daiotto

  • Numero messaggi

    28
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

0 Calma piatta

Su daiotto

  • Rank
    Utente base
  • Compleanno
  1. Il presidente dell'Italia dei Diritti: "L'esternazione del mio sentimento solidale, oltre che doverosa, a tutela dell'imprescindibile diritto costituzionale della libertà di stampa, affonda le sue radici inevitabilmente altresì in motivazioni del tutto soggettive, essendo stato vittima io stesso di un'aggressione e di minacce di morte da parte di Armando Spada". Roma - La giornalista di Repubblica Federica Angeli, che dal 2013 vive sotto scorta per aver denunciato lo strapotere dei clan a Ostia, in particolar modo quello degli Spada, è stata destinataria di una busta contenente un proiettile recapitata alla redazione del Fatto Quotidiano. La Squadra Mobile della Questura capitolina ha sequestrato il materiale e ha avviato un'attività di indagine insieme alla Digos. Di recente la Angeli era stata escussa come teste in aula nel processo che vede alla sbarra il boss Armando Spada, il quale nel 2013 l'aveva minacciata di morte. Alla Angeli giunge l'espressione di solidarietà del presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, che purtroppo nel 2007 ha subito un'aggressione e minacce di morte a scopo intimidatorio proprio da Armando Spada, accompagnato sotto casa sua da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro a Ostia e da sua moglie Angela Falqui, dopo che il giornalista romano aveva presentato delle denunce per degli abusi edilizi perpetrati sul territorio. Un episodio che gli è valso il triste e non invidiabile primato di primo professionista dell'informazione finito vittima di un esponente del clan Spada, dopo la stessa Angeli e Daniele Piervincenzi, vittima della ormai arcinota testata ricevuta da Roberto Spada, cugino di Armando. "Esprimo la mia più totale vicinanza alla collega Federica Angeli — ha dichiarato il leader del movimento — donna e professionista coraggiosa che ha rinunciato, suo malgrado, alla libertà, essendo costretta a vivere sotto scorta, pur di adempiere compiutamente quel diritto-dovere impostole dall'attività lavorativa scelta, fedele al suo impulso dnatico di fornire un'informazione libera e incondizionata ai lettori del quotidiano per cui firma i suoi commendevoli articoli, sempre orientati verso la ricerca della verità ad ogni costo. L'esternazione del mio sentimento solidale, oltre che doverosa, a tutela dell'imprescindibile diritto costituzionale della libertà di stampa, a nome dell'Italia dei Diritti, che sono orgoglioso di presiedere, affonda le sue radici inevitabilmente altresì in motivazioni del tutto soggettive, essendo stato vittima io stesso di un'aggressione e di minacce di morte da parte di Armando Spada. A differenza dell'attenzione giustamente rivolta al caso di Federica, purtroppo, a causa di vari elementi e di un comportamento quantomeno un po' distratto da parte di chi ha redatto l'informativa di P.G., il procedimento relativo al mio episodio è stato ascritto alla competenza decisionale del Giudice di Pace penale, anziché del tribunale, e non è mai giunto a sentenza essendosi arenato sugli scogli della prescrizione. E questo è successo innanzitutto perché i poliziotti della volante del commissariato di Ostia, intervenuti sul posto, si sono rifiutati, nonostante la mia insistenza, di sequestrare il bastone con cui Spada aveva posto in essere l'aggressione nei confronti miei e di mio fratello, il quale cercò di difendermi nella circostanza, e di perquisirlo. Paradossalmente furono loro, i coniugi Alfonso De Prosperis e Angela Falqui, i quali lo avevano accompagnato sotto casa mia per mettere in atto la sua azione delittuosa, a denunciare noi e Spada fu indicato come teste. Addirittura fu sostenuto che la coppia era stata costretta a far nascondere il 'signor Spada' in macchina, il quale si era spaventato della nostra presenza. Il bastone usato nell'aggressione era diventato uno strumento di difesa contro un pericoloso animale, un cucciolo di cane di sei mesi di vita, che io gli avrei aizzato contro. Queste e altre accuse ridicole e grottesche furono mosse nei nostri confronti, il tutto supportato da un'informativa redatta dai Carabinieri della stazione di Casal Palocco, in cui il teste Armando Spada veniva riportato senza riferimenti anagrafici afferenti alla data e al luogo di nascita e soprattutto senza alcun cenno alla caratura criminale del soggetto. E' legittimo domandarsi la differenza tra le minacce di morte rivolte all'indirizzo di Federica, affidate alla decisione del tribunale, e quelle proferite nei miei confronti, peraltro accompagnate da un'aggressione con lesioni guaribili in 6 gg. s.c. per me e 8 gg s.c. per mio fratello, affidate alla competenza del Giudice di Pace. Per di più è alquanto singolare assistere a questa intermittente valutazione del contesto mafioso o agli stessi reati che assumono una gravità diversa secondo le circostanze. Una minaccia da parte di Armando Spada ha un valore diverso se rivolta a Federica Angeli invece che ad Antonello De Pierro, tra l'altro in quest'ultimo caso con annessa aggressione fisica? Ero presente in aula a piazzale Clodio quando Federica ha testimoniato contro Armando Spada. Devo dire che rivedere Armando Spada, sorvegliato a vista da quattro poliziotti penitenziari, dopo diversi anni mi ha fatto un effetto dirompente. Il procedimento che avrebbe dovuto garantire l'esercizio della mia pretesa punitiva è finito in prescrizione solo perché qualcuno ha usato superficialità in fase di indagini preliminari. E chi ha accompagnato in macchina Armando Spada ha continuato a girare indisturbato e a godere di numerose coperture istituzionali. Onestamente mi ha fatto sorridere il ministro dell'Interno Marco Minniti quando ha dichiarato, riferendosi alle risolute misure adottate nei confronti di Roberto Spada dopo la testata a Daniele Piervincenzi, che a Ostia non ci sono zone franche. Ebbene caro ministro Minniti sono costretto a contraddirla in quanto in via Peio, all'Infernetto, la zona franca purtroppo c'è ed è stata completamente abbandonata dalle istituzioni, anzi proprio grazie ad alcune cellule deviate di queste, persone in chiari rapporti con il clan Spada hanno potuto fare i loro comodi, sotto l'indifferenza e spesso favoriti da omissioni da parte di pubblici ufficiali dell'apparato che avrebbe invece dovuto invece garantire i controlli atti a impedire che ciò avvenisse. Pertanto, prima di fare tali affermazioni, le suggerisco di informarsi per evitare di essere poi smentito dai fatti. Faccia un giro in via Peio e si renderò conto lei stesso".
  2. Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Gli italiani hanno affidato loro il consenso decretando che fossero i vincitori delle elezioni politiche ed è giusto che governino. In democrazia funziona così. Però voglio che dimostrino di non aver preso per il *** gli elettori e cancellino immediatamente la legge Fornero. Poi realizzino la più grande illusione della storia politica italiana, il reddito di cittadinanza. Mi viene davvero da ridere e sono troppo curioso di guardare il signor Salvini risolvere quello che chiama il problema migranti" Roma - "Gli italiani hanno affidato loro il consenso decretando che fossero i vincitori delle elezioni politiche ed è giusto che governino. In democrazia funziona così. Se il Centrosinistra non ha saputo soddisfare le esigenze e rispondere alle istanze dell'elettorato e questo l'ha punito ritengo che meriti di restare all'opposizione". E' quanto ha dichiarato il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, riferendosi al leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio e a quello leghista Matteo Salvini, in afferenza al risultato sancito dalle urne e in vista delle imminenti consultazioni per l'affidamento del mandato da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo che dovrebbe guidare il paese. "Auspico pertanto — ha aggiunto — che il prossimo esecutivo sia espressione delle forze politiche che fanno capo a Di Maio e Salvini semplicemente perché sono i numeri a dirlo. La loro è indubbiamente una vittoria figlia del peggior populismo mai espresso nel Dopoguerra, ma se i cittadini hanno creduto alle promesse fantascientifiche sbandierate senza pudore di sorta è anche perché c'é stato un manipolo di politicanti che ha deluso le aspettative di chi aveva concesso loro la fiducia. Noi siamo contro il populismo, che riteniamo dannosissimo per il paese, ma non possiamo accettare una casta politica che, pur dichiarandosi paradossalmente di sinistra, ha calpestato i diritti delle cellule più deboli del nostro parenchima sociale e favorito i poteri forti, disorientando pertanto parte dei cittadini, che hanno votato irrazionalmente, sotto la spinta irrefrenabile della disillusione, se non della disperazione". Poi il leader dell'Italia dei Diritti, noto anche, suo malgrado, per essere stato il primo giornalista minacciato e aggredito da un membro del clan Spada di Ostia, prima della reporter di Repubblica Federica Angeli e dell'inviato Rai Daniele Piervincenzi, avendo subito un'aggressione da parte del famigerato Armando Spada, cugino di Roberto, accompagnato sotto casa sua dal noto imprenditore della lavorazione del ferro Alfonso De Prosperis e da sua moglie Angela Falqui, affonda sugli impegni assunti da Di Maio e Salvini durante la campagna elettorale: "E' davvero deprimente prendere atto dell'humus subculturale in cui affoga parte del popolo italiano, quell'Italietta delle casalinghe di Voghera, o forse sarebbe meglio collocarle nell'immaginario comune in qualche cittadina del Sud, che trascorre le giornate davanti ai miti di cartone dei reality. E' quel tessuto peninsulare che furbescamente è stato individuato, con le dovute differenze, da Di Maio e Salvini, come esca per la loro pesca consensuale, sapendo di gettare a colpo sicuro l'amo della demagogia su pesci fregnoni e creduloni da poter nutrire e catturare con la speranza di promesse evanescenti. Perché è d'ignoranza che si ciba il populismo. Vedere Salvini eletto in Calabria mi fa inorridire e non credo ci sia bisogno di spiegare il perché, almeno a chi riesce a elaborare idee di senso compiuto. Ma credo anche che chi vince ha ragione, anche se è la nostra povera Italia che ne farà le spese. E pertanto, lo ripeto, dovranno essere loro a governare. E poco m'importa del braccio di ferro ingaggiato per la premiership. Però, chiunque riesca a spuntarla per sedere sullo scranno più alto di Palazzo Chigi voglio che dimostrino di non aver preso per il *** gli elettori e cancellino immediatamente la legge Fornero. Poi realizzino la più grande illusione della storia politica italiana, il reddito di cittadinanza, che è una presa in giro già dal nome. Il reddito di cittadinanza è tutta un'altra cosa, ma forse a loro piaceva tanto questo espressione linguistica. Comunque per attivare quello che loro chiamano così, ma in realtà sarebbe una specie di sussidio di disoccupazione, un reddito minimo garantito, quello che gli inglesi chiamano basic income, bisognerebbe azzerare tutta la spesa sostenuta dalla apparato statale per la sanità, per la scuola e per l'università. E sarebbero ancora a metà dell'opera. Perché servirebbe ancora una copertura finanziaria pari al doppio. Credo che il risveglio sarà amaro per chi ha creduto alle fandonie pentastellate e si è fatto anestetizzare la coscienza dai proclami di Luigino Di Maio. Ma mi viene davvero da ridere e sono troppo curioso di guardare il signor Salvini risolvere quello che chiama il problema migranti, dimenticando però che la previsione legislativa attualmente in vigenza porta il nome di Bossi-Fini ed è la peggiore che sia stata mai varata. E proprio questo dettato normativo è la risultanza di un lungo periodo in cui la Lega è stata al governo del paese, ma mi pare che mai sia riuscita ad affrontare il fenomeno in maniera efficace, anzi ha votato un provvedimento che è riuscito solo a peggiorare le cose".
  3. Dopo che al popolare comico è stato negato l'accesso alle esequie il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti si è schierato a difesa dell'amico ed, esprimendo profondo dolore, ha raccontato alcuni ricordi personali sul conduttore prematuramente scomparso Roma - L'esternazione del suo dolore per la prematura scomparsa di Fabrizio Frizzi, il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro l'aveva affidata, con più di un post, alle pagine dei social network Facebook e Twitter. Frasi commoventi in cui tesseva le lodi delle inconfutabili e commendevoli qualità del conduttore deceduto, sottolineando il legame amicale che intercorreva da lungo tempo con lui. Gli aveva anche portato l'ultimo saluto presso la camera ardente allestita preso la sede Rai di viale Mazzini, ma aveva deciso di non presenziare al funerale, che si è svolto presso la chiesa degli Artisti di piazza del Popolo a Roma. E dopo aver letto il post pubblicato sul suo profilo Facebook dall'amico Gianfranco D'Angelo, il quale lamentava che non gli era stato permesso l'accesso alla chiesa in quanto la cerimonia era per "pochi intimi", non ha potuto esimersi dal polemizzare schierandosi al suo fianco e commentando lo sfogo del noto attore comico, in cui emergevano anche le motivazioni che l'avevano spinto a disertare le esequie. "Sono profondamente addolorato per l'ingiusta morte di Fabrizio Frizzi — ha dichiarato —, che non riesco proprio ad accettare. Al contempo sono felice per l'espressione di sincero affetto che gli è stata tributata da ogni dove. In queste circostanze spesso la retorica inevitabilmente si infila nelle frasi di rito pronunciate dai più. Forse questa volta abbiamo assistito a uno dei rari casi in cui questa non aveva diritto di residenza. Il fiume di spontaneità e di genuinità di sentimenti univoci che ha travolto il suo ricordo da parte di amici, colleghi e soprattutto da parte del suo pubblico non ha eguali nei percorsi della mia memoria e rende giustizia a una persona per bene, dal sorriso perenne e garbato, che trasmetteva costantemente un concentrato di profonda umanità. E' anche per questo che quando ho letto su Facebook il post di Gianfranco D'Angelo, un'altra persona che stimo moltissimo e a cui voglio un gran bene, sono saltato sulla sedia, anche perché non era il funerale di uno qualsiasi, era il funerale di Fabrizio ed egli non avrebbe mai approvato una cosa simile". Anche De Pierro, che com'è noto detiene il triste primato di essere stato il primo giornalista ad aver subito un'aggressione da parte di un esponente del clan Spada di Ostia (fu Armando Spada il suo aggressore, accompagnato sotto casa sua dal noto imprenditore della lavorazione del ferro Alfonso De Prosperis e da sua moglie Angela Falqui), si è imbattuto in passato, proprio presso la chiesa degli Artisti, per ben due volte nello stesso spiacevole episodio occorso a D'Angelo, anche se poi è riuscito a entrare. E' lui stesso a ricordare: "E' accaduto anni fa in occasione della cerimonia funebre per la scomparsa del mio amico Gigi Sabani, il cui ricordo è ancora vivo in me tanto da custodire nella rubrica del telefono ancora il suo ultimo numero di telefono, e più recentemente al funerale di Pasquale Squitieri. Anche a me fu detta più o meno la stessa cosa, ossia che l'ingresso era 'riservato solo ai familiari'. Evidentemente c'è una formula canonica che viene pronunciata da chi viene messo sulla porta a selezionare la gente come se si trattasse di entrare in discoteca. Questa volta ero troppo provato per poter avere la voglia di discutere di fronte alla possibilità di imbattermi in un copione già scritto, e quanto è accaduto a Gianfranco mi fa ritenere che non sbagliavo, e pertanto sono andato a portare a Fabrizio l'ultimo saluto alla camera ardente allestita presso la sede Rai di viale Mazzini, rinunciando a recarmi alle esequie. Esprimo la mia solidarietà al caro Gianfranco, in quanto, conoscendo la sua innata sensibilità, so che la cosa l'ha sicuramente rattristato. Auspico che episodi del genere non si ripetano in futuro". In conclusione l'ex direttore e voce storica di Radio Roma apre una parentesi mnemonica per ricordare Frizzi, raccontando anche un aneddoto: "L'ho conosciuto molti anni or sono al Follia di via Ovidio. All'epoca scrivevo di cronaca mondana. Poi il nostro rapporto si è consolidato durante gli anni in cui sono stato al timone di Radio Roma, periodo in cui gli ho fatto diverse interviste. Qualche anno fa ci siamo sentiti per ricordare un amico comune scomparso tragicamente in un incidente stradale. Pochi sanno che Fabrizio era anche un grande appassionato di motori e corse automobilistiche e aveva anche partecipato a delle gare proprio come compagno di equipaggio dell'amico di cui sto parlando, che era un bravo ed esperto pilota. C'è un simpatico aneddoto che custodisco nei miei file mnemonici. Qualche anno fa ci siamo incontrati ai funerali del compianto Tony Ciacci, in arte Little Tony, svoltisi presso il santuario del Divino Amore. Era il momento dell'uscita del feretro e io stavo camminando mentre lui era fermo all'incirca al centro della chiesa. Circa due anni dopo presso lo stesso santuario sono state celebrate le esequie di Pino Daniele. Al momento dell'uscita del feretro si è praticamente ripetuta la medesima scena di due anni prima. Io camminavo e l'ho incontrato nello stesso posto della volta precedente. Ci siamo abbracciati e inevitabilmente abbiamo sorriso, nonostante la circostanza, dopo che io gli avevo chiesto ironicamente se fosse rimasto fermo lì per due anni".
