Signor Minzolini, lei non è una persona seria

Signor Minzolini, lei mente: lei non è una persona seria. Lei è uno spudorato LADRO che ha violato la legge, che ha derubato noi contribuenti e abbonati alla Rai. Lei non rispetta la ratio di una legge votata dal suo stesso partito, lei ignora la grande lezione di Socrate e non rispetta le sentenze emesse dalla magistratura in nome di quel popolo sovrano che lei dovrebbe paradossalmente rappresentare, ma soprattutto lei non rispetta la Costituzione, in particolare gli artt.3 e 54,  e non rispetta l'istituzione di cui fa tuttora parte. Altrimenti lei si sarebbe dimesso in modo irrevocabile il giorno dopo la sentenza della sua condanna definitiva a due anni e mezzo di reclusione e altrettanti di interdizione dai pubblici uffici, e non avrebbe atteso 16 mesi e mezzo per farlo, pappandosi "abusivamente" ben 16 lauti stipendi a spese di noi contribuenti, dove le virgolette si devono unicamente al fatto che questo paese un poco le somiglia: non è un paese serio. Se questo fosse un paese serio non ci sarebbe bisogno di virgolette per definirla "abusivo". Di più: in un paese serio e meritocratico un ladro come lei non sarebbe mai diventato senatore, ma in compenso lei sarebbe da un bel pezzo al fresco, dietro robuste sbarre, invece di stare in parlamento a prendersi gli abbracci e i complimenti dei suoi amici, colleghi e "complici", e invece di andare in televisione a farsi ulteriori beffe dei contribuenti e del popolo sovrano. Per la verità lei aveva un altro buon motivo per non dimettersi prima, oltre al suo malcelato attaccamento al denaro dei contribuenti. Lei doveva creare, con l'aiuto dei suoi colleghi e "complici" di Forza Italia, della Lega e del Pd, un precedente prezioso in favore del delinquente Berlusconi per il suo ricorso alla Corte di Strasburgo. Nessuna meraviglia: tra delinquenti ci si intende e ci si dà una mano, specie quando si appartiene alla stessa "associazione a del..." pardon, allo stesso partito. Però mi lasci dire una cosa, signor Minzolini: 

SI  VERGOGNI ! 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Post scriptum:

le virgolette si devono anche al fatto che in questo forum si aggira un verme che, se non stai bene attento a quello che scrivi, ti segnala alla Polizia Postale.

I forumisti seri sono avvisati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

Signor Minzolini, lei mente: lei non è una persona seria. Lei è uno spudorato LADRO che ha violato la legge, che ha derubato noi contribuenti e abbonati alla Rai. Lei non rispetta la ratio di una legge votata dal suo stesso partito, lei ignora la grande lezione di Socrate e non rispetta le sentenze emesse dalla magistratura in nome di quel popolo sovrano che lei dovrebbe paradossalmente rappresentare, ma soprattutto lei non rispetta la Costituzione, in particolare gli artt.3 e 54,  e non rispetta l'istituzione di cui fa tuttora parte. Altrimenti lei si sarebbe dimesso in modo irrevocabile il giorno dopo la sentenza della sua condanna definitiva a due anni e mezzo di reclusione e altrettanti di interdizione dai pubblici uffici, e non avrebbe atteso 16 mesi e mezzo per farlo, pappandosi "abusivamente" ben 16 lauti stipendi a spese di noi contribuenti, dove le virgolette si devono unicamente al fatto che questo paese un poco le somiglia: non è un paese serio. Se questo fosse un paese serio non ci sarebbe bisogno di virgolette per definirla "abusivo". Di più: in un paese serio e meritocratico un ladro come lei non sarebbe mai diventato senatore, ma in compenso lei sarebbe da un bel pezzo al fresco, dietro robuste sbarre, invece di stare in parlamento a prendersi gli abbracci e i complimenti dei suoi amici, colleghi e "complici", e invece di andare in televisione a farsi ulteriori beffe dei contribuenti e del popolo sovrano. Per la verità lei aveva un altro buon motivo per non dimettersi prima, oltre al suo malcelato attaccamento al denaro dei contribuenti. Lei doveva creare, con l'aiuto dei suoi colleghi e "complici" di Forza Italia, della Lega e del Pd, un precedente prezioso in favore del delinquente Berlusconi per il suo ricorso alla Corte di Strasburgo. Nessuna meraviglia: tra delinquenti ci si intende e ci si dà una mano, specie quando si appartiene alla stessa "associazione a del..." pardon, allo stesso partito. Però mi lasci dire una cosa, signor Minzolini: 

SI  VERGOGNI ! 

Sintetizzo a beneficio dei forumisti che non hanno voglia di leggere il prolisso nonché Cazzaro Napoletano Fosforo :

 

Dunque Minzolini, direttore del Tg1, la Rai concede una carta di credito per spese di ruolo, il partito IdV ne contesta la legittimità, lui restituisce il denaro contestato, processato, viene assolto, il giudice Giannicola Sinisi, rientrato in magistratura dopo essere stato suo avversario politico in Parlamento, come membro PD, lo processa e lo condanna. Fine della storia. Tutto regolare? Al forum il giudizio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

Post scriptum:

le virgolette si devono anche al fatto che in questo forum si aggira un verme che, se non stai bene attento a quello che scrivi, ti segnala alla Polizia Postale.

I forumisti seri sono avvisati.

Stai calmo Cazzaro e Bufalaro professionista e professionale. Fino a che dai del Ladro a chi ha ricevuto una sentenza passata in giudicato puoi pure farla franca . Quello che non puoi fare , eroe di offese da tastiera , e' quello di affibbiare offese simili e peggiori a chi non ha ricevuto nemmeno un avviso di garanzia ed ha la fedina penale pulita . Molto più pulita del cesso di casa tua che pulisci il sabato mattina dopo che , presumibilmente , e' stato sporcato anche dalle componenti femminili di casa tua . Quando poi ti lanci in offese irricevibili e solo frutto della tua patologica faziosità politica verso il Presudente della Repubblica , e' giusto che tu stia preoccupato. Understand Cazzaro ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

IL MURO DELL'ILLEGALITA'

Illuminante comunicato della Presidenza dell'Associazione LIBERTA' E GIUSTIZIA dopo le minacce mafiose a don Ciotti e il vergognoso, intollerabile, eversivo atto di un parlamento di nominati e di "abusivi" che, in barba alle leggi e alla Costituzione, ha lasciato sulla poltrona di senatore il ladro e pregiudicato Augusto Minzolini (i grassetti sono miei).

 

UNA PARTE DELL'ITALIA VIVE NELL'ILLEGALITA' E DETESTA LA GIUSTIZIA

Roma, 28 marzo 2017. E’ successo di nuovo, domenica scorsa, a Palermo. Sono apparse altre scritte intimidatorie contro Don Luigi Ciotti (“secondino”) e anche contro il generale Dalla Chiesa (“assassino”, firmato Br), che ci ricordano come una parte di questo Paese viva nell’illegalità e detesti la giustizia. È una minoranza, ma agguerrita e pericolosa.

E fa terribilmente male dover ricordare che anche il Senato della Repubblica (con il suo ingiustificabile voto contro la decadenza di Minzolini) si è trincerato dietro un muro di illegalità. Non è così che si difende la dignità del Parlamento, non è così che si costruisce un futuro diverso per questo Paese.

I tantissimi cittadini che hanno circondato e abbracciato Don Ciotti ci ricordano invece che la maggioranza che costruisce la legalità e ama la giustizia non è affatto silenziosa, e non intende rimanere a casa a guardare.

Noi, donne e gli uomini di Libertà e Giustizia, siamo a fianco di questi ultimi, e facciamo nostre le parole pronunciate da Ciotti il 21 marzo a Locri, in occasione della manifestazione nazionale in ricordo delle vittime della mafia: «Insieme alle mafie, il male principale del nostro Paese resta la corruzione. E corruzione significa questo: che tra criminalità organizzata, criminalità politica e criminalità economica è sempre più difficile distinguere. Dobbiamo rompere questo intreccio!».

Tutti insieme possiamo riuscirci.

La presidenza di Libertà e Giustizia

http://www.libertaegiustizia.it/

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora