Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''carcere''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Amore e Amicizia
    • Attualità
    • Donna
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

3 risultati

  1. Ci sono nazioni dove chi uccide viene condannato alla sedia elettrica, però non lo uccidono subito, ci giocano a tenerlo 30 anni nel braccio della morte, poi lo fanno fuori; ci sono nazioni dove anziché la pena di morte danno l'ergastolo; poi c'è l'Italia dove a un ergastolano condannato per omicidio di mafia viene dato un permesso premio..... Una volta quando un detenuto voleva evadere annodava le lenzuola e scalava le mura del carcere; oggi questa "pericolosa" pratica non è più necessaria, basta farsi vedere buono (non dare rogne dentro il carcere) e con il permesso premio si esce dal carcere e non si ritorna, come è successo a questo detenuto del carcere di Volterra http://www.quinewsvolterra.it/volterra-ergastolano-in-fuga-si-cerca-nel-livornese.htm
  2. Navigando in rete ho trovato questa notizia relativa a una madre che ha abbandonato la figlia http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/06/19/news/torino_abbandona_la_figlia_ed_evade_dal_carcere_aveva_ucciso_un_motociclista_in_un_inversione_a_u-168551018/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P7-S1.6-T1 che ne pensate?
  3. Penso a quello che è successo a Alatri, all'omicidio di un ragazzo che non aveva nessuna colpa da parte di due sbandati - tra l'altro suoi fratellastri. La cosa ancora più assurda è che dalle indagini è venuto fuori che giovedì 23 marzo, la sera prima dell’efferata esecuzione davanti al disco-pub Mirò di Alatri, Castagnacci, il più anziano dei due (il ‘cuoco’ già beccato nel 2011 con 5 chili di hashish) era infatti stato arrestato a Roma con altre tre persone. Nell’appartamento del Pigneto in cui si trovava, i carabinieri hanno rinvenuto 300 dosi di cocaina, 150 di crack e 600 di hashish. Senonché, la mattina dopo, il gip di Roma ha sì convalidato gli arresti ma, accogliendo la tesi di «consumo di gruppo» avanzata dal legale di Castagnacci, ha anche disposto la contestuale remissione in libertà del quartetto – in attesa del processo – senza misure restrittive di alcun tipo. Neppure l’obbligo di firma richiesto dal pm. Una cosa che non sta né in cielo né in terra. E infatti adesso hanno aperto un'indagine sul giudice che lo ha rimesso in libertà COSE DA PAZZI