ associazione balneari che rappresentano, un altro tassello di questa incredibile vicenda. Politica e malavita, malavita e politica, un geometria che varia ma che spesso ha qualche elemento che negli anni non muta mai. Con una tempistica straordinaria appena si comincia a denunciare gli Spada arriva la loro risposta; attaccano i cittadini perbene e difendono la famiglia. Eccole le finte associazioni antimafia. Allora sarà opportuno chuedere a più riprese ai dirigenti nazionali e locali del M5s, apertamente sostenuti dalla famiglia Spada nelle elezioni del 2016, di prendere le distanze da questi soggetti e dalle finte associazioni antimafia. Sapete la risposta? Barillari, consigliere regionale, querela Esposito (PD, capito Cazzaro ) , Luigi Di Maio querela Orfini (PD , capito Cazzaro ). La querela di Barillari verrà discussa nel 2018 quella di Di Maio è stata archiviata. Ora in tanti scoprono la mafia ad Ostia. Non possiamo che rallegrarcene. Ma il PD la battaglia contro questi delinquenti l’ha iniziata e condotta in questi anni in un silenzio, spesso complice, assordante. Ad Ostia nulla è come appare. È peggio !! La mafia c’è ed è forte. Anche se vista qualche sentenza qualcuno sembra non volerne accorgersene. La malavita è forte e sono forti i legami con la politica. Oggi CasaPound cresce ad Ostia e da anni ha trovato una sinistra consonanza con interessi che, spesso, riportano alla malavita organizzata che controlla il territorio. Arenili abusivi, occupazioni abusive e tante altre cose tutte da scoprire. Per questo è stata aggredita la troupe di “Nemo”. Dalla domanda del giornalista si deve ripartire. La destra estrema e la malavita organizzata vantano una storia di rapporti consolidati. Ce lo dicono sentenze passate in giudicato. Roma e l’estrema destra hanno un rapporto di lunga data come insegnano le vicende della Banda della Magliana, un’araba fenice che in qualche modo risorge dalle sue ceneri. Epigoni e vecchi arnesi di una storia tremenda sono sempre in azione. Per questo Ostia è un laboratorio pericolosissimo. Lo Stato deve esserci, in forze e nei modi con cui in anni bui ha saputo gestire simili situazioni. Saluti