  4. Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Oggi posso affermare, senza tema di smentita, che il nostro contributo sarebbe stato determinante per evitare l'attuale condizione di incertezza amministrativa in cui versa la Regione Lazio" Roma - Si sono da poco tenute le elezioni per il rinnovo del presidente della giunta e del Consiglio Regionale del Lazio e il risultato finale è apoditticamente una vittoria di Pirro per il neo governatore Nicola Zingaretti, riconfermato alla guida della Regione, ma senza la maggioranza in consiglio. Infatti, i ventisei seggi assegnati dal risultato elettorale all'opposizione, che si oppongono ai ventiquattro ottenuti dalla coalizione vincente, nonostante il premio di maggioranza, non permettono a Zingaretti, ancorché possa contare altresì sul suo voto, di far passare alcunché in consiglio, senza scendere a patti con qualcuno dell'opposizione. Una situazione di stallo che difficilmente farà giungere l'esponente del Partito Democratico alla fine naturale della legislatura, prevista fra cinque anni. I motivi che hanno condotto a questa clamorosa condizione di empasse, se si considera il vantaggio che veniva attribuito al Centrosinistra nelle previsioni della vigilia, che permetterà comunque di compiere senza problemi gli atti di giunta, vengono spiegati dal movimento Italia dei Diritti, che li affida alla voce del suo presidente e fondatore Antonello De Pierro. Il giornalista romano, noto per essere stato il primo reporter a essere stato vittima del clan Spada di Ostia, essendo stato minacciato e aggredito da Armando Spada, lo stesso che è sotto processo per le minacce rivolte alla giornalista di Repubblica Federica Angeli e cugino del più noto Roberto, accusato di aver sferrato una testata all'inviato Rai Daniele Piervincenzi, accompagnato sotto casa sua dal noto imprenditore di Ostia Alfonso De Prosperis e da sua moglie Angela Falqui, aveva iniziato una campagna elettorale in solitaria, candidando, col simbolo della formazione politica di cui è leader, alla presidenza della Regione Lazio l'ariccino Carlo Spinelli, responsabile provinciale di Roma dell'Idd. A seguito di una riunione del direttivo regionale del movimento, presieduta dallo stesso De Pierro, al fine di dare più unità al Centrosinistra e in considerazione altresì della posizione assunta nell'ambito del Centrodestra dal sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, era stato deciso di chiedere un passo indietro al candidato presidente Spinelli, affinché la lista dell'Italia dei Diritti potesse entrare a far parte della coalizione capeggiata da Nicola Zingaretti, da cui è giunto inaspettatamente un netto rifiuto. E' lo stesso De Pierro a svelare i retroscena dell'accordo mancato, non celando la sua incredulità di fronte alle ragioni addotte: "Dopo la scelta di correre da soli e aver lanciato la candidatura di Carlo Spinelli alla presidenza della Regione Lazio ci siamo trovati, in direttivo regionale, a fare una disamina del panorama politico regionale e abbiamo aperto varie parentesi riflessive. In verità le previsioni dei sondaggi davano Zingaretti molto avanti rispetto agli avversari, ma l'esperienza politica mi ha insegnato che il verdetto delle urne spesso può ribaltare anche i più rosei pronostici della vigilia e forse, in virtù della congiuntura di ingovernabilità decretata dal risultato elettorale può darsi che l'abbia insegnato anche a lui. Pur essendo un po' critici di fronte alla gestione di alcune competenze regionali da parte dell'uscente governo, la nostra collocazione naturale è nell'alveo del Centrosinistra e pertanto abbiamo ritenuto opportuna l'ipotesi di correre in maniera unitaria. Poi, senza inutile ipocrisia non ho alcun problema a rivelare che, dopo aver quasi terminato la raccolta delle firme necessarie alla presentazione delle liste nella circoscrizione di Roma, abbiamo ritenuto che, entrando in coalizione, avremmo potuto evitare la raccolta in almeno altre due circoscrizioni, come previsto da una legge che riteniamo profondamente ingiusta e penalizzante per i soggetti politici più deboli. E questa non è una cosa di poco conto per una formazione come la nostra che si autofinanzia. La raccolta delle firme in altre due circoscrizioni sarebbe stata improponibile in termini di risorse economiche. A quel punto non mi è rimasto che chiedere a Carlo di fare un passo indietro e incontrare Zingaretti per trattare il nostro ingresso in coalizione e poter dare il nostro contributo per una grande vittoria del Centrosinistra. Ma avevo fatto male i miei calcoli, figli di una naturale logica deduttiva. La risposta di Zingaretti, espressa dalla voce di Maurizio Veloccia, affiancato da Sara Bombelli, che ho incontrato insieme al mio valido collaboratore Spinelli, il quale, da grande esperto di ambiente e rifiuti, avrebbe potuto apportare peraltro un contributo inquantificabile alla coalizione, mi ha lasciato alquanto allibito e, alla luce dell'espressione di voto palesata da parte dell'elettorato, non posso esimermi dal qualificarla come un suicidio politico. L'innegabile giustezza del criterio canonico utilizzato nella formazione delle coalizioni politiche suggerisce una concretizzazione procedurale volta all'aggregazione, onde giungere al massimo esito consensuale possibile. Ebbene, in questo caso la prefata applicazione parametrale non ha trovato posto, cedendo il passo a un'argomentazione che abbiamo ritenuto paradossale e pertanto non condivisibile, volta più a tutelare l'acquisizione di scranni da parte del Partito Democratico che al raggiungimento del successo finale dell'intera coalizione. Il ragionamento fatto, probabilmente dettato dalla sicurezza di vittoria suggerita dai sondaggi, è pressappoco traducibile nel rischio per il Pd, con il premio di maggioranza, di perdere un seggio a beneficio di un'altra lista della coalizione, direttamente proporzionale al numero di liste facenti parte della coalizione stessa. In tutta onestà la possibilità teorizzata, per noi che mettiamo sempre al primo posto l'interesse dei corpi collettivi, che non sacrifichiamo in nome di meri calcoli elettoralistici, non rientra nei nostri canoni valutativi. La vittoria del gruppo per noi è sacrosanta e ha sempre la precedenza sui personalismi, paradigma concettuale che non ci appartiene. Oggi posso affermare, senza tema di smentita, che il nostro contributo sarebbe stato determinante per evitare l'attuale condizione di incertezza amministrativa in cui versa la Regione. Alle scorse amministrative di Ariccia, dopo aver ipotizzato di entrare nella coalizione di Centrosinistra, anche se per motivazioni differenti fummo costretti a correre da soli. I cittadini ci premiarono facendoci raccogliere il 3,4% dei consensi e il Pd, fortemente penalizzato dalla nostra campagna elettorale, si fermò al 15,49 e la coalizione fu sconfitta. Con quella percentuale alle regionali appena concluse avremmo ottenuto due seggi. Oggi credo che il Centrodestra e il M5s, e probabilmente anche Pirozzi, dovrebbero ringraziarci per il risultato ottenuto, figlio di una compressione progressiva dei consensi pronosticati alla vigilia. Il merito di ciò devo riconoscerlo al responsabile provinciale di Roma del nostro movimento, che risponde al nome di Carlo Spinelli, il quale, era pronto a fornire a Zingaretti il suo valido e indispensabile apporto per migliorare la situazione dei rifiuti nel Lazio. La nostra non presenza in coalizione ha costretto Carlo ad avviare una reiterata denuncia mediatica durante la campagna elettorale, in cui puntava il dito contro l'immobilismo tenuto dall'amministrazione Zingaretti in tema rifiuti e sottolineava le conseguenze che tale inoperosità ha cagionato. Evidentemente parte dell'elettorato ci ha ascoltati e ha pensato bene di non rinnovare la fiducia al governatore uscente. Auspichiamo in futuro che Zingaretti corregga la miopia politica dimostrata in questo frangente".
  5. La preside coraggio, nota per la lunga battaglia sostenuta a Ostia contro persone in rapporti con il clan, coperte dalle istituzioni, ha scelto di esporsi in politica per lanciare un messaggio a favore della legalità Roma - Sono quasi tredici anni che Lucia Salvati conduce la sua battaglia contro la corruzione e la mafia a Ostia. Infatti l'ex preside coraggio, assurta agli onori delle cronache per varie manifestazioni di protesta inscenate per richiamare l'attenzione sulla sua kafkiana vicenda, è stata vittima, insieme ai suoi due figli, uno dei quali è il giornalista Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti, di vari comportamenti omissivi posti in essere da numerose cellule deviate delle istituzioni per coprire degli abusi, che la stessa aveva denunciato, da parte di persone in rapporti con l'ormai famigeratissimo clan Spada di Ostia. Come se non bastasse le prefate persone arrivarono ad accompagnare il boss Armando Spada (lo stesso che pare abbia minacciato la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive attualmente sotto scorta) sotto casa sua minacciandola di morte insieme ai figli e aggredendo questi ultimi con un bastone procurando loro lesioni a cui è stata attribuita una prognosi clinica di 6 e 8 gg. Suo figlio Antonello ha scelto di aderire con il movimento Italia dei Diritti, di cui è il leader, alla proposta politica della ministra della Salute Beatrice Lorenzin rappresentata dal gruppo Civica Popolare e, dopo aver accettato la candidatura alla Camera dei Deputati, ha scelto di fare un passo indietro per accettare l'incarico di coordinatore della campagna elettorale dell'on. Jean-Léonard Touadi, candidato alla carica di presidente della Regione Lazio. Per via dell'impegno dell'ex dirigente scolastica per la legalità e la giustizia, l'aspirante governatore le ha chiesto di essere l'emblema della campagna legalitaria della sua lista, accettando di candidarsi al secondo posto alle spalle del capolista Pierluigi Borghini. Ritrovando nella compagine capeggiata da Lorenzin quei valori a cui ha informato tutta la sua carriera al servizio delle istituzioni ha deciso volentieri di dare il suo contributo, anche per via della stima nutrita nei confronti del candidato governatore, un apprezzamento che ha addirittura spinto suo figlio a rinunciare alla possibilità di un seggio in Parlamento. E' la stessa Salvati a spiegare i motivi della sua scelta: "Sono molti anni che mi batto per vedere riconosciuti i miei diritti. Nel 2005 ho presentato un esposto per lavori edili abusivi realizzati ai miei danni, pensando di vivere in un paese normale e che la risposta istituzionale sarebbe stata quella più rispondente a una logica deduttiva, ossia di reprimere l'illecito ed evitarne la prosecuzione. Mi ero illusa. Da quel momento sono piombata in un incubo. Le fattispecie comportamentali omissive si sono susseguite a dismisura. A iniziare da alcune vigilesse e da dipendenti dell'Ufficio Tecnico di Ostia. Ma anche gli esponenti politici locali sono rimasti a guardare, seppur messi a conoscenza del fatto. Non solo le vigilesse intervenute dichiararono in documenti ufficiali, pur in presenza di abusi visibili agevolmente ictu oculi, che era tutto in regola, ma addirittura riuscirono a denunciare me e i miei figli per abusi edilizi inesistenti, tanto da essere assolti con la canonica dicitura della formula piena 'perché il fatto non sussiste'. Un'odissea dal sapore kafkiano, che ha visto il suo momento più grave quando le persone in questione hanno accompagnato in macchina, sotto casa mia, Armando Spada, esponente di spicco dell'omonimo clan di Ostia, che ha minacciato di morte me e i miei figli e ha aggredito questi ultimi, servendosi anche di un bastone, procurando loro lesioni guaribili in in 6 e 8 giorni. Lo scopo della sua venuta era di intimidirci per farci desistere dal continuare a chiedere i nostri diritti e il rispetto della legalità. A quel punto abbiamo avuto la certezza che i signori che avevano commesso gli abusi erano in rapporti con un clan mafioso di Ostia e chi li aveva coperti lo aveva fatto a beneficio di soggetti legati, non spetta a me dire in che modo, a un sodalizio mafioso. Su questo non mi pare possano esserci dubbi. Se io accompagno un elemento di vertice come Armando Spada per intimidire qualcuno ho palesemente un rapporto piuttosto stretto con il clan. Ebbene, si è parlato molto negli ultimi mesi della pericolosità degli Spada a Ostia, specie dopo l'aggressione al giornalista Daniele Piervincenzi, si sono adottate misure anche clamorose sotto certi aspetti, ma cosa è stato fatto prima, quando il mio grido d'aiuto è rimasto inascoltato? E' alquanto singolare che dopo tanti esposti e denunce, tutti ignorati, solo ora ci si accorge di un fenomeno presente già da molto tempo. Il ministro Marco Minniti ha dichiarato che non ci sono zone franche. Questa affermazione mi fa sorridere. Vorrei dire al ministro che in via Peio, 34, all'Infernetto, la zona franca esiste dal 2005, e persone vicine al clan Spada hanno potuto fare di tutto senza che gli organi istituzionali deputati al controllo muovessero un solo dito per ostacolarli. Invito il ministro Minniti a recarsi in via Peio e lo sfido, di fronte alla realtà dei fatti, a ripetere l'assunto concettuale espresso sull'assenza di zone franche. Perché si punta il dito sugli Spada, che hanno fatto una scelta criminale, ma non si guarda a chi vive alla loro ombra nascondendosi dietro una coltre di perbenismo e di insospettabilità. Perché Armando Spada è venuto sì sotto casa mia per consumare quella che, senza mezzi termini, è stata un'intimidazione mafiosa, ma non è venuto da solo. E' stato accompagnato in macchina. E chi l'ha accompagnato ha un nome e un cognome. Sono Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro a Ostia Nuova, e sua moglie Angela Falqui. E l'evento, da intimidazione mafiosa qual'era, grazie a varie e incredibili circostanze, è stato rubricato come lesioni personali lievi ed è finito nell'alveo decisionale del Giudice di Pace, col procedimento instaurato inghiottito poi dalle sabbie mobili della prescrizione. Infatti i poliziotti della volante del Commissariato di Ostia, intervenuti sul posto, non hanno voluto porre sotto sequestro, nonostante le insistenze di mio figlio Antonello, il bastone con cui erano stati colpiti i miei figli. E nemmeno hanno voluto perquisire Spada. Il signori Alfonso De Prosperis e Angela Falqui hanno avuto l'ardire di proporre una denuncia - querela contro di noi, accusandoci di averli aggrediti e indicando Armando Spada come teste. Un atto di accusa per sollecitare un procedimento penale in cui sono state scritte cose che la più elementare e superficiale disamina logica indurrebbe chiunque a definire paradossali e ridicole. Ma non evidentemente chi ha redatto l'informativa di polizia giudiziaria, che definirei quantomeno un po' distratta. Infatti nella denuncia vi era scritto che i signori De Prosperis e Falqui, hanno fatto nascondere il signor Spada in macchina essendosi spaventato alla vista dei miei figli. Il bastone con cui questi ultimi sono stati colpiti è stato utilizzato da Spada per tenere a distanza un pericoloso animale che mio figlio avrebbe aizzato contro di loro. Peccato che si trattasse di un cucciolo di circa sei mesi di vita. E ha un nome e cognome anche il maresciallo dei Carabinieri che ha firmato l'informativa testé citata in cui, e non sta a me giudicare se involontariamente o meno, ha indicato Spada come teste, senza fare alcun accenno alla caratura criminale del soggetto e senza citare il luogo di nascita, né tantomeno la data. Come hanno un nome e cognome le vigilesse che non sono riuscite a scorgere degli abusi lapalissiani, però sono state molto brave a individuare quelli nostri, perfettamente inesistenti. E hanno un nome e cognome molti altri personaggi di questa vicenda, che con il loro comportamento, ripeto voluto o non voluto, non è affidato alla mia competenza deciderlo, hanno di fatto favorito le condotte illecite di personaggi in rapporti con il clan Spada. Il significato della mia candidatura è proprio questo. Orgogliosa di poter dare il mio contributo a una lista che ha fatto della lotta all'illegalità il punto cardine del suo programma e che propone per la presidenza della Regione Lazio una persona di elevato spessore politico, culturale e umano come Jean-Léonard Touadi".
  6. De Pierro attacca Zingaretti e Capriccioli su no vax Tutino Il presidente dell'Italia dei Diritti e coordinatore della campagna del candidato governatore del Lazio Jean-Léonard Touadi: "Ritengo gravi le reazioni, disinteressata quella di Nicola Zingaretti e ponziopilatesca quella di Alessandro Capriccioli. La cosa che più mi colpisce e che ritengo alquanto delirante è il fatto che egli voglia elargire del denaro, se non erro 600 euro, a chi non vaccina i figli. Tutino pensa di far gravare la sua insensata proposta sui corpi collettivi?" Roma - La notizia della presa di posizione del candidato radicale, alleato di Zingaretti, Davide Tutino in materia vaccini, che aveva dichiarato di essere un no vax, ma soprattutto di voler dare dei soldi (600 euro) alle famiglie che non vaccinano i figli, ha creato sconcerto nel mondo politico e nell'opinione pubblica. Dopo la risposta decisa di Jean-Léonard Touadi, candidato alla presidenza della Regione Lazio con la lista Civica Popolare, Zingaretti ha opposto un inaccettabile silenzio, mentre il capolista radicale Alessandro Capriccioli ha replicato affermando che Tutino avrebbe parlato a titolo personale e non rispecchierebbe la linea del partito, che si dichiara al contrario favorevole ai vaccini. Capriccioli ha aggiunto poi che i motivi della candidatura di Tutino sono da far risalire alla sua lunga militanza radicale. A rispondere, questa volta, è il presidente dell'Italia dei Diriti Antonello De Pierro che, dopo aver stipulato l'accordo con Civica Popolare, ha rinunciato a una candidatura alla Camera dei Deputati per accettare l'incarico di coordinatore della campagna elettorale di Jean-Léonard Touadi. "Ciò che è successo mi lascia fortemente perplesso — ha affermato — su chi siano coloro i quali si candidano a rappresentare i cittadini laziali in Regione. E ritengo ancora più gravi delle esternazioni esilaranti di Tutino le reazioni, disinteressata quella di Nicola Zingaretti e ponziopilatesca quella di Alessandro Capriccioli. Se Davide Tutino, è stato improvvisamente colpito dal virus della sindrome da notorietà a tutti i costi per uscire da quell'anonimato da cui, evidentemente, nonostante i tanti anni di militanza non è mai riuscito a emergere, ha raggiunto in parte il suo scopo. E una patologia che a volte può colpire chi è rimasto nel dimenticatoio per lungo tempo e il partito di appartenenza non è riuscito a somministrargli lo specifico vaccino per evitarla. E, in questo caso, potrà godersi, appagato, il suo momento di gloria. Contento lui, contenti tutti.. Secondo la nostra visione politica è alquanto grave che un militante di lungo corso di un partito effettui una virata così repentina su un argomento di vitale importanza per la stessa compagine di appartenenza. Ma questo è un problema interno loro e ci interessa davvero poco. Come ci importa francamente poco anche dell'opinione di Tutino sui vaccini. Siamo in democrazia e ognuno può dare libero sfogo alla propria espressione ideale. E' ripescando un assunto concettuale di voltairiana memoria mi batterò anche affinché lui possa esprimere le sue idee, pur non condividendole. La cosa che più mi colpisce e che ritengo alquanto delirante è il fatto che egli voglia elargire del denaro, se non erro 600 euro, a chi non vaccina i figli. Ma stiamo scherzando? Il silenzio di Zingaretti, che si propone per ritornare ad amministrare la Regione, è assolutamente disarmante, come quello opposto sul disastro dei rifiuti, che proprio noi dell'Italia dei Diritti abbiamo sollevato. E la posizione di Capriccioli, persona che stimo, in questo caso è tutt'altro che esaustiva. Noi pretendiamo di sapere le intenzioni di Tutino qualora dovesse essere eletto in consiglio regionale. Con quali soldi dovrebbe pagare le famiglie che scelgono l'anacronistica linea di rifiutare quei vaccini, che hanno salvato milioni di vite in passato, scongiurando gravissime epidemie e permettendoci di vivere oggi senza la minaccia di terribili morbosità, che fortunatamente sono state debellate grazie alle somministrazioni vaccinali? Tutino pensa di far gravare la sua insensata proposta sui corpi collettivi? A queste domande attendiamo una risposta immediata e non ci fermeremo fino a quando i cittadini del Lazio non saranno certi di non rischiare di veder sperperare soldi pubblici per soddisfare le assurde elucubrazioni di questo personaggio, le cui dichiarazioni onestamente mi fanno rabbrividire. E tra l'altro rischia anche di creare un detrimento sociale molto grave in tema di prevenzione, attesa la disperazione che regna attualmente in tante famiglie disagiate. Quanti, facendosi ammaliare dalla possibilità di ricevere l'eventuale bonus proposto, potrebbero decidere di rinunciare alla prevenzione sociale dei propri figli?".
  7. Il presidente dell'Italia dei Diritti ha rinunciato alla candidatura alla Camera dei Deputati nel collegio umbro con Civica Popolare per accettare il coordinamento della campagna elettorale del candidato alla presidenza della Regione Lazio Roma - Ha fatto notizia nei giorni scorsi la rinuncia del presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro a candidarsi per un seggio alla Camera dei Deputati. Il leader del movimento aveva stretto un accordo con Beatrice Lorenzin per inserire vari esponenti del movimento da lui presieduto nelle liste di Civica Popolare, la formazione che fa capo alla ministra della Salute, ma in extremis proprio lui aveva desistito dal correre per optare a favore del coordinamento della campagna elettorale di Jean-Léonard Toaudi, candidato alla carica di governatore del Lazio con lo stesso partito. Infatti, quando Touadi, con cui intrattiene rapporti amicali e di reciproca stima da molti anni, gli ha rivolto la richiesta, De Pierro non ha esitato ad accettare l'incarico propostogli, ritirando il suo nome dalla lista. Oggi ha deciso di parlare dell'episodio e si dice felice per la scelta fatta, maturata al di là di ogni calcolo politico solo per una questione di amicizia e di apprezzamento nei confronti dell'ex assessore capitolino della giunta Veltroni e deputato per l'Idv e per il Pd, ma si dice rammaricato per non aver potuto partecipare nella regione che aveva scelto, ossia l'Umbria: "Quando ho deciso di candidarmi non ho avuto dubbi. Ho scelto di farlo in Umbria. Le ragioni sono molteplici. Innanzitutto è un territorio che amo moltissimo e ogni volta che mi è possibile ci faccio un salto, senza stancarmi mai di ammirare le sue bellezze naturali, storiche e architettoniche, restandone estasiato. In secondo luogo perché amo gli umbri, gente laboriosa, cordiale e umile, un esempio per chiunque. Non posso poi tralasciare una ragione prettamente politica. L'Italia dei Diritti, nella regione di san Francesco d'Assisi e di santa Rita da Cascia, gode di un notevole consenso, maturato anche grazie all'avvincente campagna elettorale che abbiamo condotto in occasione delle ultime consultazioni regionali, con candidato presidente Giampiero Prugni, che purtroppo da qualche tempo ci ha lasciati. Anche se la lista è saltata proprio in sede di presentazione, per un disguido legato all'assenza di un atto nel fascicolo documentale consegnato, il 3% che ci assegnavano i sondaggi era emblematico circa il lavoro programmatico e aggregativo svolto. Auspico presto di lavorare nuovamente in prima persona per questa straordinaria terra, che quando ci ritorno mi emoziona sempre come fosse la prima volta".
  8. Il presidente dell'Italia dei Diritti, che nei giorni scorsi aveva stretto alleanza con Beatrice Lorenzin, ha rinunciato a correre per un seggio alla Camera e ha risposto alla chiamata dell'amico candidato alla presidenza della Regione Lazio Roma - Ha del clamoroso il passo indietro fatto dal presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, candidato alla Camera dei Deputati con la lista Civica Popolare, dopo l'accordo stretto con la ministra della Salute Beatrice Lorenzin. Il patto resta comunque in piedi e il movimento, rispettando l'annunciata confluenza per le elezioni politiche e regionali, sosterrà lo stesso Cp in tutta Italia. Ma la scelta di De Pierro si consuma nel Lazio, dove l'Italia dei Diritti aveva scelto di correre da sola alle regionali con il responsabile provinciale di Roma Carlo Spinelli candidato a governatore, a cui ha chiesto di rinunciare per partecipare alla competizione come aspirante consigliere nelle file del partito di Lorenzin. E qui la vicenda esce in parte dalle stanze della politica e abbraccia il terreno dell'amicizia, della stima, dei rapporti umani. La molla decisionale scatta quando viene rivelata la candidatura alla presidenza della Regione Lazio di Jean-Léonard Touadi, un personaggio capace e carismatico, ma soprattutto onesto, con cui il leader dell'Italia dei Diritti ha da lungo tempo un legame amicale e di mutuo apprezzamento. E soprattutto quando il neo candidato governatore gli chiede di assumere il coordinamento della sua campagna elettorale De Pierro non ha indugi. Rinunciare alla possibilità di accedere a uno scranno in Parlamento non è un problema se si crede fermamente in certi fondamenti valoriali. E la storia personale e politica di Touadi è in perfetta sintonia con quella di un paladino della legalità come il numero uno del movimento che ha fatto dell'appello al rispetto dei diritti individuali e collettivi il suo vangelo. Le linee programmatiche da esplicitare nella campagna elettorale di Civica Popolare sono imperniate proprio sulla lotta alla corruzione e alla mafia, nel trionfo di quella legalità che è la piattaforma edificante di un parenchima sociale sano. Quella corruzione che De Pierro combatte da sempre con tutte le sue forze. I suoi diciotto incatenamenti per ottenere la rotazione intermunicipale periodica (risultato raggiunto) dei vigili urbani capitolini per prevenire ogni tentazione corruttiva, fanno ormai parte integrante della storia della Roma recente. O la battaglia per la giustizia combattuta contro persone in rapporti con il clan Spada di Ostia, tanto da accompagnare il boss Armando, già agli arresti domiciliari e destinatario di un ordine di custodia cautelare in carcere proprio nei giorni scorsi con contestazione del 416 bis c.p., a minacciarlo di morte e aggredirlo per indurlo a non proseguire nel denunciare degli abusi a carattere edilizio da parte di persone a lui care. Un episodio che gli ha fatto guadagnare il triste e non invidiabile primato di primo giornalista aggredito dal clan, a cui hanno fatto seguito le minacce a Federica Angeli, che vive sotto scorta, e l'arcinota testata data da Roberto Spada a Daniele Piervincenzi. De Pierro spiega i motivi della scelta di sposare la causa elettorale di Toaudi: "Conosco Jean-Léonard da un cospicuo lasso temporale. Il sentimento nutrito da sempre nei suoi confronti è racchiuso tutto nella parola stima. Stima per il politico Touadi, stima per l'uomo Touadi. Due facce della stessa medaglia che, coniugate tra loro, partoriscono un'attività volta costantemente all'ottimizzazione dei corpi collettivi. E' una peculiarità che dovrebbe essere fisiologica per chi ambisce agli scranni istituzionali, ma purtroppo, tra populismo, demagogia e addirittura becero sciacallaggio, sul proscenio è cosa rara da scorgere. Jean-Léonard incarna quella figura che dovrebbe essere eletta a emblema valutativo per l'idoneità a ricoprire ruoli politici. Mi sembrava doveroso rispondere alla sua chiamata sacrificando una candidatura. Ho semplicemente risposto al comando imperioso del senso dello stato, che alberga costantemente in me. Poter coordinare il lavoro arduo che ci accingiamo a intraprendere è un onore oltre che un piacere per me. Il suo impegno in politica è stato sempre segnato da un forte impegno per l'affermazione della legalità. Un paradigma concettuale che noi propugniamo da sempre, specie quando ci siamo accorti di dover fare costantemente i conti con un sistema inquinato, purtroppo trasversale, che si autoalimenta con biunivoche connivenze, che travalicano qualsivoglia steccato ideologico o senso della funzione da parte di funzionari pubblici, sempre, purtroppo, in nome del tornaconto personale. Intorno a questo apparato ruota spesso una lapalissiana realtà di disagio e di disperazione sociale. E se da un lato questi signori la relegano ai margini dei loro interessi ufficiali, dall'altro, con ributtante cinismo, con paradossale impudenza, ci intingono il pane. Se vogliamo almeno sperare di assistere un giorno alla palingenesi della nostra amata Italia, dobbiamo profondere le nostre energie affinché il nostro impegno si indirizzi, con priorità assoluta, a decontaminare l'apparato istituzionale dalle pervasive propaggini metastatiche che l'hanno messo sotto scacco. Dobbiamo restituire al corpo sociale, e quindi elettorale, quegli ideali e speranze che sono naufragati sugli scogli della malagestione della cosa pubblica. E questo naufragio genera quella pericolosa disillusione che erutta purtroppo nel voto di protesta, diventando terreno fertile di caccia per chi cerca di racimolare consensi con l'esercizio di una retorica populista e qualunquista, che spesso addirittura scivola nello sciacallaggio, condotta che ha davvero poco a che vedere con una sana politica. Queste manifestazioni comportamentali purtroppo anestetizzano le coscienze e coartano l'autodeterminazione del corpo elettorale. Ed è cosa nota che il sonno delle coscienze può generare mostri. E' questa la sfida che ho sempre scelto di giocare da presidente dell'Italia dei Diritti, che avevo scelto di giocare da candidato alla Camera con Civica Popolare e ora al fianco di Jean-Léonard Touadi, per ridare la capacità di autodeterminazione alle persone, perché ciò significa restituire loro la dignità, che il potere di pochi eletti ha spesso schiacciato, marciandoci sopra con i cingoli dell'arroganza. Per concludere vogliamo dare una 'nuova casa al civismo', per dirla con le parole tanto care a Jean-Léonard".
  9. Il presidente dell'Italia dei Diritti e candidato alla Camera dei Deputati con Civica Popolare: "Beatrice Lorenzin non avrebbe potuto operare una scelta migliore. Jean-Léonard è una delle migliori figure che il panorama politico offre attualmente" Roma - "Esterno la mia massima espressione di felicità per la candidatura a presidente della Regione Lazio di Jean-Léonard Touadi. Beatrice Lorenzin non avrebbe potuto operare una scelta migliore". E' con queste parole che il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, candidato alla Camera dei Deputati con Civica Popolare, ha accolto l'annuncio della ministra della salute e leader di Cp Beatrice Lorenzin, di aver deciso di designare come aspirante governatore del Lazio, collegato alla sua lista, Jean Léonard Touadi, ex assessore comunale di Roma della giunta Veltroni ed ex deputato eletto nelle file dell'Italia dei Valori. Infatti il numero uno dell'Italia dei Diritti e il neo candidato si conoscono proprio dai tempi dell'elezione in Parlamento di Touadi con la lista dell'Idv, partito presso cui De Pierro ricopriva il ruolo di capo ufficio stampa delle segreterie romana e regionale del Lazio. "Jean-Léonard è una delle migliori figure che il panorama politico offre attualmente — ha continuato il candidato alla Camera — nutro per lui profondi stima e affetto, sentimenti che sono rimasti immutati nel tempo. E' un concentrato di competenza politica, cosa che nel frangente epocale che stiamo vivendo credo sia un requisito fondamentale, di onestà indiscussa, di spessore culturale, di umanità e soprattutto di quell'umiltà genuina e spontanea che solo i grandi sanno far trasparire. Il suo eloquio forbito e raffinato, è capace di arrivare al cuore della gente con estrema facilità, grazie anche ai suoi modi espressivi molto rassicuranti. Sono certo che per le regionali ci sarà una campagna elettorale molto interessante e combattuta. La figura di Jean-Léonard è nettamente superiore, per lo scranno più alto della Regione, a quelle degli altri candidati. I vari Zingaretti, Lombardi e Parisi avranno filo da torcere nel contendere a lui la carica".
  10. L'accordo raggiunto tra Italia dei Diritti e Civica Popolare rafforza la neonata formazione politica guidata dalla ministra della Salute e spiazza quelle liste che hanno corteggiato invano il movimento presieduto dal giornalista romano Roma - Dopo attente valutazioni e varie trattative, il direttivo nazionale dell'Italia dei Diritti, presieduto dal presidente e fondatore Antonello De Pierro, ha scelto con chi stringere l'alleanza per correre alle prossime elezioni politiche per il rinnovo dei membri della Camera dei Deputati e del Senato. Dopo aver depositato il simbolo identificativo del movimento presso il Viminale, rubando il tempo a Fratelli D'Italia e Partito Democratico nella corsa per arrivare a vedere affisso per ultimi il proprio contrassegno sulla bacheca del dicastero dell'Interno, si è proceduto alla definitiva formulazione decisionale sulla formazione politica su cui convergere. Infatti era già stato deciso da tempo che l'Italia dei Diritti non avrebbe partecipato col proprio simbolo a livello nazionale, mentre aveva annunciato da tempo la propria corsa solitaria alla Regione Lazio, schierando come candidato presidente il responsabile provinciale di Roma Carlo Spinelli. L'accordo è stato raggiunto, già mercoledì scorso, con Civica Popolare, la compagine che vede il suo leader nella ministra della Salute Beatrice Lorenzin, ma per scelta del presidente De Pierro solo ora viene reso noto. L'intesa trovata avrà conseguenze anche sul piano regionale laziale, dove il numero uno del movimento ha chiesto all'aspirante governatore del Lazio di fare un passo indietro e candidarsi nella lista schierata da Lorenzin. A questi sarà collegata, in quota Italia dei Diritti, Livia Celardo, la giovane economista e ricercatrice universitaria figlia di Carmine, uno degli esponenti storici del movimento, che per ovvii motivi resterà ai box. Per De Pierro, candidato alla Camera dei Deputati, è stata un'ottima convergenza programmatica e d'intenti come egli stesso spiega: "Dopo aver valutato attentamente l'offerta politica del momento, naturalmente circoscritta all'alveo del centrosinistra, che da sempre è la nostra collocazione naturale, nel ventaglio di possibilità esaminate non abbiamo nutrito alcun dubbio quando ci siamo imbattuti nelle proposte concrete di Civica Popolare. La disamina analitica era terminata. Da sempre impegnati nella tutela dei diritti delle cellule più deboli del parenchima sociale, spesso calpestate e mortificate dal potere e dall'arroganza di pochi eletti, abbiamo trovato qui una piattaforma ideale per edificare e corroborare le nostre linee programmatiche e un humus fertile per coltivare e preservare i nostri principi fondanti informati in particolar modo alla legalità, alla giustizia e soprattutto all'etica. Da sempre fedeli a una frase di Cesare Pavese, eletta a illuminante esempio, che diceva 'Non bisogna andare incontro al popolo, ma essere popolo", è quello che abbiamo sempre propugnato per la tutela dei corpi collettivi. E cosa c'è di meglio del binomio civica e popolare per dare senso compiuto ai prefati assunti concettuali? Il riferimento ai cives e al popolo credo siano l'espressione ideale per orientarsi verso l'interesse degli italiani. Quando ci siamo contestualmente calati nella sfera lorenziniana abbiamo subito respirato un'aria nuova, un profumo di pulito, ma soprattutto un'armonia di intenti e di proiezioni progettuali, e sono quelle peculiarità che fanno la differenza per ambire a espletare un giusto mandato sul proscenio politico nazionale. Altrove abbiamo notato subito divergenze interne, alleanze improbabili, tutti elementi che rendono fragili le compagini e fanno vacillare significativamente la credibilità quando si chiede agli elettori di orientare il consenso nel segreto dell'urna elettorale. Qui ho trovato alti e commendevoli standard valoriali, altrove circostanze che possono facilmente scivolare verso il disvalore. Un po' poco per ambire a contrastare i populismi rappresentati da Lega e M5s, o per arginare le spinte plutocratiche di Forza Italia e Fratelli d'Italia, a favore dei grossi potentati economici. Noi crediamo fortemente che ci siano due categorie in cui si dividono coloro i quali decidono di operare in politica. I primi sono quelli che espletano la loro attività a beneficio della collettività e non certo a salvaguardia degli interessi personali e sono quelli che noi chiamiamo politici. E questi, con grande compiacimento ho trovato in Civica Popolare. Poi ci sono coloro i quali sacrificano sull'altare dei tornaconti personali l'interesse primario dei cittadini. E a questi noi diamo l'appellativo di politicanti e sono tutta un'altra cosa. Gente che deve rimanere lontana dagli scranni istituzionali". La soddisfazione è lapalissiana nelle parole del leader dell'Italia dei Diritti, che poi passa a parlare dei collegi: "Credo che il nostro impegno debba essere esponenziale per poter raggiungere l'obiettivo prefisso. Tengo a precisare che noi, al di là dell'estensione territoriale dei collegi dove sono presenti i nostri candidati, daremo il nostro contributo in tutta l'area peninsulare, senza indugi di sorta, con il massimo impegno. Dal canto mio, ho rinunciato per motivi personali al collegio di Ostia, che probabilmente, in virtù della mia storia personale, professionale e politica, sarebbe stata per me la collocazione più naturale, e ho optato per un collegio fuori dal Lazio. In ogni caso sarò personalmente il candidato non in lista non solo a Ostia, ma anche in tutti i collegi di Roma e provincia, dove profonderò le mie energie senza economia per convogliare nella lista Civica Popolare il maggior numero di consensi ed evitare che personaggi che, a suon di proclami demagogici e di vacui esercizi retorici, possano accedere al Parlamento o al Consiglio Regionale del Lazio". De Pierro, primo reporter minacciato e aggredito dal clan Spada a Ostia (prima di Federica Angeli, attualmente sotto scorta, e di Daniele Piervincenzi) e molto attivo anche sui social (la sua pagina Fb conta 163.000 like, come agevolmente riscontrabile dalla classifica in aggiornamento quotidiano dell'ottimo Baroncelli e 56.000 follower su Twitter), tanto da essere nella top ten dei giornalisti più seguiti sul web e precisamente all'ottavo posto, punta il dito contro Matteo Salvini e Luigi Di Maio, contestandone decisamente alcune proposte: "L'avversario da battere, prima ancora del centrodestra dei rigurgiti di stampo fascista, è il populismo dilagante della Lega e del M5S. E' un vero e proprio pericolo, un allarme sociale di cui aver paura, spesso sottovalutato imperdonabilmente. E' in crescita grazie alla disillusione della gente di fronte ad alcuni errori valutativi della politica, alle distorsioni comportamentali degli appartenenti alla categoria di coloro i quali ho bollato poc'anzi come politicanti. E' un movimento che avanza sospinto dal nulla, senza vere idee a tracciarne la rotta, ma che fa leva solo sui timori dei cittadini, che vengono condizionati nell'autodeterminazione e deviati nel pensiero da un bombardamento impressionante di fake news, e spetta a noi lavorare per arginarne l'avanzata, che può condurre a una vera e propria catastrofe nazionale. Parto dalla Lega, a cui Salvini ha furbescamente sottratto la parola Nord, al fine di allargare anche nel centrosud il bacino di consensi e c'è chi ingenuamente ci casca e rimuove l'antimeridionalismo dai percorsi della memoria. Ma anche se Salvini ha confezionato il vestitino nuovo al suo partito, sotto resta sempre quello di 'Roma ladrona' , di 'chi non salta napoletano è', del 'bruciamo il tricolore' e così via. Tra l'altro promuove l'abolizione della tanto odiata legge Fornero, ma tralascia di dire, mancando di onestà intellettuale, che è una promessa da marinaio, impossibile da realizzare. Noi che quella onestà intellettuale la custodiamo intatta nel nostro patrimonio dnatico non possiamo far finta di nulla e diciamo che la legge Fornero, giusta o sbagliata che sia, con buona pace di chi la vorrebbe vedere abolita, non potrà essere cancellata. E il motivo è semplice. Avrebbe un costo elevatissimo che la nazione non può assolutamente sostenere e chi dice il contrario inganna il paese. Come è fuori da ogni criterio di ragionevolezza la proposta del raggiungimento del diritto di quiescenza dopo 41 anni lavorati, indipendentemente dall'età. Tale previsione è semplicemente folle e condannerebbe i lavoratori ad andare in pensione a 70, forse a 80 anni, o addirittura forse mai, come potrebbe succedere con matematica certezza a tante donne, specie nel settore privato. Basta questo perché noi, con a cuore il bene del paese, e soprattutto, in questo caso, il diritto a maturare una pensione a un'età adeguata, dopo una vita di lavoro. Come è fuori da ogni logica l'intenzione progettuale di Di Maio che addirittura vorrebbe sommare l'età anagrafica con gli anni lavorati e raggiungere quota 100. E anche qui vale lo stesso identico ragionamento fatto con Salvini. Una condanna senza diritto di appello per chi aspira ad andare in pensione a una ragionevole età. Basta un semplice calcolo matematico per comprenderlo, ma c'è chi, accecato dall'antipolitica a ogni costo, non ha neanche pensato a farlo. Inganno o rapporto conflittuale di Salvini e Di Maio con la matematica? A noi poco importa. A noi interessa solo il fatto di sentire il dovere di informare e rimettere a fuoco il campo visivo a chi non riesce a leggere la triste verità tra le pieghe di tali farneticanti esternazioni. Di Maio non inciampa purtroppo, come ormai risaputo, solo sui congiuntivi, che, anche se piuttosto grave per chi aspira a fare il premier, sarebbe il minimo, in quanto ciò non mette a repentaglio la tenuta del paese, ma per nostra sfortuna ci sono esplicitazioni programmatiche che ci preoccupano enormemente per la disarmante sicurezza con cui vengono trasmesse alla massa. Una su tutte è l'affermazione di Luigino che, colpito da vocazione da eminente virologo, propone una previsione di obbligatorietà dei vaccini solo in caso di emergenze epidemiche. Ciò potrebbe essere letto come uno scherzo, una battuta, tanto è esilarante. E invece è tutto vero e a pronunciare tale aberrazione, che si infrange inesorabilmente contro la logica esperienziale prima ancora che contro gli assunti dottrinali della clinica medica, è un candidato premier che aspira a governare il paese. Qualcuno è riuscito a spiegargli che i vaccini, nell'accezione propria del termine, servono in fase preventiva e non certo per curare una patologia già insorta? La sfida non è solo politica, ma anche culturale, e deve mirare a stroncare un concentrato esplosivo di dilettantismo e incompetenza, che può condurre l'Italia direttamente nel baratro, quando ha invece bisogno esattamente del contrario, ossia di una palingenesi strutturale. Ma come può pretendere una formazione politica che non ha regole interne certe, ma solo pressappochismo organizzativo, di poter gestire la guida di una nazione, peraltro complessa, come la nostra? Un caso emblematico è rappresentato dall'esclusione da un collegio plurinominale per la Camera dei Deputati, dell'avvocata lucana Antonella Sassone, che in passato ha ricoperto con merito due ruoli nell'Italia dei Diritti e che improvvisamente, come tanti altri, non si è ritrovata in lista. Come riporta Il Fatto Quotidiano sembrerebbe che la causa dell'esclusione sia stata una candidatura, alcuni anni or sono, con l'Italia dei Valori. Peccato che la valida professionista non si sia mai candidata col partito che fu di Di Pietro. E se così fosse, come mai lo stesso criterio non è stato applicato a Elio Lannutti, il quale, non solo si è candidato con l'Idv, ma ne è stato uno degli esponenti di vertice, essendo stato eletto tra le sue file in Senato. Un'incongruenza lapalissiana, quanto grottesca, che la dice lunga su una compagine politica capace di mostrarci tutto e il contrario di tutto".
  11. Il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti, da sempre impegnato nel sostegno al cinema made in Italy, ha partecipato a Roma alla prima di "I love... Marco Ferreri", diretto dal noto regista capitolino Roma - Il sostegno alla settima arte, definizione confezionata nel lontano 1921 dal noto critico Ricciotto Canudo e ormai entrata nel patrimonio concettuale collettivo quale sinonimo di cinema, rimane ai primi posti nell'agenda operativa del giornalista presidente dell'Italia dei Diritti e direttore di Italymedia.it Antonello De Pierro. Questa volta l'impegno dell'ex direttore e voce storica di Radio Roma, l'emittente tramite la quale si è concretizzata la massima espressione del suo proposito ausiliario, ha fatto tappa presso la sala di proiezione Intrastevere di Roma, in occasione della prima nazionale del docufilm "I love... Marco Ferreri", ideato, scritto e diretto dal noto regista Pierfrancesco Campanella, a vent'anni dalla dipartita del celebre cineasta meneghino. Nonostante abbia scritto pagine indimenticabili della storia del cinema Ferreri è sprofondato presto, troppo presto, nei meandri dell'oblio, accantonato ai margini della memoria collettiva. Ciò non è sfuggito a Campanella, il quale, paragonando quanto accaduto a un omicidio, ha voluto riportarlo in vita con un lavoro attento e meticoloso, che ha dato vita a un'esposizione narrativa esplicitata con dovizia di particolari, in cui un misterioso detective passa al setaccio le sue opere e realizza un'inchiesta sull'ipotetico delitto metaforico del compianto filmmaker. Al film, prodotto da Rossana Ruscitti, è appaiato in sala l'ultimo bellissimo cortometraggio di Campanella dal titolo "L'amante perfetta", che vede come protagonisti Nicholas Gallo, Alessia Piovan e Magda Lys, con una strepitosa voce fuori campo di Luciana Frazzetto. "I love... Marco Ferreri" segna un trionfale ritorno di Campanella ai lungometraggi, che è apparso molto entusiasta, offrendosi agli scatti dei fotografi presenti con grande disponibilità. La pellicola, impreziosita dall'impeccabile voce narrante di Ermanno Ribaudo e dai contributi critici e testimoniali di Michele Placido, di Piera Degli Esposti, dell'esperto d'arte Mario D'Imperio, del critico cinematografico Orio Caldiron, del docente universitario Fabio Melelli, dello scrittore Emanuele Pecoraro, e di quell'icona storica del mondo della celluloide che è Franco Mariotti, ha riscosso un ampio successo nel pubblico presente, che non ha esitato a palesare l'espressione consensuale con ripetuti e scroscianti applausi. Una lapalissiana approvazione è emersa anche dalle inequivocabili parole di De Pierro, giunto a all'evento con al fianco l'incantevole ex modella e nota cantante di pianobar Sara Cardilli, ex moglie di Diego Consiglio, il notissimo imprenditore di Fiumicino titolare del futuristico e sfarzoso ristorante Cielo. Il leader dell'Italia dei Diritti così si è espresso: "Conosco Pierfrancesco da lungo tempo e ho sempre seguito i suoi lavori cinematografici, contribuendo a promuoverli e porli all'attenzione del grande pubblico. Stasera ho assistito a una proiezione un po' diversa dal solito, caratterizzata da un'originalità capace di conferire all'opera una connotazione unica, inimitabile, a partire dall'idea che ha partorito il dispiegarsi dell'intera trama. Soprattutto ho potuto apprezzare un cineasta molto più maturo, che ha saputo trasformare l'ormai consolidato percorso esperienziale in una pellicola di grande qualità. Parlarne potrebbe significare non rendere giustizia a un'estrinsecazione artistica eccelsa, facendo pensare magari a un'esasperazione retorica di circostanza. Per poterne godere ogni sfumatura bisogna vederlo e soggettivizzarne il giudizio, ogni commento rischierebbe di generare una parziale elaborazione opinionistica e critica, che risulterebbe orfana di elementi essenziali ai fini di una adeguata e completa valutazione. E solo la visione può trasmettere quelle sollecitazioni emozionali necessarie a soddisfare tale finalità". Tra i tanti ospiti vip che hanno tributato plausi ed elogi, sancendone un vero e proprio trionfo, al raggiante Campanella, il quale ha tradito anche un pizzico di emozione, oltre a De Pierro, sono stati tra gli altri Piera Degli Esposti, Elena Russo, Isabel Russinova e suo marito, il produttore Rodolfo Martinelli Carraresi, Mirca Viola, con il marito produttore Enzo Gallo e i figli Nicholas e Angelica, Luciana Frazzetto, Gioia Scola, Carla Solaro, Ornella Giusto, l’ingegnare informatico Paolo Reale, l'editore Giò Di Giorgio, la regista Wilma Labate, Amedeo Goria, Gabriella Sassone, il vicecampione di body building Massimiliano Toti e Franco Mariotti. (Foto di Marco Bonanni e Marco Nardo)
  12. Il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti è stato ospite nella cittadina neroniana alla kermesse contro la violenza di genere che ha visto premiare Silvana Giacobini e Imma Battaglia Roma - Continua l'impegno del giornalista presidente dell'Italia dei Diritti e direttore di Italymedia.it Antonello De Pierro contro la violenza di genere. Un tributo nei confronti della donna contro ogni prevaricazione fisica e psicologica che l'ex direttore e voce storica di Radio Roma porta avanti da lungo tempo. Prima ancora che fosse varata la nota legge sullo stalking, che ha introdotto nel nostro codice penale l'art. 612 bis, codifica normativa con la previsione di una specifica ipotesi di reato, ha alzato più volte la voce contro questo ributtante quanto dilagante fenomeno, specie dalle frequenze di Radio Roma, sostenendo da sempre "la necessità di disciplinare, oltre alle giuste e opportune prescrizioni legislative di tipo repressivo della condotta penalmente rilevante, altresì interventi di matrice culturale e soprattutto un supporto psicologico preventivo, al fine di scongiurare la degenerazione di comportamenti persecutori nell'epilogo purtroppo diffuso, che la più recente linguistica ha individuato nel neologismo femminicidio". La ratio della convinzione di De Pierro risiede nel fatto che, "nella stragrande maggioranza dei casi, la pericolosità sociale del reo non trae origine da un'abitualità delinquenziale, ma da una reazione emotiva legata esclusivamente alla relazione amorosa, pregressa o bramata, pertanto questi si trova in condizioni di disagio psicologico tali da essere spesso completamente sordo ai divieti comportamentali espressi dal codice di rito penale. Tanti episodi di violenze, fino a giungere all'epilogo esiziale dell'omicidio, potrebbero essere evitati". E' questo l'assunto concettuale espresso dal leader dell'Italia dei Diritti l'altra sera ad Anzio, presso il ristorante Boccuccia, dove è intervenuto alla serata finale di "Storie di donne", la prestigiosa kermesse tutta al femminile organizzata dall'indefessa Lisa Bernardini e dedicata alla valorizzazione di quelle donne che si sono distinte nei vari ambiti professionali, determinando un apporto contributivo rilevante al parenchima sociale. A presentare magistralmente la manifestazione, giunta alla terza edizione e che ha riscosso, come annunciato dalle previsioni della vigilia, uno straordinario successo, è stato lo spumeggiante Anthony Peth, nuovo volto di La7. Due sono stati i premi principali consegnati. Il primo è andato a Silvana Giacobini individuata come Donna dell'Anno per l'Editoria, il secondo a Imma Battaglia in qualità di Donna dell'Anno per la Cultura. Tanti i volti giovani a cui è stato dato spazio come Elisa Pepé Sciarrìa, vincitrice del concorso "Una ragazza per il cinema 2015" e Cristina Alexandra, finalista nazionale all'ultima edizione del medesimo concorso. Tra questi anche la quindicenne Marta Barrano, talento vocale da "Ti lascio un canzone", che ha incantato i presenti con una perfomance canora straordinaria. A questa è stata assegnata anche una targa quale miglior giovane talento. Per la consegna del riconoscimento è stato chiamato proprio De Pierro, in virtù dell'intensa attività giornalistica, specie nel passato, dedicata a far emergere proprio i talenti giovani, spesso relegati ai margini dall'attenzione degli addetti ai lavori. E' stato proprio l'ex direttore di Radio Roma a sottolineare il suo impegno in tal senso: "In tutta la mia carriera, ma in particolar modo nei dieci anni trascorsi al timone di Radio Roma, ho sempre dato spazio ai talenti emergenti. Avevo circa 20 anni quando presso un locale chiamato Life '85, che ancora esiste, insieme al proprietario Rino De Feo, organizzavo e conducevo un talent show dal vivo chiamato 'Provaci anche tu'. Un'esperienza ripetuta più volte in altre location, fino a giungere al decennio radiofonico, che mi ha dato la possibilità di amplificare la promozione delle giovani speranze in campo artistico. L'ho fatto soprattutto nel teatro, dando spazio anche alle più piccole realtà del palcoscenico, dimostrando al nostri radioascoltatori, che l'Italia non è mai stata avara di talenti, anche se a volte i riflettori non si accendono a illuminare i talenti tanto quanto questi meriterebbero. Sono contento di consegnare questa targa a Marta, una ragazza che se non facesse strada sarebbe un oltraggio gravissimo al patrimonio artistico del nostro paese. Chiudo dicendo che per Marta questa sera ci sono stati gli applausi scroscianti che meritava, ma a volte in alcuni contesti il pubblico resta un po' più freddo. Questo non è importa perché ho sempre visto nell'entusiasmo dei ragazzi una certezza inossidabile. Se l'applauso a volte non arriva non importa perché chi ha talento e volontà l'applauso ce l'ha già nel cuore". Tra i premiati anche Saverio Vallone, George Hilton e Carlotta Bolognini per il Cinema. Poi tante donne imprenditrici come Alessandra De Simone per l'agricoltura, Maria Di Prato per le biotecnologie, Loredana Rea, storica e critica d'arte e Anna Maria Massidda per il settore estetico. Il tutto accompagnato dalle note di "Sirene", musica composta dal celebre compositore e direttore d'orchestra Franco Micalizzi, presente alla serata. Ad applaudire, accomodati ai tavoli a gustare la pantagruelica cena offerta da Mauro Boccuccia, tanti selezionatissimi ospiti tra cui Marco Tullio Barboni, Mirco Petrilli, Modestina Cicero, Maria Laura Annibali, Maria Grazia De Angelis, Ketty Carraffa, Francesca Guidi, Massimiliano Lazzaretti, Massimo Meschino della Mtm Events con alcune modelle di Agenzia, l'ex top model Giuseppina Iannello, la fotografa Maria Teresa Barone, la stilista Luisa Lubrano, la disegnatrice Daniela Prata, lo scultore Valerio Capoccia, la pittrice Emanuela Pisicchio, la storica dell'arte Loredana Finicelli, lo scrittore Alfonso Bottone, il prof. Luca Filipponi dello Spoleto Festival Arte, che ha omaggiato in serata con alcune opere di artisti della sua rassegna molti dei premiati presenti. Altri momenti di intrattenimento musicale sono stati regalati ai presenti dalle cantanti Deborah Xhako e Tatiana Mele. (Foto di Marco Bonanni)
  13. Il 51enne castellano, responsabile provinciale di Roma, guiderà il movimento fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro alle consultazioni elettorali della prossima primavera Roma - Dopo un'attenta valutazione sulla situazione politica attuale e dopo un estenuante dibattito all’interno del direttivo regionale, il presidente dell’Italia dei Diritti Antonello De Pierro ha annunciato la deliberazione assembleare in merito al candidato presidente del movimento per le prossime regionali del Lazio. Il consesso, presieduto dallo stesso De Pierro, dopo che nei giorni scorsi aveva deciso all'unanimità la partecipazione solitaria alla competizione, ha individuato in Carlo Spinelli, responsabile provinciale di Roma, l’uomo giusto per guidare il movimento alle regionali del 2018. Il cinquantunenne, marinese di nascita e da sempre residente ai Castelli Romani, ha già guidato l’Italia dei Diritti alle elezioni comunali di Ariccia dove, all’esordio elettorale, ha ottenuto un buon 3,4%. Dopo aver assunto il coordinamento provinciale è riuscito a creare un gruppo di lavoro compatto, composto da giovani volenterosi, onesti e con una passione viscerale per la politica, portando avanti quelli che sono i principi fondanti del movimento, con un'attenzione particolare alle classi sociali più deboli. Da sempre impegnato sul sociale, Spinelli è stato per anni volontario della Croce Rossa partecipando a numerose missioni tra le quali quella per il terremoto del centro Italia del 1997. Ha spesso messo a disposizione la sua passione per lo spettacolo, partecipando a numerose manifestazioni di beneficienza anche come organizzatore. “E’ un compito di grande responsabilità quello affidatomi dal direttivo e che il presidente Antonello De Pierro ha accolto con fiducia — ha esordito il neo candidato presidente subito dopo la sua investitura — che porterò avanti con i soliti passione e impegno che hanno caratterizzato questi anni di militanza nel movimento. Non sono un politico di professione ma lo faccio perché credo in quelli che sono i valori ed i principi che caratterizzano l’Italia dei Diritti. Capisco cosa significa affrontare i problemi nella vita di tutti i giorni — ha poi continuato — provenendo da una famiglia umile dove io stesso già dall’età di 12 anni ho iniziato a lavorare cercando di coniugare lavoro e studio e per questo, dopo un'infanzia e un'adolescenza piuttosto dure ho imparato a rispettare gli altri, ad avere amore per la vita e ad accontentarmi di quello che la stessa ci offre. Sono sempre disposto ad aiutare gli altri e mi batterò nel consiglio regionale, una volta eletto, affinché vengano tutelati i diritti di tutti, vigilerò affinché la regione venga governata in maniera onesta, senza sprechi e soprattutto senza che a pagare siano sempre i cittadini. Questo sarà il mio impegno — ha chiosato — e il consenso elettorale che riceverò sarà ricambiato facendomi portavoce dei problemi seri che ci attanagliano quotidianamente cercando di rendere il più possibile vivibile la nostra regione, cuore pulsante dell’Italia, una regione falcidiata da numerose calamità e spesso guidata senza tener conto dei reali bisogni dei suoi abitanti".
  14. Il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti ha partecipato alla presentazione del cartellone stagionale della nota sala capitolina Roma - E' stata una travolgente serata quella che ha avuto luogo presso il teatro delle Muse a Roma, organizzata dai padroni di casa Wanda Pirol e Rino Santoro, direttore artistico, e magistralmente condotta da Geppi Di Stasio, per la presentazione della programmazione artistica 2017-2018. Annunciati dal conduttore si sono alternati sul palco molti degli artisti che il cartellone prevede nei mesi a seguire per allietare il fedelissimo pubblico della storica struttura romana, tra cui Luciana Frazzetto, Edoardo Guarnera, lo stesso Di Stasio e Roberta Sanzò. Nel finale Santoro, Pirol e sempre Di Stasio hanno offerto agli estasiati presenti alcuni spezzoni dei vari spettacoli che, nei mesi a seguire, li vedranno protagonisti sullo storico palcoscenico con la compagnia stabile, una delle poche ancora in attività. Particolarmente significativa la presenza nel parterre del giornalista presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, direttore di Italymedia, da sempre impegnato nel sostegno alla cultura teatrale, una netta presa di posizione maturata e intrapresa nei dieci anni che l'hanno visto direttore e voce storica di Radio Roma, periodo in cui il teatro, per sua ferma volontà, ha affollato l'etere del Centro Italia sulle frequenze della nota emittente capitolina. "La mia battaglia a favore del teatro — ha dichiarato — continua senza sosta. Sono anni che mi batto affinché la cultura in genere e quella teatrale in particolare non vengano relegate ai margini dell'agenda programmatica di una certa politica. Purtroppo il livello della nostra classe rappresentativa nelle istituzioni si è abbassato di molto, lo spessore di personaggi autorevoli del passato nel panorama politico odierno, salvo le dovute eccezioni è oggi un pallido ricordo accompagnato da tristi note nostalgiche. Questa congiuntura ha fatto moltiplicare la categoria dei politicanti a scapito di quella dei politici, sempre più in via di estinzione. E' andato sempre più calando il senso dello stato, principio cardine che dovrebbe essere radicato nel patrimonio dnatico di chiunque di proponga come rappresentante dei corpi collettivi. E questo quadro desolante, quanto imbarazzante, si riverbera inevitabilmente su tutti i settori del parenchima sociale, compreso quello culturale. E' per questo che ho deciso da molto tempo ormai di profondere le mie energie per impegnarmi a salvaguardia di un settore spesso bistrattato dalle stanze decisionali del potere. E solo l'abnegazione e il sacrificio di persone animate da grande e incondizionata passione riescono ancora a dar voce all'arte del palcoscenico, a far sì che le sale teatrali ancora si riempiano ancora, ma, ahimè, con sempre meno presenza di giovani. Un contributo nodale a tenere alto ancora il nome del teatro è dato dal Delle Muse, una delle poche strutture che ancora riesce a mantenere una compagnia stabile, nonostante l'imperdonabile indifferenza istituzionale. Ed è proprio per questo che sono felice di aver fatto tappa qui stasera, in occasione della presentazione di un cartellone di grande spessore". Oltre a De Pierro, erano presenti nel parterre, a indirizzare scroscianti applausi verso i protagonisti sul proscenio, l'attrice Adriana Russo, la nota cantante partenopea Giò Di Sarno, Conny Caracciolo, Roselyne Mirialachi, Magico Alivernini, Giò Di Giorgio e il regista Leonardo Madier. (Foto di Marco Bonanni)
  15. La scelta per le prossime consultazioni elettorali è maturata in seno al direttivo laziale del movimento fondato e presieduto da Antonello De Pierro. A breve sarà comunicato il nome del candidato presidente Italia dei Diritti Roma – L’Italia dei Diritti è pronta a scendere in campo da sola per le prossime consultazioni regionali del Lazio. Così ha deciso all’unanimità il direttivo regionale del Lazio del movimento fondato e presieduto dal giornalista Antonello de Pierro. E’ stato proprio il presidente in persona a condurre il dibattito che si è sviluppato all’interno del consesso sulla possibilità di vedere il simbolo del movimento impresso sulle schede elettorali della prossima consultazione regionale, e la volontà espressa da tutti i membri, dal più anziano in carica Carmine Celardo al più fresco di nomina Carlo Spinelli, è stata che l’Italia dei Diritti dovrà essere presente alle prossime elezioni regionali con una lista autonoma e fuori da ogni coalizione. E’ già iniziata l’opera di individuazione, da parte dei componenti del direttivo, del nome da proporre in qualità di candidato presidente alla regione Lazio, una persona che il gruppo si è impegnato a indicare e comunicare il prima possibile per iniziare al più presto il percorso che porterà il movimento a chiedere il consenso ai residenti laziali per governare la regione Lazio. Una nuova sfida che il presidente De Pierro ed il movimento tutto sono pronti a lanciare alla politica, ai politici, ma soprattutto ai politicanti del territorio laziale.