Realizzata la prima auto alimentata a gas di fogna, è questa la svolta ecologica?

La Panda l'ho sempre detto che è una macchina avanti anni luce

Si tratta di un biometano prodotto dai reflui fognari trattati nell'impianto di Niguarda-Bresso, dove il Gruppo CAP sta trasformando i suoi depuratori in bio-raffinerie in grado di produrre ricchezza dalle acque di scarto. In base agli studi di Gruppo CAP - che punta in tempi brevi ad aprire nel Milanese il primo distributore di biometano a km zero - si stima che il solo depuratore di Bresso potrebbe arrivare a produrre quasi 342 mila chilogrammi di biometano, sufficienti ad alimentare 416 veicoli per 20 mila chilometri all'anno: oltre 8 milioni 300 mila chilometri, equivalenti a oltre duecento volte la circonferenza della Terra.

Questa meraviglia di Panda si lancerà in un lungo test di alcuni mesi e 80 mila chilometri per capire se ci saranno problemi per il motore.

è questa veramente la svolta ecologica che aspettavamo nel mondo dei carburanti?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

Sarebbe la svolta se solo prima o poi tutti questi prototipi di auto alternative venissero messe in commercio, finché ci saranno tutti questi interessi verso il petrolio la vedo dura

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Yes. Se è così, svolta epocale seria. Ma sisa, in commercio non entreranno che fra una 40ina di anni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, piccolina907 ha scritto:

Yes. Se è così, svolta epocale seria. Ma sisa, in commercio non entreranno che fra una 40ina di anni

io credo che prima o poi qualcuno si stufi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, stesteph ha scritto:

io credo che prima o poi qualcuno si stufi

Speriamo davvero. Ma... come si dice... finché la pancia si riempie e a tavola ci si siede si stufano in pochi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, stesteph ha scritto:

io credo che prima o poi qualcuno si stufi

qualcuno sì, per carità.

ma in percentuale sono lo zero virgola...

speriamo però davvero... che in parecchi si rompano «er come si dice»...

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma veramente... la compro subito

lascio mercedes e prendo panda

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cioè una macchina che anziché inquinare depura! sarebbe un sogno!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, tonyman4 ha scritto:

cioè una macchina che anziché inquinare depura! sarebbe un sogno!

perché dovrebbe depurare?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

preferisco quella elettrica

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, markozelek ha scritto:

La Panda l'ho sempre detto che è una macchina avanti anni luce

Si tratta di un biometano prodotto dai reflui fognari trattati nell'impianto di Niguarda-Bresso, dove il Gruppo CAP sta trasformando i suoi depuratori in bio-raffinerie in grado di produrre ricchezza dalle acque di scarto. In base agli studi di Gruppo CAP - che punta in tempi brevi ad aprire nel Milanese il primo distributore di biometano a km zero - si stima che il solo depuratore di Bresso potrebbe arrivare a produrre quasi 342 mila chilogrammi di biometano, sufficienti ad alimentare 416 veicoli per 20 mila chilometri all'anno: oltre 8 milioni 300 mila chilometri, equivalenti a oltre duecento volte la circonferenza della Terra.

Questa meraviglia di Panda si lancerà in un lungo test di alcuni mesi e 80 mila chilometri per capire se ci saranno problemi per il motore.

è questa veramente la svolta ecologica che aspettavamo nel mondo dei carburanti?

Mitico, così nessuno diventerà più rosso quando scoreggia :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora