Contributo

Ormai passo poco da queste parti, un occhiata ogni tanto e poi via, niente su cui valga la pena di approfondire il discorso, notizie riportate dalle "prime" (si fa per dire) pagine del virgilio sulle quali esprimere opinioni già obsolete sul nascere. Notizie piatte stereotipate e un assoluta mancanza di ironia o di satira se preferite, visto che anche in attualità i fautori della diatriba politica più che scambiarsi auguri "pasquali" a fronte di notizie e opinioni altrui non sono capaci di fare impossibilitati ad esprimete opinioni proprie e costruttive. In un altro post  avevo scritto che entrare qui dentro era come passeggiare nel vuoto, credo di essermi sbagliato il vuoto presenta aspetti più interessanti.

 

Clap clap clap

 

Grazie per l'applauso. :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

in effetti anche il vuoto ha il suo fascino... :ph34r:

 

144a3b7a-0190-4cd3-b2b4-6f035b9997e2_lar

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

assolutamente vero dipende da quale punto lo osservi :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Il vuoto è molto più interessante di quanto si immagina. Almeno per i fisici e i cosmologi.

Secondo la più accreditata delle teorie cosiddette di pre-Big Bang, l'Universo, cioè il Tutto (materia, energia, spazio, tempo, vita, intelligenza, cultura, amore, libertà), sarebbe nato letteralmente dal Nulla, ovvero da una fluttuazione quantistica, assolutamente casuale, del vuoto. Alan Guth la chiamava scherzosamente teoria dell'Universo come "pasto gratis", ma in realtà è un'ipotesi oggi considerata perfettamente plausibile alla luce della Meccanica Quantistica e della teoria dell'Inflazione. Questa ipotesi sembra poter escludere quella di un Creatore, tuttavia non esclude anzi richiede la presenza, nel vuoto primordiale, di una forma di razionalità, di una logica, di un logos. In qualche modo le leggi della Fisica dovevano essere "scritte" anche nel Nulla, cioè nel vuoto senza spazio e senza tempo. En archè en o lògos ...

Il vuoto attuale, quello immerso nello spazio e nel tempo, al contrario di quanto suggerisce il senso comune possiede una sua energia ed esercita una pressione. Ambedue gli effetti discendono dal principio di Indeterminazione di Heisenberg. La pressione del vuoto è stata fisicamente misurata e le misure sono in eccellente accordo con la teoria. Due piastre d'acciaio parallele poste nel vuoto più spinto si attraggono reciprocamente (effetto Casimir). A distanze millimetriche questa pressione è inapprezzabile, ma a distanze nanometriche può superare il valore della pressione atmosferica.

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/5/2017 in 23:38 , fosforo31 ha scritto:

Il vuoto è molto più interessante di quanto si immagina. Almeno per i fisici e i cosmologi.

Secondo la più accreditata delle teorie cosiddette di pre-Big Bang, l'Universo, cioè il Tutto (materia, energia, spazio, tempo, vita, intelligenza, cultura, amore, libertà), sarebbe nato letteralmente dal Nulla, ovvero da una fluttuazione quantistica, assolutamente casuale, del vuoto. Alan Guth la chiamava scherzosamente teoria dell'Universo come "pasto gratis", ma in realtà è un'ipotesi oggi considerata perfettamente plausibile alla luce della Meccanica Quantistica e della teoria dell'Inflazione. Questa ipotesi sembra poter escludere quella di un Creatore, tuttavia non esclude anzi richiede la presenza, nel vuoto primordiale, di una forma di razionalità, di una logica, di un logos. In qualche modo le leggi della Fisica dovevano essere "scritte" anche nel Nulla, cioè nel vuoto senza spazio e senza tempo. En archè en o lògos ...

Il vuoto attuale, quello immerso nello spazio e nel tempo, al contrario di quanto suggerisce il senso comune possiede una sua energia ed esercita una pressione. Ambedue gli effetti discendono dal principio di Indeterminazione di Heisenberg. La pressione del vuoto è stata fisicamente misurata e le misure sono in eccellente accordo con la teoria. Due piastre d'acciaio parallele poste nel vuoto più spinto si attraggono reciprocamente (effetto Casimir). A distanze millimetriche questa pressione è inapprezzabile, ma a distanze nanometriche può superare il valore della pressione atmosferica.

Sarà anche interessante, ma per fortuna ogni tanto c'è qualcuno che prova a riempirlo :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora