piccolina907

  • Numero messaggi

    675
  • Registrato

  • Ultima Visita

piccolina907 è il vincitore del giorno febbraio 25

piccolina907 ha pubblicato il contenuto con più like

Reputazione Forum

54 Sono il Re del Forum

Su piccolina907

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno

Visite recenti

397 visite al profilo
  1. Io sto con Elisabetta. E' ora di dare man forte e far sentire a ciascuna donna vittima di ogni sorta di azione meschina di non essere da sola mai. http://www.repubblica.it/cronaca/2017/02/25/news/elisabetta_e_il_suo_video_hot_in_rete_denuncio_chi_lo_ha_diffuso_non_faro_la_fine_di_tiziana_-159162021/ Spero che questi fenomeni - chiunque sia stato - possano provare a trovare risposte alle loro azioni con lunghi anni in cella....
  2. questo è il motivo per cui quelli come te perdono credibilità. Sostenete la legalità (e ne sono una sostenitrice fervida anch'io) per poi arrivare alla medesima conclusione: LEGGE DEL TAGLIONE. Ripeto: ma di che stiamo parlando??
  3. Non sono le mie legalità. E' la legge del mio Paese, quella che anche tu vuoi rispettino tutti (incluso chi arriva da un altro posto) e che da italiano dovresti essere il primo a difendere. Sei tu a sostenere che non vanno rispettate le regole e pensare che due persone possano essere libere di chiudere in un cassonetto altre persone per il solo gusto di farsi due risate. Li senti ridere? Credi che quella sia la reazione di chi chiede giustizia? Ma lascia perdere...
  4. Appunto. Se tifassi per la legalità rispetteresti le regole del tuo Paese. Non chiuderesti due soggetti in un cassonetto per postare il video sui social... Questa non è legalità: è semmai il contrario, ergersi a sommi giudici in un Paese nel quale vigono regole e leggi. Che, dai due soggetti in questione, sono state completamente scavalcate
  5. Tu avresti reagito come i due dipendenti??? Non ci credo. Fosse così, avremmo smesso di essere una società.
  6. E chi sei per chiudere un rom in un cassonetto e non chiamare la polizia??
  7. Io dico che occcorre schierarsi. LICENZIATELI SUBITO!!!! Altrimenti, al contrario di quanto dice Salvini, eviterò da ora in avanti di recarmi in qualunque punto vendita Lidl. ASSURDO, ma dove stiamo andando? Gioire e ridere di un gesto tanto vigliacco quanto assurdo!!! SOLITA STORIA VERGOGNOSA, UOMINI PRIVI DI DIGNITA'. DEBOLI COI FORTI E FORTI COI DEBOLI. E chi si accoda a questo modo di pensare e agire, mi spieghi il perché.. Perché? http://www.tgcom24.mediaset.it/2017/video/follonica-nomade-chiusa-in-gabbia_3014613.shtml Leggo in giro per agenzie: "Se licenziate i due ragazzi io e la mia famiglia non metteremo più piede nella vostra catena. Italia agli italiani! Bravi i due ragazzi!". E' solo il primo di una lunga sequela di commenti che è possibile leggere sotto il post di Facebook con cui la catena di supermercati Lidl Italia ha preso le distanze dal video girato da due dipendenti di Follonica che giovedì scorso hanno rinchiuso due donne rom in una gabbia adibita alla raccolta rifiuti, mentre erano intente a rovistare tra la spazzatura. Una decisione poco gradita al popolo del social network, che si è subito schierato dalla parte dei due uomini. "Chi è contro i ragazzi può andare al primo campo rom e portarseli a casa", sbotta un utente di Facebook, mentre Patricia scrive: "Io sto con i ragazzi... Non se ne può più di andare a fare la spesa nei vostri supermercati e di esser continuamente stalkerati da queste persone... Hanno fatto proprio bene!". "Ma cosa volete verificare? Prendete le distanze da cosa? Vi piace essere derubati?", si chiede Valeria, che propone di dare "subito un aumento a quei ragazzi". Il tenore dei commenti è più o meno questo. "La Lidl fa benissimo a prendere le distanze da questo gesto e a prendere provvedimenti nei confronti dei ragazzi", afferma invece Francesco. Nicola si augura che i due dipendenti "vengano licenziati" perché "nessuno deve sostituirsi allo Stato". Ma le stigmatizzazioni si contano sulle dita di una mano, travolte da un'ondata di elogi rivolti al gesto dei due. A VOLTE NON BASTA NEMMENO LA COMPASSIONE A MASCHERARE LA VERGOGNA CHE SI PUO' PROVARE PER ESSERE PARTE INTEGRANTE DI UN GENERE UMANO CAPACE DI SPINGERSI A TANTO! E IO, ANCHE PER ME STESSA, ME NE VERGOGNO!
  8. io penso ai miei genitori, a me, a te. Cerco di pensare in maniera globale perché sono convinta che un problema - anche se oggi ricade magari solo su di me - un domani potrebbe essere il problema (medesimo) di qualcun altro. E voceversa. Ecco perché occorre una indignazione generale, che non faccia differenza tra chi una problematica la vive e chi no.... La ruota gira
  9. ok, quindi tu che fai? Ti accodi e continui a badare al tuo cu-lo oppure decidi di tornare a dare peso specifico al tuo ceto, alla tua classe sociale??
  10. Io non penso solo alla categoria. io vivo la mia età, in primis, e poi cerco di allargare il discorso a ciascuno di noi. Non cominciamo a farci la guerra tra poveri anche sui forum: riesci a capire che queste divisioni tra pveracci le paghiamo tutte?????
  11. vero. ma i portoghesi? gli spagnoli? i greci? i francesi? a me sembrano tutte polveriere in attesa di esplodere: qui ci sono milioni di giovani cui viene negato un corso lineare dell'esistenza.....
  12. Noi giovani, il passato.... Stiamo diventando la generazione dei voucher, quella che ha perso ogni voglia di lottare per il proprio futuro, che si accinge a una sopravvivenza che non si addice al presente di chi deve costruire, sognare, coltivare e formarsi. Ciò che leggo quotidianamente non mi aggrada: perchè non ci diamo una sveglia? La poilitica non risolve i problemi e li crea? Bene, si torni ad agire in prima persona, a essere coscienziosi, a tutelare se stessi. Noi giovani, il passato... Ci si sente come se a 25, 30 anni uno il meglio lo debba già aver dato, già aver vissuto. La perla di oggi? ECCOLA QUA Crolla nel 2016 il numero di nuovi contratti a tempo indeterminato. Il saldo tra assunzioni 'stabili' e cessazioni, comunica l'Inps, è risultato pari a +82.917, con un calo del 91,1% rispetto al 2015, quando si era attestato a 934.092. Pesa la riduzione degli incentivi per le assunzioni. Alla fine del 2016, nel settore privato, i rapporti di lavoro attivi risultano aumentati di 340.000 unità rispetto alla fine del 2015, come saldo tra le assunzioni e le cessazioni intervenute nel periodo. L'incremento dei rapporti di lavoro nel 2016 si aggiunge a quello, ancora più consistente, osservato nel 2015 (+628.000). Il risultato complessivo del biennio 2015-2016 e' pari a +968.000; nel biennio precedente 2013-2014 si erano registrati sempre saldi negativi (nel 2014 -34.000 unità, nel 2013 -101.000). Il risultato del 2016, afferma l'Inps, è imputabile prevalentemente al trend di crescita netta registrato dai contratti a tempo determinato, il cui saldo annualizzato, pari a +222.000, ha significativamente recuperato la contrazione registrata nel 2015 (-253.000), indotta dall'elevato numero di trasformazioni in contratti a tempo indeterminato. Meditiamo gente. Stiamo diventando la voucher (de)generation..