Salvare le apparenze..

Volevo sapere la vostra idea su una discussione che ho sovente con mia cognata..Io dico sempre che 2 genitori che vivono in case diverse ma cercano di andare d'accordo per amore dei figli venendosi incontro per le decisioni da prendere,per i giorni in cui stanno con l'uno o l'altro genitore,festeggiando insieme i compleanni dei figli..siano meglio di 2 genitori che abitano sotto lo stesso tetto,ma non si parlano e dormono in letti separati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Viviamo in una società dove stampa e televisione  fanno passare come normale  il fatto  che un matrimonio finisca, attori e attrici vanno in televisione parlano del loro  attuale compagno  giudicano come cosa normale  quello che una volta veniva chiamato "adulterio"   considerano normale che un matrimonio finisca mentre il fallimento di un matrimonio dovrebbe essere l'eccezione e non la regola

Si parla dei figli, su cosa sia preferibile per loro, nessuno parla però delle sofferenze interiori che i figli comunque subiscono.

Navigando in rete ho trovato questo interessante commento  tps://www.corrispondenzaromana.it/la-sofferenza-dei-figli-dei-divorziati-nellesperienza-di-chi-insegna-e-del-telefono-azzurro/  è lungo da leggere ma comunque interessante

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, castleglass ha scritto:

Volevo sapere la vostra idea su una discussione che ho sovente con mia cognata..Io dico sempre che 2 genitori che vivono in case diverse ma cercano di andare d'accordo per amore dei figli venendosi incontro per le decisioni da prendere,per i giorni in cui stanno con l'uno o l'altro genitore,festeggiando insieme i compleanni dei figli..siano meglio di 2 genitori che abitano sotto lo stesso tetto,ma non si parlano e dormono in letti separati.

Francamente non so rispondere. La prima soluzione sembrerebbe migliore, ma la separazione dei genitori è comunque dolorosa, se non proprio traumatica per i figli, specie se piccoli o adolescenti.

Mi sembra meritevole di attenzione il pensiero, che riporto da Wiki, di Osho Rajneesh, famoso guru iconoclasta, tra gli ispiratori della New Age.

Osho considerava il matrimonio un'istituzione contro natura poiché in contrasto con la libertà personale, "il valore supremo, non esiste nulla di più elevato della libertà". La vita – spiega il mistico – è un continuo mutamento, e le persone dovrebbero incontrarsi e amarsi occasionalmente, quando entrano in sintonia, e poi separarsi quando questa sintonia svanisce. Forzare legalmente i rapporti affettivi è sbagliato e genera nevrosi, perversioni psicologiche, repressioni e sensi di colpa. La famiglia, inoltre, danneggia e condiziona negativamente la psiche del bambino inculcandogli pregiudizi, falsi valori e appartenenze sociali e religiose. In un'altra occasione affermò che l'amore è distrutto non tanto dal matrimonio, quanto invece dalla relazione di coppia, che spesso nasce fra individui inconsapevoli del reale significato dell'amore e avulsi da una vera dimensione di intimità. In alcuni discorsi fu più indulgente con la famiglia, sottolineando come un "matrimonio felice" e un contesto famigliare sano possano avvicinare l'individuo al divino. Osho rifiutò categoricamente di sposarsi, nonostante le insistenze e la disapprovazione dei suoi familiari.

osho-rajneesh-7.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, fosforo31 ha scritto:

Francamente non so rispondere. La prima soluzione sembrerebbe migliore, ma la separazione dei genitori è comunque dolorosa, se non proprio traumatica per i figli, specie se piccoli o adolescenti.

Mi sembra meritevole di attenzione il pensiero, che riporto da Wiki, di Osho Rajneesh, famoso guru iconoclasta, tra gli ispiratori della New Age.

Osho considerava il matrimonio un'istituzione contro natura poiché in contrasto con la libertà personale, "il valore supremo, non esiste nulla di più elevato della libertà". La vita – spiega il mistico – è un continuo mutamento, e le persone dovrebbero incontrarsi e amarsi occasionalmente, quando entrano in sintonia, e poi separarsi quando questa sintonia svanisce. Forzare legalmente i rapporti affettivi è sbagliato e genera nevrosi, perversioni psicologiche, repressioni e sensi di colpa. La famiglia, inoltre, danneggia e condiziona negativamente la psiche del bambino inculcandogli pregiudizi, falsi valori e appartenenze sociali e religiose. In un'altra occasione affermò che l'amore è distrutto non tanto dal matrimonio, quanto invece dalla relazione di coppia, che spesso nasce fra individui inconsapevoli del reale significato dell'amore e avulsi da una vera dimensione di intimità. In alcuni discorsi fu più indulgente con la famiglia, sottolineando come un "matrimonio felice" e un contesto famigliare sano possano avvicinare l'individuo al divino. Osho rifiutò categoricamente di sposarsi, nonostante le insistenze e la disapprovazione dei suoi familiari.

osho-rajneesh-7.jpg

C'erano una  volta i "FIGLI DEI FIORI"  erano gli anni 60 è passato ormai mezzo secolo,  i pochi sopravvissuti nella migliore delle ipotesi sono ormai nonni, gli altri sono ormai morti, deceduti  per mille cause, chi per droga chi per incidenti chi per il normale avvicendamento voluto dalla natura dove gli uomini e le donne si sposano, formano una famiglia, fanno figli, li educano, li crescono e poi muoiono e lasciano il posto alle nuove generazioni....

Modificato da etrusco1900
errore battitura

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Formare una famiglia significa rinunciare a molte cose che si facevano prima, ed occorre assumersi delle responsabilità che prima erano impensabili, ma se si vuole farlo insieme, tutti e due intendo, si possono superare tralasciando la cognizioni del "dovere matrimoniale".......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

C'erano una  volta i "FIGLI DEI FIORI"  erano gli anni 60 è passato ormai mezzo secolo,  i pochi sopravvissuti nella migliore delle ipotesi sono ormai nonni, gli altri sono ormai morti, deceduti  per mille cause, chi per droga chi per incidenti chi per il normale avvicendamento voluto dalla natura dove gli uomini e le donne si sposano, formano una famiglia, fanno figli, li educano, li crescono e poi muoiono e lasciano il posto alle nuove generazioni....

Il maestro dice di non essere mai morto, e nemmeno mai nato. Ecco il suo epitaffio:

               OSHO

         Never Born

         Never Died

      Only Visited this

  Planet Earth between

Dec 11 1931 - Jan 19 1990

 

Ed ecco cosa pensa del matrimonio

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non conoscevo Osho prima della tua citazione fosforo,decisamente con le idee chiare il tipo..Ha fatto un quadro perfetto del detto"il matrimonio è la tomba dell'amore".Ormai non si è più capaci di non vedere i difetti della nostra dolce metà e ci manca decisamente la voglia di fare finta di niente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il ‎21‎/‎05‎/‎2017 in 09:26 , etrusco1900 ha scritto:

Viviamo in una società dove stampa e televisione  fanno passare come normale  il fatto  che un matrimonio finisca, attori e attrici vanno in televisione parlano del loro  attuale compagno  giudicano come cosa normale  quello che una volta veniva chiamato "adulterio"   considerano normale che un matrimonio finisca mentre il fallimento di un matrimonio dovrebbe essere l'eccezione e non la regola

Si parla dei figli, su cosa sia preferibile per loro, nessuno parla però delle sofferenze interiori che i figli comunque subiscono.

Navigando in rete ho trovato questo interessante commento  tps://www.corrispondenzaromana.it/la-sofferenza-dei-figli-dei-divorziati-nellesperienza-di-chi-insegna-e-del-telefono-azzurro/  è lungo da leggere ma comunque interessante

 

Guarda..pultroppo ci sono passata anch'io con la separazione e il divorzio dei miei e io avevo già 34 anni quando si sono separati,però ne ho sofferto molto e non auguro a nessun bambino o ragazzo una sofferenza simile.Non era facile per me vivere con 2 persone che ormai non si parlavano più,dormivano in letti separati..al mattino quando uscivo di casa speravo al mio ritorno di non trovare che uno avesse scannato l'altro.Per questo dico che se si accorge di non andare d'accordo è meglio andare ognuno per la sua strada mantenendo buoni rapporti..che vivere in un ambiente pieno di rancore e ripicche uno verso l'altro con i bambini che ci vivono in mezzo..solo per l'idea dei genitori di voler comunque mantenere il matrimonio per non dare un dispiacere ai figli di vedere i genitori sotto lo stesso tetto..Io lo chiamo egoismo e non amore questo.Lo dico sempre a mia cognata cattolica convinta che secondo lei il matrimonio è indissolubile..piuttosto sarebbe cortuna ma il matrimonio non deve finire per il bene dei bambini e diciamocelo..per salvare la faccia dai parenti e conoscenti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora