Istat: Italia Paese di pensionati e impiegati, crescono disuguaglianze all'interno delle classi

Impiegati e pensionati, questi sono gli italiani, con sette giovani su dieci ancora a casa con i genitori e con la classi sociali che "esplodono". Non ci voleva l'Istat per dare questo impietoso ritratto del Belpaese, bastava guardarsi in giro

Altra cosa è l'addio alla classe operaia e al ceto medio che "sono sempre state le più radicate nella struttura produttiva del nostro Paese" ma "oggi la prima - osserva l'Istat ha abbandonato il ruolo di spinta all'equità sociale mentre la seconda non è più alla guida del cambiamento e dell'evoluzione sociale"

come si può andare avanti così??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

il problema è proprio il fatto di essere un paese di impiegati... che tristezza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Onestamente non lo... mi sembra sempre iù l'Italia dei furbetti e l'Italia che agevola i passaggi ai ricchi 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

che fossi messi in questo modo era già ben evidente.

ora che l'istat si è accorto di tutto ciò che si farà?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ecco L'Italia che riparte

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, mariallen ha scritto:

Onestamente non lo... mi sembra sempre iù l'Italia dei furbetti e l'Italia che agevola i passaggi ai ricchi 

 

siamo difronte ad una nuova nobiltà e noi siamo i loro servi della gleba

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fotografia di un Paese in declino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, zerograno ha scritto:

che fossi messi in questo modo era già ben evidente.

ora che l'istat si è accorto di tutto ciò che si farà?

quoto zerograno!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora