FANTAPOLITICA ?? AHINOI NO POTREBBE ESSERE REALTA'

Purtroppo  come   quando scese in  campo  l'altro  pregiudicato a  parole  sono tutti  bravi, sto  ancora  pensando  al  "GHE PENSI MI "  che  ci  ha  portato al  disastro  socioeconomico da  cui   ci vorranno  almeno  ventanni per  uscirne ci  si  troveranno  persone in  grado  di  farlo ,  ma  questi  che  van  predicando  HONESTA'  ci daranno  la  mazzata  finale  e  l'amministrare Roma   ne   da   conferma.

http://24ilmagazine.ilsole24ore.com/2017/05/i-primi-100-giorni-del-governo-di-maio/

«È normale che le grandi banche e le agenzie di rating attacchino e ricattino l’Italia, d’altronde è in questo modo che hanno tenuto il nostro Paese in schiavitù grazie a una classe politica pavida e corrotta. Ma le cose sono cambiate.Non ci interessa cosa pensano le Borse ma cosa vogliono i cittadini, perché la democrazia viene prima dei mercati e il nostro governo lo dimostrerà» (1). Nella Instagram story creata per commentare i risultati dei primi cento giorni di governo del Movimento 5 Stelle, il presidente del Consiglio Luigi Di Maio è stato breve ma deciso: nessun passo indietro rispetto a quanto fatto finora, si va avanti perché «per noi il programma è come la Bibbia» e il «governo non può scegliere cosa fare in base all’opportunismo o alle circostanze, deve soltanto eseguire ciò che i cittadini hanno deciso attraverso la democrazia diretta e con il voto alle elezioni».

Dopo cento giorni di governo M5S, l’Italia si trova di fronte a un passaggio storico e a una crisi senza precedenti. Lo spread è schizzato verso l’alto, attorno ai 500 punti base come durante il 2011, ma se all’epoca il default sembrava possibile per la debolezza del governo e per la sua incapacità di fare riforme incisive, questa volta per i mercati il motivo è l’opposto: la deliberata volontà di non ripagare il debito e di uscire dall’euro dimostrata dai primi atti del nuovo esecutivo. Se prima delle elezioni la convinzione comune era che il M5S non sarebbe mai riuscito a realizzare il “libro dei sogni” illustrato in campagna elettorale, ora tutti si sono ricreduti. Il governo sta andando avanti nella realizzazione del programma con passi celeri. Nonostante lo scontro con le istituzioni internazionali e la reazione negativa dei mercati, la strana maggioranza che regge il governo Di Maio è solida, anzi esce rafforzata dall’«attacco dell’oligarchia finanziaria e della burocrazia europea all’Italia».

Sembrava un’aggregazione raccogliticcia per evitare il ritorno immediato alle urne, invece in pochi mesi le forze che hanno consentito la nascita del monocolore di minoranza del M5S sono diventate una vera coalizione. Le elezioni, vinte dai grillini con il 35 per cento dei voti, hanno prodotto un Parlamento frammentato e il tentativo di far nascere un governo sembrava destinato a fallire dopo i primi giorni del mandato esplorativo affidato dal presidente della Repubblica a Di Maio. Lo stallo è stato rotto dall’Appello degli Intellettuali per un “governo di rifondazione democratica”: «Una grande occasione si apre, con la vostra vittoria alle elezioni, di cambiare dalle fondamenta il sistema politico in Italia e anche in Europa (2) – scrivevano gli Intellettuali – sarebbe grave e triste che questa occasione venisse tradita» (3). L’appello si chiudeva con un invito a tutte le forze politiche a non tradire la «volontà popolare sortita dal voto», perché sarebbe «una forma di suicidio» della nazione.

Il passo successivo è stato l’intesa con la sinistra, dopo la diretta streaming tra Di Maio e Pier Luigi Bersani, con la supervisione dell’ologramma di Beppe Grillo, sulla base di due punti di politica interna: reddito di cittadinanza e politiche ambientali. L’altra gamba per tenere in piedi il governo è stata trovata nel centrodestra, grazie a un accordo con la Lega Nord di Matteo Salvini su due punti di politica estera: referendum sull’euro (4)  e  intesa con la Russia (per sconfiggere il terrorismo islamico e pacificare il Medio Oriente) (5). Ma i numeri non sarebbero stati sufficienti, così è stata risolutiva la nascita del gruppo dei responsabili di Onestà e Territorio animato dall’onorevole Brunetta. In questo modo l’esecutivo Di Maio, nato come “governo di minoranza”, è riuscito a costruire una maggioranza solida attorno alla realizzazione dei pilastri del programma grillino, sotto la supervisione del Garante Beppe Grillo: «Abbiamo sempre detto che non siamo né di destra né di sinistra, lo stiamo dimostrando. Qualcuno dovrà chiederci scusa».

Come promesso in campagna elettorale, il primo provvedimento approvato in Consiglio dei ministri è stato il “reddito di cittadinanza” (6): «Con questo nuovo diritto la disoccupazione non sarà più una colpa, tutti avranno un reddito garantito, nessuno rimarrà indietro», ha dichiarato Di Maio. Il sussidio consiste in uno stipendio fino a 780 euro al mese (9.360 euro all’anno) per ogni persona disoccupata o sottoccupata. Nel caso in cui il beneficiario percepisca già un reddito inferiore alla soglia di cittadinanza, il reddito viene integrato con la differenza tra il suo reddito e il limite minimo di 780 euro stabilito dal governo. «Abbiamo abolito la povertà come venne abolita la schiavitù (7). Grazie al Movimento il cittadino si è fatto Stato e il falso diritto al lavoro si è trasformato in un vero reddito di cittadinanza», ha dichiarato il vicepremier e ministro alla Sovranità popolare Alessandro Di Battista prima di partire in scooter per la consegna a venti famiglie, una in ogni regione, dei primi assegni di cittadinanza. Il provvedimento, che ha fatto incrementare i consensi del governo e sciogliere lo scetticismo iniziale dei partner di maggioranza, ha però iniziato a mostrare qualche problema: nel giro di pochi mesi c’è stato un boom di licenziamenti spontanei nei settori dove gli stipendi sono più bassi e soprattutto per tutte le forme di contratti precari o part time, ma anche tra molti contratti a tempo indeterminato, in particolare tra le fasce d’età vicine alla pensione. Per chiunque guadagni meno di 780 euro grazie a un’occupazione lavorare è diventato inutile perché se incassi 500 euro al mese ne ricevi 280 dal governo, se ne guadagni 600 ne ricevi 180, fino al caso limite di lavoratori part time che percepiscono 750 euro al mese e ricevono solo 30 euro di cittadinanza. Dopo le dimissioni, questi ex lavoratori hanno continuato a ricevere 780 euro mensili, ma senza lavorare: con il nuovo sistema di cittadinanza basta compilare un modulo online e partecipare anche in remoto ai meet up locali patrocinati dalle Province. «Abbiamo dato un valore all’ozio creativo – ha commentato il prof. Domenico De Masi, sottosegretario con delega al Benessere del ministro del Lavoro Paola Taverna – un valore che finalmente è più elevato del lavoro manuale».

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

L'immagine può contenere: 1 persona

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"La truffa sta nel nutrirvi di sfiducia e paura..."

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora