Sposa bambina, matrimonio bloccato grazie ai social!

Quando i social sono una benedizione: in Marocco, nonostante la legge dica che non ci si può sposare al di sotto dei 18 anni, stavano celebrando il matrimonio di una bambina di 13 anni con un uomo di 27. Molte persone hanno cominciato a postare le foto di questa povera bambina vestita da sposa, e la polizia ha fatto irruzione, salvandola dal terribile destino di soprusi e violenza. Chi ha paura di facebook? In questo caso è stato la salvezza.

http://www.lastampa.it/2017/09/25/esteri/ondata-dindignazione-su-facebook-la-polizia-blocca-il-matrimonio-della-sposa-bambina-2baO5WALspWNAvHa8fk9JJ/pagina.html

sposa%20bambina-kVUD-U11012854732207fF-1024x576%40LaStampa.it.jpg

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

ha paura dei social ki nn vuole si scoprano altarini preferibilmente celati o

ki nn vuole leggere opinioni su se stessi senza kiedersi come mai la gente é giunta a pensarle e scriverle o

ki si irrita legger ke la gente kiami pane il pane,  e vino il vino.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E meno male! Bravissimi, ora temo che continueranno ma faranno più di nascosto, questa è una piaga che va fermata!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse finalmente sono più quelli che si indignano che quelli che approvano in Marocco, buon segno che tanti abbiano segnalato, ma avranno tolto la bambina a quei genitori per salvarla?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

a breve ci si sposera' in video conferenza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Noi dovremmo integrare nel nostro paese culture che considerano la donna un oggetto!!, siamo distanti anni luce,

avvicinarsi a loro dimostrando accoglienza e spirito di solidarietà non serve a nulla le bestie rimangono bestie,

donne che vengono mutilate sessualmente,donne che vengono uccise da famigliari perché vogliono vestire

occidentale,ecc. vengono in italia e violentano le nostre donne (essendo una prassi normale nei loro paesi) d'origine

non vi può essere integrazione con questi soggetti e tutto qusto lo dobbiamo alla nostra classe dirigente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora