vidicolamia

  • Numero messaggi

    51
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

5 Calma piatta

Su vidicolamia

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno
  1. Questo forum, ma soprattutto questo spazio alla politica del dopo elezioni è diventato lo sfogo di qualche frustrato. Mai e ripeto MAI una discussione sulla politica attuale, che abbia toni concilianti. Frasi dissacranti, odio personale e una penosa guerra tra due forumisti con il supporto di persone ( schierate) con chiara matrice RAZZISTA. Che spettacolo desolante vedere un toscano che sfoga il proprio livore da ultras, contro un popolo ( quello campano) colpevole solo di essere tale. Che incredibile odio e personale voglia di riscatto verso altri, Solo per non essere allineati e alleati al proprio credo e ideologia politica. Questo paese, che tenta faticosamente di uscire da simili comportamenti e affermazioni è inevitabilmente destinato all’oblio. Scusate il disturbo, scusate il mio sfogo. Meglio uscire da questo luogo di frustrazione che sopportare ancora certi ragionamenti da autentici psicopatici. Nessuno se ne accorgerà solo fino a quando certe persone , non troveranno più risposta. Allora, forse, torneró a scrivere cordialmente con chi si pone in maniera educata e pacata, verso una piacevole conversazione. Saluti
  2. Un coraggio, quello del giovane Di Battista, che lascia atterrito e sgomento Berlusconi e che fa mordere i gomiti al PD. Aver avuto un simile appassionato e giovane leone della politica è il sogno neanche tanto nascosto dei Dem Saluti
  3. Che gli italiani abbiano fatto una scelta nel premiare i pentastellati, non ci sono dubbi. Che addirittura una buona parte dell’elettorato del PD ( 2,5 milioni) abbia scelto il M5S per la sua posizione precisa, coerente e non favorevole ad accordi con FI e Berlusconi. D’altronde fu grazie ai pentastellati e al loro decisivo voto che Berlusconi venne deposto dalla carica di senatore. Ma sembra che sfugga un particolare che non sempre viene considerato ultimamente: il PD rappresenta il secondo partito più votato con il suo quasi 20% alle ultime elezioni. Partendo da questo dato, non vedo niente di strano se il M5S chiede al PD di formare un governo insieme. Ci sono assonanze, idee comuni e senso del sociale tra le due parti, senza dimenticare che anche LeU non pone particolari ostracismi contro il M5S. Nessuno vuole ammettere che la sconfitta e l’attuale linea politica dell’ex segretario del PD, sia preponderante all’interno del partito e soffochi brutalmente qualsiasi timido approccio. Se addirittura Landini e la FIOM e i lavoratori da loro rappresentati si sentono più in sintonia con le idee dei cinquestelle, beh.... Questo dovrebbe far riflettere. Più che altro a chi agita lo spauracchio del fascismo. Qualcuno ha facilmente dimenticato le dimostrazioni dei lavoratori e le cariche spaccaosse a cui furono sottoposte le loro giuste proteste, Landini compreso. Saluti
  4. E. Rosato “noi rimaniamo all’opposizione perché i nostri elettori ci chiedono questo....” M. Travaglio ” ma come fate a stare all’opposizione e di chi, se un governo ancora non esiste? In un sistema proporzionale, anche un partito con il 5% può stare al governo e uno col 30 all’opposizione....” Il magnifico della legge elettorale (con fiducia) finisce sotto i cingoli, del panzer Travaglio.
  5. “La pessima legge elettorale è figlia della loro incapacità...... Ovvero come dare la colpa ad altri dando “ fiducia” alla propria sconfitta.
  6. Sapete perché questa è stata la peggiore classe dirigente? Non per averci fatto perdere così tanto, ma per averci lasciato così poco da cui ripartire. Eppure, potete scommetterci, ripartiremo. E non dall’artefatta contrapposizione tra vecchio e nuovo. Ma da ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. E bisognerà scegliere ciò che è giusto. Anche quando non sarà facile. Quest’ultimo passaggio sembra emblematico su quello che sta succedendo in casa PD. Temo che la disgregazione del partito non sia ancora terminata. La speranza è che quel poco che rimane, possa veramente bastare per ripartire. Saluti
  7. Interessante analisi. Quindi il PD sapeva di perdere le elezioni?
