Terremoto: le zone a rischio in Italia

Nella serata del 26/10 la terra ha tremato ancora nel centro Italia, il fenomeno è riconducibile al precedente sisma di agosto e tutto deriva dall'apertura di una nuova faglia 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Purtroppo il nostro paese è notoriamente a rischio sismico e questa sembra essere una fase di grossi movimenti delle placche in quella zona. Per fortuna al di là dei grandissimi danni non dovrebbero esserci vittime. Aiutiamoli

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In pratica l'Italia è al 90% a rischio sismico, dobbiamo imparare a convivere con questi fenomeni naturali ed al tempo stesso lavorare per rendere le nostre abitazioni sempre più sicure.  Avendo vissuto sulla mia pelle il terremoto dell'irpinia del 1980 so benissimo cosa significa vivere quei momenti. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ennesimo dramma che ricade su popolazioni già provate dal precedente terremoto dell'estate. Questa cartina rende molto bene l'idea sulle zone sismiche in Italia

mappa_opcm3519.gif

 

Le zone colpite dal terremoto di ieri confermano quanto dice la cartina, il centro Italia è proprio nel bel mezzo delle aree a rischio dovuta anche alla presenza della dorsale appenninica 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardando la cartina in pratica non esistono molte zone dove si può stare tranquilli, da nord a sud ovunque il rischio è elevato, il sud poi è davvero ad altissimo rischio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dando uno sguardo alle statistiche relative a tutti i terremoti avvenuti in italia ci sono conferme sulla tabella delle zone a rischio, il maggior numero si registra principalmente al centro -  sud italia e numeri molto più bassi al nord. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il rischio sismico è concentrato lungo la dorsale appenninica dal centro fino al sud Italia, al nord la zona a nord est (Veneto - friuli) è anche ad altissimo rischio. In sostanza l'unico area al sicuro è la Sardegna che non presenta nessun rischio sismico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Viviamo in un territorio ad altissimo rischio sismico, non essendo possibile prevedere i terremoti dobbiamo imparare a convivere con questi fenomeni, l'unica salvezza è la prevenzione quindi costruire sempre più in modo sicuro. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'evento di ieri è davvero eccezionale lo dimostra il fatto che la scossa avvertita a Roma è tra le più forti mai registrata nella capitale.

Ho trovato questi due interessanti video dell'INGV  che ripercorrono al storia dei terremoti in Italia

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tutta la dorsale appenninica, dalla Garfagnana a Messina, è una zona sismica che appartiene alla stessa regione geologica. Ma la causa principale di tutti questi terremoti è da ricercare nel fatto che l'Italia è un territorio geologicamente giovane, quindi le scosse strutturali di assestamento si verificano con più frequenza. Secondo i geologi in Italia in media c'è un sisma di magnitudo superiore ai 6.3 ogni 15 anni 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

allora conviene andare a vivere in Sardegna

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le scosse di questi giorni hanno perfettamente confermato la validità delle cartine sismiche. Tutta la dorsale appenninica è ad altissimo rischio, speriamo solo che questo intenso sciame sismico abbia finito di fare danni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora