Tradimento, voi perdonate?

Come è difficile ritrovare la fiducia dopo un tradimento anche se lui promette, giura... che non lo rifarà...
Immagine correlata

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

20 messaggi in questa discussione

non saprei risponderti.... Un tempo avrei detto : "no, assolutamente !" 

adesso invece penso che debba essere valutato caso per caso. Lo strumento del perdono dev'essere tuttavia accordato se e solo se si presume che esistano i requisiti per un nuovo progetto insieme

della serie : bisogna guardare avanti ed essere certi che il futuro riservi linfa vitale per mantenere salda la coppia

altrimenti diventa un perdono fine a se stesso .... in attesa del prossimo tradimento oppure uno stare insieme senza tradirsi ma controvoglia e con tanti rimorsi

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

difficile a dirsi-obiettivamente ......un tradimento brucia nonostante il tempo passi-no non riuscirei a perdonare

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cara anniblu la risposta la troverai solo dentro di te. 7 anni fa mio marito aveva sui 50 anni e dopo 20 anni di matrimonio ha cominciato a frequentare le ***. una l'ha fatta venire addirittura in vacanza in italia, tutte cose che ho scoperto col tempo perchè poi sono diventata un hacker ed un'investigatrice inaspettata. forse c'era un po di stanchezza fisiologica nel matrimonio. certo era solo *** ma a me brucia lo stesso, per me è tradimento. io ho lottato sin dall'inizio con tutte le mie forze per non perderlo definitivamente. del resto i traditori giocano sul senso di colpa. abbiamo due figli e forse è anche per loro che ho resistito. col tempo quelle frequentazioni tra l'altro sollecitate anche da certi "amici" si sono diradate. la nostra coppia si è rinnovata, abbiamo molti interessi comuni e l'ultima vacanza a suo dire è stata fantastica. oggi dice che nella vita tutti possono sbagliare ma io so che ha delle pasticchette nascoste..... perchè allora sono ancora qui?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

perché sei ancora qui ? Forse perché volente o nolente la tua cultura purtroppo è ancora quella della donna subordinata

Pensi che se fosse successo a situazione opposta tuo marito sarebbe ancora lì ?  Ovvero se tu avessi iniziato a frequentare gigolò, tuo marito avrebbe fatto una considerazione del tipo : "vabbé ... non è innamorata ..., sono solo gigolò, ovvero è solo *** fine a se stesso..."  ?

comunque complimenti sinceri per la forza con cui hai soprasseduto e con cui hai ritrovato ragioni per andare avanti

 

4 minuti fa, micetta2017 ha scritto:

cara anniblu la risposta la troverai solo dentro di te. 7 anni fa mio marito aveva sui 50 anni e dopo 20 anni di matrimonio ha cominciato a frequentare le ***. una l'ha fatta venire addirittura in vacanza in italia, tutte cose che ho scoperto col tempo perchè poi sono diventata un hacker ed un'investigatrice inaspettata. forse c'era un po di stanchezza fisiologica nel matrimonio. certo era solo *** ma a me brucia lo stesso, per me è tradimento. io ho lottato sin dall'inizio con tutte le mie forze per non perderlo definitivamente. del resto i traditori giocano sul senso di colpa. abbiamo due figli e forse è anche per loro che ho resistito. col tempo quelle frequentazioni tra l'altro sollecitate anche da certi "amici" si sono diradate. la nostra coppia si è rinnovata, abbiamo molti interessi comuni e l'ultima vacanza a suo dire è stata fantastica. oggi dice che nella vita tutti possono sbagliare ma io so che ha delle pasticchette nascoste..... perchè allora sono ancora qui?

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si penso che hai inquadrato bene la situazione. se l'avessi fatto io mi avrebbe cacciato. ed hai ragione anche sul fatto che appartengo ad una generazione di donne subordinate. decidere di andarsene richiede coraggio, anche se sono economicamente indipendente. ma forse anche restare richiede molta forza perchè si soffre comunque. rispondere a questo forum dimostra che è una cosa che sta sottotraccia e che non passerà...mai

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, micetta2017 ha scritto:

si penso che hai inquadrato bene la situazione. se l'avessi fatto io mi avrebbe cacciato. ed hai ragione anche sul fatto che appartengo ad una generazione di donne subordinate. decidere di andarsene richiede coraggio, anche se sono economicamente indipendente. ma forse anche restare richiede molta forza perchè si soffre comunque. rispondere a questo forum dimostra che è una cosa che sta sottotraccia e che non passerà...mai

ok , come detto prima, questo tuo riconoscere una "presunta" debolezza è in realtà una dimostrazione di forza.

Hai fatto bene a soppesare ogni pro e ogni contro. Di solito, nei forum, tutti suggeriscono il massacro ... le linee dure ... "mollalo ... lascialo ....". Ovvero, le suggeriscono agli altri, perché dietro una tastiera si sentono tutti forti. Agli altri suggeriscono l'intransigenza; quando invece poi queste situazioni capitano a noi stessi, allora si valuta, si soppesa, si considera ... e la linea diventa improvvisamente morbida

mi viene in mente il detto : "Le leggi per gli altri si applicano. Per noi stessi invece si interpretano"

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

ciccio1240: ci sono dentro proprio in questo periodo....lei 49 io 59,  20 anni insieme di cui 10 di matrimonio,dopo 5/6 anni  di problemi, negli ultimi mesi le viene lo schiribizzo del primo amore , lei dice solo telematica (l'altro è fisicamente dall'altra parte del mondo) ma a maggio si sono visti per una serata con altri amici d scuola, mi ha giurato che nulla e successo, che poi solo msg e video msg, ora con un bimbo di 9 anni come si fà a non sorvolare?certo rimane l'amarezza della cosa la non fiducia nella persona (dice che ha interrotto tutto e che vuole ricostruire) , L'AMO ...e devo darle una seconda possibilità... anche se dentro di me il tarlo è insediato. Che Dio me la mandi buona...

Modificato da ciccio1540

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace ma un tradimento non si può perdonare..Non capisco quelli che dicono che perdonano perché amano quella persona.Per carità uno è libero di perdonare,ma secondo me poi passa la vita a tenere d'occhio ogni movimento,telefonate e messaggi ricevuti dal suo lui/lei!Poi cosa fa controlla se davvero va ogni giorno a lavorare?Se davvero esce con i suoi amici/amiche?Cosi ci si mangia davvero il fegato!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, ciccio1540 ha scritto:

ciccio1240: ci sono dentro proprio in questo periodo....lei 49 io 59,  20 anni insieme di cui 10 di matrimonio,dopo 5/6 anni  di problemi, negli ultimi mesi le viene lo schiribizzo del primo amore , lei dice solo telematica (l'altro è fisicamente dall'altra parte del mondo) ma a maggio si sono visti per una serata con altri amici d scuola, mi ha giurato che nulla e successo, che poi solo msg e video msg, ora con un bimbo di 9 anni come si fà a non sorvolare?certo rimane l'amarezza della cosa la non fiducia nella persona (dice che ha interrotto tutto e che vuole ricostruire) , L'AMO ...e devo darle una seconda possibilità... anche se dentro di me il tarlo è insediato. Che Dio me la mandi buona...

Ciccio ti auguro di ritrovare l'armonia con tua moglie,se ti ha detto che quella sera non è successo niente,dagli fiducia e credigli..sarebbe doppiamente cattiva se ti avesse detto una bugia.Tu però non pensare troppo a questa cosa altrimenti rischi di starci troppo male.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' vero , sono dilaniato dal dolore quando ci penso, ma poi tra una sigaretta e l'altra vedendo la foto di mio figlio mi faccio coraggio e mi dico che devo lavorare per lui ancora una decina d'anni ...ma non devo pensare alla mia vita, un divorzio, una neoplasia passata , un tradimento...questa crisi nel mondo del lavoro etcc. altrimenti ..meglio farla finita.No ,No meglio vivere e vedere il bicchiere mezzo pieno

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se lei mi informa (preferibilmente prima di farlo) non solo perdono, ma la incoraggio a farlo, e lei lo sa. Giusto per la precisione, lei non l'ha mai fatto, altrimenti non avrebbe nessuna ragione per non tenermi informato.

Si noti che in questo modo ho superato il problema della gelosia che, credo come a tutti, prima mi assillava.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 12/9/2017 in 12:11 , micetta2017 ha scritto:

cara anniblu la risposta la troverai solo dentro di te. 7 anni fa mio marito aveva sui 50 anni e dopo 20 anni di matrimonio ha cominciato a frequentare le ***. una l'ha fatta venire addirittura in vacanza in italia, tutte cose che ho scoperto col tempo perchè poi sono diventata un hacker ed un'investigatrice inaspettata. forse c'era un po di stanchezza fisiologica nel matrimonio. certo era solo *** ma a me brucia lo stesso, per me è tradimento. io ho lottato sin dall'inizio con tutte le mie forze per non perderlo definitivamente. del resto i traditori giocano sul senso di colpa. abbiamo due figli e forse è anche per loro che ho resistito. col tempo quelle frequentazioni tra l'altro sollecitate anche da certi "amici" si sono diradate. la nostra coppia si è rinnovata, abbiamo molti interessi comuni e l'ultima vacanza a suo dire è stata fantastica. oggi dice che nella vita tutti possono sbagliare ma io so che ha delle pasticchette nascoste..... perchè allora sono ancora qui?

A questo punto, perché non parli con tuo marito? Lasciagli fare solo alcune cose con chi dici tu e gli dici che lo perdoni solo se ti dice tutto. Diventate complici anche in questo. Tanto lo fa lo stesso, no? In questo modo gli togli anche il gusto della trasgressione, e comunque diventa una trasgressione di entrambi. E poi puoi fare qualcosa anche tu, sempre tenendolo informato, però. Che ci perdi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

salve ragazzi... Volevo rispondere intanto che il tradimento va vissuto per poi poter pensare o parlare di perdono... Tradire é il gesto più VILE E IGNOBILE che esista al mondo... degno di persone INQUALIFICABILI... Purtroppo una di queste è proprio l'ultima persona al mondo che MAI avrei immaginato come MAI avrei immaginato dopo tanto sconfinato e dilaniante dolore di "perdonare"... Lo scrivo tra virgolette perché NON si può perdonare chi NON è veramente pentito... lo dice a parole... ma lo rifarà e se non lo rifarà é solo perché teme di pagare quelle conseguenze non pagate in precedenza... perché sa di avere accanto un partner guardingo e che gli ha dato una possibilità ma è un partner in "prova"... Scusate di solito scrivo benissimo ma ora non ne ho voglia per quel dolore che mi angoscia da 13 lunghi anni fatti inizalmente di estenuanti controlli e poi di litigate perché trovato sempre con la zampa nel barattolo di marmellata... Non per *** o incontri ma di telefonate alla persona che avrebbe dovuto odiare per aver rovinato il nostro matrimonio ... Non era perfetto ma eravamo innamoratissimi e felici... Una bellissima famiglia ... L'eco di questa storia anche se ci ho voluto mettere una toppa si è ripercosso non solo su di me, su di noi che non siamo più le persone di una volta ma sui nostri figli che hanno fatto tutti scelte sbagliate con partner sbagliati pur di scappar via da casa ... Sono ancora devastata dal dolore... Se un consiglio posso dare oggi è NON PERDONATE lasciate che striscino ai vostri piedi... Dovete toccare con mano il loro VERO pentimento fermo restando che prima o poi sappiate che ricadranno perché chi tradisce non è fedele nemmeno a se stesso... lo ha nell'indole e lo rifarà per questo sempre!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, sogno2014 ha scritto:

salve ragazzi... Volevo rispondere intanto che il tradimento va vissuto per poi poter pensare o parlare di perdono... Tradire é il gesto più VILE E IGNOBILE che esista al mondo... degno di persone INQUALIFICABILI... Purtroppo una di queste è proprio l'ultima persona al mondo che MAI avrei immaginato come MAI avrei immaginato dopo tanto sconfinato e dilaniante dolore di "perdonare"... Lo scrivo tra virgolette perché NON si può perdonare chi NON è veramente pentito... lo dice a parole... ma lo rifarà e se non lo rifarà é solo perché teme di pagare quelle conseguenze non pagate in precedenza... perché sa di avere accanto un partner guardingo e che gli ha dato una possibilità ma è un partner in "prova"... Scusate di solito scrivo benissimo ma ora non ne ho voglia per quel dolore che mi angoscia da 13 lunghi anni fatti inizalmente di estenuanti controlli e poi di litigate perché trovato sempre con la zampa nel barattolo di marmellata... Non per *** o incontri ma di telefonate alla persona che avrebbe dovuto odiare per aver rovinato il nostro matrimonio ... Non era perfetto ma eravamo innamoratissimi e felici... Una bellissima famiglia ... L'eco di questa storia anche se ci ho voluto mettere una toppa si è ripercosso non solo su di me, su di noi che non siamo più le persone di una volta ma sui nostri figli che hanno fatto tutti scelte sbagliate con partner sbagliati pur di scappar via da casa ... Sono ancora devastata dal dolore... Se un consiglio posso dare oggi è NON PERDONATE lasciate che striscino ai vostri piedi... Dovete toccare con mano il loro VERO pentimento fermo restando che prima o poi sappiate che ricadranno perché chi tradisce non è fedele nemmeno a se stesso... lo ha nell'indole e lo rifarà per questo sempre!!!

E io dovrei vivere così? Potrei essere criticato fino alla morte, ma io ho scelto un'altra strada. Qualche anno fa, anche per motivi economici, mia moglie passò un periodo in cui si sentiva trascurata da me. E così mise un annuncio su un giornale locale e si fece un po' di amici con i quali scambiava telefonate e con qualcuno si era anche incontrata. Lo scoprii perché vidi di sfuggita che nascose qualcosa in un cassetto. In quel periodo andò per una mesata presso parenti all'estero e io, rimasto solo, trovai un cellulare che aveva comprato a mia insaputa. Trovai anche pin e puk e lessi tutti i messaggi. Inutile dire che mi assalì la disperazione. Ma io reagii diversamente: se mi avesse tradito (scoprii solo dopo che lei cercava solo amicizia) per me aveva i suoi motivi e io ne ero almeno la concausa; decisi di riconquistarla. Dopo poco mi sembrava un'eternità che era lontana da me. Da solo, nel nostro letto, mettevo il suo pigiama sotto la mia testa. Al ritorno, quando scese dall'aereo, mi sembrava la donna più bella del mondo. Nei giorni successivi le parlai, le dissi che avevo scoperto tutto, ma non l'accusai di nulla, e le dissi che qualunque cosa avesse fatto, io ne ero il responsabile. Lei mi spiegò e non c'era nulla di male in quello che aveva fatto. Però realizzai che la paura del tradimento è molto peggio del tradimento stesso. Quindi piano piano le dissi che se con qualcuno di questi amici avesse voluto andarci a letto, non c'erano problemi; mi bastava solo che non avesse fatto nulla di nascosto da me e mi avesse informato di tutto. Ora non ho più paura, non ho più bisogno di leggere i messaggi dal suo telefonino, ha i suoi amici su facebook, se vuole incontrare qualche amico me lo chiede e non c'è nessun problema. Io così sto bene e lei può continuare ad avere i suoi amici. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Qwerty... Ognuno vive le proprie esperienze e ogni storia é diversa dall'altra... Scusami ma io non ho ben capito se tu pur di salvare il tuo rapporto accetti che tua moglie abbia degli "amici" e magari con loro rapporti extraconiugali... magari entrambi voi vi siete presi questa pattuita e reciproca libertà...

Tranquillo non ti giudico e non mi meraviglierebbe nulla visti i tempi e internet che di certo non aiuta le famiglie a restare unite... tra scambi di coppia o altre cose ... guarda ho così sofferto che avrei preferito alla grande che io e mio marito ne parlassimo e pattuissimo scambi di coppia... É MOLTO più onesta la cosa e ti assicuro però che i traditori seriali non la accettano perché da bravi maschilisti a loro é tutto concesso ma la donna loro GUAI chi la tocca...

purtroppo nel mio matrimonio non c'è stata questa apertura mentale e francamente io per prima non ce l'avrei fatta a sopportato ma credimi ho così sofferto che l'avrei fatto per sfida... avrei voluto farmi vedere possedere da un altro per vedere in quel momento se per lui fosse stato più importante possedere l'altra... Lasciamo stare... Detto questo poi ognuno è libero di vivere il proprio rapporto come vuole cosciente del fatto che ognuno può fare della propria vita quello che vuole... della PROPRIA... NON di quella degli altri... Vorrei dirti tante altre cose ma lascio stare perché ho troppo dolore nel cuore...

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, sogno2014 ha scritto:

ciao Qwerty... Ognuno vive le proprie esperienze e ogni storia é diversa dall'altra... Scusami ma io non ho ben capito se tu pur di salvare il tuo rapporto accetti che tua moglie abbia degli "amici" e magari con loro rapporti extraconiugali... magari entrambi voi vi siete presi questa pattuita e reciproca libertà...

Tranquillo non ti giudico e non mi meraviglierebbe nulla visti i tempi e internet che di certo non aiuta le famiglie a restare unite... tra scambi di coppia o altre cose ... guarda ho così sofferto che avrei preferito alla grande che io e mio marito ne parlassimo e pattuissimo scambi di coppia... É MOLTO più onesta la cosa e ti assicuro però che i traditori seriali non la accettano perché da bravi maschilisti a loro é tutto concesso ma la donna loro GUAI chi la tocca...

purtroppo nel mio matrimonio non c'è stata questa apertura mentale e francamente io per prima non ce l'avrei fatta a sopportato ma credimi ho così sofferto che l'avrei fatto per sfida... avrei voluto farmi vedere possedere da un altro per vedere in quel momento se per lui fosse stato più importante possedere l'altra... Lasciamo stare... Detto questo poi ognuno è libero di vivere il proprio rapporto come vuole cosciente del fatto che ognuno può fare della propria vita quello che vuole... della PROPRIA... NON di quella degli altri... Vorrei dirti tante altre cose ma lascio stare perché ho troppo dolore nel cuore...

No, nessuna "pattuita e reciproca libertà". Io so che lei, a differenza di me, è gelosa, e dunque non ho nessuna intenzione di prendermi le libertà che ho concesso a lei (libertà peraltro non richieste). E comunque lei non ha mai approfittato, neanche una sola volta di questa libertà. E lei è gelosa, è vero, ma non controlla nulla di quello che faccio. Il mio cellulare è a sua disposizione e così lo è il suo. Ma nessuno dei due va a verificare i messaggi o le chiamate. Aggiungo un'ultima cosa: mi era anche capitata una ragazza sui 40 (io ne ho 20 di più) che, solo approfittando della nostra amicizia, l'avrei potuta portare a letto (tra l'altro conosciuta in un sito "cugino" di questo, non lo posso scrivere perché comparirebbero gli asterischi). Ma avrei fatto un torto a mia moglie e anche a lei. Io non sono così.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

x rispondere alla domanda scrivo ke no, nn sarei capace di perdonare xké nn riuscirei a fidarmi ed allora x vivere male in due, senza vani rancori ke ormai nn servirebbero a nulla, figli o nn figli, meglio tanti saluti e stop.

io e mio marito eravamo spiriti liberi quindi inutile esser gelosi e parlare di perdono tuttavia nn avevo motivo di guardarmi attorno xké quanto desideravo era già con me. se poi lui deragliò, chapeau! mai mi diede motivo di rammarico facendomi mancare presenza ed affetto fisico e morale.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

È bene che considerate tutti le statistiche sulle unioni di coppia...il 50% dei matrimoni salta .. un altra metà sta insieme perché separarsi costa troppo..o perché ci sono figli (altra *** perché i figli soffrono cmq) i rimanenti tradiscono quasi sempre ... Nn è colpa di nessuno ..nessuno di noi nasce monogamo ...  La routine e le abitudini anche sessuali col passare del tempo stufano e annoiano .... In pochissimi restano insieme e non hanno storie collaterali ma credo fermamente che sia normale e umano averne ... Anche se il tradimento, di qualsiasi tipo , fa sempre molto male 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Più di una volta è troppo secondo me. Poi dipenderà da caso a caso e dal tipo di relazione che si cerca...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il ‎14‎/‎10‎/‎2017 in 10:13 , bondik60 ha scritto:

 La routine e le abitudini anche sessuali col passare del tempo stufano e annoiano .... In pochissimi restano insieme e non hanno storie collaterali ma credo fermamente che sia normale e umano averne

Guarda che le donne e gli uomini non sono bestie schiavi degli istinti, gli uomini e le donne sono esseri razionali dotati di libero arbitrio, avere storie collaterali è un messaggio che certa stampa, cinema e televisione cercano di dare e reclamizzare, ci sono attori attrici e attricette che passano da una storia all'altra, poi vanno in televisione e anziché vergognarsi di quello che fanno se ne vantano....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora