Divieto di accanimento terapeutico. Qualcosa si sta muovendo anche in Italia?

Il paziente avrà il diritto di abbandonare le terapie. Ma a fronte del divieto dell'accanimento terapeutico, il medico potrà appellarsi all'obiezione di coscienza e rifiutarsi di 'staccare la spina'. Sono queste le novità conseguenti all'approvazione di alcuni emendamenti al ddl Biotestamento: la normativa dovrà essere rispettata anche dalle cliniche private.

Qualcosa si sta muovendo anche in Italia?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora