Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''corruzione''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Elezioni 2018
    • Amore e Amicizia
    • Attualità
    • Gossip
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Lifestyle
    • Sport
    • Corsa e Camminata
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

2 risultati

  1. Dovete perdonarmi, amici forumisti, ma il mio non è solo orgoglio di campanile. Noi napoletani siamo (quasi) sempre davanti a tutti e in anticipo sui tempi. Anche nel giornalismo d'inchiesta, anche nei test atomici degli agenti provocatori. Metodo esplosivo ma semplice, economico (alla portata di una piccola testata on line, non atomica ma giornalistica) ed efficiente per disintegrare, da una mattina a una sera, almeno il 50% del giro di corruzione che appesta e dissangua l'Italia. E mi sono tenuto basso, perché c'è chi pensa che con i provocatori in giro i nostri pubblici amministratori diventerebbero di colpo casti e anargiri come santi eremiti. Mi diceva un conoscente che lavora in Regione che oggi nell'ente presieduto dall'integerrimo De Luca (Pd) si respirava un'aria da monastero francescano. Miracolo degli straordinari, coraggiosi, impagabili, bravissimi ragazzi e giornalisti d'assalto di fanpage.it. Gli stessi che ci mostrarono le immagini del "disgustoso mercimonio" (Bassolino) delle primarie truccate per il candidato sindaco del Pd; quelle del mercato delle tessere (sempre del Pd) in alcuni circoli campani; quelle dei finti piromani che nei giorni dell'incendio del Vesuvio potevano entrare e uscire impunemente dal parco nazionale dopo avere piazzato esche incendiarie; e quelle degli immigrati prelevati da un centro di accoglienza di Ercolano e portati a votare compatti per uno sconosciuto (a loro) candidato alla segreteria del Pd. Signori, oggi i ragazzi di fanpage scoperchiano un letterale merdaio, quello della gestione dei rifiuti in Campania, piaga sanguinante e mai risanata che minaccia i conti pubblici nazionali e la salute dei cittadini. Allego il filmato della prima esplosiva puntata di un'inchiesta giornalistica che va avanti da mesi in sinergia con la procura. Molti di voi (anch'io per la verità) potrete vedere per la prima volta dal vivo, dal di dentro, come funziona la corruzione negli uffici dell'ente presieduto dall'integerrimo De Luca (Pd). Notate subito un clima di letterale convivialità tra le parti: "Dobbiamo saziarci tutti". La corruzione, come Davigo ci ricorda da decenni, è un reato basato sull'accordo, sulla collaborazione e sulla fiducia tra le parti (corrotti e corruttori). Dunque può essere combattuto efficacemente solo dall'interno, infiltrando agenti provocatori in incognito. Come avviene nei paesi seri e come propongono da anni, inascoltati, autorevoli magistrati ed ex magistrati: Davigo, Gratteri, Grasso, Cantone, Di Pietro, etc. E come propongono i 5stelle nel loro programma elettorale. Il filmato ci dà anche la netta sensazione che quei comportamenti siano tutt'altro che occasionali. Sembrano tutti perfettamente a loro agio, parole e gesti collaudati, ordinaria amministrazione. Dobbiamo saziarci tutti! Noi cittadini onesti glielo auguriamo di cuore. Saziatevi tutti, magari alla mensa di Poggioreale: anche la cucina napoletana è sempre davanti a tutte. Infine, dopo avere visto queste incredibili, vergognose immagini, potete chiedervi perché l'introduzione degli agenti provocatori, proposta a suo tempo da Grasso, fu stralciata dal pacchetto anticorruzione. Ovviamente non c'entra nulla, ma pare che nell'inchiesta sia coinvolto anche un figlio dell'integerrimo governatore De Luca (Pd). Perquisite casa e ufficio. Il segretario Renzi è intervenuto subito a precisare che il De Luca candidato per il Pd il 4 marzo è il fratello dell'indagato e non c'entra nulla con l'inchiesta. In compenso, ma Renzi stranamente non lo precisa, è rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta. Mentre il papà governatore è imputato per falso in atto pubblico. E pensare che pochi giorni fa lo stesso Renzi paragonava Di Maio al ladrone Craxi. Roba da matti! https://m.youtube.com/watch?v=YePwnhNiO_0
  2. Due Rolex d'acciaio, mica d'oro, accuratamente scelti tra "i più economici" in listino. Oggi tanto vale, nel paese di Pulcinella, un emendamento nella legge di Bilancio che favorisce qualche armatore; per così poco oggi si compra, nel governo Gentiloni, una sottosegretaria ai Traporti e alle Infrastrutture. Si conferma che la corruzione dilaga: l'offerta (dei politici corrotti) ormai supera la domanda (dei corruttori), siamo cioè in piena "deflazione" della corruzione. Di questo passo sarà possibile comprare decreti e leggi dello Stato a prezzi stracciati. Venghino signori, venghino! Chi vuole l'emendamento? Chi vuole la licenza? Chi vuole l'appalto? Chi offre di più? Due Rolex e uno, due Rolex e due, due Rolex e tre! Aggiudicato! E passa l'emendamento. E non c'è storia per nessuno (vedasi allegato). Più si avvicina la fine della legislatura più i prezzi della corruzione scendono. Anche perché questa volta c'è il concreto rischio che nel 2018 vada al governo un comico che chiude la mangiatoia. Tempo fa si scoprì che un alfaniano, l'ex ministro delle Infrastrutture Lupi, aveva un figliolo un po' viziato che gradiva un Rolex in regalo dagli appaltatori pubblici. Hanno fatto tabula rasa degli alfaniani al ministero delle Infrastrutture? Macché: ci hanno messo una sottosegretaria, anch'essa collezionista di Rolex. Naturalmente la collezionista stava pure nel governo Renzi, che era l'originale, mentre quello Gentiloni è la fotocopia. Quando finirà questo scempio? Quando andremo finalmente a votare per mandare a casa questi abusivi, questi incapaci e questi ladri che si stanno divorando l'Italia? http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/19/corruzione-la-sottosegretaria-vicari-e-la-legge-per-morace-non-ce-storia-per-nessuno-prendi-2-rolex-ma-economici/3597526/