  8. Di Maio non ha bisogno di Renzi e viceversa. Renzi potrà fare la sua parte nel senato se dispone di lungimiranza politica. Serve un governo possibilmente con programmi condivisi da entrambi gli schieramenti. L’apertura più volte dimostrata dai grillini nei confronti del PD deve essere vista come una opportunità e non come una testarda e inconciliabile guerra. Questo solo e unicamente per il bene del paese.
  9. La strada è indicata. L’auspicio è che il PD faccia un governo con i pentastellati e lasci a casa Berlusconi. D’altronde le forze in campo rappresentano uno scenario con poche uscite. I cinque stelle vogliono la guida del governo e programmi da condividere con altre forze. Programmi che sono più vicini al PD che al centrodestra. Il veto dei grillini su Berlusconi congela Salvini che non potrà presentarsi senza di lui. Un governo di centrodestra con alleati dell’ultima ora? Sarebbe ostacolato da una opposizione devastante fatta dal M5S che prenderebbe “in ostaggio” il parlamento con la loro proporzione numerica troppo importante. Tornare a votare, diventa lo spauracchio della destra. Molti elettori della sinistra potrebbero sostenere ulteriormente il M5S solo per la coraggiosa tenacia dimostrata nell’opporsi sistematicamente, ad un accordo con Berlusconi.
  10. Una dignità a “intermittenza” dopo il patto del nazareno, un governo con la destra Alfaniana e un Verdini inseguito dalla magistratura, ma soprattutto una legge elettorale concordata con FI con il sigillo del governo. Per il bene del paese, per una continuità politica, economica e comunitaria, si abbandoni il rancore politico testardamente inseguito dopo la sconfitta alle recenti elezioni.
  11. La speranza del Sig. Wronschi è la speranza dei rimanenti elettori del PD. Solo con un atto responsabile e intelligente si potrà conciliare il famoso Scouting di Bersani. I pentastellati hanno bisogno di esperienza in politica, suggerimenti e consigli che possono essere messi in pratica. Ma la loro vocazione per il sociale, la giustizia e l’equità sono INDISCUTIBILI. Qualcuno del PD lo ha capito e presto anche altri lo capiranno. Soprattutto quelli che consideravano Berlusconi come un reale pericolo per la politica italiana. Ritengo quindi, il ragionamento del Sig. Wronschi un ragionamento condivisibile e dettato dallo stato attuale delle cose. Le paure di un suicidio del PD sono fuori luogo. Le mutazioni politiche sono normali e non devono generare sospetti. La mutazione genetica del PCI è stata, poco alla volta, accettata, metabolizzata e la vocazione a sinistra QUASI sempre rispettata. Saluti
  12. Mah! Cercavo solo di capire meglio i tuoi concetti. Una cosa sembra certa, se un accordo viene visto come un inciucio, una proposta politica come un tradimento, un contratto su temi programmatici di governo come una cosa sacrilega e antidemocratica, allora si capisce bene dove sta quella parte dell’elettorato che vuole un Italia immobile e senza via di scampo. Purtoppo un’altra parte, grazie alla loro intelligenza, non è d’accordo e sembra che vi abbia punito molto severamente. Mi sembra che questo punto sia poco discutibile e le premesse che vi danno chiusi su un opposizione rabbiosa e inconciliabile non vi lascia tanti spazi di manovra. Comunque sia se si dovesse tornare a votare, quella parte della sinistra che ha ingrossato le file dei pentastellati avrà una ragione in più per tornare a confermare il voto ai pentastellati. Loro la mano ( i cinque stelle) l’hanno tesa più volte a quello che rimane del PD negandola categoricamente a FI e a quella parte ( della destra) che concilió un governo di pseudo sinistra. Infine se dobbiamo proprio concederci una considerazione su chi ROSICA dopo una sonora sconfitta per chi credeva su un partito che prendeva il 42% alle ultime europee..... Beh, ti suggerisco una visita da un gastroenterologo! Stai su con la vita, non vale la pena arrabbiarsi così tanto.
  13. Scusa sai, ma scrivere due righe per esporre il tuo pensiero senza postare articoli che inneggiano alla guerra politica, non riesci?
  14. Beh, spiegami allora. Arroccarsi senza dare una spiegazione sul tuo punto di vista, non sembra una ragione valida.
  15. Veramente la parte politica che sostieni non pensa che Lega e Pentastellati siano agli antipodi. Li ritengono molto vicini come antisistema, contrari all’europa e populisti. Bisognerà trovare un accordo tra le forze che sono uscite sconfitte. Ad esempio non si capisce Perchè LeU sia disposta ad accordarsi anche con i pentastellati.