Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''genitori''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Elezioni 2018
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Lifestyle
    • Sport
    • Corsa e Camminata
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

6 risultati

  1. La cosa ancora più sconvolgente è il padre che se ne andava a dormire nel furgone per non assistere ai continui maltrattamenti sulla moglie: si può diventare schiavi di un figlio ***? Un genitore crede che suo figlio sia solo una parte di se stesso solo perchè gli somiglia fisicamente, in realtà ognuno di noi ha una propria Anima, Essenza, che non centra nulla con i genitori e che si incarna perchè deve fare delle esperienze, e se tali esperienze decide che siano atroci per se stesso e per gli altri: male a chi gli capita. Picchia la mamma e la tiene al guinzaglio Botte, insulti, violenze psicologiche, richieste continue di denaro. Un girone infernale che, al momento, non si sa da quando andasse avanti. E che si ripeteva sempre uguale, ogni giorno. A finire nei guai, dopo una segnalazione partita dai servizi sociali, è un ragazzo di 20 anni che tormentava la madre di 57 arrivando addirittura a trascinarla in giro per casa con il guinzaglio del cane: una umiliazione reiterata, confermata al momento dai segni scoperti dagli assistenti sociali sul collo della donna. http://www.lastampa.it/2018/03/15/edizioni/imperia/picchia-la-mamma-e-la-tiene-al-guinzaglio-lINQrV5hNb1xiiZAS7ZWXL/pagina.html
  2. Stamattina, guardandomi allo specchio, ho avuto un flash... mi sono vista troppo simile a mia madre!!! Aiutooooo. A parte l'aspetto fisico, comunque, il mio compagno, ogni tanto mi fa notare che ho anche degli atteggiamenti molto simili a lei, soprattuto lui si accorge dei difetti... per esempio quando gli faccio notare delle sottigliezze, cosa che a lui manda fuori di testa. E mia madre fa lo stesso con mio padre!! Oddio se divento come lei sopprimetemi!! Ma secondo voi è possibile aggiustare il tiro nel caso?
  3. Mia sorella ha due figli e tra il tempo che passa a portarli da una festa a un impegno sportivo e quello passato sulla chat a mettersi d'accordo con i genitori non ha più tempo per lei! L'altro giorno mi raccontava che ha passato un'ora a cercare di stare dietro a una chat perché un genitore ce l'aveva con un insegnante perché aveva dato una insufficienza al figlio... quindi quando stamattina ho letto che a Livorno una scuola ha proposto di vietare le chat tra genitori, ho pensato che hanno fatto bene... secondo voi?
  4. Giorni non facili, problemi sul lavoro. Mi chiedevo come sia finita a fare la parrucchiera... e la risposta è una: i miei genitori! Loro mi hanno dato sempre tutto, non mi posso di certo lamentare, ma hanno commesso un grosso errore: non mi hanno mai insegnato a credere in me stessa, motivo per cui sono finita a fare l'istituto professionale... io avrei voluto fare l'artistico, mi sentivo portata per quello. Invece loro, pensando di tutelare il mio futuro mi hanno spinta verso una scelta più concreta... e così ora sono cornuta e mazziata, sottopagata e insoddisfatta. Questo non posso perdonarglielo. Adesso non riesco a non rifacciarglielo e quando succede sono litigate! I vostri genitori hanno commesso un errore con voi? Siete riusciti a perdonarli? Come avete fatto?
  5. Inizia la scuola e come ogni anno riparte il dibattito sui compiti a casa. Tra i genitori c'è chi è favorevole e chi invece è contrario, dal mio punto di vista dico che i compiti servono e non mi lamento mai quando i miei figli tornano a casa con attività da fare. A voi la parola...
  6. Ho sentito la terribile notizia dell'eutanasia praticata in Belgio su un minore (http://tg24.sky.it/tg24/mondo/2016/09/17/belgio-eutanasia-minorenne-malato-terminale.html) e da allora non riesco a darmi pace. Da una parte penso a questa persona di 17 anni condannata - dicono - a morte certa e dolori indicibili e ai suoi genitori distrutti dal dolore per dover prendere una simile decisione per chi hanno messo al mondo e cresciuto; dall'altra resto convinto che la vita vada vissuta fino in fondo, anche se difficile, dura e crudele, e che un ragazzo di 17 anni, pur in grado di intendere e volere, non possa essere in grado di fare questa scelta per sé...