Oggi sulla disunità

un quadrettino piccolo piccolo parlava del padre di Renzie indagato, poi un bel riquadrone grande grande a centro pagina riportava la notizia più importante della giornata "la Lombardi (M5S)  contro lo stadio di Roma" e, questi sarebbero i giornaletti seri e non di parte ?.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

  non  tutti  possono  passare   dal  GIORNALE al  F. Q.  come  te, quelli  si  giornali  non  di  parte...

P.S.   per  il contrapasso  il F.Q.  mette   tutta  la  prima  pagina  per  il  padre e  nemmeno  un  cenno   della  polizza.

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già. Come se la polizza avesse rilevanza penale.

Invero il papà del Cazzaro torna nella rete per la seconda volta.

Come si dice, non c'è due senza tre. 

 

PS  e i panini fioccano più imbottiti e strabordanti che mai.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la carta straccia stampata del PD nn é nuova a ste discriminazioni, quindi nn é il caso di finanziarli comprandoli del resto la RAI nn fa meglio....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

la carta straccia stampata del PD nn é nuova a ste discriminazioni, quindi nn é il caso di finanziarli comprandoli del resto la RAI nn fa meglio....

Infatti su Televideo della Rai neanche un accenno al padre di renzie, poi sti giornalai hanno anche il coraggio di offendersi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, pm610 ha scritto:

  non  tutti  possono  passare   dal  GIORNALE al  F. Q.  come  te, quelli  si  giornali  non  di  parte...

P.S.   per  il contrapasso  il F.Q.  mette   tutta  la  prima  pagina  per  il  padre e  nemmeno  un  cenno   della  polizza.

tu invece sei passato dal corriere dei piccoli alla disunità meglio se continuavi con il corriere dei piccoli più realistico e più consone alle tue capacità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusa Monello, visto che l'editore tiene ben nascosto il dato, per caso mi sai dare tu un'informazione: quante copie effettive vende oggi in edicola la (fu) Unità? Sono pronto a scommettere qualsiasi cifra che sono meno di un quarto di quelle che vende il Fatto Quotidiano. Giornale serio e indipendente che non ha mai preso un euro di denaro pubblico. Mentre il giornale fondato da Antonio Gramsci e oggi ridotto a giornaletto renziano è stato salvato dalla bancarotta con 107 milioni di fondi pubblici. In più la (fu) Unità detiene, sempre secondo Wiki, il record assoluto del finanziamento pubblico annuo con oltre 152 milioni di euro incassati tra il 1990 e il 2013. Se consideriamo che a 1 euro e 50 la copia e con pochissima pubblicità il FQ riesce a realizzare utili, e che a questo prezzo 107+152=259 milioni equivalgono a oltre 170 milioni di copie,  sarebbe interessante sapere chi ha mangiato, chi si è ingrassato, che fine ha fatto questa montagna di soldi dei contribuenti regalati alla (fu) Unità. Oggi l'editore taglia il personale e io non sono più nemmeno sicuro che il giornaletto sia in edicola. Al mio edicolante sotto casa non perviene da mesi. Di certo sono più le edicole in Italia che le copie vendute della (fu) Unità. Per il rispetto che si deve al Fondatore e alle tasche dei contribuenti sarebbe meglio porre fine una volta per tutte a questa penosa agonia. L'Unità abbondoni le edicole, vada in Rete, in edizione gratuita gestita da qualche volenteroso idealista, e torni a essere un giornale libero e di sinistra. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, shinycage ha scritto:

Già. Come se la polizza avesse rilevanza penale.

Invero il papà del Cazzaro torna nella rete per la seconda volta.

Come si dice, non c'è due senza tre. 

 

PS  e i panini fioccano più imbottiti e strabordanti che mai.

Hanno il pipino ritto !! Motivo ?? Beh , di primo mattino sfogliano il giornalino FQ (30.000 copie giornaliere,nda) e si stropicciano gli occhi :  Il Babbo di Renzi e' indagato !! Così , sbattuto in prima pagina a caratteri cubitali . Proprio in quel momento sentono crescere l'organetto di riproduzione  manco avessero visto qualche foto un po' osé di Belen . Comunico subito ai 3 citati nel titolo. Ammainate i bollenti spiriti , questa indagine avrà , almeno per il babbo di Renzi , una unica conclusione . Probabilmente non vi sarà nemmeno una chiamata a giudizio e verrà archiviata in istruttoria , nel caso ci fosse , però , l'unico approdo sara': Assoluzione per non aver commesso il fatto . Ed allora guardiamoli questi fatti : 

Per comprendere l’inconsistenza delle accuse a Tiziano Renzi, da ieri indagato per “traffico di influenze illecite” dalla Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta Consip-Romeo, è sufficiente leggere il Fatto. Non è una battuta, ma una constatazione e un consiglio.

Naturalmente, non dovete farvi sviare dai titoli: il Direttore di Bronzo uno ne pensa e cento ne fa, e nessuno più di lui è in grado di azionare la macchina del fango. “ ‘30mila euro al mese a T.’ Indagato anche babbo Renzi”, titola il Fatto: ma è una mezza verità, e le mezze verità sono quasi sempre bugie intere.

“30mila euro al mese” non è infatti, come un qualunque lettore potrebbe intendere, un dato di fatto o una notizia o una prova, ma una semplice, fragile ipotesi investigativa.

E qui torna utile leggere il Fatto: “L’elemento più impressionante e originale dell’indagine – scrivono i sempre puntuali Marco Lillo e Davide Vecchi – è il ‘pizzino’ trovato nella spazzatura sul quale sarebbero scritte di pugno di Romeo – secondo gli investigatori – proprio le iniziali di Tiziano e di Russo [un imprenditore vicino ad Alfredo Romeo e amico di Tiziano Renzi] accanto ai pagamenti mensili da effettuare. […] Romeo prima dice a Russo la cifra da dare a un soggetto, poi scrive una o più lettere sul foglio. Quel ’30 al mese a…’ secondo gli inquirenti si riferisce a Tiziano Renzi, che sarebbe rappresentato dalla ‘T.’ vergata in silenzio sul foglio”.

Siamo dunque all’ipotesi di un’ipotesi: forse Romeo scriveva sui suoi pizzini chi e come corrompere, forse ha scritto anche una “T.”, forse quella “T.” indica “Tiziano” (e perché non Travaglio?).

E i fatti? Proseguiamo l’illuminante lettura del Fatto: “Secondo alcune testimonianze, da verificare, un incontro con Romeo, Russo e Tiziano ci sarebbe poi stato”. Forse, non lo sappiamo noi e non lo sa neppure la Procura.

E poi: “Secondo la lettura degli inquirenti Romeo avrebbe offerto soldi ‘vestiti’ da consulenze per Russo ma anche per Tiziano Renzi, che però non è presente ai colloqui. Inoltre – precisano Lillo e Vecchi – va detto che i pagamenti ipotizzati per Tiziano non si sono poi verificati. Millanterie di Russo? Gli inquirenti hanno capito male?”.

Insomma, le chiacchiere, come si dice a Roma, stanno a zero: e ringraziamo il Fatto per avercelo spiegato in modo così chiaro.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo31 ha scritto:

Scusa Monello, visto che l'editore tiene ben nascosto il dato, per caso mi sai dare tu un'informazione: quante copie effettive vende oggi in edicola la (fu) Unità? Sono pronto a scommettere qualsiasi cifra che sono meno di un quarto di quelle che vende il Fatto Quotidiano. Giornale serio e indipendente che non ha mai preso un euro di denaro pubblico. Mentre il giornale fondato da Antonio Gramsci e oggi ridotto a giornaletto renziano è stato salvato dalla bancarotta con 107 milioni di fondi pubblici. In più la (fu) Unità detiene, sempre secondo Wiki, il record assoluto del finanziamento pubblico annuo con oltre 152 milioni di euro incassati tra il 1990 e il 2013. Se consideriamo che a 1 euro e 50 la copia e con pochissima pubblicità il FQ riesce a realizzare utili, e che a questo prezzo 107+152=259 milioni equivalgono a oltre 170 milioni di copie,  sarebbe interessante sapere chi ha mangiato, chi si è ingrassato, che fine ha fatto questa montagna di soldi dei contribuenti regalati alla (fu) Unità. Oggi l'editore taglia il personale e io non sono più nemmeno sicuro che il giornaletto sia in edicola. Al mio edicolante sotto casa non perviene da mesi. Di certo sono più le edicole in Italia che le copie vendute della (fu) Unità. Per il rispetto che si deve al Fondatore e alle tasche dei contribuenti sarebbe meglio porre fine una volta per tutte a questa penosa agonia. L'Unità abbondoni le edicole, vada in Rete, in edizione gratuita gestita da qualche volenteroso idealista, e torni a essere un giornale libero e di sinistra. Saluti

scusa fosforo intendi le copie vendute o la somma delle vendute + le regalate ? Nel primo caso (vendute) credo non arrivano a 100 nel secondo caso forse un migliaio o poco meno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

http://www.unita.tv/opinioni/la-fiera-delle-notizie-false/

La fiera delle notizie false

 

Sulla prima pagina del Fatto compare oggi, ben in vista, questo titolo: “Scarpellini interrogato anche sul Nazareno”. Occhiello: “Non solo Marra: il costruttore e i suoi favori ai politici”. Che significano queste frasi in italiano corrente? Che il noto immobiliarista romano faceva favori anche al Pd, che la Procura sta indagando anche sulla sede nazionale del Pd, e che il Pd è coinvolto nell’inchiesta ai suoi massimi livelli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora