"Il suicidio assistito non viola il diritto alla vita". Dj Fabo non è morto invano

"Le pratiche di suicidio assistito non costituiscono una violazione del diritto alla vita quando siano connesse a situazioni oggettivamente valutabili di malattia terminale o gravida di sofferenze o ritenuta intollerabile e/o indegna dal malato stesso". La procura di Milano ha chiesto l'archiviazione per Marco Cappato, tesoriere della fondazione Luca Coscioni.

Quindi forse Dj Fabo non è morto invano! Peccato solo che in Italia i precedenti non producano legge

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Finalmente una sentenza che ha un senso

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per certi leggi bisognerà attendere purtroppo 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

un applauso a cappato che si è preso dei rischi per arrivare a questo punto!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

credo che la questione rimarrà per molto tempo nel limbo qui in italia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Era il momento di colmare una lacuna e, grazie all'iniziativa dei singoli, si è giunti a tale punto.

Io ne sono fiera

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

da noi non passerà mai.... al massimo verràconsentito di farlo all'estero senza ripercussioni penali

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora