Treviso, dipendente incinta costretta a "pagare una sostituta" o a "licenziarsi"

leggo su TgCom "Una 25enne di Treviso costretta a licenziarsi perché incinta. La donna, dipendente di una piccola ditta, quando ha avvisato il suo datore di lavoro di aspettare un bimbo, si è sentita dire: "Sei incinta? Nessun problema, ma il tuo assegno Inps per la maternità lo darai all'azienda per pagare il tuo sostituto altrimenti licenziati". Nulla di nuovo, purtroppo, in campo lavorativo. La Cgil provinciale ha affermato che è il secondo caso in poco tempo"... lascio a voi i commenti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

16 messaggi in questa discussione

Bello che succeda nel "civilissimo" Nord Est...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A parte che dove è successo è irrilevante... è veramente un'infamia!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E "In soli tre mesi - spiega il segretario provinciale della Cgil Nicola Atalmi a Il Gazzettino.it - questa è la seconda giovane mamma che si trova a fare i conti con richieste del genere. Oggi purtroppo molti lavoratori accettano i 'ricatti' di alcune imprese pur di ottenere un impiego o continuare a lavorare"....

ma dove andremo a finire!!!!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

va sempre peggio... il mondo del lavoro sta diventando ogni giorno più selvaggio!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come scrive il quotidiano online, la giovane ha un contratto da apprendista da 8-900 euro al mese. Il titolare le avrebbe chiesto di "devolvere" il proprio assegno di maternità all'azienda per coprire le spese necessarie a sostituirla perché "comunque anche noi dovremo tirar fuori dei soldi, capisci?". Al "no" della 25enne, questa la risposta del titolare: "Bene, allora licenziati".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e magari uno così se la cava con neanche una multa!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e tutto per 8-900 uro al mese!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Oramai siamo tutti sotto ricatto!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

questi sono i veri deliquenti!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, allegrafatt1 ha scritto:

leggo su TgCom "Una 25enne di Treviso costretta a licenziarsi perché incinta. La donna, dipendente di una piccola ditta, quando ha avvisato il suo datore di lavoro di aspettare un bimbo, si è sentita dire: "Sei incinta? Nessun problema, ma il tuo assegno Inps per la maternità lo darai all'azienda per pagare il tuo sostituto altrimenti licenziati". Nulla di nuovo, purtroppo, in campo lavorativo. La Cgil provinciale ha affermato che è il secondo caso in poco tempo"... lascio a voi i commenti...

fosse capitato a me, come minimo avrei fatto picchiare l'imprenditore, poi lo avrei anche deunciato!!!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ameliadespell ha scritto:

fosse capitato a me, come minimo avrei fatto picchiare l'imprenditore, poi lo avrei anche deunciato!!!

Sei una che tiene conoscenze assai.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

19 minuti fa, sempre135 ha scritto:

Sei una che tiene conoscenze assai.....

conosci il sarcasmo?

e poi, beh, basta  un amico, un fratello, un padre, un partner!!!

beh, a dire il vero, basto io e un "mefisto"!!!

Modificato da ameliadespell

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sarcasmo e anche ironia....quel mefisto li poi....a parte ogni cosa mi associo anche io nel condannare certe porcherie di padroni nei confronti di operai\ie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, fulviorosso ha scritto:

E "In soli tre mesi - spiega il segretario provinciale della Cgil Nicola Atalmi a Il Gazzettino.it - questa è la seconda giovane mamma che si trova a fare i conti con richieste del genere. Oggi purtroppo molti lavoratori accettano i 'ricatti' di alcune imprese pur di ottenere un impiego o continuare a lavorare"....

ma dove andremo a finire!!!!

me  lo domando anche io

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

VERGOGNOSO! SUI DIRITTI DELLE DONNE IN QUANTO LAVORATRICI C'è ANCORA DA FARE MOLTO!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora